progetti-aeroporto-perche-l-ufam-nicchia-cosi
Ti-Press
L'aeroporto di Locarno è sempre in attesa
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Fotovoltaico e aziende, giovedì 25 terzo e ultimo incontro

Promosso dal Dipartimento del territorio in collaborazione con la Cc-Ti, si terrà a S.Antonino nella Sala Multiuso
Luganese
2 ore

‘Devo allenarmi per l’uni ma... che fatica trovare spazi’

Prepararsi per l’ammissione alla facoltà di sport, tra vincoli comunali e cantonali e difficoltà a trovare una palestra: la testimonianza e le repliche
Ticino
3 ore

Pedibus, tra sicurezza ed ecologia

A oggi in Ticino oltre 1’300 bambini usufruiscono dei percorsi ufficiali, all’insegna di una mobilità sostenibile e più green
Mendrisiotto
3 ore

‘Fughe’ di cloro in piscina, chiudono tre vasche su quattro

Soluzione di compromesso di Chiasso davanti alla richiesta di Vacallo di archiviare la stagione balneare. Obiettivo comune, tutelare la falda idrica
Luganese
3 ore

‘Ha sede legale a Lugano’ lo Stato Antartico di San Giorgio

Lo studio di via Pioda valuta provvedimenti a tutela della propria immagine dopo essere stato tirato in ballo da persone finite sotto inchiesta in Italia
Mendrisiotto
3 ore

Operatore di prossimità, a Mendrisio c’è il bando

La Città cerca una figura a metà tempo a partire dal gennaio prossimo. L’assunzione segue la decisione di staccarsi dal Servizio regionale
Bellinzonese
3 ore

Lumino: contro pericoli naturali e roghi si punta pure sul bosco

Chiesti al Cc 50mila franchi per elaborare un piano di gestione del territorio forestale e prevedere strutture idonee per contrastare gli incendi
16.06.2021 - 16:10

Progetti aeroporto, ‘perchè l'Ufam nicchia così?’

Interpellanza al Consiglio federale dei deputati Regazzi, Candinas, Cattaneo, Quadri e Romano sui tempi decisionali

”Come si spiega che due progetti in procedura di approvazione finale sono fermi da diversi anni all'Ufficio federale dell'ambiente?”. È la domanda posta al Consiglio federale da un'interpellanza del consigliere nazionale Fabio Regazzi in relazione a quanto (non) sta succedendo all'aeroporto di Locarno. Unitamente a quella di Regazzi, l'atto reca le firme di Martin Cardinas, Rocco Cattaneo, Lorenzo Quadri e Marco Romano.

Le opere, in fase di approvazione federale finale, sono la sostituzione delle luci della pista principale (installate negli anni 70 dello scorso secolo) ed il progetto cantonale di miniallungamento ad est (lontano dal lago) della stessa pista, nonché alcuni altri aggiornamenti delle vie di rullaggio e dell'area di stazionamento degli aeromobili.

Partendo dal presupposto che “l'aeroporto di Locarno ha una chiara valenza nazionale e che ciò è confermato da tutte le decisioni pianificatorie del Consiglio federale e del Consiglio di Stato ticinese”, i firmatari dell'interpellanza chiedono innanzitutto se vi siano “elementi nuovi che rimettono in discussione questa consolidata situazione”; e se sì, quali. Poi, nel merito dei singoli progetti, quello di sostituzione delle luci pista non ha ancora il preavviso dell'Ufam: “Come si spiega che un progetto semplice come questo, che non modifica in alcuno modo le attività di volo di Locarno e che contribuisce a migliorare la sicurezza, rimanga bloccato per anni? Il Consiglio federale lo ritiene accettabile?”, è il quesito posto al Consiglio federale.

Quanto all'allungamento della pista principale, “è stato ridotto al solo miniallungamento ad est ed appesantito da una serie di nuove limitazioni alle attività di volo. La procedura di approvazione di progetto è iniziata a fine 2019. Come mai a più di un anno e mezzo l'Ufam non si è ancora determinato?”. L'ultima domanda è se il Consiglio federale sia “disposto a tollerare che su progetti perfettamente coerenti con le pianificazioni federale e cantonale, un suo servizio settoriale agisca in questo modo”.

Leggi anche:

Aeroporto di Locarno, ‘le luci non sono più a norma’

Sì dai Comuni all'allungamento dell'aeroporto di Locarno

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aeroporto consiglio federale interpellanza locarno progetti regazzi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved