ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Chiesa: ‘Poco sociali? Le nostre iniziative aiutano i cittadini’

Il presidente nazionale dell’Udc risponde alle critiche mosse da Claudio Zali, che ritiene Piero Marchesi e l’Udc interessati al suo seggio
Mendrisiotto
1 ora

Monte, inaugurati gli interventi del progetto intergenerazionale

Tre anni di lavoro e mezzo milione di franchi per la realizzazione di opere architettoniche volte a migliorare la qualità di vita delle persone anziane
Ticino
5 ore

Il 30% degli anziani ticinesi fa fatica ad arrivare a fine mese

È quanto emerge da uno studio di Pro Senectute, che riconosce quello a Sud delle Alpi come il dato più alto in Svizzera. E scatta subito l’interpellanza
Bellinzonese
5 ore

Violenza domestica, serata pubblica a Bellinzona

Mercoledì 12 ottobre interverranno Giorgio Carrara (Polizia cantonale), Frida Andreotti (Divisione giustizia) e l’avvocato Roberta Soldati
Bellinzonese
5 ore

Scuola bandistica del Bellinzonese, al via le lezioni d’assieme

Si apre la trentesima stagione dei corsi formativi
Bellinzonese
6 ore

Torna Poesia Curzútt, con Francesca Matteoni e Yari Bernasconi

Appuntamento per venerdì 14 ottobre
Locarnese
6 ore

‘A stanare prede nella notte’, gruppo di bracconieri nei guai

Alcuni cacciatori della regione sono finiti sotto inchiesta per illeciti venatori. Sequestrate armi modificate e un consistente bottino di catture
Luganese
8 ore

La Peonia del Generoso per lo stemma di Val Mara

Presentato il simbolo del nuovo Comune, nato dalla fusione di Maroggia, Melano e Rovio. Il Consiglio comunale approva i nuovi regolamenti comunali
Locarnese
9 ore

Ascona, per 6 mesi lavori allo svincolo San Materno

Messa in sicurezza degli attraversamenti stradali e nuova pavimentazione le opere previste
Bellinzonese
14 ore

Camorino, auto in fiamme sullo svincolo della A2

Il fatto è avvenuto ieri sera poco prima delle 23. Non si registrano feriti o intossicati
Locarnese
1 gior

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
Gallery
Locarnese
1 gior

La Rega decolla nei consensi e nella simpatia

Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
1 gior

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
28.04.2021 - 16:24
Aggiornamento: 17:13

Politica giovanile a Locarno, un catalogo di proposte

Interrogazione di Fabrizio Sirica (Ps) al Municipio cittadino

politica-giovanile-a-locarno-un-catalogo-di-proposte
Ti-Press

Un catalogo di proposte a favore di una politica vicina ai giovani e alle loro esigenze. Lo presenta al Municipio, tramite un'interrogazione, il consigliere comunale Fabrizio Sirica (Ps). “L'obiettivo prioritario è quello di mettere al centro del dibattito pubblico della legislatura alle porte le esigenze dei minorenni e dei giovani adulti. Auspichiamo che il nuovo Municipio prenda da subito una linea chiara rispetto alla politica giovanile che vuole proporre, sul solco di quanto intrapreso negli ultimi mesi dal Comune con l’ottenimento del certificato Unicef ‘Comune amico dei bambini e dei giovani’ e facendosi parte propositiva assieme alla Fondazione il Gabbiano per la creazione di un servizio di operatore di strada regionale”.

La situazione attuale per quanto riguarda i giovani adulti, in una fascia d’età compresa tra i 16 e i 25/30 anni circa, stando a Sirica desta preoccupazioni. La pandemia ha avuto un impatto sui giovani, “poiché lo stare insieme, fare attività fisica, esprimere la propria cultura, confrontarsi con i pari e occupare lo spazio pubblico, per loro sono delle vere e proprie necessità evolutive”.

Il primo febbraio, Locarno ha ottenuto il certificato Unicef di “Comune amico dei bambini”. Tuttavia, soltanto un mese dopo che è stato orgogliosamente annunciato il label, in Consiglio comunale sarebbe dovuta passare una modifica del regolamento che avrebbe fornito una base legale per dei cartelli “repressivi”.Divieti per allontanare dal centro città quelle decine di giovani che ogni venerdì e sabato sera si ritrovavano per stare insieme, ascoltare musica, parlare, bere qualcosa nei bar o fuori dai locali, sui muretti della città. Misure che per l'esponente della sinistra non sono certo amiche dei giovani. Via quindi i cartelli e avanti con altre proposte, “perché gli eventuali problemi di ordine pubblico causati dai giovani in quelle zone non si risolvono spostandoli pochi metri più in là, ma con l’ascolto delle loro necessità”.

Ecco, in concreto, l'elenco delle proposte:

• “Dotarsi di un’equipe di operatori di prossimità, al cui interno va portato avanti un concetto di peer education (educazione tra pari). Questo servizio, già conosciuto in diverse località ticinesi e non solo, permette di fare da ponte tra le istituzioni e i giovani, ascoltare le loro necessità, sostenerli e metterli in condizioni di portare avanti i loro progetti. Non si tratta di una spesa, ma di un investimento. La Fondazione il Gabbiano e la Città si stanno facendo parte attiva nell’elaborazione di un progetto di valenza regionale”.

• Spazi di responsabilità, favorire gli eventi giovanili: “la città deve mettere a disposizione gratuitamente, alle associazioni giovanili o a gruppi informali di giovani che ne fanno richiesta, gli spazi pubblici e le risorse materiali del Comune per permettere eventi giovanili. Intendiamo ad esempio piazze, ma anche palchi, gazebi, transenne. Le richieste devono essere accompagnate da un progetto, ma per realizzarlo ai giovani va data la possibilità di essere supportati da una figura educativa (l’ideale sarebbe l’operatore/operatrice di prossimità). In questa maniera si darebbe sfogo costruttivo alle necessità dei giovani”.

• Spazi di sport: “È urgente pensare di creare spazi polisportivi pubblici e sempre accessibili, in tutti i quartieri della città, dotati d'illuminazione serale. Le palestre comunali inoltre devono poter essere accessibili e gestite dai ragazzi, con la supervisione di un operatore, che stabilisce con loro le regole e la gestione, ma con l’obiettivo di responsabilizzarli e farli gestire in autonomia”.

• Uno spazio pubblico gratuito per registrare e suonare musica: oltre a un palco fisso, già in discussione, “la città deve anche mettere a disposizione dei giovani degli spazi adeguati per registrare canzoni, provare con il gruppo, fare musica. Si potrebbe anche mettere un pianoforte (come nelle stazioni ferroviarie).

• Un budget annuale a favore di progetti giovanili: “La città deve dotarsi di un budget annuale (ad esempio 20mila franchi) per sostenere progetti presentati da giovani e giovani adulti”.

Stando a Sirica vanno anche riprese le proposte dell’associazione giovanile LocAttiva, già emerse nel 2015: dalla possibilità di organizzare eventi usufruendo gratuitamente di spazi pubblici e infrastrutture a una maggiore flessibilità su orari, permessi, deroghe, passando per un Ufficio giovani, spazi pubblici destinati ai cittadini, e muri per la street art.

In conclusione vengono poste alcune domande al Municipio. In particolare: fare il punto alla situazione delle politiche giovanili e prendere posizione sulle proposte contenute dell'interrogazione.





Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved