vendita-clinica-s-chiara-serie-di-errori-strategici
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Fotovoltaico e aziende, giovedì 25 terzo e ultimo incontro

Promosso dal Dipartimento del territorio in collaborazione con la Cc-Ti, si terrà a S.Antonino nella Sala Multiuso
Luganese
3 ore

‘Devo allenarmi per l’uni ma... che fatica trovare spazi’

Prepararsi per l’ammissione alla facoltà di sport, tra vincoli comunali e cantonali e difficoltà a trovare una palestra: la testimonianza e le repliche
Ticino
3 ore

Pedibus, tra sicurezza ed ecologia

A oggi in Ticino oltre 1’300 bambini usufruiscono dei percorsi ufficiali, all’insegna di una mobilità sostenibile e più green
Mendrisiotto
3 ore

‘Fughe’ di cloro in piscina, chiudono tre vasche su quattro

Soluzione di compromesso di Chiasso davanti alla richiesta di Vacallo di archiviare la stagione balneare. Obiettivo comune, tutelare la falda idrica
Luganese
3 ore

‘Ha sede legale a Lugano’ lo Stato Antartico di San Giorgio

Lo studio di via Pioda valuta provvedimenti a tutela della propria immagine dopo essere stato tirato in ballo da persone finite sotto inchiesta in Italia
Mendrisiotto
3 ore

Operatore di prossimità, a Mendrisio c’è il bando

La Città cerca una figura a metà tempo a partire dal gennaio prossimo. L’assunzione segue la decisione di staccarsi dal Servizio regionale
Bellinzonese
4 ore

Lumino: contro pericoli naturali e roghi si punta pure sul bosco

Chiesti al Cc 50mila franchi per elaborare un piano di gestione del territorio forestale e prevedere strutture idonee per contrastare gli incendi
Ticino
5 ore

Estate: in bilico fra santi e falsi dei... e controlli radar

Come ogni venerdì la Polizia cantonale comunica le località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 22 al 28 agosto
Mendrisiotto
5 ore

Sat Mendrisio organizza una gita in Val Formazza

Si partirà dal capoluogo momò alle 6.30 di sabato 3 settembre. La camminata durerà cinque ore. Le iscrizioni entro il 27 agosto
Locarnese
5 ore

Assemblea dell’Associazione Football Club Locarno

Per i soci del sodalizio calcistico del Lido ritrovo martedì a Palazzo Marcacci. Oltre al preventivo vi saranno le nomine del comitato
Mendrisiotto
6 ore

Riva San Vitale, festa di fine estate con concerti dal vivo

Musica live dei gruppi Luis Landrini Band e Vasco Jam. Appuntamento per sabato 27 agosto al Lido comunale tra rock e folclore latino
Locarnese
6 ore

Orselina, proiezioni cinematografiche al Parco

Tre serate all’insegna della settima arte nel giardino del paese. Organizzate dalla Pro in collaborazione con Festival, Cisa e Ticino Film Commission
Grigioni
6 ore

Maloja/Isola, elicottero fallisce l’atterraggio: 3 feriti lievi

Il velivolo si è ribaltato lateralmente. I tre passeggeri hanno lasciato l’abitacolo da soli
Locarnese
6 ore

Cevio, consegnate le firme per i due referendum

A decidere sulla vendita di un terreno e la costruzione di una scuola ‘patriziale’ a Bignasco saranno i cittadini
Mendrisiotto
6 ore

Mendrisio, mercato dell’usato a scopo benefico

Appuntamento venerdì 26, sabato 27 e domenica 28 al Mercato coperto organizzato dall’Associazione per la cooperazione tra Ticino e Uganda
18.05.2021 - 11:52
Aggiornamento: 15:59

Vendita Clinica S.Chiara, 'serie di errori strategici'

Presa di posizione critica dell'MPS sul passaggio (quasi certo) della casa di cura locarnese alla Moncucco. Dito puntato su EOC e Cantone

Vendita della Clinica Santa Chiara di Locarno alla Moncucco, "la medicina privata segna un altro punto a proprio favore". Lo sostiene, in una presa di posizione, l'MPS, a detta del quale se l'operazione, sbandierata da più parti, dovesse andare in porto, "il passaggio segnerà un ulteriore rafforzamento del settore privato (storicamente già presente in maniera di gran lunga superiore alla media svizzera)". Secondo il gruppo, la vicenda della cessione della clinica Santa Chiara "ha palesato tutta la debolezza (negoziale, strategica, comunicativa) del settore pubblico cantonale rappresentato dall’Ente Ospedaliero Cantonale (EOC) nel competere con il settore privato; una debolezza che viene dalla scelta operativa che ormai perseguono l’EOC e la sua direzione: quella di una collaborazione organica con il settore privato, in una logica di mercantilizzazione della medicina e di razionamento dell’offerta".

'Una scelta politica quella di non vendere al miglior offerente'

L'MPS entra poi nel merito della scelta dei proprietari di non vedere la casa di cura al miglior offerente: "È noto che erano tre le offerte presentate per rilevare la clinica di Locarno. Due presentate dal settore privato (quella, vincente, della Moncucco di 4 milioni e quella di un altro gruppo per 9 milioni) e una proveniente dal settore pubblico, cioè dall’EOC per oltre 8 milioni, cioè più del doppio dell’offerta presentata dal gruppo vincente. È evidente quindi che la scelta del gruppo di medici-azionisti proprietari della Santa Chiara si stata orientata non tanto da criteri finanziari a breve termine, quanto da una prospettiva politica: quella di potenziare ulteriormente il polo ospedaliero privato attorno alla Moncucco, uscito potentemente rafforzato (per capacità, immagine e prospettive) dalla crisi pandemica".

Per quanto riguarda le prospettive future di questo accordo, l'MPS sottolinea come esso "permetta al gruppo di Lugano di mettere piede nel Sopraceneri, un territorio nel quale la presenza dell’offerta privata (contrariamente al Sottoceneri) è ancora estremamente limitata. Dall’altro utilizzare la struttura e il personale della Santa Chiara per potenziare la propria presenza in alcune specialità con l’obiettivo di aumentare la concorrenza nei confronti dell’offerta pubblica".

'EOC, vittima della propria logica'

Il Movimento non risparmia critiche all'EOC, "vittima della propria logica. Si è mosso in questa circostanza come qualsiasi azienda privata. In un puro regime di concorrenza ha cercato, con un’offerta generosa, di contrastare l’offensiva del concorrente privato. Ma gli aspetti positivi della logica promossa dall’EOC si fermano qui: e, anzi, proprio da qui partono i suoi limiti. Grazie alla filosofia difesa ormai da tempo dal suo consiglio di amministrazione sganciato di fatto da qualsiasi controllo pubblico (come dimenticare che a presiederlo via è un personaggio che, al momento della sua rielezione in senso al CdA, ha ottenuto meno di un quarto dei voti del Parlamento, cioè di quella istituzione che, almeno sulla carta, “rappresenta” i cittadini e le cittadine del Canton Ticino?) persegue la stessa logica del settore privato. Il che, tradotto in termini concreti, significa razionamento dell’offerta (ridimensionamento e “ottimizzazione” delle strutture e delle prestazioni). 

'Serve una svolta nella politica sanitaria cantonale'

Altro attore chiamato in causa, il Cantone: "in questo contesto, in mezzo a queste grandi manovre, appare evidente la mancanza di un ruolo da parte del Cantone. Infatti, queste decisioni rischiano di modificare profondamente il quadro dell’offerta sanitaria per le cittadine e i cittadini ticinesi. E questo sulla base di decisioni di attori (privati o semi-pubblici come l’EOC) i quali non sottostanno di fatto a nessun tipo di controllo. La logica di mercato, in altre parole, la logica della concorrenza per fare profitti, per essere più redditizi, con le conseguenti politiche di “riorganizzazione”, “ottimizzazione”, “ristrutturazione” stanno investendo profondamente la sanità ticinese senza che lo Stato, al quale è assegnato il compito di fare in modo che le cittadine e i cittadini possano godere di prestazioni sanitarie di qualità e con le medesime possibilità di accesso a tutte e tutti, giochi un ruolo in qualche modo decisivo". E, ancora: "al Cantone (e all’EOC) non restano che le briciole, costose e che il privato non vuole (almeno per il momento gestire): ci riferiamo agli interventi urgenti dei Pronto soccorso che questi centri (che per altro funzionano spesso come dei Pronto soccorso) non vogliono assumersi. È quindi più che mai necessaria una svolta nella politica sanitaria cantonale. Una politica - si legge nel comunicato - che deve essere fondata sullo sviluppo e il rafforzamento dell’attuale offerta sanitaria pubblica, sia in termini di strutture, sia di personale; sulla “ripresa in mano” da parte del Cantone dei grandi investimenti e delle decisioni di fondo di politica sanitaria; sullo sviluppo di strutture pubbliche sanitarie di prossimità, in particolare nel settore ambulatoriale. Solo così la battaglia per una sanità pubblica, ormai apertamente ingaggiata, potrà essere vinta".

Leggi anche:

La Clinica Santa Chiara passa alla Moncucco

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved