ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa

Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
4 ore

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
7 ore

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
10 ore

Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica

Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
10 ore

La comunità cripto trova casa in centro città

L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
10 ore

Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe

Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
19 ore

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
20 ore

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
21 ore

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
21 ore

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
Luganese
21 ore

Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma

Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Grigioni
21 ore

Raveglia nuovo presidente della Conferenza dei sindaci moesani

Approvato il Piano direttore regionale concernente il Parco naturale Val Calanca
Bellinzonese
22 ore

Ad Airolo-Pesciüm ciaspolare degustando

Domenica 26 febbraio la seconda edizione della Gastroracchettata: iscrizioni aperte
17.09.2021 - 17:29
Aggiornamento: 18:53

Smart border, mobilità sostenibile per Luino e Gambarogno

Presentato il progetto Interreg, che spinge l’uso dei trasporti pubblici e privati collettivi per i frontalieri

smart-border-mobilita-sostenibile-per-luino-e-gambarogno
I due sindaci al momento della partenza a Gerra (Ti-Press/Crinari)

La mobilità sostenibile nelle sue diverse declinazioni. È questo il cuore di Smart Border, il progetto transfrontaliero Interreg che ha come capofila i Comuni di Gambarogno e Luino. Oggi pomeriggio le autorità delle due località sulla sponda sinistra del Verbano hanno presentato i dettagli, nel corso di una conferenza stampa organizzata in due tempi: dapprima a Gerra e poi, dopo una trasferta in treno con la linea Tilo S30, a Luino, dove nel palazzo Verbania si è tenuto l’incontro con i giornalisti. La modalità di spostamento diverso da quello con i mezzi privati è stata scelta come azione di sensibilizzazione e per mostrare fattivamente criticità e opportunità.

Incentivare l’uso dei mezzi pubblici

Nel corso del pomeriggio sono stati illustrati i contenuti del progetto, che vuole “sviluppare il dialogo nella pianificazione strategica nella regione dell’alto Lago Maggiore e Ceresio occidentale, per agevolare e promuovere il trasporto pubblico (su ferro e gomma) e diffondere la mobilità dolce, quale opportunità di miglioramento della qualità della vita, valorizzando le risorse naturali e paesaggistiche, mitigando così l’impatto del trasporto individuale motorizzato dei lavoratori transfrontalieri”.

I partner sono le comunità direttamente interessate, la Città di Luino e il Comune di Gambarogno, con i relativi comprensori di pertinenza; il progetto opera sull’integrazione dei sistemi di trasporto, pubblici e privati collettivi, coinvolgendo le diverse autorità, enti e territori. “L’obiettivo è l’accesso sostenibile dei lavoratori frontalieri garantendo un Park & ride presso la stazione di Luino, vera stazione di cambio, snodo cruciale sui tracciati dell’alto Lago Maggiore e del Ceresio occidentale; sarà fondamentale agire sull’armonizzazione dei tempi e delle modalità dei servizi di trasporto, agevolando forme di trasporto collettivo organizzate e fidelizzate”.

I partecipanti all’incontro, tra cui i sindaci Gianluigi Della Santa (Gambarogno) ed Enrico Bianchi (Luino) e altri rappresentanti dei partner di progetto, hanno spiegato che Samrt border mira a contenere il traffico motorizzato lungo la rete viaria Luino-Piano di Magadino, favorendo l’uso di vettori di mobilità sostenibile. Ma pure “realizzare progetti modello per uno sviluppo economico sostenibile al fine di migliorare la qualità della vita e valorizzare le risorse naturali e paesaggistiche”. Per raggiungere lo scopo, “è stato sviluppato un dialogo nella pianificazione strategica della mobilità nella regione dell’alto Lago Maggiore e Ceresio occidentale, allargando il tavolo della co-pianificazione a istituzioni, associazioni di categoria, soggetti privati (aziende, ferrovie...)”. Allo stesso modo è stata migliorata l’intermodalità, “al fine di agevolare e incrementare l’uso del trasporto pubblico (ferro, gomma, acqua)”; senza dimenticare la promozione “della condivisione del mezzo privato, mitigando così l’impatto del trasporto individuale motorizzato dei lavoratori transfrontalieri”. Strategie diverse ma con un unico denominatore: diffondere la mobilità dolce.

In pratica da una parte l’obiettivo strutturale principale è il nuovo Park & ride di Luino, dall’altra la collaborazione con il Piano di mobilità aziendale e comprensoriale (Pmc) progetto promosso dai Comuni di Gambarogno, Cadenazzo e Sant’Antonino, dal 2016 al 2020 (anche con la messa in funzione di navette aziendali) e in particolare l’integrazione della piattaforma informativa della mobilità aziendale con il sistema Park & ride Luino.

Il Pmc ha visto coinvolte una ventina di aziende per un totale di circa 1’900 collaboratori. Ha portato all’introduzione di prime misure aziendali (incentivi all’acquisto di abbonamenti al trasporto pubblico, gestione dei parcheggi aziendali, promozione delle ebike e del car-pooling) e interaziendali quali l’estensione della rete di bike sharing e l’introduzione di una navetta a complemento dell’offerta di trasporto ferroviario tra la stazione di Cadenazzo e l’area lavorativa Luserte sul territorio di Gambarogno. Con l’entrata in vigore del nuovo orario nel dicembre del 2020, questa navetta è stata sostituita dall’autopostale di linea. La seconda fase del Pmc è tuttora allo studio.

Nel progetto Smart border è prevista la realizzazione di sistemi di comunicazione software per azioni di sensibilizzazione e di promozione all’indirizzo degli utenti al fine di agevolare il più possibile i sistemi di trasporto pubblico.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved