ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 min

Torna il Carnevale di Pedrinate

L’appuntamento è per il prossimo weekend nel salone comunale del paese
Locarnese
1 ora

Una nuova direzione per lo sviluppo del PalaCinema

Migliorare le sinergie tra gli inquilini, promuovere attività culturali e formative nel campo della settima arte le sfide che attendono il nuovo direttore
Locarnese
1 ora

Un corso per gestire le emergenze con bambini

Lo organizza la Sezione Samaritani Bassa Vallemaggia sabato 11 febbraio a Gordevio, seguito il 20 febbraio da uno sull’uso del defibrillatore
Luganese
2 ore

Blackout nel Luganese, quasi un’ora senza corrente

La causa è stata un guasto alla rete nazionale Swissgrid.
Ticino
3 ore

Attività invernali e fauna selvatica: prove di... convivenza

Quattro regole per non violare le ‘zone di tranquillità’: con ‘Rispetto è protezione – Sport sulla neve e rispetto’ Nature-Loisirs sbarca in Ticino
Mendrisiotto
3 ore

Ecco i pasti pronti che scaldano il cuore

L’associazione Lì&Là si occupa di fornire pranzi e cene alle famiglie con figli ospedalizzati. Un’idea nata dall’esperienza personale di Sveva
Bellinzonese
3 ore

A Bellinzona un centinaio di abitanti in più dal Luganese

Considerando arrivi e partenze, dai dati sulla popolazione emerge un saldo positivo (di circa 50 unità) pure da Locarnese, Tre Valli e Mendrisiotto
Gallery
Locarnese
6 ore

In Parlamento per promuovere il diritto all’accessibilità

Marco Altomare, 29enne di Losone, soffre di una malattia genetica rara. Ma questo non gli impedisce di tentare la carta del Gran Consiglio
laR
 
07.07.2021 - 05:30
Aggiornamento: 11:03

Spazi pubblici del centro urbano, definita la strategia

Locarno, per il concetto 'Nouvelle Belle Époque' si parte da una progettazione di massima per l'intero comparto e da una definitiva per le aree prioritarie

spazi-pubblici-del-centro-urbano-definita-la-strategia
I progetti selezionati sono stati esposti al Palacinema

Una progettazione di massima per l’intera area oggetto del concorso – 43mila metri quadrati di territorio dal lago alla Rotonda di Piazza Castello – più, contemporaneamente, una progettazione definitiva per le due aree ai margini della superficie stessa, ovverosia a est Largo Zorzi dal debarcadero fino all’altezza grossomodo del Globus, e a ovest piazzetta Remo Rossi con via Rusca. Proprio dagli “esterni” si partirà poi, concretamente, per sviluppare a tappe il grande progetto di riordino degli spazi pubblici del centro urbano di Locarno.

Vuole velocizzare la procedura il municipale responsabile di progetto, Bruno Buzzini. «Perchè – dice alla ‘Regione’ – i tempi della politica sono già sufficientemente lunghi ed è necessario pertanto avanzare tecnicamente “a doppia casella” quando è possibile». Il tema è stato affrontato in occasione di un incontro tenuto da Buzzini stesso, dal capotecnico André Engelhardt e dall’architetto Paolo Canevascini con i rappresentanti della comunità di lavoro che, con il progetto “Nouvelle Belle Époque”, ha vinto il concorso internazionale; comunità di lavoro che è formata da Studio We architetti, Pool Architekten, Guscetti studio d’architettura e Rotzler.Land e Linea landscape architecture.

«La premessa è sempre che la realizzazione avverrà a tappe, tenendo conto di diversi aspetti, fra cui la capacità finanziaria della Città e gli altri progetti correlati con lo spazio pubblico, fra cui l’ampliamento dell’autosilo – considera Buzzini –. Gli architetti hanno giustamente chiesto di sviluppare subito una progettazione di massima per l’intero comparto, in maniera tale da mantenere il concetto unitario voluto con il concorso. Dal canto mio ho chiesto di includere nel primo mandato non solo questa progettazione di massima, ma anche quella definitiva inerente alle tappe d’intervento che il Municipio considera prioritarie». In parallelo, verrà effettuata una valutazione circa l’ampliamento dell’autosilo in Largo Zorzi, sarà affrontato il tema delle terrazze dei ristoranti di piazza Grande, nonché conferito un mandato distinto a uno specialista d’illuminotecnica per “vestire” di luce il nuovo assetto degli spazi pubblici del centro urbano.

Al concorso internazionale avevano aderito in 42, poi v’era stata una scrematura a 15 che aveva portato alla vittoria della “Nouvelle Belle Époque”. A suo tempo si era parlato di una prima tappa del progetto in cantiere già fra il 2023 e il 2024, ma è ovvio che le scelte non potranno non tenere conto di una situazione finanziaria gravata delle conseguenze dell’emergenza sanitaria e sociale in atto.D.MAR.

Leggi anche:

Locarno, scelto il nuovo volto del centro

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved