ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Fra i 17 e i 27 milioni per la nuova piscina di Trevano

La notizia è trapelata a margine dell’assemblea dell’Ente regionale di sviluppo del Luganese. Passi in avanti per il Parco regionale del Camoghè.
Mendrisiotto
3 ore

Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita

Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
4 ore

Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’

Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
5 ore

Le oasi di Vezia, idee per un paese più visibile

Dai luoghi di aggregazione a piccole aree di ristoro, molte le proposte pervenute dalla cittadinanza
Luganese
5 ore

Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1

Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
6 ore

Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi

La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
Ticino
6 ore

Targhe, Dadò: ‘Colpa del governo’. Gobbi: ‘Sei in malafede’

Caos imposta di circolazione, dopo il ritiro dei decreti da parte del Consiglio di Stato è botta e risposta al fulmicotone, tra accuse e puntualizzazioni
Luganese
6 ore

Lugano, assegnate le tre residenze musicali allo Studio Foce

Ai vincitori, tutti della Svizzera italiana, viene dato per cinque giorni un supporto per preparare un tour di almeno cinque date
Bellinzonese
7 ore

Altro appuntamento a Bellinzona con ‘Una volpe in Città’

Domenica 4 dicembre alle 17.30 a Castel Grande Andrea Fazioli svelerà il secondo capitolo del racconto. Venerdì 2 dicembre aprirà la pista di ghiaccio
Bellinzonese
7 ore

L’inverno porta 13 nuovi percorsi per gli amanti delle ciaspole

L’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese a Alto Ticino lancia la stagione fredda, ancora una volta segnata dall’attenzione per le passeggiate
13.09.2021 - 15:07
Aggiornamento: 19:53

‘Messaggio inviato, ora la bandiera si può anche togliere’

Il Municipio di Locarno fa rimuovere il vessillo arcobaleno della campagna per il ‘Matrimonio per tutti’. ‘Comunque, favorevoli alla modifica legislativa’

messaggio-inviato-ora-la-bandiera-si-puo-anche-togliere
Ti-Press
Manca qualcosa...

Il messaggio è arrivato, la bandiera si può anche togliere. È il succo della decisione del Municipio di Locarno di rimuovere da uno dei pennoni di Palazzo Marcacci la bandiera arcobaleno che sostiene la campagna per il “Matrimonio per tutti”, al voto popolare federale il 26 settembre.

In una nota, lo annuncia la Città non senza confermare di “essere favorevole alla modifica legislativa”. Ma proprio poiché ritiene che il messaggio verso la popolazione sia ormai stato recepito, la bandiera può tornare in un cassetto. La decisione non è probabilmente del tutto estranea al ricorso inoltrato da un privato cittadino contro l’esposizione della bandiera a Locarno e ad Arogno, gli unici due Comuni ticinesi (sui 108 contattati) che avevano raccolto l’invito del coordinamento della campagna nazionale.

L’esposizione del vessillo era stata decisa a maggioranza dalla compagine municipale “per dare un segnale contro ogni forma di discriminazione basata sull’orientamento sessuale delle persone”, sottolinea Locarno. La scelta era stata operata anche da altre città svizzere, fra cui Ginevra e Losanna. L’esecutivo di Locarno “non voleva con questa decisione urtare la sensibilità di nessuno, bensì ribadire la sua opposizione a qualsiasi forma di discriminazione in quest’ambito”. Tanto più che “Palazzo Marcacci è anche la sede dove si celebrano i matrimoni civili e dove è stata ufficializzata la prima unione domestica registrata della Svizzera il 2 gennaio 2007”.

Contro la decisione, per altro, è stato interposto un ricorso al Consiglio di Stato. A questo proposito “l’esecutivo auspica potrà portare a una decisione formale di un tribunale che chiarirà quali siano i margini di manovra di un organo democraticamente eletto nell’ambito di una votazione popolare avente per oggetto una modifica legislativa di ordine superiore”. Secondo informazioni raccolte dalla “Regione”, sia Locarno, sia Arogno sono state invitate dal Servizio ricorsi del Consiglio di Stato a prendere posizione sull’esposizione della bandiera e lo dovranno fare entro martedì. Il ricorrente aveva per altro chiesto al governo di evitare scambi di allegati per evitare che la decisione arrivasse quando non sarebbe più servita, ovverosia dopo il 26 settembre.

Il Municipio si dice infine “consapevole che su questa tematica vi sia un importante dibattito e ha tenuto conto delle varie sensibilità espresse. Il messaggio che si voleva lanciare, ovvero quello dell’opposizione a qualsiasi forma di discriminazione basta sull’orientamento sessuale, è stato raggiunto”.

Leggi anche:

Bandiere arcobaleno, c'è vento solo a Locarno e ad Arogno

Bandiere arcobaleno, è arrivato il ricorso al governo

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved