13.08.2021 - 18:22
Aggiornamento: 22:37

Genitori fermati al Lido per maltrattamenti sui figli

Locarno, la segnalazione da parte di un'altra famiglia, insospettita dai lividi riscontrati sui bambini, di uno e tre anni

genitori-fermati-al-lido-per-maltrattamenti-sui-figli
Ti-Press
Il Lido di Locarno

Genitori fermati dalla Polizia cantonale al Lido di Locarno per sospetti maltrattamenti sui figli piccoli. L'inusuale, bruttissima situazione si è consumata pochi minuti fa nella struttura balneare, affollata di turisti e residenti in una delle giornate più calde dell'estate.

Secondo informazioni raccolte dalla “Regione”, la Polizia cantonale è stata chiamata sul posto da alcuni turisti che avevano osservato scene di maltrattamento sul posto e ravvisato sui corpi di due bimbi piccoli di un'altra famiglia altri presunti segni di maltrattamento. Da lì, il sospetto che qualcosa di molto brutto fosse successo non solo alle piscine, ma in precedenza, fra le mura domestiche. I bimbi avrebbero 3 anni e un anno (il più piccolo è infatti ancora in carrozzina). Naturalmente la constatazione di lividi o altri segni di maltrattamento è stata resa possibile dal fatto che i bambini fossero in costume da bagno. 

L'intervento della polizia si è protratto per oltre un'ora, sotto gli occhi esterrefatti dei bagnanti. Ed è stata una situazione particolarmente penosa, fra tentativi di chiarimento, presumibili professioni di innocenza e sospetti.

La Polizia cantonale si è presentata al Lido con 4 agenti, che hanno poi allertato i soccorritori del Salva, giunti con un'ambulanza, ai quali è stato chiesto un consulto medico. Stando a testimonianze oculari, i genitori in questione sono stati accompagnati dagli agenti fuori dalla struttura, e probabilmente tradotti in Centrale per rendere conto delle presunte violenze da loro perpetrate nei confronti dei figli.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved