Salernitana
0
Atalanta
0
1. tempo
(0-0)
Ajoie
3
Ambrì
0
2. tempo
(3-0 : 0-0)
Bienne
3
Davos
0
3. tempo
(0-0 : 2-0 : 1-0)
Zugo
1
Friborgo
1
2. tempo
(1-1 : 0-0)
Langnau
1
Zurigo
5
2. tempo
(0-1 : 1-4)
Lakers
4
Losanna
1
3. tempo
(2-0 : 2-0 : 0-1)
Ginevra
2
Lugano
3
2. tempo
(1-1 : 1-2)
locarno-una-strada-per-gaby-e-le-altre
La toponomastica riflette una maniera di interpretare la storia e la realtà (foto archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

‘Imponimento’, chieste condanne per 630 anni complessivi

La proposta è stata avanzata dal procuratore aggiunto e dai due sostituti della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro
Luganese
6 ore

Party illegale al Parco Saroli: interviene la polizia

Oltre un centinaio di giovani si è riunito stanotte per fare festa. Secondo uno di loro, gli agenti avrebbero fatto uso di pallottole di gomma e spray al pepe
Ticino
8 ore

Eitan e il nonno controllati a Lugano? La polizia nega

Shmuel Peleg e il nipote, accompagnati da un misterioso autista, non sarebbero stati fermati prima di giungere all’aeroporto
Locarnese
16 ore

Cannabis, ‘la Svizzera guarda avanti ma il Ticino è fermo’

Il punto con Sergio Regazzoni, coordinatore dell’Associazione cannabis ricreativa. Intanto a Cugnasco-Gerra arrivano 206 firme ‘anti-puzza’ da coltivazione outdoor
Mendrisiotto
16 ore

Salta l’accordo fra Chiasso e Balerna sulle case anziani

Balerna abbandona il progetto di creare un ente autonomo con i vicini. Ma Chiasso è deciso a centrare l’obiettivo, ma in solitaria
Luganese
16 ore

Piscina di Savosa, scatti sott’acqua a caccia della luce

Quattro ballerine, una macchina fotografica e, sullo sfondo, luoghi della cultura: sono gli ingredienti di ’Fluttuazioni Divine’ di Franco Taranto
Ticino
1 gior

La destinazione Ticino è piaciuta anche con la pandemia

Uno studio dell’Università di San Gallo ha fatto emergere il valore turistico del territorio. Attività all’aperto e aree verdi, gli atout su cui puntare
Mendrisiotto
1 gior

Masseria di Vigino, il Cantone assicura la tutela del bene

L’interesse c’è. E anche la disponibilità a cedere il complesso a potenziali promotori (con tanto di sussidi). Purché il progetto sia rispettoso
Luganese
1 gior

Lugano, un pic-nic per sensibilizzare contro il Covid Pass

Si è svolta nella calma l’azione spontanea di protesta in centro città contro le discriminanti disposizioni decise dal Consiglio federale.
Bellinzonese
1 gior

Lumino, il prezzo del nubifragio ammonta a oltre un milione

Il Municipio chiede due crediti per coprire gli interventi già sostenuti e preventivati. Con i sussidi cantonali, l’onere netto per il Comune sarà di 360mila franchi
Ticino
1 gior

Protezione dati, seminari sulla sicurezza

Li ha organizzati il Gruppo di lavoro strategico Cyber sicuro in vista dell’entrata in vigore della nuova legge federale
Bellinzonese
1 gior

‘Parlare di un’attività svolta al meglio sembra un po’ fuori luogo’

Sacha Gobbi e Brenno Martignoni Polti non risparmiano critiche nel rapporto di minoranza sul consuntivo 2020 dell’Ente autonomo Bellinzona Teatro
Locarnese
1 gior

Avegno, assemblea Associazione artigiani e mercato

Domenica 10 ottobre, invece, appuntamento con il Mercato autunnale ad Aurigeno
Ticino
1 gior

‘Custodia extrafamiliare dei figli, aumentare la deduzione’

A chiederlo è un’iniziativa parlamentare elaborata di Ermotti-Lepori (Ppd), riprendendo quanto bocciato a livello federale (ma con il sì ticinese) nel 2020
Ticino
1 gior

Frontalieri, in Italia il nuovo accordo presto in parlamento

Dopo l’incontro a Roma fra Guerra e Stoffel. Via libera anche dai sindacati
Luganese
1 gior

Lugano, scontro fra due auto in via Brentani

Un incidente della circolazione capitato oggi verso le 17 si è risolto senza ferimenti, solo qualche disagio al transito lungo la strada
Mendrisiotto
1 gior

Tre industrie, un Ccl: ‘Un raggiro a scapito dei lavoratori’

L’Uss Ticino e Moesa reagisce a quanto accaduto nel Distretto in vista del salario minimo. ‘Occorre subito una soluzione’
Locarnese
1 gior

Smart border, mobilità sostenibile per Luino e Gambarogno

Presentato il progetto Interreg, che spinge l’uso dei trasporti pubblici e privati collettivi per i frontalieri
Locarnese
1 gior

Elisarion di Minusio, un... Gran Duo

Al Centro culturale e museo domenica alle 17 si esibiranno Carlo Aonzo e Giulio Plotino
Locarnese
02.08.2021 - 09:590
Aggiornamento : 11:20

Locarno, una strada per Gaby (e le altre)

Un'interrogazione dei Verdi di Locarno per valorizzare le figure femminili che hanno contribuito allo sviluppo della società dedicando loro una o più vie

“Scusi? Lei è di qua? Di Locarno?”
“Sì, perché?”
“Ho il natel morto… Che via è questa?”
“Via Gaby Antognini…”
“Via chi?”
“An-to-gni-ni, Gabriella”
“Mai sentita…”
“Beh, non è conosciuta con il nome di battesimo. È ricordata come Gaby. Grande pasionaria natia del Gambarogno, che ha vissuto a Locarno. Se non sbaglio, è nata nel Dieci. Del 1900, si capisce. Poi, a quasi ottant'anni una malattia se l'è portata via. La sua è stata una vita tutt'altro che facile, ha sempre lavorato. Ha iniziato come contadina dopo la licenza elementare. A vent'anni, è entrata in fabbrica, ma non era qualificata. Guadagnava poco più di 2 franchi all'ora e i soldi non bastavano, faceva così un secondo lavoro, la sera e nel fine settimana. Pensi che da pensionata lavorava ancora come aiuto domestico per sopravvivere. Che poi, voleva diventare maestra… ma i problemi finanziari… sa com'è… Mille lavori per sbarcare il lunario però non l'hanno fermata. Gaby era una appassionata militante comunista; vera. Portava notizie alle famiglie dei combattenti ticinesi andati in Spagna per la guerra civile; ha aiutato molti internati dei campi di raccolta durante la Seconda guerra mondiale. Ce n'era uno a Gordola. E i partigiani, ospitandoli e accompagnandoli in montagna… Ricorda Pajetta? Per questo ha pagato diverse multe per aiuto illecito… È stata una donna valorosa: ha lottato per molto tempo anche per il diritto di elezione e voto alle donne, per i diritti dei lavoratori, per i poveri. Molto attiva nella sezione locarnese del Partito del lavoro, è stata la prima donna a entrare in Consiglio comunale a Locarno. Scriveva articoli per «Il Lavoratore», ha lottato per la complementare alle pensioni basse, per le pigioni moderate… Capisce, un impegno politico inesauribile, aveva un carattere molto forte e altruis…”.
“Scusi? Scusi eh… grazie; grazie davvero, ma ora devo proprio andarmene”. (*)

Oggi, a Locarno, un dialogo così è improbabile. Non tanto perché palesemente inventato, quanto piuttosto perché una strada dedicata a Gaby Antognini non esiste. Anzi, a ben guardare nella rete di strade, stradine, piazze e piazzette, vicoli e vicoletti di Locarno parrebbe non esserci una sola via dedicata a una donna. Si penserà “problemi grassi” e apparentemente può sembrare cosa da poco. Tuttavia la toponomastica esclusivamente maschile è specchio di un pensiero radicato di cui nemmeno più ci si accorge, che la dice lunga sulla concezione della storia e su chi l'ha fatta.

Aprire una strada alla riflessione

«È una mentalità insita di cui non si fa più caso ed è sintomatica delle scelte politiche. Naturalmente non si vuole colpevolizzare nessuno. Però siamo in un periodo di transizione e forse è il momento giusto per rivendicare uno spazio pubblico per le donne che hanno contribuito con impegno e dedizione allo sviluppo della nostra società, riconoscendo la loro importanza e il loro valore». È quanto chiede l'interrogazione “Nomi di vie e piazze dedicate a donne che hanno influenzato la nostra storia e la nostra società” inviata al Municipio di Locarno il 1° luglio scorso dalla consigliera comunale dei Verdi Francesca Machado-Zorrilla (suo il virgolettato) e cofirmatari Viktoria Kitanova, Sheila Mileto e Marko Antunovic (tutti dei Verdi). «La nostra intenzione è lanciare uno spunto di discussione, affinché si rifletta non tanto sul fatto che non ci siano strade dedicate a figure femminili, quanto sulla ragione di questa assenza», spiega Machado-Zorrilla.

Sul piano generale, «la denominazione di vie e piazze – afferma – rispecchia l'identificazione del territorio dal punto di vista storico e sociale. Dà informazioni su quel territorio. La toponomastica è, oltre che un sistema di orientamento, uno strumento che permette di leggere la realtà e interpretarla». Quindi se attraversiamo via Gioacchino Respini, Francesco Balli, Rinaldo Simen, Vincenzo d'Alberti, Domenico Galli, Serafino Balestra, Bartolomeo Varenna si penserà che il nostro passato è stato segnato e costituito unicamente da figure maschili illustri (fors'anche solo inconsciamente). «Dedicare una strada pubblica a una figura storica è un atto simbolico potente, l'insieme dà quindi forma a un ritratto della città sul piano sì geografico, ma soprattutto sociale e culturale, disegnando pure un quadro dell'orientamento seguito dall'amministrazione comunale».

La voce delle donne è spesso e volentieri silenziata nella storiografia, perché considerate subalterne. Quindi la storia l'hanno scritta gli uomini e perciò, se non si considera questo fatto, può parere che le donne non vi abbiano mai partecipato e quindi non vi hanno contribuito. Ma non è così. «Le donne, nella storia, ci insegnano la cooperazione, l'andare oltre gli steccati partitici per lavorare assieme per il bene comune. E a Locarno – come nel resto della regione e del Cantone – hanno vissuto donne illustri che hanno operato in diversi ambiti della società, contribuendovi significativamente». Linda Alliata, Joe Bressani, Natalia Nordman, Patricia Roc, Irene Marcionetti – tanto per citarne alcune – sono state donne di cultura. E ancora, Elda Marazzi, Rosita Mattei, Arianna Dalessi e Gaby Antognini che sono state attive a livello sociale, civile e politico.

Ridisegnare una prospettiva di genere partendo dalla strada

Nel testo del 1° luglio, gli autori chiedono all'esecutivo cittadino, fra l'altro, di sapere quante piazze e vie in città son dedicate a personalità femminili. «Ridisegnare una prospettiva di genere (come scritto nell'interrogazione) non è un'impresa impossibile, partendo proprio dai nomi delle strade – ribadisce Machado-Zorrilla –. Tempo fa, i Verdi di Mendrisio hanno sollecitato il Comune (interrogazione del 2018, dello stesso anno anche un'altra dei Verdi di Bellinzona; ndr), che si è mosso in questo senso. Ci vuole la volontà politica», ricorda. L'intento – chiarisce – non è quello di cambiare dedica alle vie, per lo meno non a quelle “storiche”, ma pensare di nominare le nuove strade e i nuovi angoli di una città in trasformazione: «Come in via Passetto, c'è una nuova piazzetta, ecco quella potrebbe essere dedicata a Gaby Antognini, che per altro abitava a pochi passi; in via Bartolomeo Varenna», propone l'interlocutrice.

(*) Su Gabriella Antognini (Gaby) si rimanda alla biografia redatta da Arianna Clerici per il progetto ‘Tracce di donne’ dell'Associazione archivi riuniti donne Ticino (Aardt).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved