ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

La cultura previene o alimenta le violenze fondate sul genere?

A queste e altre domande si cercherà di dare risposta lunedì 30 gennaio alle 19.45 alla Scuola Media Bellinzona 1
Luganese
1 ora

Persona dispersa sul Monte Sassalto, sopra Caslano

Le operazioni di ricerca sono scattate nella serata di ieri. Impegnata la Rega, prima con il visore notturno e poi in volo a vista
Grigioni
2 ore

Grono ha 66 abitanti in più

Nel Comune grigionese, al 31 dicembre 2022, abitavano 1’493 persone. Registrati 155 arrivi contro 88 partenze, 13 nascite e 14 decessi
Ticino
17 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
20 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
23 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
1 gior

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
1 gior

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
24.09.2021 - 17:42

Ascona, viabilità al San Materno: nodi da sciogliere

Passaggi pedonali e ciclabili da spostare per aumentare la sicurezza dello svincolo

ascona-viabilita-al-san-materno-nodi-da-sciogliere
Ricette per una migliore convivenza tra veicoli a motore, ciclisti e pedoni

Passaggi pedonali da mettere in sicurezza e fermate del bus da adeguare. Allo svincolo del San Materno di Ascona sono previste diverse opere che permetteranno di eliminare le strisce “considerate erroneamente sicure, adottate in passato in maniera impropria e pericolosa”. Il Municipio, che per i lavori chiederà al Consiglio comunale un credito complessivo di circa mezzo milione di franchi, a suo tempo ha fatto eseguire delle verifiche per stabilire quali passaggi pedonali non siano più a norma.

Sul nodo viario all’entrata (e all’uscita) del comune lacustre transitano veicoli a motore, pedoni e ciclisti, incrociandosi in più punti e, talvolta, entrando in conflitto. In questi casi, ammette il Municipio, “l’esperienza dimostra che non è con il moltiplicare la presenza di passaggi pedonali che si rende più sicura la circolazione stradale e l’attraversamento delle carreggiate da parte di chi si sposta a piedi”.

Dalle analisi è emerso che alcune strisce erano posizionate correttamente; in particolare quelle a nord dello svincolo (quasi tutte regolate con semafori). In questi casi basteranno adattamenti puntuali. Per contro, la totalità dei punti di attraversamento a sud dello svincolo (quelli all’uscita della rotonda verso Ascona, di fronte al parco del castello San Materno, su via al Pascolo e in fondo a via Buonamano) non sono conformi alle norme più recenti. Sarà necessario, quindi, un risanamento strutturale.

Sono stati elaborati diversi scenari di sistemazione dei percorsi. Tra le varie opzioni, il Municipio ha ritenuto “come meritevole di approfondimento, quella che predilige lo spostamento del flusso pedonale/ciclabile verso Ascona, su viale Monte Verità e su via Buonamano, allontanandolo dai principali flussi veicolari che fanno capo allo svincolo del San Materno”.

Diverse, come detto, le opere previste. Su viale Monte Verità, ad esempio, all’imbocco dalla rotonda rimarranno le due corsie; una verso Ascona, mentre l’altra che porterà obbligatoriamente in via al Pascolo. Su quest’ultima strada, il percorso ciclopedonale verrà spostato sul lato opposto a quello attuale. Con questa premessa risulta ovvio che l’attraversamento attuale su viale Monte Verità non avrà più senso e quindi verrà spostato a sud. Quello nuovo sarà largo 6,5 metri: quattro per i pedoni e 2,5 per le biciclette. La fermata Fart Ascona-San Materno verrà spostata di circa 20 metri, ma rimarrà a lato della carreggiata. Soluzioni simili saranno adottate su via Buonamano, dove parte della strada sarà ridotta a una corsia. Il passaggio pedonale, oggi a ridosso della rotonda, verrà spostato a sud (quindi prima dell’incrocio con via al Pascolo). Sarà potenziata la fermata del bus “Ascona/via Medere”, che sarà adattata alle esigenze degli utenti disabili.

Per via Buonamano era stata pure studiata quella che il Municipio definisce la “variante a lungo termine”, con un miglioramento non solo della sicurezza e della viabilità stradale, ma anche qualitativo per quella che risulta essere la porta di uscita del Borgo. Il tutto con un maggior costo di 185mila franchi, interamente a carico di Ascona trattandosi di opere di carattere estetico. “Ritenuta la situazione finanziaria legata anche all’evolversi della pandemia da Covid 19 e visto l’ammontare dell’intero investimento, abbiamo deciso di rinviare questa variante”, conclude il Municipio.

Il costo totale degli interventi (che oltre a quelli citati comprendono altri interventi) ammonta a circa 1,5 milioni di franchi; dedotti i contributi Cit e i sussidi cantonali e federali, al Borgo resta un onere di circa mezzo milione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved