ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
47 min

Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole

Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
3 ore

Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’

A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
3 ore

Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’

La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
3 ore

Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’

Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
4 ore

Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione

Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Mendrisiotto
4 ore

‘Goccia a goccia’, i primi vent’anni di Espérance Acti

Il documentario che testimonia l’attività dell’associazione di Balerna verrà presentato il 14 e 15 ottobre alla Torre dei Forni
Luganese
4 ore

Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr

Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
Bellinzonese
4 ore

Pecore moribonde: ‘Chi avrebbe dovuto tutelare la loro salute?’

I Verdi (primo firmatario Marco Noi) interrogano il Consiglio di Stato in merito al gregge abbandonato a se stesso in zona diga del Lucendro
Locarnese
4 ore

Da ‘Stranociada a Strarisotada’, sempre di successo si tratta

Lasciata alle spalle (si spera) la pandemia, archiviata un’edizione 2022 gettonatissima dalla popolazione, si prepara il futuro dell’evento
14.08.2021 - 14:40

Tegna, una nuova piazza per fare la differenza

Non più ostaggio delle auto, ma luogo d'incontro e socializzazione per abitanti e turisti. A fine settembre la consegna, in concomitanza con i 10 anni dal voto sulla fusione

tegna-una-nuova-piazza-per-fare-la-differenza

Il 26 settembre di 10 anni fa la popolazione delle Terre di Pedemonte approvava, in consultazione popolare, a larghissima maggioranza, il progetto di aggregazione degli allora Comuni di Tegna, Verscio e Cavigliano, sancendo, di fatto, la nascita del Comune unico. Entità istituzionale che diverrà realtà l'anno seguente, con la nomina dell'Amministrazione. Domenica 26 settembre, per celebrare questa ricorrenza, l'autorità municipale ha previsto di organizzare una festa, che coinciderà con la consegna della rinnovata Piazza don Gottardo Zurini di Tegna, i cui lavori sono ormai quasi ultimati.
Una piazza che ha cambiato radicalmente volto, rispetto alla precedente. Sparite, come previsto dal Piano regolatore, le automobili, diventa a tutti gli effetti un luogo d'incontro e di socializzazione per gli abitanti della frazione e i turisti di passaggio.

Il progetto di riqualifica di questo importante comparto del paese aveva ricevuto il nullaosta dal legislativo il 15 giugno del 2020. Quest'ultimo, al progetto sottopostogli inizialmente dal Municipio, aveva aggiunto, dando seguito alla proposta dei commissari della gestione, la richiesta di una pavimentazione in granito, portando così l'importo complessivo stanziato da 620 a 720mila franchi. Oltre ad aver cancellato i posteggi per autovetture e motociclette (spostati in zona stazione), la nuova piazza prevede la posa di alberi con panchine (per poter sostare al riparo dal sole anche quando fa caldo), fontane (oltre all'attuale, ne è stata inserita una posata centralmente, a raso, con zampilli d'acqua azionabili tramite pulsante con timer regolabile così da evitare sprechi) e una nuova ed elegante pavimentazione. Completano il tutto un'illuminazione a Led efficace e non invasiva e le aiuole floreali che circonderanno gli alberi d'alto fusto.

Dal ‘non luogo‘ a spazio pubblico di relazione

L'intervento radicale, nato dalla penna dello studio d'ingegneria Lucchini Mariotta e associati SA e dallo Studio d'architettura Officina della costruzione Sagl, dovrà consentire al “nuovo salotto dei tegnesi” di passare dallo stato di “non luogo” attuale a quello di spazio pubblico riconoscibile, fruibile e vivibile. Una nuova lettura del contesto urbano, insomma, che si spera faccia rinascere un vero senso di comunità. L’obiettivo è infatti di restituire il sedime ai cittadini e alle associazioni locali che potranno con attività (carnevale, feste, ecc..), incontri o anche solo vivendo l'area, tornare a dare un senso compiuto al termine piazza come luogo di relazioni del quartiere e non di posteggio comunale. «Dopo le ferie dell'edilizia – spiega il municipale Giotto Gobbi – la Società elettrica Sopracenerina completerà i lavori per l'illuminazione pubblica della piazza. A quel punto non resteranno che le opere di abbellimento, come le aiuole attorno ai platani e la posa della nuova targa con l'intestazione della piazza a don Gottardo Zurini» (in sostituzione del vecchio totem, ndr).
Con questo intervento, unito alla ristrutturazione della casa Comunale e alla sistemazione viaria, la valorizzazione dello spazio pubblico nella frazione di Tegna giunge a compimento. Resterà solo la posa del secondo binario della stazione Fart (attualmente in fase di progettazione da parte dell'azienda di trasporto pubblico) e il possibile restauro della chiesa per chiudere il cerchio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved