ronco-s/ascona-un-sentiero-e-per-sempre
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
9 ore

Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina

Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
11 ore

Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito

L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
17 ore

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
18 ore

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
22 ore

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
22 ore

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
22 ore

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
1 gior

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
1 gior

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
20.08.2021 - 11:23
Aggiornamento: 17:29

Ronco s/Ascona, un sentiero è...per sempre

Il Comune investe importanti somme per la manutenzione e promozione della propria rete di camminamenti di montagna. Marco Poroli spiega i criteri d'intervento

Sentieri a prova di bomba. Anche quando, come in questo caso, di bomba d'acqua si tratta. Stiamo parlando della rete di camminamenti di montagna presente in territorio di Ronco s/Ascona, creata e sviluppata dal 2017 a oggi con l'istituzione della commissione gestione sentieri di Ronco s/Ascona. Diretta da Marco Poroli (e guidata dal sindaco, Paolo Senn), quest'ultima ha proceduto, come primo passo, alla mappazione dei sentieri esistenti (vecchi, nuovi, abbandonati o in stato precario). Un inventario dal quale si è poi partiti con interventi diretti e mirati di manutenzione, salvaguardia e ricupero che spaziano dal decespugliamento alla sramatura, dalla pulizia e manutenzione del fondo alla creazione di canalette e deviatori per l’acqua, dalla chiusura di scorciatoie alla posa e manutenzione di attrezzature fisse, ecc.

L'aiuto delle imprese locali e, all'occorrenza, della Protezione civile

È stato il caso, ad esempio, del percorso pedestre tra Fontana Martina e Crodolo, con lavori soprattutto selvicolturali portati avanti anche col sostegno d'imprese edili locali (in alcuni casi, su richiesta del delegato comunale, anche della Protezione civile) alle quali sono stati appaltati gli interventi di ristrutturazione che esulano dalle competenze degli operai della squadra comunale. Materia per specialisti, insomma. Particolare attenzione è stata posta sui sentieri che collegano i nuclei di Ronco, oggi quasi totalmente sistemati. Il più delle volte, proprio a causa del maltempo, la parte del leone la fa il taglio e l'eliminazione di alberi pericolanti, che rappresentano un rischio per gli escursionisti. Sempre nel caso del tracciato in questione, nel corso del 2022 circa 130 metri cubi di legname dovranno essere portati a valle tramite elicottero. I sentieri inseriti nella rete ufficiale sono invece curati dalla Squadra sentieri dell'Otlmv, che una o due volte all'anno provvede alla loro pulizia.

Cosa fare dei vecchi percorsi in disuso?

Un discorso a parte lo meritano i vecchi itinerari, non più impiegati dall'uomo (se non saltuariamente ma di un certo interesse) o quelli di carattere intercomunale. I primi non godono ovviamente della precedenza nell'agenda, ma laddove si ritiene opportuna la manutenzione (la valutazione spetta all'Amministrazione), si procede ripristinandoli o creando, ad esempio, nuovi tracciati per servire rustici agricoli e fondi. Il tutto dopo aver esposto e ottenuto dal Municipio l'autorizzazione (sopralluoghi e capitolati per offerte sono compito di Poroli). Nel caso dei secondi, come la strada tagliafuoco che da Ronco porta in territorio di Brissago, con la sua rete d'idranti posizionati per fronteggiare roghi boschivi, la cura compete a entrambi gli enti.

Garantire la tenuta anche in caso di eventi meteo estremi

Da punto di vista dei costi, il Comune mette a disposizione, a preventivo, circa 60/70 mila franchi proprio a tale scopo. Importo sin qui sempre rispettato.
A differenza di quanto successo altrove, gli ultimi nubifragi che hanno interessato la nostra regione non hanno lasciato ferite lungo i tracciati escursionistici locali. A conferma della qualità del lavoro svolto. Già a livello di progettazione, infatti, si cerca di assicurare la maggior stabilità dei manufatti in caso di eventi meteorologici estremi (prolungate piogge e nevicate). Sforzi che rendono l'andar per monti più piacevole e sicuro.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
marco poroli ronco sopra ascona sentieri
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved