allarme-tempeste-il-problema-e-il-fattore-sorpresa
Ti-Press
Anche i laghi, nel loro piccolo, s'arrabbiano
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 min

Un convegno sul consumo eccessivo di alcol

Il Dipartimento sanità e socialità, Ingrado, Ticino Addiction e Radix promuovono una conferenza sui rischi del bere troppo
Locarnese
1 min

Avanza l’inchiesta sui fatti di Solduno, oggi la ricostruzione

Dopo la consegna della perizia sul ventenne sangallese in aprile, gli inquirenti tornano sul luogo della sparatoria per ricrearne le dinamiche
Luganese
7 min

‘Il-rispetto-non-ha-età’: la polizia di Lugano gioca d’anticipo

Presentata la campagna di sensibilizzazione ’mirata a promuovere una serena convivenza tra chi ha il diritto di divertirsi e chi di riposare’
Locarnese
8 min

Locarno, Alzheimer Café con Anna Margani 

La direttrice Casa VitaCore, a S. Antonino, proporrà una riflessione sull’accompagnamento nella malattia
Bellinzonese
8 min

Un successo il ritorno dell’accademia della Sfg Bellinzona

Dopo due anni la Società è tornata a organizzare la manifestazione, tenutasi per la prima volta allo stadio Comunale davanti a un migliaio di persone
Locarnese
10 min

Il secondo tiro obbligatorio allo stand di Cevio

Mercoledì 25 maggio tra le 16 e le 19, organizzato dalla società Tiratori Vallemaggia
Locarnese
15 min

Pedemonte, Associazione Amici Tre Terre in assemblea

La riunione si terrà a Cavigliano. Oltre al rendiconto finanziario spazio alle nomine statutarie e a una discussione sulle finanze
Mendrisiotto
16 min

Porte aperte agli scavi paleontologici sul San Giorgio

Per un giorno si potrà vedere da vicino il lavoro dei ricercatori in uno tra i più importanti giacimenti fossiliferi al mondo
Locarnese
23 min

Ascona, una conferenza sul linguaggio d’odio

‘Fare male con le parole’ è la tematica dell’incontro organizzato da Agorà Ascona con il direttore delle Biblioteche cantonali, Stefano Vassere
Bellinzonese
31 min

Biasca, un progetto a sostegno delle famiglie fragili

Mercoledì 8 giugno dalle 20 alla Casa Cav. Pellanda sarà presentata l‘iniziativa ‘Una famiglia per una famiglia’
Locarnese
55 min

Fermata Tilo: ‘Niente votazione, ma chiedo accorgimenti’

Minusio, Tiziano Tommasini intende rinunciare alla chiamata alle urne contro uno dei due crediti contestati (ma potrebbe doverla confermare)
Mendrisiotto
57 min

Cade il carcere per il cacciatore che uccise per sbaglio l’amico

I giudici della Corte di appello hanno ridotto e sospeso a 2 anni la condanna per omicidio colposo all’autore, un 53enne del Mendrisiotto
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio, al campo Adorna arrivano le finali di Coppa allievi

L’appuntamento è per questo giovedì. A sfidarsi saranno i migliori giovani calciatori del cantone.
Locarnese
1 ora

Passeggiate guidate alla scoperta di Ronco s/Ascona

Mercoledì 25 maggio per riscoprire la vita nel passato, mentre domenica 29 maggio per conoscere le peculiarità urbanistiche e paesaggistiche
23.06.2021 - 05:30
Aggiornamento : 16:10

Allarme tempeste, il problema è il fattore sorpresa

Il sistema di allerta lacustre, messo in discussione da un velista, è all'avanguardia e funziona. Luraschi: “Criticità possibili con eventi meteorologici repentini”

«Una barca era sul lago, ed è arrivato un vento molto aggressivo. Ho visto dalla mia terrazza che era in difficoltà, e con essa le due persone a bordo. Hanno provato ad avvicinarsi alla riva ma non riuscivano. Non era quasi più timonabile». Sembra la sceneggiatura di un thriller lacustre, l'inizio del racconto di Peter Schmidle, da 60 anni esperto velista e canottiere. Che continua: «Sono corso al lago. Volevano legarsi a una boa ma la donna non aveva abbastanza forza per tenere la barca. Ho detto loro di avvicinarsi a una zattera, così ho salvato la situazione. Sono salito sulla barca e l’ho portata verso il porto di Locarno. Erano molto contenti perché erano svizzero-tedeschi e non conoscevano il nostro lago. Anche in questo caso le luci non si sono accese, sarebbe stato importantissimo. Il sistema non è affidabile».

Il punto della questione è proprio nell'ultima affermazione: il sistema non è (non sarebbe, secondo Schmidle) affidabile. Il velista si riferisce al sistema di allarme tempeste – una luce fra Mappo e Tenero, più due alle Isole di Brissago, una per isola – che non sempre entrerebbe in funzione quando servirebbe. Sabato 5 giugno – il giorno con l'episodio descritto da Schmidle – “c'era una regata. Si sapeva da giorni che c’era il pericolo di temporali nel pomeriggio, però i 3 o 4 siti per la meteo fornivano dati molto diversi. È molto complicato fare una previsione esatta seguendoli. All’inizio c’era un vento normale, quindi è stato dato il via, poi dopo un’ora ha girato completamente, c’erano tante raffiche forti. La regata era in corso, c’erano 88 barche, anche famiglie con bambini piccoli, velisti con cani a bordo. In 2 o 3 si sono capovolte, è normale, ma due barche hanno strappato le vele. Così il comitato ha deciso di annullare la competizione per evitare gravi incidenti. Era la decisione giusta».

Ma a monte, qualcosa non avrebbe funzionato nel sistema di allarme. «Ho parlato con il responsabile Luraschi della Lacuale tante volte – ricorda Schmidle –. Mi ha spiegato che le cose sono complicate. Non sono solo loro a gestire il sistema di allarme, c’è pure Locarno Monti, Zurigo, la Polizia di Locarno. Troppe persone coinvolte, insomma. Normalmente queste luci di avvertimento hanno lo scopo di dare l’allerta per tempeste, così si evita il pericolo. Dovrebbero essere accese 15-30 minuti prima dell’arrivo dei venti forti, per dire di avvicinarsi a terra. Ma non hanno funzionato. Così come è ora, il sistema è inutile. Sono già 2-3 anni che ci sono questi problemi. Ho nuovamente chiamato la polizia lacuale, si rimpallano la questione: nessuno si assume la responsabilità».

La responsabilità istituzionale è della Sezione della circolazione, servizio navigazione. È lei, in base all'articolo 4 del Regolamento della Legge cantonale d’applicazione alla Legge federale sulla navigazione interna, che si occupa della posa e della manutenzione dell’impianto. Dice il caposezione aggiunto Aldo Barboni: «La gestione del funzionamento avviene da parte della Centrale di comando della Polizia cantonale sulla base delle informazioni ricevute dall’Ufficio federale di meteorologia e climatologia MeteoSvizzera a Locarno-Monti. L’accensione e lo spegnimento sono di competenza degli enti appena citati, in quanto aggiornati costantemente sulla situazione meteorologica».

Barboni entra nel merito della citata Ordinanza, e lo fa riferendosi all'articolo 40: «Il capoverso 1 regolamenta il segnale H1, avviso di vento forte (luce arancione intermittente con circa 40 accensioni al minuto). L’attivazione avviene in caso di pericolo per l’avvicinarsi di venti con raffiche da 25 a 33 nodi (ca. 46-61 km/h), senza precisare l’ora. L’avviso viene emesso il più presto possibile sui dati rilevati dall’Ufficio federale di meteorologia e climatologia MeteoSvizzera. L'articolo 2 regolamenta il segnale H2, avviso di tempesta (luce arancione intermittente con circa 90 accensioni al minuto). L’attivazione avviene in caso di pericolo per l’avvicinarsi di venti con raffiche superiori a 33 nodi (circa. 61 km/h). L’avviso viene sempre emesso sui dati rilevati dall’Ufficio federale di meteorologia e climatologia MeteoSvizzera». Il sistema, garantisce Barboni, «è all’avanguardia. Nel 2019 è stato aggiornato con il passaggio dalla rete dati mobili 2G alla rete 4G».

Fatto sta che sabato 5 giugno – se davvero le condizioni meteo erano tali da giustificare gli allarmi – qualcosa non avrebbe effettivamente funzionato. Contattato nel merito, il responsabile della Polizia lacuale Marcel Luraschi evidenzia che «il sistema è sempre più affidabile grazie alle modifiche apportate, in particolare con la tecnologia 4G. In caso di eventi meteorologici repentini vi è comunque un margine di criticità. Non bisogna infine dimenticare che il responsabile unico di quanto avviene sulle imbarcazioni è chi è alla guida della stessa, che deve saper valutare la situazione».  Per altro, è anche vero che la tecnologia può a volte riservare qualche sorpresa. Ma si tratterebbe di casi isolati.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
avviso polizia lacuale sistema allarme tempeste velista
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved