garzoli-creare-entusiasmo-e-ampia-condivisione-dei-progetti
Il neopresidente Giacomo Garzoli è succeduto a Tiziana Zaninelli per una dozzina d'anni alla testa dell'Ers-LVM (foto Ers-LVM)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
9 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
10 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
10 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
10 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
11 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
11 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
11 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
11 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
11 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
Locarnese
12 ore

Teatro Scintille, ‘Mille e una notte’ a Locarno

La rappresentazione è prevista nel giardino del Centro Sant’Antonio
Locarnese
12 ore

Festa patronale a Frasco, in Verzasca

Messa, processione e incanto dei doni
Mendrisiotto
12 ore

Ligornetto, binomio di poesia e musica antica al Museo Vela

Sabato 27, si terrà una serata dedicata al dialogo tra parola e suono dell’arte antica con Luca Pianca alla trioba e con Marcel Dupertuis e i propri poemi
Luganese
13 ore

Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato

Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
Mendrisiotto
13 ore

Morbio Superiore, sagra sul colle di San Martino

Appuntamento per domenica 28 dalle 11 alle 14.30 con santa messa, pranzo e lode Vespertina organizzati dal gruppo nuova Bragada
Bellinzonese
13 ore

Rodi, ecco la Festa di Lèras

Domenica 21 agosto al campo da calcio pranzo a base di polenta e contorni, musica e tombola
Locarnese
13 ore

Festa di San Bartolomeo a Indemini

La messa sarà celebrata dal vescovo Valerio Lazzeri
Locarnese
13 ore

Corso di pesca con la Locarnese

Lezioni per ragazzi dai nove anni e per principianti
Bellinzonese
13 ore

L’associazione Arcobaleno riapre i battenti

Da martedì 13 settembre alle scuole elementari di Ambrì di nuovo a disposizione un luogo di incontro per genitori e bambini
Grigioni
14 ore

I Country Street Dancers animano San Bernardino

La prima associazione legata a questo genere nata a Sud delle Alpi si esibirà in gruppo sabato 20 agosto
laR
 
31.08.2021 - 22:31

Garzoli: ‘Creare entusiasmo e ampia condivisione dei progetti’

Elementi di sviluppo della regione e nuove sfide all'orizzonte: intervista al neopresidente dell'Ente regionale per lo sviluppo di Locarnese e Vallemaggia

A leggerli tutti insieme ci si rende conto della mole di lavoro portata avanti in dodici anni. Gli oltre trecento progetti sostenuti dall'Ente regionale per lo sviluppo di Locarnese e Vallemaggia (Ers-LVM; nato nel 2009) sono tanti, davvero tanti, e vanno a comporre quel mosaico regionale che viviamo ogni giorno. Sì perché il territorio di Locarnese e Vallemaggia è proprio come un'opera musiva: composto di varie tessere, ognuna con la sua specificità e peculiarità ‑ il suo colore ‑ che unite in un'unica grande visione danno corpo a un'opera vivida e feconda, con grande potenziale, soprattutto pensando a natura, cultura e benessere, che altro non sono che le linee direttrici su cui si basa la visione strategica dell'ente.

Dall'assemblea dello scorso giugno sono scaturite due novità. In primo luogo la nomina di un nuovo presidente: Giacomo Garzoli, avvocato, granconsigliere Plr e già presidente dell'Antenna Vallemaggia, per una decina d'anni. In secondo luogo, la modifica di struttura e statuto che rende l'ente maggiormente operativo. Ecco come: al Consiglio regionale sono affidate le decisioni strategiche e le discussioni sui grandi progetti; all'Ufficio presidenziale (Up, eletto lo scorso 26 agosto e limitato a tre persone: i sindaci Stefano Gilardi e Damiano Vignuta; nonché lo stesso Garzoli) va la gestione di progetti di piccola e media dimensione e le questioni amministrative.

'Un lavoro egregio'

«Prendo in mano un lavoro egregio. A livello cantonale, la nostra è una delle regioni più attive in progettualità. Mi sento di ringraziare veramente molto Tiziana Zaninelli (presidentessa dal 2009 al 2021; ndr) e la sua squadra per l'opera svolta in questi anni», afferma il neopresidente a pochi giorni dalla sua entrata in carica. L'eredità lasciata da Zaninelli, come abbiamo scritto qualche riga più su, è cospicua, basti pensare ai grandi progetti come Palacinema e Centro balenare regionale, le ristrutturazioni di Palexpo (il Fevi) e Cinema GranRex (tanto per segnalarne alcuni, molto pochi in effetti). Ma le sfide all'orizzonte sono numerose, perché la realizzazione dell'opera "Locarnese, oasi della Svizzera" è sempre in evoluzione e l'ente preposto deve essere attento a cogliere l'effervescenza del suo territorio.

Innanzitutto, è bene chiarire che con Locarnese si intende la regione composta dai distretti di Vallemaggia e Locarno, che unisce oltre mille chilometri quadrati di territorio fatto di aree urbane, periferiche, lacustri, vallerane e montane. Mille chilometri che comprendono ben 27 Comuni con una popolazione complessiva di circa 70mila abitanti.

«Le idee le abbiamo. Ora si tratta di entrare nella squadra e ascoltare cosa hanno da proporre i miei collaboratori», inizia Garzoli. Sono principalmente tre le componenti essenziali per lavorare bene: «Buoni collaboratori, che so di avere. Buoni rapporti con le istituzioni sui vari livelli (dal comunale al nazionale). Poi c'è la terza componente ‑ forse la più importante ‑: riuscire a creare entusiasmo e ampia condivisione dei progetti. Perché come in tutte le situazioni è l'unione a fare la forza». Dopo la questione metodologica, arriva la materia. «La progettualità sul territorio non è indifferente, è necessario raccoglierla, coordinarla e condividerla. Bisogna innanzitutto essere consapevoli di quante possibilità ci sono e inoltre è importante sapersi staccare dalla concezione di sviluppo prettamente economico», afferma Garzoli. Lo sviluppo, a suo modo di vedere, è anzitutto culturale: «Per me è il saper leggere quali sono le tendenze di fondo nella società che ci proiettano nel futuro. Se riusciamo a essere consapevoli di ciò, saremo anche in grado di concepire e costruire lo sviluppo della regione tutti insieme».

Le tre linee direttrici, seppur generiche, della nostra regione sono natura, arte e benessere. Categorie in cui emergono e si sviluppano tendenze di fondo. Durante la pandemia ad esempio «c'è stato il boom dell'escursionismo. Il covid ci ha spinti a uscire di casa e stare nella natura, vista come spazio di libertà da conquistare. Questa tendenza ci ha portati a riflettere sì sul turismo, ma anche sulla maniera di abitare e fruire il territorio».

Internazionalità, lago, montagne e turismo

Nella prospettiva Garzoli, dalle tre direttrici si proiettano vie cruciali. Il Locarno Film Festival, il Monte Verità, il Patto di Locarno del 1925 sono solo alcuni esempi di uno dei temi che stanno a cuore all'interlocutore: «L'internazionalità, uno spirito che va recuperato, capito, valorizzato e potenziato, perché è un elemento che potrà influenzare le iniziative future», sottolinea. Fra le vie che la squadra prenderà, il neopresidente ne segnala ancora quattro. «Il lago. Bisognerà lavorare per trovare soluzioni per la navigazione e iniziative che promuovano la cultura lacustre. Lo sviluppo tecnologico, per cui sarà indispensabile realizzare un coordinamento fra aziende di punta del territorio, affinché possano dialogare. Un progetto fondamentale che non può decollare senza la collaborazione del Cantone», elenca Garzoli.

Se da una parte la nostra geografia è caratterizzata dal Verbano, dall'altra sono le montagne a farla da padrone: «Il territorio montano è molto vasto e le zone periferiche sono in crisi, soprattutto demografica. Non c'è molto tempo per agire». Possibili soluzioni potrebbero essere ricercate puntando su progetti che accorcino le distanze con i centri urbani «colmando la lontananza, risollevandole. Un'idea che si sta facendo largo ‑ accenna ‑ è quella di realizzare una trasversalità fra le valli, andando oltre il classico asse che le taglia dalla sommità al fondo», "dissanguandole" in termini di popolazione. Pensa soprattutto a collegamenti ‑ ad esempio Bosco Gurin-Valle Formazza, Vallemaggia-Valle Leventina ‑, che siano rispettosi dell'ambiente, che non snaturino il paesaggio, sia per il turista, ma anche per gli abitanti, salvaguardando quindi i servizi e rinforzando le sinergie con le aree urbane. «Ancor prima dei collegamenti fisici, la collaborazione è il ponte verso un'unità d'intenti e progettualità condivise. Una cosa però deve essere chiara: non fare nulla significa vedere queste regioni morire», chiosa.

Infine, ma non per importanza, il tema del turismo. «È un elemento di sviluppo forte nel Locarnese ed è fondamentale, soprattutto è un legame indissolubile. Un progetto, un'idea che sarà cruciale in questo settore e che si sta facendo largo è la scuola sul turismo, che porterà competenze a livello universitario, dando valore aggiunto. È però ancora allo stadio embrionale, bisognerà avviare le discussioni con regione e autorità per capire quali contenuti dare», anticipa.

«Per iniziare il quadro lo abbiamo tracciato», conclude Giacomo Garzoli. Ora non resta che mettersi all'opera.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ente regionale giacomo garzoli locarnese vallemaggia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved