ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
4 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
6 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
6 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
7 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
7 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
7 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
7 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
8 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
8 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
9 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
29.05.2021 - 19:51

Moghegno, al via i lavori di sistemazione della grà

Dopo l'incendio che lo scorso autunno ha danneggiato la struttura, a breve sarà avviata la fase di ripristino. Dal prossimo autunno sarà nuovamente caricata

moghegno-al-via-i-lavori-di-sistemazione-della-gra

Danneggiata al suo interno da un incendio lo scorso 11 novembre, proprio mentre era in corso l'essiccazione di alcune centinaia di chili di castagne, la piccola grà in pietra di Moghegno, dopo mesi di chiusura forzata, potrà ritrovare, presto, il suo posto tra le tradizioni attrattive del passato giunte sino ai giorni nostri. E ritrovare, così, pure la sua importante funzione didattica per le scolaresche oltre che produttiva. Anche se oggi la castanicoltura non costituisce più un comparto centrale nell'economia montana, il ricco patrimonio di tradizioni e conoscenze a essa legato permane nella cultura della popolazione ticinese ed è oggetto di un interesse crescente e di una sensibilità verso l'economia sostenibile e i prodotti tipici del territorio.
Per il semplice edificio rurale, superstite di una cultura secolare, inizieranno a breve i lavori di sistemazione, come ci ha spiegato Vanessa Hohl, coordinatrice del Centro natura Vallemaggia che lo gestisce da una quindicina d'anni. «La grà è assicurata e questo ci ha permesso di poter avviare i lavori senza dover ricorrere a una raccolta di fondi. Oltre alla sostituzione di alcune piode del tetto, rottesi conseguentemente al calore sviluppato dall'incendio, verranno ripristinate le travi portanti, fortunatamente solo "affumicate" ma ancora intatte; si dovrà poi procedere alla sostituzione delle porte come pure delle traversine e del graticcio, ormai inutilizzabili. Al tirar delle somme, il danno complessivo fortunatamente sembra risultare meno grave di quanto avevamo previsto in un primo momento».
Così, quel processo interrottosi sei mesi fa, dal prossimo autunno potrà rimettersi in movimento. E la grà di Moghegno riprendere a fumare per tramandare la memoria di un rito stagionale antico della comunità.

L'essicazione è la più antica modalità di conservazione

 La tradizione legata a questo particolare e prelibato frutto commestibile (come non pensare al profumo delle caldarroste), che nella società rurale di un tempo costituiva una parte fondamentale della nostra dieta, proprio grazie a questo edificio e alle proposte del Centro natura Vallemaggia che lo cura e preserva, trasmette attivamente alle nuove generazioni un'arte che si rifà alla notte dei tempi. Le castagne, non dimentichiamolo, erano un alimento indispensabile nella dieta, la loro farina era meno costosa di quella prodotta dal grano e reperirle nei boschi era facile (non a caso questa pianta era definita come l'albero del pane). Dovendo conservarle a lungo, una possibilità era quella di essiccarle su un graticcio (da qui il termine “grà”).

I frutti, attraverso un laborioso processo che richiedeva parecchio tempo, venivano “scottati” con un fuoco che doveva rimanere acceso per tre settimane, senza che tuttavia si formasse la fiamma viva e bruciasse il raccolto. Veniva quindi mantenuto “soffocato” utilizzando le ceneri e le bucce delle castagne (pula) dell’anno precedente affinché producesse molto fumo.  Le castagne andavano rigirate ogni 3-4 giorni, perdendo circa un terzo del loro peso. Dopodiché si procedeva al loro scarico; sistemate in sacchi di tela erano in seguito battute per separarle dal guscio. Una volta pronte venivano macinate nel mulino per ottenere la farina dolce. Nel periodo in cui era in funzione, la grà diventava luogo di aggregazione e d'incontri per la comunità del paese. 
A Moghegno, annualmente, vengono essiccati tra i 500 e i 700 kg di castagne. Fanno capo alla grà privati, scolaresche ed enti pubblici della zona. Maggiori informazioni al riguardo di questa attività si possono ottenere sul sito del Centro natura Vallemaggia (www.cnvm.ch).

Leggi anche:

In fiamme la grà di Moghegno

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved