tenero-le-reginette-degli-scacchi-a-caccia-del-titolo
20.08.2021 - 11:010
Aggiornamento : 17:29

Tenero, le reginette degli scacchi a caccia del titolo

Si disputa nel fine settimana al Cst di Tenero il campionato svizzero riservato alle giovani ragazze. La Scuola del Papio schiera le sue promettenti pedine

a cura de laRegione

Il 21-22 agosto 2021 il Centro sportivo di Tenero ospiterà il campionato svizzero di scacchi delle giovani ragazze. La manifestazione, promossa dagli istruttori scacchistici Mike Walzer e Silverio De Marchi della Scuola Scacchi Collegio Papio, impegnati già da diverso tempo nell’insegnamento ai giovani di questo meraviglioso e affascinante gioco, ha prontamente trovato il sostegno e la collaborazione della Federazione Scacchistica Svizzera. Si prevede la partecipazione di una sessantina di ragazze distribuite nelle categorie U8, U10, U12, U14 e U16 che si daranno battaglia sulle 64 caselle a colpi di strategia e tattica. All’evento sono ammesse tutte le giovani ragazze anche se non iscritte ad alcuna società riconosciuta dalla Federazione Scacchistica Svizzera a condizione che conoscano almeno le regole e non siano completamente Sprovvedute dei principi più elementari degli scacchi. Alla manifestazione possono quindi partecipare pure ragazze non residenti o d’oltre confine. 

Una serie televisiva rilancia l'interesse per questa disciplina

Grazie anche allo straordinario e rapido successo della miniserie televisiva “La Regina degli scacchi”, lanciata sulla piattaforma di Netflix, sta rifiorendo il fascino che, periodicamente, questo gioco esercita sui giovani. Alcune allieve della Scuola Scacchi Collegio Papio in passato si sono già distinte in importati tornei cantonali e nazionali. Ora, con l’approssimarsi dell’evento, tutte le “principesse” della scuola si stanno allenando con impegno per esser consacrate le prossime “Regine svizzere degli scacchi.”Con questo evento gli organizzatori si augurano un ulteriore riduzione del forte squilibrio di presenze che vede le ragazze con una partecipazione alle competizioni che si aggira attorno al 10% rispetto ai ragazzi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved