Slovacchia
Spagna
18:00
 
Svezia
Polonia
18:00
 
GRANOLLERS M./ZEBALLOS H.
0
DJOKOVIC N./HERRERA C.
0
1 set
(0-0)
GOLUBIC V. (SUI)
2
BENCIC B. (SUI)
0
fine
(6-4 : 6-4)
zona-industriale-serve-una-citta-piu-proattiva
Ti-Press
Nicola Pini
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
18 min

Tiri in campagna e obbligatorio allo stand di Brissago

Sabato si spara al bersaglio al poligono di Piodina con la Società tiratori delle Isole
Bellinzonese
27 min

Biasca, incrocio chiuso al traffico per lavori

Dal 5 al 16 luglio è previsto un intervento all’acquedotto e alla pavimentazione stradale: l'incrocio fra via S. Franscini e via Quinta sarà sbarrato.
Luganese
33 min

Bus della Tpl, 2020 da dimenticare: disavanzo di 1,5 milioni

La pandemia ha scalfito l'esercizio, che ha visto una flessione dei passeggeri, inferiori ai 10 milioni. Angelo Jelmini lascia la presidenza del CdA
Bellinzonese
44 min

Centro professionale di Biasca, Davide Pedretti nuovo direttore

È stato nominato dal Consiglio di Stato e sostituisce Andrea Galbusera, a capo dell'istituto durante l'ultimo quadriennio
Locarnese
59 min

Bosco Gurin, la slittovia è finalmente pronta

Completato il collaudo dell'alpin bob della località turistica, inaugurazione il weekend del 3-4 luglio. Costi lievitati, sicurezza aggiornata ai nuovi standard
Luganese
2 ore

Emanuele Dati a capo dell'ospedale regionale di Lugano

L'Eoc ha nominato il nuovo direttore "chiamato alle impegnative sfide del dopo pandemia e in un contesto di continuo sviluppo"
Bellinzonese
4 ore

Esplodono di 17 milioni i costi per il Liceo di Bellinzona

La sede provvisoria completa ne richiederà 6,5 in più di quella inizialmente prevista, e quasi 11 in più l'edificio da risanare completamente
Bellinzonese
4 ore

Bellinzona e Valli, prodotti turistici acquistabili online

Lanciato un mercato digitale dove sarà possibile prenotare biglietti, prodotti e servizi dei principali attrattori del comprensorio
Luganese
5 ore

Medie di Barbengo, nuova palestra da 3,7 milioni

Il Consiglio di Stato ha licenziato il credito per sostituire la struttura provvisoria edificata nel 2011 dopo l'incendio doloso dell'anno prima
Luganese
5 ore

Processo per furti con scasso, condannati due giovani Rom

Tra le vittime pure un noto avvocato penalista. Inflitte condanne sospese con la condizionale in virtù della loro confessione. Espulsi dalla Svizzera
Locarnese
5 ore

Centovalli, annullate anche quest’anno le feste di Comino

Le tradizionali manifestazioni sui monti non si terranno a causa delle difficoltà logistiche-organizzative legate alla pandemia
Bellinzonese
6 ore

Casa anziani Sementina, 'capo struttura appaltata?'

L'Mps in un'interpellanza sostiene che il personale dirigente della struttura sia stato esternalizzato e chiede dunque lumi al Municipio di Bellinzona
Locarnese
6 ore

LocarneseTech cerca un coordinatore per le proprie attività

L'associazione, che mira a supportare le aziende del territorio attive nella robotica e meccatronica, ha aperto un bando di concorso
Luganese
6 ore

Lugano, Parco Ciani: sale sul cancello e cade, ferite serie

Questa notte un giovane ha provato a scavalcare l'accesso, ha perso l'equilibrio ed è caduto dall'altezza di alcuni metri
Ticino
7 ore

Covid, tre contagi e nessuna ulteriore ospedalizzazione

Non si è verificato neanche alcun decesso legato alla pandemia. I pazienti ricoverati restano due, dei quali nessuno in cure intense
Locarnese
7 ore

Centovalli, l'Ente autonomo riattiva la navetta dei monti

Da mercoledì prossimo torna in servizio il bus che da Tenero, via Locarno, porta i clienti escursionisti di alcuni hotel sui monti di Porera
Mendrisiotto
11 ore

'Mendrisio non è ancora diventata un campus universitario'

Parla Mario Botta, papà dell'Accademia, dopo lo 'scontro' fra agenti e studenti. 'Il bilancio di questi anni? Do un voto favorevole'
LGBTQ+
11 ore

La non-binarietà spiegata da chi la vive

Sul fatto di non identificarsi come 'maschio' o 'femmina' circolano molta confusione e parecchi stereotipi. Una testimonianza per capirci di più
Locarnese
11 ore

Allarme tempeste, il problema è il fattore sorpresa

Il sistema di allerta lacustre, messo in discussione da un velista, è all'avanguardia e funziona. Luraschi: “Criticità possibili con eventi meteorologici repentini”
Ticino
20 ore

Disoccupati over 50: sei mesi in più di aiuti per le assunzioni

Passa in parlamento il controprogetto di Maderni (Plr). Ma il Ppd non ci sta e, pur votando il complesso, lancerà un'iniziativa popolare con la proposta originaria
Luganese
20 ore

Scontro frontale a Canobbio, deceduto un motociclista

Il sinistro è avvenuto attorno alle 17.15 su via Tesserete. Un furgone si è scontrato frontalmente con un centauro, morto a causa delle ferite riportate.
Ticino
21 ore

Per gli apprendisti ancora il 40% di sconto sull'Arcobaleno

Anche per il prossimo anno gli apprendisti potranno usufruire di uno sconto del 40% sull'abbonamento Arcobaleno per i mezzi pubblici
Bellinzonese
22 ore

I migliori allievi alle Medie di Ambrì

Consegnati i riconoscimenti
Bellinzonese
22 ore

Consuntivo di Sant’Antonino: disavanzo di 584mila franchi

Nonostante le difficoltà dettate dalla pandemia, il Municipio ritiene che la situazione finanziaria si sia mantenuta stabile. Moltiplicatore al 65%.
Bellinzonese
22 ore

Riapre a luglio il museo del Forte Airolo

Fortificazioni del San Gottardo da scoprire: sarà accessibile anche un’altra opera storica, il Foppa Grande
Ticino
22 ore

'Ma la commissione non diventi il sindacato dei detenuti'

Così Gobbi dopo l'intervento di Pagani (Ppd) sulla necessità di ristrutturare La Silva, la casetta 'dell'amore'. Schnellmann (Plr): urge un carcere femminile
Bellinzonese
22 ore

Corso di salvataggio a Bellinzona

Per ottenere il brevetto completo Plus Pool e il modulo Bls-Dae
Grigioni
22 ore

Strada per Verdabbio chiusa ai veicoli

Per diverse settimane da luglio a fine settembre dal lunedì al venerdì, causa cantiere
Locarnese
22 ore

Minusio e Tenero-Contra, strada chiusa

Lavori di rifacimento dell'acquedotto e di infrastrutture comporteranno alcuni blocchi notturni del traffico sulla Cantonale
Luganese
22 ore

Collina sostiene la Fondazione Hesse per altri 4 anni

Il Legislativo approva anche due crediti per circa un milione e mezzo fra posteggio coperto e canalizzazioni
Locarnese
23 ore

Minusio, chiacchierata al caminetto a Villa San Quirico

Un'occasione per ripercorrere insieme i momenti salienti della rassegna 'Dalla mia riva' e confrontarsi con i protagonisti
Locarnese
 
10.06.2021 - 20:150

Zona industriale, ‘serve una città più proattiva’

Nicola Pini, neo-municipale a Locarno, entra e rinforza la commissione Economia con 4 nuovi profili. Per lo sfitto un piano d'azione comunale

Nicola Pini, le peripezie vissute in campagna elettorale sono note a tutti (ma ricordiamole comunque: le dimissioni di Niccolò Salvioni hanno premiato Simone Merlini quale secondo subentrante dopo la rinuncia di Andrea Giudici, sparigliando le carte di un contesto in cui lei sembrava favorito; parallelamente, la sezione liberale radicale si è scissa in correnti piuttosto distanti fra loro). Considera la sua elezione in Municipio come l’espressione concreta di un cammino soddisfacente, o di un percorso doloroso? Quali scorie si sente addosso?

L’avvicinamento alla votazione mi ha confrontato con situazioni e azioni difficili e discutibili. Ho cercato di rimanere fedele alla mia coscienza, andando oltre certe opposizioni più o meno nascoste e guardando avanti. Alla fine sono stato ripagato dalla volontà popolare espressa sia all’interno del mio partito, sia all’esterno. Ribadisco che da parte mia c’è piena volontà di lavorare con tutti. Certo ho imparato che bisogna sempre pretendere rispetto e correttezza.

In poche settimane per lei tutto è cambiato: da aspirante municipale che doveva gestire una situazione di grande incertezza a secondo eletto più votato dopo il sindaco, nonché presidente del Gran Consiglio. Non è troppo?

È molto impegnativo ma gestibile. Non sono il primo, altri lo hanno già fatto, ultimo dei quali chi mi ha preceduto: Daniele Caverzasio è stato primo cittadino del Cantone e contemporaneamente municipale della città di Mendrisio. È chiaro che si tratta di un investimento di tempo importante, ma anche una bella opportunità. Conoscere più da vicino una realtà comunale come quella di Locarno ti arricchisce anche dal punto di vista della politica cantonale. Al contempo penso che avere un rappresentante ai vertici del parlamento sia un vantaggio anche per il Municipio, per le cui dinamiche uno sguardo più ampio a livello istituzionale, che faccia in qualche modo da ponte, è sempre utile. Un mio motto è “per il cittadino l’ente pubblico è uno e uno soltanto” e in quanto tale, sia esso la Confederazione, il Cantone o il Comune, deve riuscire a dare delle risposte adeguate, e per questo mi adopero.

Per ora, come va in Municipio?

Bene. La partenza è stata positiva: ho visto voglia di discutere e apertura e mi sento considerato, tant’è vero che mi sono stati affidati dicasteri importanti quali erano quelli di Caroni e in parte di Salvioni, e poi Merlini. L’ho recepita come un’attestazione di fiducia da parte dei colleghi. L’auspicio, che è anche un proposito personale, è quello di non farsi prendere troppo dalla gestione corrente e dall’amministrazione della “macchina”, tralasciando le discussioni strategiche e politiche sulla Locarno di domani. Per farlo, e per ricordarmene, ho proposto ai colleghi di cambiare il nome del mio dicastero da “Urbanistica, Infrastrutture e Promozione economica” in “Sviluppo economico e territoriale”. È una denominazione più politica e traduce la mia volontà di fare un ragionamento complessivo sul futuro di Locarno a livello economico e territoriale. In due parole: c’è tanto da fare come gestione di apparato, ma dobbiamo riuscire a dare un valore aggiunto sul piano politico e di strategia prospettica.

Prima di approfondire: ha creato un certo scompiglio la decisione del gruppo in Consiglio comunale di tagliar fuori il decano Gianbeato Vetterli dalla commissione della Gestione. Cosa ne pensa?

Apprezzo molto Vetterli: è un gran lavoratore. In 5 anni di Gestione da lui ho imparato molto. Mi spiace quindi per quanto successo. Detto questo, il gruppo in legislativo è sovrano e autonomo, ha le sue ragioni e non sta al municipale esprimersi sulle sue decisioni. Spero che Mani torni sui suoi passi (è diventato Indipendente, ndr.) perchè può dare ancora tanto al gruppo, anche se conoscendolo dubito che lo farà.

Fra i suoi compiti come municipale c’è quello di possibilmente favorire nuovi insediamenti nella zona industriale di interesse cantonale, attualmente sfruttata in misura del 50% circa rispetto al suo potenziale. Al momento le richieste vengono esaminate da una commissione tripartita formata da Cantone, Comune ed ex proprietari dei terreni. Ci sono margini affinché il Comune possa assumere un ruolo più proattivo in questo processo?

È fuori di dubbio che bisognerebbe passare da un approccio passivo, di valutazione delle richieste che arrivano, a uno maggiormente proattivo, favorendo e sviluppando le condizioni che permettono alle aziende di arrivare. Questo, considerando che in un momento economico come quello attuale non abbiamo forzatamente la coda di aziende che aspettano di insediarsi.

Quindi?

Uno strumento è dato dalla creazione, in aprile, dell’associazione Locarnese Tech: Locarno, Losone e l’Ente regionale di sviluppo si sono unite per creare un centro di competenze regionale negli ambiti della robotica, della meccatronica e dell’industria 4.0. Nel comitato direttivo sono coinvolte anche aziende del territorio. Fra gli obiettivi dell’associazione troviamo la creazione delle condizioni quadro affinché in primis le aziende che ci sono rimangano – viste le brutte notizie di questi giorni – ma anche lo sviluppo del settore dell’innovazione per portarne di nuove. L’idea è assumere un coordinatore a tempo parziale che porti avanti il discorso di rafforzamento industriale sia dal punto di vista quantitativo, sia da quello qualitativo. È chiaro comunque che a livello di sviluppo economico Locarno deve pensare su più livelli. Uno riguarda certamente il settore industriale, per le sue conseguenze occupazionali e anche fiscali. Ma è necessario fare un discorso più globale. Per fare un esempio, come Municipio abbiamo voluto ascoltare il rappresentante della città nel Parco del Piano di Magadino, perché lo sviluppo agricolo, naturalistico, turistico e culturale di quel comparto – esteso quasi quanto il territorio cittadino – è importante. Ma soprattutto, abbiamo deciso di allargare la Commissione municipale Economia ad altri settori.

Come cambia?

Nel gremio erano già rappresentati i due capicastero Finanze e Promozione economica; un esponente del mondo bancario; Giovanni Caroni della Scia; Fabio Bonetti per il turismo; e una consulente esterna economica nella persona di Amalia Mirante. Su mia proposta – condivisa in primis dal collega Giovannacci, membro come me della commissione stessa – entrano 4 profili legati ad ambiti secondo me molto importanti. Uno (con il direttore del Palacinema Roberto Pomari) è quello dell’audiovisivo e della cultura, intesa anche come vettore economico: abbiamo il progetto Locarno Media City, ma anche l’esigenza e l’opportunità di fare diventare per davvero la città un polo dell’audiovisivo, in tutte le sue accezioni (cultura, eventi, Festival, produzione e anche formazione, vista la presenza del Cisa o l’allargamento all’Usi). Il secondo profilo (Silvano Giugni) proviene dal campo industriale, per fare il collegamento sia con il settore industriale, sia con le aziende di una certa dimensione. In commissione entrano inoltre un economista come Lino Ramelli (ex direttore della Divisione cantonale delle contribuzioni) che è molto attento a temi come lo sviluppo sostenibile, la qualità di vita e l’attrattiva cittadina per famiglie e nuovi contribuenti; nonché Mirella Mozzini Scolari, che lavora all’Ufficio regionale di collocamento e ci consentirà di avere uno sguardo sull’offerta del mercato del lavoro e sui profili in cerca di un impiego.

Da un gremio così strutturato cosa è lecito attendersi, in concreto?

Molto. Penso all’implementazione di misure a breve termine per la ripartenza post-Covid, ma anche, a medio termine, all’identificazione di visioni per determinare i prossimi passi a livello di promozione e sviluppo economico.

A Palazzo Marcacci lei è anche titolare della mobilità, un tema che spesso e volentieri l’ha vista impegnata come granconsigliere. Nel Locarnese abbiamo un potenziamento del trasporto pubblico con diversi vantaggi, ma anche qualche rovescio. Ad esempio, nel contesto urbano, un collegamento meno diretto fra il centro e la collina. Lei è anche membro del Cda delle Fart. Prospettive dal punto di vista dell’intervento politico?

Il potenziamento in atto è senz’altro importante. In questa prima fase è necessario intervenire per attenuare qualche piccola disfunzionalità che in effetti è emersa. Nelle scorse settimane, come Città, assieme alle Fart e al Cantone, siamo riusciti ad esempio a proporre una piccola modifica del tracciato della linea 4, per una migliore copertura del quartiere Rusca e Saleggi. Quanto alla collina, c’è effettivamente un aumento dei tempi di percorrenza per arrivare ai Monti, il che genera problemi agli studenti nella pausa pranzo. Sempre come Città abbiamo proposto al Cantone un progetto pilota che, speriamo già da settembre, potrebbe migliorare la situazione. Più a lungo termine bisognerà realizzare tutte le infrastrutture che in base ai Programmi di agglomerato sono importanti per garantire la funzionalità, rendere più performante e in linea con le attese dell’utenza il nuovo sistema di trasporto pubblico.

Altro tema caldo è quello dello sfitto. A gennaio il Municipio aveva censito 1'390 fra case e appartamenti non occupati in territorio cittadino. Considerando un totale di circa 10mila 823 abitazioni in totale (di cui 7'873 primarie) e le modine che continuano a spuntare un po’ ovunque, lo scenario è decisamente preoccupante. Cosa può o intende fare la città per affrontare la questione?

La prima considerazione è che in effetti la situazione ci preoccupa molto e che vogliamo indagare. Stiamo aspettando alcuni ulteriori elementi conoscitivi riguardanti l'evoluzione della popolazione e la quantificazione e le tipologie di sfitti. La prospettiva è avviare un Piano d’azione comunale (Pac) per cercare di capire che tipo di sviluppo insediativo dare, e in quali zone. Sarà fatto cercando di attivare un gruppo di lavoro interdisciplinare in cui siano presenti le componenti urbanistiche, pianificatorie, economiche e sociali.

Con la sua entrata in Municipio ha trovato come responsabile della comunicazione sua moglie Angela Notari, che però proprio in questi giorni ha inoltrato le sue dimissioni al Municipio. La decisione ha a che fare con un’inconciliabilità fra le due funzioni che avete ravvisato?

No, non vi è alcuna incompatibilità, visto che la sua figura è subordinata al sindaco. Dopo quasi 10 anni di esperienza professionale nell’ambito della comunicazione istituzionale, Angela ha deciso di orientare le sue risorse su altri progetti, anche legati alla nostra ditta di consulenza. La nostra famiglia ha vissuto molti cambiamenti negli ultimi mesi. Considerato che alcuni dei più importanti stanno per arrivare, e considerate le sue capacità e i molteplici interessi, ha sentito che era giunto il momento di cogliere altre sfide. Per questo, la rispetto ancora di più.

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved