morte-alla-palma-rinviato-il-giudizio
Ti-Press
La Scientifica al lavoro nella camera 501
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
4 ore

Muralto, botte in stazione: commozione celebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è successo nel tardo pomeriggio di oggi: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
8 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
8 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
8 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
8 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
9 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
9 ore

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
9 ore

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
10 ore

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
11 ore

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
Ticino
11 ore

‘Cavalli di razza’ sul banco degli imputati

’ndrangheta, prime decisioni giudiziarie in Italia sull’operazione che interessò anche il Ticino. I verbali del pentito
Ticino
11 ore

Tra aumento delle ditte senza notifica e lo spettro malaedilizia

Il bilancio 2021 dell’Associazione interprofessionale di controllo. Ambrosetti: ‘Sempre più permessi di corta durata’. Bagnovini: ‘Importante segnalare’
Mendrisiotto
11 ore

Corsie A2, ‘nessuna considerazione per il Distretto a Berna’

Il Plr di Mendrisio contesta il modus operandi dei servizi federali. ‘Si dia la precedenza ad AlpTransit a sud’
Video
Bellinzonese
11 ore

Riaperto il Passo del San Gottardo

Dalle ore 16 di oggi la strada è transitabile. Piccola colonna di auto e moto già sul posto all’ora indicata per la riapertura. Guarda il video
Grigioni
11 ore

Sport all’aria aperta: a Cama arriva il MisoXperience

Una settimana di opportunità per principianti, professionisti e famiglie tra workshop, gare, corsi e giornate dedicate
Locarnese
12 ore

Minusio e Chiasso, classi premiate in campo ecologico

La classe della 5ª D ha ottenuto un riconoscimento nell’ambito di un progetto transfrontaliero sulla biodiversità. Pure la 4ª A di Chiasso agli onori
Luganese
12 ore

A Lugano una strada dedicata a Mario Agliati

Lo ha deciso il Municipio, gli verrà assegnata una strada del centro città
Muralto
30.06.2021 - 17:46
Aggiornamento : 21:33

Morte alla Palma, rinviato il giudizio

Slitta per ulteriori accertamenti il processo alle Criminali previsto da domani

I risultati da laboratorio su “alcune tracce in atti” giustificano ulteriori approfondimenti scientifici presso un laboratorio esterno, che “non hanno potuto essere ordinati anzitempo”. Pertanto, il processo per l'omicidio all'albergo La Palma di Muralto, che avrebbe dovuto iniziare domani mattina a Lugano, è stato rinviato a data da stabilire.

È con un annuncio a tempo praticamente scaduto, che il Tribunale penale ha sgonfiato l'attesa per il dibattimento al via. La decisione è ovviamente del giudice Mauro Ermani, presidente di una Corte di Assise criminali chiamata a rispondere alla grande domanda se la morte della 22enne inglese, rinvenuta cadavere nella camera d'albergo la mattina del 9 aprile 2019, sia stata causata da un gioco erotico finito tragicamente, oppure se all'origine del decesso via sia stato altro, forse anche premeditazione. 

Alla sbarra, difeso dall’avvocato Yasar Ravi, domani avrebbe dovuto comparire il giovane di nazionalità tedesca, ma residente a Zurigo, che della vittima era il fidanzato. Arrestato il giorno del dramma, non è ancora uscito di prigione ed è tuttora in espiazione anticipata della pena. L'accusa, pesantissima, è quella di assassinio. 

In aula, quando il processo verrà aggiornato sulla base delle nuove risultanze, verrà ripercorsa una storia di devianze, debiti, frizioni, di uno strano rapporto di coppia che con la vorace complicità dei social era diventato di pubblico dominio, con vasta eco internazionale. Per la procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis, titolare dell’inchiesta, un inedito cimento giudiziario vissuto sotto la sinistra luce di una “privacy” pesantemente violata. D’altra parte quando sesso, soldi e sangue s’incontrano non c’è mai da aspettarsi niente di buono.

La tragica vicenda era idealmente uscita dalla camera d’albergo alle prime luci del mattino, quando l’uomo, un giovanotto sulla trentina, si era precipitato alla “reception” del 4 stelle sostenendo che la sua fidanzata, riversa nel bagno, non dava più segni di vita. Secondo la versione dell’imputato, la scoperta sarebbe avvenuta pochi minuti prima, praticamente al risveglio. La ragazza non era nel letto, ma nel locale bagno. Sembrava morta. L’addetto dell’hotel era salito insieme al giovane, con lui aveva verificato la situazione e immediatamente chiamato l’ambulanza. Giunto sul posto in pochissimi minuti, il personale sanitario nulla aveva potuto fare se non operare un disperato tentativo di rianimazione e infine constatare il decesso della giovane. La causa: soffocamento.

Fin da subito il castello difensivo edificato dal giovane aveva denotato qualche crepa. Questo, in relazione diretta con quanto da egli stesso affermato, ovverosia che la tragedia si era verificata al culmine di un gioco erotico che proprio nell’asfissia ha la sua ragion d’essere. Nel caso specifico, il sottile confine fra amplesso, ricerca del piacere e dramma sarebbe stato inavvertitamente superato. Ma quando? Con ogni probabilità nel corso della notte, dopo che dalla stanza 501 si erano levati dei rumori tanto disturbanti da rendere necessario un intervento del personale alberghiero. C’era stato un litigio, i vicini di stanza avevano sentito dei lamenti, qualcuno piangere, addirittura si era detto di una minaccia di morte. La situazione era rapidamente tornata nella normalità; da lì, si presume, il gioco erotico che i due giovani erano soliti fare per appianare i numerosi dissidi. Gioco che secondo l’imputato terminava spesso con lo svenimento della vittima. Salvo l’ultima volta. È agghiacciante anche solo immaginare che quella che nel corridoio poteva venire percepita come ritrovata calma fosse il silenzio meditabondo di un ragazzo con un cadavere accanto.

Debiti, truffe, violenza

Indizi significativi erano arrivati dopo, in corso d’indagine. Grazie ad essi, del giovane era stato delineato un profilo particolare, problematico, ben lontano da quello che sarebbe lecito attendersi da un trentenne che porta in vacanza l’amica di 22 anni. L’uomo, occasionalmente occupato come buttafuori, ha un’importante relazione alle spalle. E debiti, anche nei confronti della ex compagna, cui oltretutto non sempre aveva versato gli alimenti a favore dei due figli avuti assieme. Poi c’era una rendita di invalidità ottenuta per un infortunio automobilistico patito in Germania, e percepita anche fornendo alla Suva certificati falsi. Ma anche viaggi, costose vacanze all’estero. Proprio in occasione di una di queste, in Thailandia, 4 mesi prima della tragedia, era avvenuto l’incontro con la 22enne. Un altro elemento, potenzialmente determinante, è legato al ritrovamento della carta di credito della ragazza nella plafonatura dell’ascensore dell’albergo. Come, ma soprattutto perché ci era finita? L’accusato, in uno dei circa 20 interrogatori sostenuti davanti alla procuratrice pubblica, si era giustificato dicendo di averla occultata per poterne liberamente disporre al momento di fare il “check-out”. Una carta di credito peraltro “pesante”, se consideriamo che pochi giorni prima della tragedia era stata rimpolpata grazie ad un bonifico di 30mila franchi da parte di uno zio particolarmente generoso (e di quei 30mila, circa 10mila erano stati spesi dalla coppia in men che non si dica).

Per Mauro Ermani – che presiederà la Corte formata anche dai giudici a latere Monica Sartori-Lombardi e Luca Zorzi, nonché da una giuria popolare – non sarà certo evidente fare chiarezza penale, così come non lo è stato per la magistrata che ha indagato. Non per niente in subordine all’accusa principale di assassinio vi sono quelle di omicidio intenzionale, ma anche di omicidio colposo. Fra gli altri reati inseriti nell’atto d’accusa vi sono l’appropriazione indebita (subordinatamente semplice), il ripetuto ottenimento illecito di prestazioni di un’assicurazione sociale o dell’aiuto sociale (subordinatamente la contravvenzione alla Lainf), la ripetuta falsità in documenti, delle lesioni gravi (in subordine semplici) e un’aggressione riguardanti un pestaggio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assassinio assise criminali locarno gioco erotico la palma muralto processo
Ti-Press
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved