vallemaggia-kler-e-sofreeso-dipingiamo-e-ci-sentiamo-libere
Il murale a Locarno, in via San Jorio, con le opere di (da destra): SoFreeSo, L7Matrix e Kler ©SoFreeSo, L7Matrix, Kler
+14
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

Lugano, Schönenberger? ‘Un incidente di percorso’

Cristina Zanini Barzaghi replica alle critiche: ’Il nostro obiettivo è di agire a favore delle persone più sfavorite, del ceto medio e dell’ambiente’
Mendrisiotto
12 ore

Morbio Inferiore, ‘A cena con papà’

La manifestazione, organizzata dal Dicastero cultura, venerdì 20 maggio
Luganese
12 ore

Ponte Capriasca, evento solidale per Zanzibar

L’associazione Sister Island ha fondato un asilo e diversi progetti virtuosi di sviluppo
Luganese
13 ore

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
13 ore

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
13 ore

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
13 ore

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
13 ore

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
14 ore

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
14 ore

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
14 ore

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
Mendrisiotto
14 ore

Sfornata la nuova guida turistica Mendrisiotto e Basso Ceresio

Stampata in 30mila copie e tradotta in quattro lingue, presenta fra i dossier il sentiero della Muggiasca e l’itinerario per hand bike al Serpiano
Ticino
14 ore

Presidente del Consiglio sinodale riformato è Stefano D’Archino

Nell’esecutivo della Chiesa evangelica succede a Tobias Ulbrich. Approvata una mozione critica nei confronti del Patriarca Kirill
Grigioni
15 ore

Mesi decisivi per la nuova scuola di San Vittore

In pubblicazione fino al 23 maggio la domanda per la licenza edilizia. I cittadini dovranno esprimersi in votazione popolare sul credito di 6,8 milioni
Locarnese
15 ore

Locarno, concerto conclusivo della Società popolare di musica

L’evento si svolgerà al Fevi, venerdì 20 maggio, dalle 18. È consigliato prenotare il posto a sedere
Ticino
15 ore

L’Atg: ‘Preoccupati per il futuro della nostra professione’

L’Associazione ticinese dei giornalisti in assemblea è preoccupata per ‘una parte della politica che mostra costante insofferenza nei nostri confronti’
Locarnese
15 ore

Premio Fondazione Verzasca, ecco i primi vincitori

Il riconoscimento è stato istituito per valorizzare la ricerca e la cultura della valle e della cultura subalpina
Locarnese
15 ore

Locarno, ‘vergognoso non proibire il fumo nei parchi giochi’

L’Associazione svizzera non fumatori prende posizione sulla decisione del Consiglio comunale che non approva la mozione ‘verde’. Annunciato il referendum
Locarnese
15 ore

Alvad, col progetto Ril cure qualitative a costi sostenibili

La messa in rete dei servizi sociali e sanitari è la sfida futura per gli operatori pubblici e privati del settore delle cure a domicilio
Ticino
15 ore

‘Caro benzina, il governo chieda a Berna di intervenire’

Con un’interrogazione Lara Filippini (Udc) invita il Consiglio di Stato a farsi portavoce col Consiglio federale dei disagi economici in Ticino
23.08.2021 - 05:30
Aggiornamento : 12:53

Vallemaggia, Kler e SoFreeSo: ‘Dipingiamo e ci sentiamo libere’

Recentemente le due sorelle street artist e grafiche di Cevio hanno firmato i murali della passeggiata in via San Jorio a Locarno, commissionati dal Municipio

di Vittoria de Feo

«Quando dipingo, riesco a spegnere tutti i pensieri razionali, lasciando così viaggiare la mente», afferma Chiara Frei, in arte Kler. «La street art mi permette di sentirmi libera», dice invece la sorella Sofia, che si firma SoFreeSo. Queste le emozioni che provano le due street artist e grafiche cresciute a Cevio in Vallemaggia che, grazie alle loro opere disseminate sul territorio locarnese, hanno contribuito ad abbellire e valorizzare lo spazio urbano.

L’esordio, un viaggio da Cevio a Barcellona

Ma come è iniziato tutto? La prima a intervenire è Sofia che rievoca: «Sin da piccole siamo state esposte all’influenza artistica, poiché nostro papà è grafico e anche noi lo siamo diventate. Lavoriamo infatti entrambe per lo studio di famiglia. Alla nostra infanzia risale anche l’interesse per il mondo della street art, una passione però coltivata all’inizio prevalentemente da spettatrici. La nostra prima parete – ricorda Sofia – l’abbiamo dipinta a Barcellona, in un centro artistico in cui questo scambio esiste molto di più e dove Chiara si era recata a fare un’esperienza professionale. Lì abbiamo conosciuto numerosi artisti e abbiamo provato a fare i primi tentativi con la bomboletta, man mano migliorando sempre di più». 

Un interesse in aumento e un’opportunità

Ripensando al lavoro appena terminato vicino alla passerella pedonale che collega Solduno al palazzetto Fevi, le due sorelle di Cevio riconoscono che l’interesse verso questo tipo di espressione artistica, anche da parte degli enti pubblici, sta seguendo una tendenza al rialzo. «Stiamo parlando di un’opera commissionata dal municipio di Locarno, non da un privato. Vedendo quindi l’ottimo riscontro registrato da questi murales, c’è forse l’opportunità che la città possa riempirsi sempre più d’arte». Non va però dimenticato che iniziare a dipingere su parete in Ticino resta complicato. «Noi siamo tornate con un bagaglio di esperienza già importante e più di una volta abbiamo avuto l’impressione che l’aver lavorato all’estero rappresentasse un valore aggiunto. Magari – ammette Sofia – se avessimo iniziato qui senza fare esperienze altrove, non sarebbe stata la stessa cosa».

Un approccio che è invece diverso in altri Paesi. Chiara racconta infatti di un viaggio in Brasile: «Per una settimana ho potuto dipingere spontaneamente senza dover pensare con largo anticipo a chiedere dei permessi o a mandare dei progetti. Lì non è poi raro che qualche passante ti chieda di fare tappa da lui perché gli piacerebbe avere un lavoro simile in casa». Secondo Sofia, la principale differenza con il Ticino sta nella burocrazia, «perché qui è sempre difficile ricevere i permessi. Sempre in Brasile – continua –, vedendo una bella parete, basta bussare alla porta per chiedere di poterci dipingere sopra. In questi casi, è spesso molto più facile che ti rispondano affermativamente domandando addirittura se ti devono pagare. Al contrario, da noi non è così spontaneo». Per Chiara, le ragioni di questo divario sono da ricondurre al fatto che «altrove la street art è molto più normalizzata, proprio perché è una forma d’arte che fa già parte integrante della vita di tutti i giorni. Qui da noi pitturare una parete rimane tuttora un evento speciale e la gente si sorprende ancora quando ci vede all’opera, in altre città invece è normale che sia così».

Chiara conferma questa tendenza anche nei fatti: «Mentre stavamo dipingendo le pareti qui a Locarno, sono passate veramente tantissime persone che si sono fermate a guardare e spesso anche a parlare. È quindi stata un’esperienza bellissima ed emozionante perché non ci capita tutti i giorni di poter dipingere a casa nostra e di suscitare così tanto interesse».

La street art, un modo per sentirsi liberi e per influenzare chi guarda

«Personalmente, quando dipingo, riesco a liberare la mente, è come una sorta di meditazione», questo ciò che prova Chiara mentre lavora. Sofia spiega invece che «la street art mi permette di sentirmi libera, per questo mi piace molto improvvisare. In questo modo riesco infatti a tirare fuori quello che il momento e il luogo hanno da offrirmi. In tal senso, trovo che ogni posto sia a sé stante e che ogni situazione trasmetta allo spettatore qualcosa di differente. Perciò non mi piace spiegare agli altri quello che faccio, ma preferisco che ognuno, a seconda del proprio vissuto, venga influenzato da ciò che vede interpretandolo a suo modo. Da qui, il fatto che in molte delle mie opere sono presenti degli occhi e dei volti, visto che sono i principali trasmettitori delle emozioni umane».

Dimensione sulla quale si allinea anche Chiara: «Riuscire a condizionare il momento di chi sta guardando ‘en passant’ il mio lavoro è importantissimo. Le mie opere riflettono infatti dei momenti del mio quotidiano e rappresentano una sorta di diario personale, in quanto spesso quello che mi succede si trasforma in un’ispirazione. Qui a Locarno, per esempio, è stato come chiudere un cerchio. In effetti, a pochi passi dal nostro lavoro c’è la sede dove ho frequentato il Liceo e dalla passerella sulla T21 ci passavo tutti i giorni. La frase che ho inserito nel murale (‘Your wings already exist’ ndr) mi era stata detta ai tempi e io, interpretandola a modo mio, ho poi deciso in quell’occasione di partire per Barcellona, dove tutto ha avuto inizio. Parallelamente, ho pensato che questo suggerimento potesse dare una spinta a tutti i giovani che quotidianamente passano da qui per recarsi a scuola».

 

Leggi anche:

Locarno, la street art che fa belle le passeggiate

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
kler locarno sofreeso street art
Guarda tutte le 18 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved