SJ Sharks
5
CAL Flames
3
fine
(1-2 : 3-1 : 1-0)
losone-sfida-al-sindacato-con-i-guanti-di-velluto
Catarin e Bianda
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
9 ore

L’audit e i poteri accresciuti di chi lo eseguirà

Caso ex funzionario del Dss, praticamente definita la bozza dell’articolato mandato
Luganese
13 ore

L‘Imam di Lugano è ’completamente riabilitato’

Paolo Bernasconi, legale di Radouan Jelassi, esprime soddisfazione per la sentenza del Tribunale amministrativo federale
Ticino
13 ore

Disagio giovanile, il Sisa (ri)sollecita lo Stato

Alves: occorre contrastare con misure urgenti e concrete il malessere psichico nella popolazione studentesca. Campagna del sindacato nelle scuole
Locarnese
14 ore

Locarno, ‘mi hanno picchiato di brutto, devo andare in ospedale’

Non è un episodio isolato, i pestaggi in Piazza Castello sono filmati e messi sui social da una banda. Accertamenti in corso e misure incisive da adottare
Luganese
14 ore

Lugano, condannato il complice del furto al Mary

Inflitti tre anni di reclusione, di cui sei mesi da espiare, a un 52enne italiano riconosciuto colpevole di truffa, furto e falsità in documenti
Bellinzonese
14 ore

220 milioni in più per le Officine Ffs a Castione

L‘investimento previsto cresce in maniera cospicua. Gli impieghi a tempo pieno passano da 300 a 360. ’Più lavoro grazie alle componenti tecniche’
Ticino
14 ore

Domani i primi fiocchi, ‘automobilisti siate prudenti’

Attese nevicate in pianura, la fase più intensa si verificherà nelle ore centrali della giornata
Bellinzonese
17 ore

Carì, gli impianti si confermano nelle cifre nere

La scorsa stagione invernale ha fatto segnare il record di primi passaggi, un risultato possibile probabilmente grazie all’annullamento dei carnevali
Ticino
18 ore

Mascherine, il Cantone sostiene l’obbligo nei luoghi affollati

Il Consiglio di Stato invita i Comuni a introdurre ‘una misura di prevenzione molto efficace in occasione degli eventi natalizi’
Bellinzonese
18 ore

Disagio nelle case anziani, colloqui con tutti i dipendenti

La Delegazione consortile ha affidato un audit esterno al Laboratorio di psicopatologia del lavoro dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale
Bellinzonese
19 ore

Assemblea impianti Campo Blenio

Si terrà sabato 11 dicembre alle 18, al termine dei lavori è prevista una cena
Locarnese
19 ore

Il ragazzo pestato è tornato a casa

La madre chiede a chiunque abbia delle prove di farsi avanti
Bellinzonese
19 ore

Dopo un anno di pausa torna Gospel & Spirituals

Per la 31esima edizione sono previsti sei concerti con artisti di varia provenienza
Bellinzonese
19 ore

La Lingera (per ora) ha deciso di non decidere

L’edizione 2022 del carnevale di Roveredo è in sospeso, il comitato riunitosi ieri deciderà entro la metà di gennaio
Ticino
21 ore

Coronavirus, 188 casi in più e 11 pazienti in terapia intensiva

Nelle case per anziani gli ospiti attualmente positivi sono 5
Bellinzonese
1 gior

Ritom, rinnovo della funicolare e 2,38 milioni per il turismo

Altre all’ammodernamento dell’impianto, si intende investire per marketing, segnaletica e veste grafica. Previsto anche un ponte tibetano lungo 413 metri
Ticino
1 gior

Babbo Natale è alle prese con qualche grattacapo

A causa di colli di bottiglia nella distribuzione globale, alcuni regali sono difficili da reperire. Ma i commercianti rassicurano: l’offerta resta ricca
Ticino
1 gior

Gole profonde... per legge

Whistleblowing, il Gran Consiglio si appresta a codificare le regole a tutela di chi nell’Amministrazione segnala irregolarità
Bellinzonese
1 gior

Officine di Castione, i tempi pieni salirebbero da 300 a 360

Oggi le Ffs comunicheranno i dettagli del Piano industriale: ecco le prime cifre, che richiedono tuttavia dei chiarimenti sul lato occupazionale
Locarnese
1 gior

Locarno, ancora un caso pestaggio in centro

Un ragazzo di 18 anni vittima di un gruppo di giovani. La denuncia della madre sui social media
Luganese
1 gior

Glamping a Carona, ‘scelta giusta ma ci sono questioni aperte’

Apprezzato anche dal promotore della petizione il progetto premiato dalla giuria e dal Municipio: ’È stato ridimensionato lo spazio ai privati’
Ticino
1 gior

Sanitari non vaccinati, i test obbligatori restano in vigore

Il Tribunale federale ha negato l’effetto sospensivo al ricorso che contesta la risoluzione del Consiglio di Stato dell’8 settembre
Ticino
1 gior

Gli Stati: no al divieto di licenziamento delle neo mamme

La Camera dei Cantoni respinge l’iniziativa ticinese (27 voti a 13, quattro le astensioni). Il dossier passa ora al Nazionale
Bellinzonese
1 gior

Bellinzona, ‘blocchiamo il contributo per la nuova Valascia’

Lo chiede il gruppo Lega-Udc alla luce della notizia secondo cui la Valascia Immobiliare Sa sarebbe confrontata con problemi di liquidità
Bellinzonese
1 gior

Le Colonie dei sindacati cercano volontari

Per i due turni di giugno-luglio 2022 un appello per coinvolgere personale educativo, di servizio e cucina
Bellinzonese
1 gior

Annullato il mercatino di Ambrì

Era previsto mercoledì 8 dicembre
Ticino
1 gior

Il Soccorso d’inverno ha accettato oltre 500 richieste d’aiuto

Il calo del reddito alla base di molte situazioni di povertà
Ticino
1 gior

Masaba Coffee vincitore del premio per l’etica d’impresa

Riconoscimenti anche per Lighthouse Tech, Agroval Sa, Plastex Sa e Gottardo Arena
Bellinzonese
1 gior

Cancro: importante premio assegnato a Davide Rossi dell’Ior

Riconoscimento di 80mila franchi per le sue ricerche nell’ambito dell’ematologia
Luganese
1 gior

Massagno ringrazia i suoi volontari

Al rinnovato Lux, i partecipanti hanno visto in anteprima il documentario ‘Aromi’ scritto e diretto dalla regista Anna Hungerbühler Luraschi
Luganese
1 gior

Tesserete, slitta per neve il mercatino di Natale

La manifestazione si terrà sabato 11 dicembre. Gli organizzatori auspicano un’ampia adesione da parte degli espositori
Mendrisiotto
1 gior

‘I camion devono restare nel Mendrisiotto’

Simonetta Sommaruga risponde a Marco Romano. ‘Spostare più a nord l’attesa dei veicoli pesanti non è la soluzione adeguata’. Delusione del Distretto.
Locarnese
1 gior

Verzasca, l’Associazione deve trovare il giusto equilibrio

Dopo l’aggregazione in un solo Comune della Valle, occorre riorientare le strategie in modo da assicurare un percorso di crescita subregionale
Locarnese
1 gior

Muralto, per il nodo intermodale si cerca un’alternativa

Dopo l’incontro di oggi della Delegazione delle autorità, il Municipio incaricherà un ingegnere del traffico di verificare la fattibilità di un ‘piano B’
Locarnese
 
05.05.2021 - 21:180

Losone, sfida al sindacato con i guanti di velluto

Intervista ai candidati Bianda (Ppd) e Catarin (Plr): uno scontro fra due amici e colleghi di Municipio. Ma qualche differenza di veduta emerge

Uno scontro fra gentiluomini, una battaglia senza colpo ferire. A Losone la sfida tra il sindaco uscente Corrado Bianda (Ppd) e il municipale Ivan Catarin (Plr) ha i toni di una cortese chiacchierata. L'obiettivo per entrambi – ma solo uno ce la farà – è la poltrona di sindaco dell'ottavo Comune più popoloso del Ticino per il triennio 2021–2024.

Li abbiamo incontrati al terzo piano della casa comunale, con il necessario distanziamento sociale, ma con una sincera vicinanza d'intenti tra i due. Tanto che hanno messo subito in chiaro con il giornalista che qualsiasi tentativo di seminare zizzania fra di loro sarebbe caduto nel vuoto. Alcune differenze tra Catarin e Bianda, comunque, nel corso dell'intervista sono emerse.

La chiamata alle urne del prossimo 16 maggio per la politica losonese mantiene tuttavia il sapore di una tenzone tra partiti: per il Plr si tratta di riprendersi un seggio conquistato dal Ppd nel 2004, proprio da Bianda, dopo decenni di sindaci liberali radicali. Il Ppd, dal canto suo, ha intenzione di difendere questa posizione, puntando tutto su un candidato forte e dalla lunga esperienza. Ricordiamo che lo scorso 18 aprile Catarin ha battuto Bianda con uno scarto di 69 voti.

A entrambi i candidati abbiamo rivolto alcune domande.

Progetti e temi più importanti per la prossima legislatura (2021-2024)?

Catarin: Sono già lanciati. Metterei l’accento sul comparto della ex caserma che deve assolutamente sbloccarsi. Perciò bisognerà cercare di rilanciare un dialogo costruttivo con gli opponenti. Mi sta a cuore pure il risanamento a tappe della scuola elementare:  anni fa abbiamo fatto fare uno studio sullo stato dello stabile e ora è giunto il momento di dare avvio ai vari interventi.

Bianda: Oltre che sull'ex caserma, con l'insediamento dell'Accademia Dimitri della Supsi, metto l'accento sul futuro Centro civico, con casa comunale e piazza. Finalmente siamo arrivati al dunque, con l'approvazione del credito di costruzione. Poi c'è il centro polivalente per gli anziani che è in dirittura d'arrivo e che sarà inaugurato a inizio 2022. Ma dovremo anche puntare sulla politica ambientale e sulla mobilità lenta.

Aggregazione Locarnese. Sì o no? Quale aggregazione?

Bianda: Nel 2011 Losone aveva approvato la proposta di aggregazione dei Comuni di sponda destra (con Ascona, Brissago e Ronco); ma il progetto era stato bocciato dagli altri. Il tema ora va ripreso e approfondito, senza tabù né preconcetti. Un'aggregazione ha senso se si crea un Comune forte. A mio avviso, per essere valida, deve coinvolgere i quattro centri: Locarno, Ascona, Losone e Minusio. O almeno Losone e Minusio che, per popolazione si equivalgono con Locarno.

Catarin: Parlare di aggregazione nel Locarnese è sempre un tabù. Sono sicuramente favorevole a un rilancio della questione, partendo dalla costruzione di un consenso. Nel frattempo continuerei con il dialogo e la collaborazione tra i Comuni dell’agglomerato su temi precisi, evitando però che ciò diventi un alibi per evitare l’aggregazione.

In verità è un po' così. I rapporti fra i Comuni dell'agglomerato sono davvero buoni?

Bianda: La regione ha dimostrato concretamente l'importanza di lavorare assieme, realizzando progetti importanti, come il Centro balneare, Cardada, il Palacinema, l’acquisto di Ses Sa e altri. È vero che l'aggregazione andrebbe oltre le opere puntuali, permettendo un aumento della qualità sia dell’amministrazione che degli organi politici e la creazione di un Comune forte.

Catarin: A mio avviso si potrebbe anche tentare la strada di collaborazioni fra i dicasteri, quindi nei diversi settori, come la cultura, l'ambiente e la socialità.

Edifici (più o meno) dismessi: ex caserma, quasi ex casa comunale, ex asilo. Cosa farne?

Catarin: Il tema è d'attualità ed è emerso anche nel corso delle sedute del Consiglio comunale. Il mio intento è quello di analizzare attentamente la situazione e proporre un masterplan per tutti gli stabili e le proprietà del omune valutandone lo stato, i tipi d’intervento necessari e le possibili destinazioni.

Bianda: Per l'ex caserma l'indirizzo è definito: potrà diventare un centro d'eccellenza della filiera dell'audiovisivo e delle arti sceniche, con la Supsi e altri contenuti. L'ex scuola dell'infanzia viene usata da associazioni locali e offre spazi anche al centro giovanile e al Minicentro. Per la casa comunale che verrà dismessa, dovremo proporre un utilizzo prima della fine del cantiere, così come promesso al legislativo. La necessità di spazi c’è sempre e prima di decidere se demolire quelli esistenti occorre una valutazione approfondita.

Catarin, il Plr aveva proposto di demolire questo stabile. Cosa ne pensa?

Catarin: Era un'idea per dare maggior visibilità alla nuova costruzione, che sorgerà lì accanto.

Bianda: Lo stabile attuale, che è nato come scuola circa un secolo fa, ha un valore non solo affettivo e il progetto di nuova casa comunale ne tiene conto. La sua validità è data anche dalla posizione privilegiata. Ma non potrà restare vuoto...

A Losone si costruisce sempre di più e gli spazi verdi sempre più insidiati. Cosa fare?

Catarin: Difficile rispondere, siamo legati alla legge federale sulla pianificazione che dice che il costruito andrà verso l’alto, limitando le nuove costruzioni negli spazi verdi: direi che una priorità sarebbe riuscire a mantenere le zone di Losone almeno allo stato attuale.

Bianda: Abbiamo quasi raggiunto la saturazione, con poche aree edificabili ancora a disposizione. La situazione può cambiare di poco. In futuro bisognerà costruire meglio e con qualità, pensando anche a spazi verdi pubblici abbinati ai complessi residenziali. In questo senso stiamo lavorando per progettare la valorizzazione e la riqualifica dell'entrata di Losone.

Finanze comunali: spese crescenti nella gestione corrente e investimenti milionari. Moltiplicatore già al 90 per cento. C'è da preoccuparsi?

Catarin: Al momento, salvo colpi di scena o grandi imprevisti, si può certamente stare tranquilli. Le finanze comunali sono buone, abbiamo una buona riserva di capitale proprio, gli indici finanziari sono favorevoli, il potenziale d'investimento è sotto controllo. Ovviamente bisognerà muoversi in modo oculato, secondo delle priorità ben precise, tenendo sempre sotto controllo l’andamento delle spese nei vari cantieri aperti.

Bianda: Le finanze sono solide e le prospettive buone. Anche con i futuri investimenti potremo mantenere l'equilibrio finanziario. La domanda da porsi è: qual è il ruolo di un Comune. A mio modo di vedere l’obiettivo è offrire servizi e prestazioni di qualità a un costo sopportabile. Il contenimento della pressione fiscale è importante, ma non dev'essere l'unico criterio di valutazione per l’ente pubblico. Losone piace e attira nuovi domiciliati proprio per i servizi che offre oltre che per la bellezza del territorio.

Non temete le conseguenze della pandemia?

Bianda: Al momento abbiamo riserve sufficienti, sempre che l'emergenza sanitaria passi nel giro di un paio di anni.

Spazi pubblici per la socialità: come animare il Comune? La futura piazza basterà? Pensare a zone incontro o aree pedonali?

Catarin: Non siamo un Comune dormitorio. Gli spazi e le opportunità di socializzazione non mancano. Oltre al Meriggio, a breve apriremo uno spazio pubblico interessante e coinvolgente nella zona Cesura: la chiusura della via e l’apertura del nuovo parco giochi daranno sicuramente a Losone uno spazio d’incontro centrale e innovativo. A seguire ci sarà la nuova piazza legata all'edificazione della casa comunale. Direi che Losone si sta muovendo nel modo giusto per avere spazi d’incontro.

Bianda: Il comparto con il Centro polivalente per anziani sarà luogo d'incontro intergenerazionale. Nessuno deve sentirsi escluso a Losone: abbiamo un Centro giovani, un servizio dedicato agli anziani soli e altre strutture (spazi e servizi) per stimolare le persone a partecipare alla vita sociale. E in futuro questa offerta si arricchirà con l'ex caserma e magari con un centro diurno nell'attuale casa comunale.

Maggiore partecipazione diretta dei cittadini alla vita politica. Un capriccio o una necessità? Con quali modalità?

Bianda: È auspicabile, ma stando attenti a non cadere nella trappola di un'eccessiva burocrazia. La creazione di enti intermedi ha un suo fascino e potrebbe essere la soluzione per facilitare una maggior partecipazione della popolazione ai processi decisionali. L’altro lato della medaglia può essere però un ulteriore rallentamento dei tempi d’esecuzione delle opere pubbliche così come dell’erogazione di nuovi servizi e prestazioni.

Catarin: Stanno nascendo degli strumenti interessanti per la partecipazione dei cittadini alla vita politica. A Losanna si parla del Budget Partécipatif: un coinvolgimento della base con proposte di progetti legati al territorio e non solo. Progetti per i quali l'ente pubblico mette a disposizione un sostegno finanziario.

Ambiente: cosa fa il Comune? E cosa potrà o dovrà fare? Come coinvolgere maggiormente il privato?

Catarin: Direi che il nostro comune per l’ambiente fa già la sua parte. Dal 2009 siamo all’avanguardia nella raccolta separata dei rifiuti. Potremo proporre iniziative legate alle energie rinnovabili, con incentivi mirati per le nostre aziende e per gli stabili comunali. Si sta procedendo con l’eliminazione delle linee elettriche aeree, abbiamo il Peco che ci supporta e con i contributi cantonali riusciamo a incentivare alcuni progetti legati alla mobilità lenta o all’installazione di termopompe, pannelli solari e altri. A breve partirà la ristrutturazione completa del “ecocentro” in zona Canaa.

Bianda: Oltre a quanto citato da Ivan, non dimentichiamo che il Comune, con Patriziato e Ses, ha realizzato la più grande centrale termica del Ticino. Centrale che si autofinanzia. Anche a livello di veicoli comunali, ci si sta indirizzando verso il settore elettrico o ibrido. Losone è particolarmente sensibile nei confronti dell’ambiente.

Viabilità: strade principali sempre più intasate e continui imbottigliamenti. Quali sono le soluzioni possibili?

Bianda: La situazione geografica di Losone è complessa: a livello di viabilità siamo un asse di transito. La soluzione è sgravare le strade puntando sui mezzi pubblici e incentivandone l'uso. Si tratta di una sfida, ma vale la pena affrontarla come già stiamo facendo, con l'incremento delle corse e le nuove fermate bus. Il Covid, tuttavia, in quest'ambito ci ha messo i bastoni nelle ruote, spingendo un po' tutti all'utilizzo dei veicoli privati, piuttosto che dei mezzi pubblici.

Catarin: Sono sulla stessa linea. Aggiungerei anche stimoli all'uso della bicicletta elettrica per brevi spostamenti. Dobbiamo spingere  cittadini a cambiare le abitudini e questo non è sempre facile.

Servizi ai cittadini: quali sono quelli da migliorare?

Catarin: Il nostro gruppo propone ad esempio di creare uno sportello per mettere in rete i giovani del paese con le ditte locali che cercano apprendisti e impiegati.

Bianda: Già offriamo servizi di qualità, apprezzati dai cittadini. Guardando avanti, credo che bisognerà porre maggiormente l'accento sul settore dell'ambiente e su quello della socialità.

Quali sono le caratteristiche necessarie per fare il sindaco di Losone?

Bianda: Equilibrio, conoscenza del territorio e dei temi. Ma anche la capacità, che si acquisisce con il tempo e con l'apertura mentale, di creare relazioni all'interno e all'esterno del Comune, ad esempio con i vicini, il Cantone e la Confederazione. Occorrono pure doti di equidistanza fra le parti.

Catarin: Importante è il dialogo con le persone. Prendersi il tempo di ascoltare le proposte e le critiche. Mantenere il buon dinamismo all'interno del Municipio e di conseguenza nella nostra amministrazione. Insomma, bisogna essere coinvolgenti.

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved