ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Ascona, una conferenza tra fede e denaro

Relatore sarà Markus Krienke, teologo e filosofo
Locarnese
4 ore

‘Le Corti inCanto’: offriamo delicatezza in cambio di passione

Dopo 15 edizioni il Gruppo Centro Storico di Locarno vuole cedere il testimone a chi intenda dare continuità alla manifestazione
Ticino
6 ore

Divertimento, pregiudizi, didattica, ricerca... cos’è il gaming?

Chiacchierata a tutto tondo col ricercatore Supsi Masiar Babazadeh: ‘Non è solo Super Mario, ci sono programmi usati anche dalle aziende per i neoassunti’
Bellinzonese
6 ore

Una Bellinzona più pulita val bene una fredda giornata di vento

Clean Up Day: oltre alle scuole si è attivato anche un gruppo di volontari capitanato dall’amministratrice di un profilo Facebook dedicato alla città
Luganese
14 ore

Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’

Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
16 ore

Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’

Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
17 ore

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
17 ore

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
Ticino
17 ore

Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà

Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
17 ore

Marco Valli cittadino onorario di Comano

La proclamazione con il voto unanime del Consiglio comunale per il suo impegno: 40 anni dedicati alla collettività
Luganese
18 ore

Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole

Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
19 ore

Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps

A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Locarnese
19 ore

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
29.08.2021 - 15:45

Tenero, un 2020 complesso per l'Associazione Armonia

Lo scorso anno sono state accolte poco più di 20 persone (fra donne e bambini): le restrizioni per il Covid hanno reso il lavoro particolarmente difficile

tenero-un-2020-complesso-per-l-associazione-armonia
Con il distanziamento sociale cresce la solitudine (Ti-Press)

Il 2020 è stato un anno molto particolare e difficile per l’Associazione Armonìa, con sede a Tenero, che ha dovuto confrontarsi con l’emergenza da Covid-19 ma affrontare anche i diversi cambiamenti all’interno dell’équipe delle operatrici. Operatrici a cui va riconosciuto il merito di aver reagito alla pandemia con grande coraggio, impegno e professionalità: parole di Linda Cima-Vairora espresse in occasione dell’annuale assemblea che ha permesso alla presidente e al comitato di presentare quanto fatto da Casa Armònia e Consultorio Alissa, due strutture particolarmente preziose anche in tempo di pandemia.

Restrizioni anti-Covid e aumento dell'isolamento femminile

Le restrizioni messe in atto per arginare la diffusione del virus a livello pratico hanno aumentato l’isolamento delle donne accolte da Casa Armònia. Questo ha determinato anche una crescente diffidenza a intraprendere scambi tra le utenti e in parte minore anche con le operatrici. In particolare, se prima della pandemia una bevanda calda o un pasto condiviso erano momenti importanti, in seguito questo non è più stato possibile e anche il tempo dedicato ai colloqui è stato diminuito per questioni di sicurezza sanitaria. Anche i rapporti tra le ospiti stesse hanno in alcuni momenti sofferto a causa della situazione d'incertezza e di diffidenza.

Possono sembrare questioni di poco conto, ma in realtà sono molto importanti. Le restrizioni riguardanti il distanziamento fisico hanno reso il lavoro particolarmente difficile, sia per la donna stessa sia per le operatrici che si sono rese conto di quanto siano d’aiuto una carezza e il prendersi del tempo per il semplice atto dell’ascolto stando vicino fisicamente a chi soffre. I colloqui in presenza avvenivano, ma la situazione sanitaria richiedeva di limitarne il tempo. E i colloqui telefonici potevano solo in parte supplire a questa mancanza. Nel rapporto sull’attività 2020, le operatrici si sono soffermate più volte sulla difficoltà dell’essere privati “di quella vicinanza rassicurante e di quella stretta di mano tanto importanti nel nostro lavoro, che non possono essere sostituite dalle parole. Ci siamo di conseguenza impegnate per far parlare gli occhi e abbiamo provato a mettere tutto il nostro calore fisico nelle parole”.

Segnalazioni del Servizio per l'aiuto alle vittime

Nel 2020 Casa Armònia ha accolto 12 donne e 10 bambini, la maggior parte delle quali sono arrivate su segnalazione dei vari servizi presenti sul territorio, in particolare del Servizio per l’aiuto alle vittime di reati (Lav) e delle forze dell’ordine; le autosegnalazioni sono state 3. Il momento immediatamente precedente l’accoglienza è una fase delicata, che richiede un’attenta analisi della segnalazione nel contesto di un lavoro di rete con i servizi segnalanti per valutare l’opportunità o meno di accogliere la persona che esprime la richiesta di aiuto. La presa a carico, come già sottolineato in altre occasioni, è resa sempre più difficile dalle complesse situazioni a livello psicologico e sociale che si presentano; pure molto impegno e un’attenta lettura delle situazioni sono richiesti nell’occuparsi di persone che provengono da altre culture. L’Appartamento, spazio abitativo separato da Casa Armònia messo gratuitamente a disposizione da una persona generosa, si sta rivelando un’esperienza molto importante come struttura di passaggio per le donne che hanno terminato il loro percorso a Casa Armònia, ma che non hanno ancora trovato un appartamento proprio.

Consultorio Alissa: oltre cento le telefonate

Il Consultorio Alissa ha pure continuato la sua attività nel rispetto delle norme anti-Covid, offrendo consulenze in ufficio o telefoniche (091 826 13 75) il martedì dalle 9 alle 12.30 e dalle 13 alle 17.30, il venerdì dalle 8 alle 12. Diverse sono state le chiamate per richieste di ascolto e informazioni: al Consultorio si sono rivolti 80 donne, sei uomini, una coppia e 18 servizi. Le problematiche sono state soprattutto di carattere familiare. Accade che una persona decida di recarsi al Consultorio per una prima raccolta d'informazioni riguardo le pratiche di separazione/divorzio e durante il racconto emergano problematiche legate alla violenza all’interno della coppia. Si rivolgono al Consultorio per essere ascoltate, credute e per cercare di trovare una soluzione alla situazione nella quale si trovano.

Ascolto, informazione e accoglienza sono d’altronde le parole che guidano l’associazione da 30 anni, una storia d’impegno contro la violenza domestica racchiusa nel libro “30 anni Associazione Armònia” che può essere richiesto al numero telefonico della Casa o del Consultorio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved