regio-insubrica-creare-rete-per-il-settore-turistico
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
40 min

San Vittore: audit esterno e querele archiviate dalla Procura

Coira ha firmato due Decreti d’abbandono per la sindaca e un membro della Gestione denunciatisi a vicenda. Istituto analizzerà l’Amministrazione comunale
Mendrisiotto
1 ora

Eventi a Mendrisio, la Lista civica vuole la distinta

Il gruppo interroga la Città in nome della trasparenza. Alla lente società e contributi a fronte dell’ipotesi di tagliare mezzo milione
Ticino
1 ora

Il Conservatorio: ‘Formazione musicale, la politica ora agisca’

Nel Rapporto 2021 il direttore Brenner a 10 anni dal voto popolare ‘bacchetta’ per i ritardi. Medici: ‘Offriamo un’educazione di alta valenza formativa’
Mendrisiotto
2 ore

Uno scippo e poche rapine, ma più sfratti e atti giudiziari

La sicurezza tiene nella Regione I di Polizia nel Sud del Mendrisiotto. A mettere a dura prova i cittadini sono le difficoltà effetto della pandemia
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisio, 45 consiglieri comunali bastano

Il gruppo Lega-Udc rilancia, per la terza volta, la mozione che chiede di abbattere il numero di membri del legislativo e delle commissioni
Ticino
2 ore

Capanne pronte ad accogliere gli escursionisti

L’offerta della Federazione alpinistica ticinese si è arricchita di altri ottanta posti letto
Ticino
3 ore

Il turismo rallenta, ma l’estate sarà ottima

Difficilmente si replicherà la stagione dello scorso anno, ma le prospettive restano positive per gli operatori del settore
Gallery
Bellinzonese
3 ore

Serravalle, in scena ‘Visioni di una battaglia in corso’

Il 26, 27 e 28 di maggio il Teatro Tan di Biasca ritornerà ad animare la fortezza bleniese con la pièce di Remo Binosi
Mendrisiotto
4 ore

Ospitava uno spacciatore e si faceva pagare in coca: condannato

Un 50enne del Mendrisiotto condannato per complicità all’infrazione aggravata alla Legge sugli stupefacenti. Come ‘affitto’ riceveva la sostanza.
16.09.2021 - 13:12
Aggiornamento : 16:47

Regio Insubrica, creare rete per il settore turistico

L’Assemblea della Comunità di lavoro si è tenuta a Locarno. Tra i temi sul tavolo, la rivalutazione della promozione territoriale. Norman Gobbi alla presidenza

Creare sinergia per promuovere il turismo territoriale dei tre laghi, Lario, Ceresio e Verbano, abbandonando gli steccati e imparando a fare rete. Seguendo il motto “l’unione fa la forza”, più operatori uniscono le proprie capacità e risorse per operare all’unisono con obiettivi analoghi, maggiore sarà la crescita delle destinazioni turistiche. È l’invito – che dovrà essere approfondito attraverso un’attività di studio e pianificazione strategica – lanciato in occasione dell’odierna Assemblea della Comunità di lavoro Regio Insubrica, tenutasi al Palacinema di Locarno. Seduta nel corso della quale la presidenza è passata sulle spalle di Norman Gobbi, il consigliere di Stato ticinese che succede a Matteo Marnati.

Nel suo intervento, il direttore del Dipartimento delle istituzioni ha ricordato il profondo impatto della pandemia, nella quale la Lombardia è stato il primo epicentro in Europa e il Ticino in Svizzera. «Gli ultimi mesi hanno confermato i solidi vincoli storici, economici e culturali della nostra regione transfrontaliera: in questi periodi di grande incertezza e tensione, la collaborazione tra le varie Autorità locali – anche grazie alla rete di contatti della Regio Insubrica – è stata sempre ottima e ha facilitato la mutua comprensione delle numerose misure restrittive che i Governi centrali emanavano, talvolta con poca coordinazione e dimenticandosi spesso delle peculiarità delle aree di frontiera».

Un’operatività sinergica trasversale

È poi toccato a Francesco Quattrini, segretario della Comunità di lavoro, il compito ricordare le varie attività svolte nel 2020 dalla Regio Insubrica, nata lo ricordiamo per promuovere la cooperazione nell’area italo-svizzera dei laghi prealpini (che riunisce il Canton Ticino, le Regioni Piemonte e Lombardia, le Province del VCO, di Novara, di Como, di Lecco e di Varese).
Per quanto riguarda i dossier sul tavolo, come anticipato è stata sottolineata l’importanza degli Stati generali del turismo e della cultura, che saranno organizzati (oltre confine) per la prima volta durante l’anno di presidenza ticinese della Regio. In questa fase di rilancio post pandemico, sarà un’occasione per promuovere un turismo più vicino al territorio e finalmente sostenibile, assicurando un ulteriore sviluppo a un settore chiave per lo sviluppo economico della regione dei tre laghi.
Un territorio, è stato ribadito, può diventare destinazione (in modo speciale per i mercati esteri) quando è in grado di offrire le strutture e le infrastrutture necessarie al soggiorno dei suoi ospiti (trasporto, alloggio, ristorazione, attività ricreative). Per evitare doppioni (inutili e dispendiosi) dai due lati della frontiera è dunque di primaria importanza la capacità di comunicare i servizi offerti. Parlarsi per incentivare uno sviluppo territoriale equilibrato e globale, coerente e sostenibile dalle comunità locali, attraverso il coinvolgimento dei principali attori. Muovendosi, cioè, come se queste realtà fossero un’unica impresa, collaborando all’interno per competere all’estero.
In coda all’assemblea, i membri della Comunità di lavoro hanno approvato i conti preventivo 2021 e consuntivo 2020.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
locarno norman gobbi presidenza regio insubrica
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved