alba-e-aero-club-chiedono-aiuto-al-gran-consiglio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
28 min

Riaperta la A2 in direzione sud su una corsia

Era stata chiusa per un veicolo in fiamme. Su Twitter la Polizia cantonale segnala rallentamenti tra Maroggia e Mendrisio
Bellinzonese
33 min

Sorpassi a Giubiasco, ex Oratorio archiviato fra le critiche

Votati dal Cc il credito suppletorio di 2,71 milioni e la sistemazione esterna. Il conto finale sale da 8 a quasi 11 milioni
Luganese
53 min

Lugano, la Coppa svizzera svetta sul tavolo del Municipio

All’inizio della seduta di Consiglio comunale, applausi alle parole di Michele Campana e di Olivier Custodio, l’autore del parziale vantaggio di 2 a 1
Bellinzonese
1 ora

Morti Covid a Sementina, il Cc (per ora) non ne discute

Bellinzona, bocciate le richieste di Lega/Udc e Mps/Verdi/Fa: Municipio esortato dai gruppi a esprimere vicinanza e solidarietà ai familiari dei defunti
Luganese
2 ore

In un libro l’opera omnia poetica di Valeria Masoni

Si tratta del primo volume, che raccoglie le poesie scritte fra il 1944 e il 1957. Perlopiù inedite: solo alcune sono state pubblicate in passato
Ticino
2 ore

Trasporti, ‘sarà assorbita solo parte della crescente domanda’

Un recente studio analizza le tendenze della richiesta di mobilità in Ticino. ‘Gli investimenti in corso non potranno che fornire un viatico parziale’
Luganese
2 ore

Vezia, previdenza professionale: se n’è parlato a Villa Negroni

Si è tenuta oggi la prima edizione dell’evento Annual Focus Casse Pensioni, che ha toccato le principali tematiche relative al secondo pilastro
Ticino
2 ore

‘Formazione professionale, borse di studio fino ai 55 anni’

Compromesso in commissione tra la proposta di alzare da 40 a 60 anni la soglia e l’invito del governo di fermarsi a 50. Biscossa soddisfatta, Pronzini no
Bellinzonese
3 ore

Raduno della società di artiglieria al bunker di Mairano

Appuntamento con la tradizionale scampagnata per domenica 22 maggio alle 11
Grigioni
3 ore

San Vittore, conferenza sul restauro al Museo Moesano

L’evento si terrà giovedì 19 maggio alle 20 con il restauratore-indoratore Marco Somaini
Luganese
3 ore

Lugano, Besso Pulita! in assemblea

L’appuntamento è per il 23 maggio alle Elementari di Besso. Si parlerà dei lavori alla Stazione Ffs e dei Patriziati
Luganese
4 ore

Lugano sviluppa una campagna contro la violenza domestica

La Polizia della Città presenta i dati dell’attività 2021. A breve debutta un’attività legata alla tolleranza reciproca tra giovani e adulti
Luganese
4 ore

Lugano campione, mercoledì festa a Cornaredo

Autografi e fotografie con i vincitori della Coppa Svizzera, che verrà anche esposta in sala est fino alle 19
Ticino
4 ore

‘Incentivare le ditte che possono a munirsi di pannelli solari’

Dipartimento del territorio e Camera di commercio promuovono un incontro con le aziende per sfruttare al meglio le potenzialità delle energie rinnovabili
05.08.2021 - 11:54
Aggiornamento : 18:22

Alba e Aero club chiedono aiuto al Gran Consiglio

Lettera al Parlamento affinché solleciti il Cantone a voler avviare i progetti di aggiornamento delle infrastrutture dell'Aeroporto attesi da anni e mai eseguiti

″Caro Gran Consiglio, aiutaci tu!” L’Associazione Locarnese e Bellinzonese per l’aeroporto cantonale di Locarno (Alba) e l'Aero club Locarno, per il tramite dei rispettivi presidenti, chiedono aiuto ai parlamentari ticinesi in quello che è, ormai da anni, l'atteso aggiornamento delle infrastrutture aeroportuali di Locarno-Magadino. Sui progetti civili in fase di sviluppo, lo scorso 22 maggio, la prima ha più volte interpellato il Governo senza, tuttavia, mai trovare risposta. Nel frattempo, lo scorso 13 luglio, come noto, l'Hangar 1, di proprietà del Cantone, è stato totalmente danneggiato da una violenta tromba d'aria, creando così non pochi grattacapi a livello di operatività (manutenzione velivoli). L'ammodernamento delle infrastrutture, secondo Alba e Aero club, “costituisce un progetto centrale per concludere il secondo aggiornamento delle infrastrutture aeroportuali, per cui la Confederazione, per la Base aerea militare e la pista principale, e i privati, hanno portato a termine quanto di loro responsabilità. Da parte cantonale ci preme ricordare come il progetto di mini-allungamento della pista principale (avviato a fine 2019, in fase di pubblicazione), abbia ottenuto un ampio e spontaneo consenso da parte delle autorità comunali e regionali nella forma di lettere all’Ufficio federale dell’aviazione civile”.

Una latitanza che preoccupa, una decisione del Parlamento senza seguito

Intanto, però, tutto langue. A cominciare dalla progettazione del rifacimento dell’aviorimessa cantonale decisa dal Gran Consiglio nel febbraio 2018 e non ancora iniziata. Sempre secondo Aero club e Alba, “le implicazioni sulle scelte aziendali di varie ditte ora basate a Locarno necessitano che il gestore dell’aeroporto, cioè il Cantone, consolidi con la realizzazione dei due citati progetti il contesto nel quale sono chiamate a operare a corto e medio termine. Purtroppo da quasi due anni il Cantone è assente. Dal profilo istituzionale consideriamo grave il fatto che l’amministrazione cantonale non dia seguito alla precisa e vincolante decisione del Parlamento del febbraio 2018. Nel commento riportato dal quotidiano “La Regione” ai nostri recenti lavori assembleari un collaboratore del Dipartimento del territorio ha indicato come mancherebbe una pianificazione ordinata e coordinata dell’aeroporto. Questa affermazione è in chiaro contrasto con la realtà in quanto il masterplan urbanistico dell’aeroporto è stato elaborato dall'architetto Fiorenzo Tresoldi negli anni 2018/2019, su mandato del Cantone stesso, in stretta collaborazione con le ditte, la Base aerea di Locarno, Armasuisse e la Sezione della logistica del DFE. Le trattative in corso, per contro, sembrerebbe stiano sovvertendo la decisione del Gran Consiglio che aveva chiaramente sancito (nessun voto contrario!) la necessità che la vetusta aviorimessa venisse rifatta”.

La centrale termica, evitare una figura barbina 

Altra nota dolente, la questione della centrale termica: “Si era deciso di affiancare la Confederazione nella realizzazione di un’esemplare centrale a legna che fornisse il calore necessario per le infrastrutture militari e civili dell’aeroporto. Nella decisione parlamentare era stata data delega alla Sezione della logistica di ratificare l’accordo con la Confederazione, per cui sembra che quel servizio del Cantone abbia svolto il proprio compito”. In pratica, il continuo tergiversare del cantone va “in controtendenza con quanto stanno facendo la maggior parte degli aeroporti proprio per sostenere le loro aziende, viste non solo nella loro attività e funzione, ma soprattutto come poli di eccellenza che assicurano posti di lavoro qualificati (a Locarno sono oltre 200, quasi tutti domiciliati nella regione)”. Il timore dei paladini dell'Aeroporto locarnese è che “l’Esecutivo cantonale ritorni sui suoi passi, facendo così una magra figura nei confronti del Dipartimento federale della difesa per il non rispetto dell’accordo concluso con loro per la centrale di teleriscaldamento a legna, e con le ditte operanti a Locarno per la non concretizzazione del primo progetto previsto dal Masterplan a tutti noto, cioè il rifacimento dell'Hangar 1”.
A questo punto, sia l'Alba, sia l'aero club Locarno sollecitano i parlamentari a intervenire nei confronti dell’Esecutivo cantonale “affinché i due progetti vengano portati avanti e realizzati. Ciò nell’interesse generale dell’aeroporto cantonale e delle ditte che danno lavoro a oltre 200 collaboratori”. Invitano il Consiglio di Stato a un sopralluogo per toccare con mano le condizioni degli stabili del Cantone e auspicano finalmente l'atteso via agli interventi richiesti e finanziati.

Leggi anche:

'Ho visto il portone vibrare e cadere dentro l'hangar'

Sull'Hangar 1 si pianifica, sulla 'stufa' si riflette

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aeroporto alba aero club cantone infrastrutture locarno masterplan
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved