Detroit Red Wings
0
NAS Predators
1
1. tempo
(0-1)
MON Canadiens
0
TB Lightning
1
1. tempo
(0-1)
TOR Leafs
1
COB Jackets
0
1. tempo
(1-0)
BUF Sabres
ANA Ducks
01:30
 
STL Blues
FLO Panthers
02:00
 
WIN Jets
CAR Hurricanes
02:00
 
messaggio-inviato-ora-la-bandiera-si-puo-anche-togliere
Ti-Press
Manca qualcosa...
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

L’audit e i poteri accresciuti di chi lo eseguirà

Caso ex funzionario del Dss, praticamente definita la bozza dell’articolato mandato
Luganese
7 ore

L‘Imam di Lugano è ’completamente riabilitato’

Paolo Bernasconi, legale di Radouan Jelassi, esprime soddisfazione per la sentenza del Tribunale amministrativo federale
Ticino
7 ore

Disagio giovanile, il Sisa (ri)sollecita lo Stato

Alves: occorre contrastare con misure urgenti e concrete il malessere psichico nella popolazione studentesca. Campagna del sindacato nelle scuole
Locarnese
8 ore

Locarno, ‘mi hanno picchiato di brutto, devo andare in ospedale’

Non è un episodio isolato, i pestaggi in Piazza Castello sono filmati e messi sui social da una banda. Accertamenti in corso e misure incisive da adottare
Luganese
8 ore

Lugano, condannato il complice del furto al Mary

Inflitti tre anni di reclusione, di cui sei mesi da espiare, a un 52enne italiano riconosciuto colpevole di truffa, furto e falsità in documenti
Bellinzonese
8 ore

220 milioni in più per le Officine Ffs a Castione

L‘investimento previsto cresce in maniera cospicua. Gli impieghi a tempo pieno passano da 300 a 360. ’Più lavoro grazie alle componenti tecniche’
Ticino
8 ore

Domani i primi fiocchi, ‘automobilisti siate prudenti’

Attese nevicate in pianura, la fase più intensa si verificherà nelle ore centrali della giornata
Bellinzonese
11 ore

Carì, gli impianti si confermano nelle cifre nere

La scorsa stagione invernale ha fatto segnare il record di primi passaggi, un risultato possibile probabilmente grazie all’annullamento dei carnevali
Ticino
12 ore

Mascherine, il Cantone sostiene l’obbligo nei luoghi affollati

Il Consiglio di Stato invita i Comuni a introdurre ‘una misura di prevenzione molto efficace in occasione degli eventi natalizi’
Bellinzonese
12 ore

Disagio nelle case anziani, colloqui con tutti i dipendenti

La Delegazione consortile ha affidato un audit esterno al Laboratorio di psicopatologia del lavoro dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale
Locarnese
13.09.2021 - 15:070
Aggiornamento : 19:53

‘Messaggio inviato, ora la bandiera si può anche togliere’

Il Municipio di Locarno fa rimuovere il vessillo arcobaleno della campagna per il ‘Matrimonio per tutti’. ‘Comunque, favorevoli alla modifica legislativa’

Il messaggio è arrivato, la bandiera si può anche togliere. È il succo della decisione del Municipio di Locarno di rimuovere da uno dei pennoni di Palazzo Marcacci la bandiera arcobaleno che sostiene la campagna per il “Matrimonio per tutti”, al voto popolare federale il 26 settembre.

In una nota, lo annuncia la Città non senza confermare di “essere favorevole alla modifica legislativa”. Ma proprio poiché ritiene che il messaggio verso la popolazione sia ormai stato recepito, la bandiera può tornare in un cassetto. La decisione non è probabilmente del tutto estranea al ricorso inoltrato da un privato cittadino contro l’esposizione della bandiera a Locarno e ad Arogno, gli unici due Comuni ticinesi (sui 108 contattati) che avevano raccolto l’invito del coordinamento della campagna nazionale.

L’esposizione del vessillo era stata decisa a maggioranza dalla compagine municipale “per dare un segnale contro ogni forma di discriminazione basata sull’orientamento sessuale delle persone”, sottolinea Locarno. La scelta era stata operata anche da altre città svizzere, fra cui Ginevra e Losanna. L’esecutivo di Locarno “non voleva con questa decisione urtare la sensibilità di nessuno, bensì ribadire la sua opposizione a qualsiasi forma di discriminazione in quest’ambito”. Tanto più che “Palazzo Marcacci è anche la sede dove si celebrano i matrimoni civili e dove è stata ufficializzata la prima unione domestica registrata della Svizzera il 2 gennaio 2007”.

Contro la decisione, per altro, è stato interposto un ricorso al Consiglio di Stato. A questo proposito “l’esecutivo auspica potrà portare a una decisione formale di un tribunale che chiarirà quali siano i margini di manovra di un organo democraticamente eletto nell’ambito di una votazione popolare avente per oggetto una modifica legislativa di ordine superiore”. Secondo informazioni raccolte dalla “Regione”, sia Locarno, sia Arogno sono state invitate dal Servizio ricorsi del Consiglio di Stato a prendere posizione sull’esposizione della bandiera e lo dovranno fare entro martedì. Il ricorrente aveva per altro chiesto al governo di evitare scambi di allegati per evitare che la decisione arrivasse quando non sarebbe più servita, ovverosia dopo il 26 settembre.

Il Municipio si dice infine “consapevole che su questa tematica vi sia un importante dibattito e ha tenuto conto delle varie sensibilità espresse. Il messaggio che si voleva lanciare, ovvero quello dell’opposizione a qualsiasi forma di discriminazione basta sull’orientamento sessuale, è stato raggiunto”.

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved