ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Ascona, una conferenza tra fede e denaro

Relatore sarà Markus Krienke, teologo e filosofo
Locarnese
3 ore

‘Le Corti inCanto’: offriamo delicatezza in cambio di passione

Dopo 15 edizioni il Gruppo Centro Storico di Locarno vuole cedere il testimone a chi intenda dare continuità alla manifestazione
Ticino
5 ore

Divertimento, pregiudizi, didattica, ricerca... cos’è il gaming?

Chiacchierata a tutto tondo col ricercatore Supsi Masiar Babazadeh: ‘Non è solo Super Mario, ci sono programmi usati anche dalle aziende per i neoassunti’
Bellinzonese
5 ore

Una Bellinzona più pulita val bene una fredda giornata di vento

Clean Up Day: oltre alle scuole si è attivato anche un gruppo di volontari capitanato dall’amministratrice di un profilo Facebook dedicato alla città
Luganese
13 ore

Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’

Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
15 ore

Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’

Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
16 ore

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
17 ore

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
Ticino
17 ore

Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà

Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
12.05.2021 - 16:12

Salva, i numeri del 2020 premiano la buona gestione

Locarnese, presentato il consuntivo del Servizio ambulanza che, malgrado la pandemia, chiude con un risultato nettamente migliore di quanto preventivato

salva-i-numeri-del-2020-premiano-la-buona-gestione

Il resoconto dell'attività 2020 del Servizio ambulanza Locarnese e Valli (Salva) vede un bilancio positivo. A consuntivo, infatti, i conti chiudono con un risultato nettamente migliore rispetto alle stime; le uscite ammontano a 7,45 milioni, i ricavi sono stati pari a 5,47 milioni di franchi, con un fabbisogno a carico dei Comuni di poco più di 1,97 milioni (risparmio di circa 408mila franchi), corrispondente a un costo pro capite di 28.28 (preventivo 34.01). Sono calati, sempre per rapporto alle stime, i costi nella misura di 183mila franchi. Flessione che si spiega con una diminuzione della voce costi del personale. Parallelamente si è assistito a un aumento dei contributi di sostegno (malgrado l'annullamento di tutti i grandi eventi, che ha comportato la rinuncia ai numerosi dispositivi pianificati durante l'anno, fonti d'importanti introiti) e a un incremento - soprattutto negli ultimi mesi dell'anno - degli interventi di soccorso e salvataggio (con un record di missioni, ben 572, registrato in dicembre). Al tirar delle somme i ricavi lo scorso anno sono stati superiori per ben 224mila franchi rispetto alle previsioni.

Una prima parte dell'anno in sordina, poi un marcato incremento delle missioni 

Un altro aspetto che emerge nettamente è che dopo una prima parte d'anno praticamente "congelata" dal lockdown, con pochi turisti e attività lavorative ridotte ai minimi termini, si è assistito a una ripresa delle attività all'aperto e della presenza di ospiti nel nostro comprensorio. Nel 2020 il personale ha effettuato 5'562 interventi con ambulanza, con una media giornaliera di 15 missioni. Dalla nascita del Salva, 15 anni fa, a oggi l'aumento delle chiamate di soccorso è stato superiore al 35%. Ben 120 gli interventi compiuti, invece, dai medici che collaborano col Salva nelle valli. Stabile quello del Servizio specialistico Urgente (1'819 casi).

Il Covid-19 ostacola la formazione e aumenta le spese per il materiale sanitario

Non bisogna ovviamente dimenticare che l'esercizio 2020 è stato fortemente condizionato dalla pandemia; a livello operativo, il lavoro ha dovuto essere riorganizzato in modo da rispondere ai dispositivi e alle decisioni adottate dallo Stato Maggiore. Nonostante le difficoltà, il personale paramedico ha sempre potuto intervenire e lavorare nella massima sicurezza, tutelando al meglio anche la salute dei pazienti. Inutile precisare che a livello di materiale sanitario e di protezione individuale, la spesa per proteggere donne e uomini in prima linea è stata notevole. A tutto ciò va aggiunta la formazione, attività che ha subito un duro contraccolpo soprattutto a livello di corsi destinati alle aziende, alle istituzioni pubbliche come pure al personale degli istituti di cura.
I dati del documento finanziario evidenziano quindi una buona strategia, con politiche di gestione economica sui vari settori che hanno permesso di avere un bilancio positivo senza far mancare nulla alla "grande famiglia" del Salva impegnata per dare risposte tempestive ai bisogni della comunità.
Due parole vanno spese anche sulle fatture non pagate (perdita sui debitori): l'ammontare delle perdite registrate lo scorso anno corrisponde all'1,8% del fatturato dell'ente. Occorrerà comunque attendere quale sarà il quadro post pandemia, in una situazione finanziaria che per molti si è complicata ulteriormente, per avere indicazioni più precise al riguardo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved