allarme-tempeste-il-problema-e-il-fattore-sorpresa
Ti-Press
Anche i laghi, nel loro piccolo, s'arrabbiano
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Ronco s/Ascona: e vissero tutti felici e contenti

Col progetto ‘Comune sano’ lanciato dalla Confederazione, il Municipio intende migliorare la qualità della vita e soddisfare le aspettative dei cittadini
Ticino
3 ore

Sergi: ‘Livelli, il no all’emendamento è stato coerente’

I tre voti contrari alla sperimentazione dell’Mps sono stati decisivi. Il coordinatore ribatte colpo su colpo alle accuse da sinistra: serve vera riforma
Mendrisiotto
3 ore

Il sacerdote denunciato torna a dire messa

Anche se l’inchiesta è ancora in corso, il vescovo Lazzeri ha ritenuto che ci sono i presupposti per il ritorno, nel fine settimana, in parrocchia
Ticino
10 ore

Antonini colpevole di uno solo dei tre reati prospettati

L’ex comandante delle Guardie di confine, ‘licenziato prima che si giungesse a una sentenza’, è stato condannato per falsità in documenti
Ticino
12 ore

La Lega: è giunta l’ora di abolire le restrizioni

‘La situazione pandemica è sotto controllo, quella economica è invece preoccupante’. Mozione urgente al Consiglio di Stato
Ticino
12 ore

Sciopero dei ferrovieri in Italia

Da domenica 30 gennaio alle ore 3 fino a lunedì 31 gennaio alle ore 2. Sono previsti disagi nei collegamenti transfrontalieri Tilo
Mendrisiotto
12 ore

Centro storico a Mendrisio, controlli e sensibilizzazione

Questa la strategia della Città per richiamare al rispetto delle regole della circolazione all’interno delle zone pedonali
Ticino
13 ore

‘Il centro educativo chiuso di Arbedo è una necessità’

Per il magistrato dei minori Reto Medici la struttura permetterebbe di recuperare decine di giovani l’anno. Incarti stabili, ma reati violenti in aumento
Lugano
13 ore

Da revisione interna a controllo finanze

La Commissione petizioni cittadina approva l’operazione
Ticino
14 ore

Cresce l’interesse per la Città dei mestieri

Nel secondo anno di attività sono state oltre 7’600 le persone (+70%) che si sono rivolte alla sede bellinzonese che ora è nella rete internazionale
Bellinzonese
14 ore

Finisce al Tram l’ampliamento scolastico di Castione

Confinanti e Amica impugnano la decisione governativa ritenendo eccessiva l’altezza di 12 metri e irrisolta la questione viaria
Mendrisiotto
14 ore

Chiasso festeggia i 100 anni di Celestina Varallo

La neocentenaria, ospite di Casa Giardino, ha ricevuto anche gli auguri del sindaco di Chiasso
Ticino
14 ore

I radar della prima settimana di febbraio

Da Polmengo a Balerna i controlli della Polizia cantonale e di quelle comunali
Locarnese
15 ore

Agarone, interruzione di corrente ma non per tutti

Il 2 febbraio dalle 8.15 alle 11.15 soltanto una parte degli stabili rimarrà senza elettricità per lavori sulla linea di trasporto bassa tensione
23.06.2021 - 05:300
Aggiornamento : 16:10

Allarme tempeste, il problema è il fattore sorpresa

Il sistema di allerta lacustre, messo in discussione da un velista, è all'avanguardia e funziona. Luraschi: “Criticità possibili con eventi meteorologici repentini”

«Una barca era sul lago, ed è arrivato un vento molto aggressivo. Ho visto dalla mia terrazza che era in difficoltà, e con essa le due persone a bordo. Hanno provato ad avvicinarsi alla riva ma non riuscivano. Non era quasi più timonabile». Sembra la sceneggiatura di un thriller lacustre, l'inizio del racconto di Peter Schmidle, da 60 anni esperto velista e canottiere. Che continua: «Sono corso al lago. Volevano legarsi a una boa ma la donna non aveva abbastanza forza per tenere la barca. Ho detto loro di avvicinarsi a una zattera, così ho salvato la situazione. Sono salito sulla barca e l’ho portata verso il porto di Locarno. Erano molto contenti perché erano svizzero-tedeschi e non conoscevano il nostro lago. Anche in questo caso le luci non si sono accese, sarebbe stato importantissimo. Il sistema non è affidabile».

Il punto della questione è proprio nell'ultima affermazione: il sistema non è (non sarebbe, secondo Schmidle) affidabile. Il velista si riferisce al sistema di allarme tempeste – una luce fra Mappo e Tenero, più due alle Isole di Brissago, una per isola – che non sempre entrerebbe in funzione quando servirebbe. Sabato 5 giugno – il giorno con l'episodio descritto da Schmidle – “c'era una regata. Si sapeva da giorni che c’era il pericolo di temporali nel pomeriggio, però i 3 o 4 siti per la meteo fornivano dati molto diversi. È molto complicato fare una previsione esatta seguendoli. All’inizio c’era un vento normale, quindi è stato dato il via, poi dopo un’ora ha girato completamente, c’erano tante raffiche forti. La regata era in corso, c’erano 88 barche, anche famiglie con bambini piccoli, velisti con cani a bordo. In 2 o 3 si sono capovolte, è normale, ma due barche hanno strappato le vele. Così il comitato ha deciso di annullare la competizione per evitare gravi incidenti. Era la decisione giusta».

Ma a monte, qualcosa non avrebbe funzionato nel sistema di allarme. «Ho parlato con il responsabile Luraschi della Lacuale tante volte – ricorda Schmidle –. Mi ha spiegato che le cose sono complicate. Non sono solo loro a gestire il sistema di allarme, c’è pure Locarno Monti, Zurigo, la Polizia di Locarno. Troppe persone coinvolte, insomma. Normalmente queste luci di avvertimento hanno lo scopo di dare l’allerta per tempeste, così si evita il pericolo. Dovrebbero essere accese 15-30 minuti prima dell’arrivo dei venti forti, per dire di avvicinarsi a terra. Ma non hanno funzionato. Così come è ora, il sistema è inutile. Sono già 2-3 anni che ci sono questi problemi. Ho nuovamente chiamato la polizia lacuale, si rimpallano la questione: nessuno si assume la responsabilità».

La responsabilità istituzionale è della Sezione della circolazione, servizio navigazione. È lei, in base all'articolo 4 del Regolamento della Legge cantonale d’applicazione alla Legge federale sulla navigazione interna, che si occupa della posa e della manutenzione dell’impianto. Dice il caposezione aggiunto Aldo Barboni: «La gestione del funzionamento avviene da parte della Centrale di comando della Polizia cantonale sulla base delle informazioni ricevute dall’Ufficio federale di meteorologia e climatologia MeteoSvizzera a Locarno-Monti. L’accensione e lo spegnimento sono di competenza degli enti appena citati, in quanto aggiornati costantemente sulla situazione meteorologica».

Barboni entra nel merito della citata Ordinanza, e lo fa riferendosi all'articolo 40: «Il capoverso 1 regolamenta il segnale H1, avviso di vento forte (luce arancione intermittente con circa 40 accensioni al minuto). L’attivazione avviene in caso di pericolo per l’avvicinarsi di venti con raffiche da 25 a 33 nodi (ca. 46-61 km/h), senza precisare l’ora. L’avviso viene emesso il più presto possibile sui dati rilevati dall’Ufficio federale di meteorologia e climatologia MeteoSvizzera. L'articolo 2 regolamenta il segnale H2, avviso di tempesta (luce arancione intermittente con circa 90 accensioni al minuto). L’attivazione avviene in caso di pericolo per l’avvicinarsi di venti con raffiche superiori a 33 nodi (circa. 61 km/h). L’avviso viene sempre emesso sui dati rilevati dall’Ufficio federale di meteorologia e climatologia MeteoSvizzera». Il sistema, garantisce Barboni, «è all’avanguardia. Nel 2019 è stato aggiornato con il passaggio dalla rete dati mobili 2G alla rete 4G».

Fatto sta che sabato 5 giugno – se davvero le condizioni meteo erano tali da giustificare gli allarmi – qualcosa non avrebbe effettivamente funzionato. Contattato nel merito, il responsabile della Polizia lacuale Marcel Luraschi evidenzia che «il sistema è sempre più affidabile grazie alle modifiche apportate, in particolare con la tecnologia 4G. In caso di eventi meteorologici repentini vi è comunque un margine di criticità. Non bisogna infine dimenticare che il responsabile unico di quanto avviene sulle imbarcazioni è chi è alla guida della stessa, che deve saper valutare la situazione».  Per altro, è anche vero che la tecnologia può a volte riservare qualche sorpresa. Ma si tratterebbe di casi isolati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved