santa-chiara-alla-moncucco-lettera-aperta-di-4-medici
Nel futuro sempre e ancora una medicina di prossimità (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
41 min

Battezzato il "Giruno Ticino"

L'evento si è svolto oggi alla presenza delle autorità cantonali, tra cui il Consigliere di Stato Claudio Zali
Grigioni
3 ore

Coronavirus, giornate di vaccinazione per adolescenti

Finora circa 500 ragazzi tra i 16 e i 17 anni si sono annunciati per ricevere il vaccino
Ticino
4 ore

Covid, 3 positivi in Ticino nelle ultime 24 ore

Nessuna nuova vittima e nel cantone rimane un solo paziente ricoverato per il coronavirus
Ticino
8 ore

Doppia denuncia al Ministero pubblico per Philipp Plein

Segnalato lo stilista tedesco con base a Lugano per presunta violazione alla Legge sul lavoro, amministrazione infedele e falsità in documenti
Video
Luganese
8 ore

Ex Macello: ‘Un tetto si smonta a mano, non con le ruspe’

Mentre un video mostra l'intervento del paker sulle pareti, desta perplessità anche la preparazione dell'intervento
Ticino
16 ore

Il confine tra molestia e complimento

Il sessismo si nasconde anche tra le parole e gli apprezzamenti non desiderati
Locarnese
16 ore

Sull'Hangar 1 si pianifica, sulla 'stufa' si riflette

Aeroporto di Locarno, a distanza di parecchi anni ancora non sono iniziati i lavori di rifacimento. Il Cantone rassicura: 'non l'abbiamo dimenticato in un cassetto'
Grigioni
18 ore

'Verdabbio non aveva terreni agricoli, da qui si passava per forza'

Terminati i lavori di conservazione finalizzati a risanare l'antica mulattiera e cinque cappelle votive. 'Forte testimonianza per le generazioni future'
Mendrisiotto
19 ore

Alunni di Coldrerio alle prese con api e francobolli

Dalla collaborazione con il Circolo filatelico del Mendrisiotto e due classi elementari sono nati degli esemplari originali
Luganese
19 ore

Aeroporto, alleanza fra Team Lug e Northern Lights Ag

Entrambe le cordate sono in corsa per la gestione privata della struttura e avevano contestato contro la scelta di due gruppi da parte della Città
Luganese
20 ore

Abusi al cantiere del Campus: niente appalti per Garzoni Sa

Violazione della legge sulle commesse pubbliche, dumping salariale e concorrenza sleale: la ditta non potrà partecipare ai concorsi per 5 mesi
Mendrisiotto
20 ore

Appuntamento al drive-in a Chiasso

Nel parcheggio del Palapenz giovedì prossimo si proietta un documentario del regista Emanuele Gerosa
Ticino
20 ore

Radar in arrivo, dalla Grande Bellinzona alla piccola Polmengo

Ecco la lista delle località in cui verranno effettuati controlli della velocità nella settimana dal 14 al 20 giugno.
Gallery
Mendrisiotto
20 ore

Idee visionarie sul territorio di Chiasso (e Ponte Chiasso)

Dai lavori di diploma 2020 degli ormai ex studenti dell'Accademia lo spunto per cambiare. 'Troviamo proposte interessanti'
Locarnese
06.06.2021 - 19:430

Santa Chiara alla Moncucco. Lettera aperta di 4 medici

Locarno, all'assemblea degli azionisti di metà giugno la nomina del nuovo CdA della clinica

La clinica luganese Moncucco ha acquistato oltre il 60 per cento delle azioni della clinica Santa Chiara di Locarno, diventandone così, la nuova proprietaria. La notizia, anticipata dal domenicale ilCaffé, ci è confermata da medici azionisti della holding Fope, che gestisce la Società Santa Chiara. Restano ancora aperte alcune questioni, legate essenzialmente alla nomina dei nuovi vertici e all'ufficializzazione del trapasso di proprietà. Ciò avverrà nel corso di un'assemblea degli azionisti, che si terrà verso la metà di questo mese di giugno: in quell'occasione sarà designato il Consiglio di amministrazione.

Sulla questione prendono posizione quattro medici della clinica, Stefano Balestra, Alberto Gianoni, Augusto Pedrazzini e Filippo Simona, tramite una lettera aperta che chiarisce i contorni della passaggio di proprietà e che vuole tranquillizzare il personale della clinica e i pazienti. «Ora che dopo settimane di illazioni, speculazioni, tentativi di comperare a suon di rilanci milionari i voti degli azionisti, la Santa Chiara è passata nelle solide mani della Clinica Luganese Moncucco, alcune riflessioni ci sembrano necessarie – scrivono i quattro –. La difficile situazione finanziaria in cui è venuta a trovarsi la clinica per tutta una serie di ragioni, non da ultimo per il progressivo isolamento in cui la vecchia direzione l’ha condotta, richiedeva un progetto di rilancio serio sul piano sanitario, che tenesse conto delle peculiarità del Locarnese e della necessità di continuare a promuovere una buona medicina di prossimità, prima ancora di una medicina altamente specializzata; è stato proprio questo il terreno fertile d'intesa su cui si sono sviluppati a inizio anno i primi contatti tra il nostro gruppo e la Clinica Moncucco, struttura affine alla Santa Chiara per storia, vocazione e orientamento sanitario».

Il progetto per un rilancio

I quattro aggiungono. «Il progetto su cui si è lavorato si è poi tradotto in un’offerta d’acquisto agli azionisti, un gruppo di medici eterogeneo che anni fa aveva rilevato la clinica dal precedente proprietario, e in un concreto disegno di rilancio. Si è preferito, in altre parole, investire in un progetto con buone potenzialità di sviluppo e destinato a durare nel tempo, piuttosto che riempire di soldoni le tasche degli azionisti. E qui sta apparentemente per molti il nodo della questione di queste settimane, ampiamente riportato dagli organi di stampa e che non può non far riflettere; da più parti ci si è posto l’interrogativo a sapere come fosse possibile che oltre i tre quarti degli azionisti avessero potuto rinunciare a offerte maggiori, avanzate sia dal pubblico, che dal privato; interrogativi che hanno spinto alcuni concorrenti e non solo loro a malignamente insinuare che, proprio in virtù dell’offerta finanziaria più bassa, potessero essere stati stipulati accordi sottobanco o che sarebbero state fatte promesse di onorari maggiorati ai medici per le loro prestazioni… Queste domande nascono da un'implicita ammissione, detto per inciso, anche da parte di chi per posizioni ideologiche potrebbe porsi su un altro piano e cioè che “il dio denaro” tutto può, o addirittura tutto deve ottenere, in barba a qualsiasi altra considerazione o scala di valori. Ciò risultava ancor più incomprensibile sulla base dell’equazione pregiudiziale che “privato” fa sempre e solo rima con “profitto”. Ricordiamo a questo proposito che per statuti la Clinica Moncucco è un’associazione non profit.
Ebbene, tutto questo è stato possibile poiché un gruppo coeso di colleghi si è più volte confrontato, prima di giungere al fatidico 14 maggio, data dell’assemblea, sui contenuti del progetto, riconoscendone pregi e potenzialità».

‘Tornare a lavorare serenamente’

In conclusione: «Giova ricordare che tra i sostenitori di questo progetto non vi erano solo medici attivi in clinica ma anche medici ora in pensione ed eredi di medici che vi hanno lavorato; ed è proprio da loro che ci è giunta la lezione più preziosa, loro che avrebbero legittimamente potuto optare per soluzioni più lucrative e che invece ci hanno spronati a perseverare nella direzione intrapresa. Sono poi giunte nei giorni precedenti l’assemblea altre offerte legittime e anche finanziariamente più importanti che non hanno tuttavia convinto la maggioranza degli azionisti. Ora che la partita si è conclusa con l’acquisto da parte della Moncucco del pacchetto azionario di maggioranza, siamo convinti che si potrà tornare a lavorare serenamente all’interno della struttura, per il bene dei pazienti, rassicurando tutto il personale a cui va il nostro sentito ringraziamento e che vede in questo modo salvaguardato il proprio posto di lavoro. Le pretese di rivalsa di un manipolo di azionisti per minori guadagni, legati alla mancata vendita a “migliori offerenti”, saranno forse materia per avvocati».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved