oggi-la-politica-locale-deve-giostrarsi-tra-critiche-e-ostacoli
Corrado Bianda (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

Che cosa ci dice il lavoro? Risponde Marazzi

La lectio magistralis dell’economista Supsi è un’occasione per fare il punto con lui su senso e cambiamenti della realtà locale e globale
Mendrisiotto
4 ore

‘Mettiamo un tetto alle auto sulle strade trafficate’

L’Ata dice ‘no’ a PoLuMe e corsia per i Tir e rilancia proponendo di trasferire i pendolari sul trasporto pubblico. Come si è fatto con i camion
Luganese
11 ore

Archibugieri ticinesi agli onori in Italia

Importanti risultati anche per i ticinesi Denys Gianora di Pregassona e Giordano Rossi di Brusino Arsizio
Mendrisiotto
11 ore

Il Camping Monte Generoso di Melano amico dei cani

Riconosciuto come ‘the best campsite for your dog’ di tutta la Svizzera da parte dell’Acsi, il maggior specialista europeo dei campeggi
Bellinzonese
11 ore

Depurazione a Giubiasco, nel Ticino acqua sei volte più pulita

È il risultato del nuovo sistema di filtrazione attivo da otto mesi presso l’impianto dell’Azienda multiservizi Bellinzona
Mendrisiotto
13 ore

Presenza insolita fuori scuola ad Arzo: ‘Situazione monitorata’

Istituto e Polizia sono al corrente e restano vigili. Aperto dialogo con gli alunni. L’invito è a non creare allarmismo
Ticino
14 ore

Torna la Giornata mondiale senza tabacco, #maforselosaigià

Lo slogan della campagna vuol stuzzicare l’attenzione del pubblico e farlo riflettere sui molteplici danni che l’industria del tabacco arreca all’ambiente
Mendrisiotto
14 ore

Balerna festeggia il suo concittadino Mattia (Crus) Croci-Torti

Incontro con la popolazione giovedì 2 giugno alle 18.30 per celebrare il successo di Coppa dell’allenatore del Lugano
Luganese
14 ore

Corsi di italiano per stranieri: iscrizioni aperte a Lugano

Li organizza nell’ambito delle proprie attività in favore dell’integrazione l’Associazione Il Centro
Locarnese
14 ore

Pestaggio in rotonda, ‘tentato omicidio intenzionale’

Promossa l’accusa per i due fratelli, in carcere da cinque mesi, che lo scorso dicembre a Locarno picchiarono un 18enne
Luganese
14 ore

I modi di dire: origini, significati e curiosità

Incontro alla Biblioteca cantonale di Lugano con il linguista Ottavio Lurati e Luca Saltini
Ticino
14 ore

Riduzione tasso di conversione Ipct, ‘mobiliteremo il personale’

Il passaggio dal 6,3 al 5 comunicato dalla Cassa pensioni cantonale non piace affatto al sindacato Vpod, che annuncia battaglia
Mendrisiotto
14 ore

Prima tappa momò dello Street Food Village

L’evento organizzato dal team di saporiedissapori.ch si terrà venerdì 27 e sabato 28 maggio sul posteggio di viale Volta a Chiasso
Luganese
14 ore

Il Circo Knie e il futuro: quale terreno per il carrozzone?

Interrogazione al Municipio di Lugano del consigliere comunale Ppd Luca Campana per conoscere la prossima destinazione degli spettacoli
Luganese
15 ore

Scollinando in compagnia per la dodicesima volta

Si terrà domenica 12 giugno l’evento enogastronomico che si dispiega in undici comuni della collina Nord di Lugano
Bellinzonese
15 ore

Altro passo avanti per il nuovo quartiere Officine di Bellinzona

La documentazione relativa alla variante di Piano regolatore sarà consultabile dal 30 maggio al 28 giugno al Dicastero territorio e mobilità di Sementina
Ticino
15 ore

‘Che anche i docenti sopra il 50% possano diventare deputati’

Lo chiede un’iniziativa elaborata dell’Mps. Movimento che inoltre lunedì in Gran Consiglio presenterà 5 emendamenti per aiuti allo studio fino ai 60 anni
laR
 
30.08.2021 - 05:30
Aggiornamento : 14:45

‘Oggi la politica locale deve giostrarsi tra critiche e ostacoli’

Intervista a Corrado Bianda, già sindaco di Losone per 17 anni, che a giorni (e dopo oltre tre decenni) lascerà il Municipio

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Lascerà il Municipio di Losone dopo 33 anni (17 dei quali nel ruolo di sindaco) alla fine di questo mese di agosto. Per Corrado Bianda, del Partito popolare democratico (Ppd), la riunione dell’esecutivo prevista martedì sarà l’ultima. Gli subentrerà Nathalie Ghiggi Imperatori, giovane esponente dello stesso partito.

Nel corso degli oltre tre decenni trascorsi nella cosiddetta “stanza dei bottoni” ha affrontato migliaia di questioni, dalle più semplici a quelle più complesse.

Diversi i grandi progetti che in qualche modo hanno cambiato il volto della località sulla destra della Maggia. Nell’elenco si possono inserire la nuova scuola dell’infanzia, l’acquisto del sedime dell’ex caserma, il nuovo sistema di raccolta dei rifiuti con isole ecologiche, il Centro polivalente medicalizzato per gli anziani (in fase di realizzazione da parte della Fondazione Patrizia), la centrale termica a cippato di legna (con Patriziato e Ses), i numerosi cantieri stradali, il potenziamento del trasporto pubblico e, ultimo in ordine di tempo, la futura casa comunale (progetto e credito di realizzazione già ci sono). Va detto che tutti sono stati portati avanti dall’intero Municipio, in accordo con il Consiglio comunale.

Fra questi progetti, quali sono quelli ai quali si sente più legato e perché?

È difficile assegnare maggiore o minore importanza a un’opera piuttosto che a un’altra; tutte quelle realizzate in questi anni hanno contribuito alla crescita di Losone. Posso però dire che la nuova casa per anziani medicalizzata è quella che, al momento, mi coinvolge maggiormente, perché è in dirittura d’arrivo e risponde a un bisogno molto sentito dai losonesi. La nuova struttura andrà a costituire, con l’attuale casa d’appartamenti protetti, un centro di competenze all’avanguardia per l’anziano e contribuirà a dare ulteriore lustro al nostro comune.

Losone nell’ottica di un’eventuale aggregazione del Locarnese potrebbe giocare un ruolo importante. Come si potrebbe portare avanti il discorso in una regione in cui questi matrimoni istituzionali faticano a far breccia? Come sono i rapporti fra i Comuni dell’agglomerato urbano?

Per quanto riguarda i processi di riordino istituzionale (aggregazioni) credo che simili iniziative debbano nascere dai diretti interessati e non imposte dall’alto; d’altra parte sono convinto che le aggregazioni debbano tendere alla creazione di nuove entità con un’importanza tale da poter competere con le altre grosse realtà comunali ticinesi. Dunque, un’aggregazione del Locarnese non può più prescindere dal coinvolgere tutti i grossi Comuni della regione. Il fatto che il rapporto fra questi siano ottimi (ricordo le numerose opere realizzate assieme) è paradossalmente un freno ai progetti aggregativi.

Quali sono i dossier in sospeso e che maggiormente la preoccupano?

Certamente quello dello sviluppo dell’ex caserma; purtroppo l’interesse di un solo privato mette in scacco tutta una comunità e una regione. Sono certo che si troverà una soluzione per permettere l’insediamento nel comparto di una serie di attività che saranno alla base di un ulteriore sviluppo di Losone. La strada sarà però lunga.

Come è cambiato Losone negli ultimi tre decenni e com’è mutato il modo di far politica?

Losone è diventato, sullo slancio di quanto fatto dai miei predecessori alla testa dell’esecutivo, un Comune importante e di peso nella regione e nel cantone. Ciò ha necessitato sforzi e sacrifici da parte di tutti, ma i risultati sono evidenti. Ora bisogna mantenere questa posizione e anche per questo occorreranno impegno o coinvolgimento.

Non so se dire come il modo di fare politica sia cambiato negli ultimi anni. Quello che so è che tutto diventa sempre più complicato e difficile. Essere municipale oggi è molto più impegnativo di quanto lo fosse quando sono stato eletto io nel 1988. Una cosa però è certa: viene sempre più a mancare il rispetto nei confronti dell’autorità. Sempre più si tende a pensare che chi fa parte di un esecutivo lo faccia per i propri interessi; questo è profondamente errato. Ogni singolo membro di un esecutivo è mosso principalmente dall’amore per il proprio comune e dalla volontà di fare qualcosa per la comunità. Certo vi sono pure le mele marce, ma sono un’infima minoranza. È però un dato di fatto che questo modo di pensare porti molti cittadini a diffidare di chi li rappresenta, spingendoli a privilegiare i propri interessi personali a qualsiasi costo, senza pensare che esiste un bene superiore. Il fiorire di ricorsi spesso velleitari, di richieste d’intervento alle autorità superiori e di reclami ne sono un chiaro segnale.

La banalizzazione del dialogo politico ha poi fatto emergere una serie di personaggi che cercano le loro soddisfazioni nel criticare l’operato degli altri senza però portare alcuna soluzione ai problemi. Queste persone rallentano sistematicamente l’attività del Comune, già di per sé macchinosa, e provocano danni talvolta difficilmente riparabili.

Con quali sentimenti lascia la carica?

Ho appena compiuto 63 anni e ne ho trascorsi 33 in Municipio. I sentimenti con i quali lascio questa attività sono diversi e contrastanti. Certo avrei preferito poter decidere da solo la data d’uscita; così non è stato e ne ho preso atto. Ciò mi ha comunque fatto riflettere e oggi come oggi posso dire di essere sereno.

Ora avrà sicuramente più tempo libero a disposizione. Come lo occuperà?

Pandemia permettendo, spero di poter dedicare più tempo ai viaggi, che sono una mia passione. Di certo mi riposerò.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
corrado bianda losone nathalie ghiggi imperatori ppd
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved