ascona-viabilita-al-san-materno-nodi-da-sciogliere
Ricette per una migliore convivenza tra veicoli a motore, ciclisti e pedoni
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
5 min

Al Paravento ‘Grazie Guglielmo’ col MarcoZappaQuartet

Con il leader sono di scena nella sala di via Cappuccini a Locarno lo storico compagno Oliviero Giovannoni, più Nic Angileri e Mattia Mantello.
Ticino
1 ora

In Ticino 18 contagi, 7 persone ancora ricoverate

Una classe in quarantena a Gerra Gambarogno. Da venerdi vaccinate 2’396 persone con doppia dose
Locarnese
1 ora

Locarno, nuova auto-medica per il Salva

Il veicolo prioritario, destinato al Servizio specialistico, è entrato in servizio nei giorni scorsi
Mendrisiotto
1 ora

A Breggia partono i lavori di pavimentazione

Da lunedì 25 ottobre al 19 novembre il cantiere lungo la via strada Növa. Disposto un impianto semaforico
Bellinzonese
2 ore

Bellinzona, ‘è giunta l’ora di aprire i negozi la domenica’

Il comandante della Polcom Ivano Beltraminelli è intervenuto all’assemblea dei commercianti innescando un interessante dibattito
Locarnese
5 ore

Tenero-Contra, ‘quel bosco non si tocca’

Il Municipio si oppone al progetto di dissodamento di un terreno sulla sponda destra della Verzasca, che dovrebbe diventare pascolo alberato
Locarnese
5 ore

Terre di Pedemonte, firme a suffragio della zona 30

Una petizione invita l’autorità ad accrescere e rivedere alcune misure di moderazione del traffico all’interno degli abitati
Ticino
14 ore

Parmalat Bis, Luca Sala ribadisce la sua estraneità

Al primo giorno di dibattimento al Tribunale penale federale di Bellinzona la Corte ha acquisito le sentenze civili del Liechtenstein favorevoli a Sala
Ticino
15 ore

Fiduciari, dal Gran Consiglio un chiaro sì alla legge

Ok all’adeguamento alle norme federali. Riconosciuta la necessità di mantenere la LFid. Bertoli (Autorità di vigilanza): tutela dei clienti prioritaria
Luganese
15 ore

Monteceneri, Casa Landfogti interamente nelle mani del Comune

Sono stati accolti dal Gran Consiglio l’estinzione della demanialità e la convenzione tra Cantone e Comune sul passaggio gratuito del terreno
Locarnese
24.09.2021 - 17:420

Ascona, viabilità al San Materno: nodi da sciogliere

Passaggi pedonali e ciclabili da spostare per aumentare la sicurezza dello svincolo

Passaggi pedonali da mettere in sicurezza e fermate del bus da adeguare. Allo svincolo del San Materno di Ascona sono previste diverse opere che permetteranno di eliminare le strisce “considerate erroneamente sicure, adottate in passato in maniera impropria e pericolosa”. Il Municipio, che per i lavori chiederà al Consiglio comunale un credito complessivo di circa mezzo milione di franchi, a suo tempo ha fatto eseguire delle verifiche per stabilire quali passaggi pedonali non siano più a norma.

Sul nodo viario all’entrata (e all’uscita) del comune lacustre transitano veicoli a motore, pedoni e ciclisti, incrociandosi in più punti e, talvolta, entrando in conflitto. In questi casi, ammette il Municipio, “l’esperienza dimostra che non è con il moltiplicare la presenza di passaggi pedonali che si rende più sicura la circolazione stradale e l’attraversamento delle carreggiate da parte di chi si sposta a piedi”.

Dalle analisi è emerso che alcune strisce erano posizionate correttamente; in particolare quelle a nord dello svincolo (quasi tutte regolate con semafori). In questi casi basteranno adattamenti puntuali. Per contro, la totalità dei punti di attraversamento a sud dello svincolo (quelli all’uscita della rotonda verso Ascona, di fronte al parco del castello San Materno, su via al Pascolo e in fondo a via Buonamano) non sono conformi alle norme più recenti. Sarà necessario, quindi, un risanamento strutturale.

Sono stati elaborati diversi scenari di sistemazione dei percorsi. Tra le varie opzioni, il Municipio ha ritenuto “come meritevole di approfondimento, quella che predilige lo spostamento del flusso pedonale/ciclabile verso Ascona, su viale Monte Verità e su via Buonamano, allontanandolo dai principali flussi veicolari che fanno capo allo svincolo del San Materno”.

Diverse, come detto, le opere previste. Su viale Monte Verità, ad esempio, all’imbocco dalla rotonda rimarranno le due corsie; una verso Ascona, mentre l’altra che porterà obbligatoriamente in via al Pascolo. Su quest’ultima strada, il percorso ciclopedonale verrà spostato sul lato opposto a quello attuale. Con questa premessa risulta ovvio che l’attraversamento attuale su viale Monte Verità non avrà più senso e quindi verrà spostato a sud. Quello nuovo sarà largo 6,5 metri: quattro per i pedoni e 2,5 per le biciclette. La fermata Fart Ascona-San Materno verrà spostata di circa 20 metri, ma rimarrà a lato della carreggiata. Soluzioni simili saranno adottate su via Buonamano, dove parte della strada sarà ridotta a una corsia. Il passaggio pedonale, oggi a ridosso della rotonda, verrà spostato a sud (quindi prima dell’incrocio con via al Pascolo). Sarà potenziata la fermata del bus “Ascona/via Medere”, che sarà adattata alle esigenze degli utenti disabili.

Per via Buonamano era stata pure studiata quella che il Municipio definisce la “variante a lungo termine”, con un miglioramento non solo della sicurezza e della viabilità stradale, ma anche qualitativo per quella che risulta essere la porta di uscita del Borgo. Il tutto con un maggior costo di 185mila franchi, interamente a carico di Ascona trattandosi di opere di carattere estetico. “Ritenuta la situazione finanziaria legata anche all’evolversi della pandemia da Covid 19 e visto l’ammontare dell’intero investimento, abbiamo deciso di rinviare questa variante”, conclude il Municipio.

Il costo totale degli interventi (che oltre a quelli citati comprendono altri interventi) ammonta a circa 1,5 milioni di franchi; dedotti i contributi Cit e i sussidi cantonali e federali, al Borgo resta un onere di circa mezzo milione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved