peccia-apre-il-polo-culturale-nel-cuore-della-valle
I 5 atelier e il padiglione (Foto T. Burgherr)
+1
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Archibugieri ticinesi agli onori in Italia

Importanti risultati anche per i ticinesi Denys Gianora di Pregassona e Giordano Rossi di Brusino Arsizio
Mendrisiotto
2 ore

Il Camping Monte Generoso di Melano amico dei cani

Riconosciuto come ‘the best campsite for your dog’ di tutta la Svizzera da parte dell’Acsi, il maggior specialista europeo dei campeggi
Bellinzonese
2 ore

Depurazione a Giubiasco, nel Ticino acqua sei volte più pulita

È il risultato del nuovo sistema di filtrazione attivo da otto mesi presso l’impianto dell’Azienda multiservizi Bellinzona
Mendrisiotto
4 ore

Presenza insolita fuori scuola ad Arzo: ‘Situazione monitorata’

Istituto e Polizia sono al corrente e restano vigili. Aperto dialogo con gli alunni. L’invito è a non creare allarmismo
Ticino
5 ore

Torna la Giornata mondiale senza tabacco, #maforselosaigià

Lo slogan della campagna vuol stuzzicare l’attenzione del pubblico e farlo riflettere sui molteplici danni che l’industria del tabacco arreca all’ambiente
Mendrisiotto
5 ore

Balerna festeggia il suo concittadino Mattia (Crus) Croci-Torti

Incontro con la popolazione giovedì 2 giugno alle 18.30 per celebrare il successo di Coppa dell’allenatore del Lugano
Luganese
5 ore

Corsi di italiano per stranieri: iscrizioni aperte a Lugano

Li organizza nell’ambito delle proprie attività in favore dell’integrazione l’Associazione Il Centro
Locarnese
5 ore

Pestaggio in rotonda, ‘tentato omicidio intenzionale’

Promossa l’accusa per i due fratelli, in carcere da cinque mesi, che lo scorso dicembre a Locarno picchiarono un 18enne
Luganese
5 ore

I modi di dire: origini, significati e curiosità

Incontro alla Biblioteca cantonale di Lugano con il linguista Ottavio Lurati e Luca Saltini
Ticino
5 ore

Riduzione tasso di conversione Ipct, ‘mobiliteremo il personale’

Il passaggio dal 6,3 al 5 comunicato dalla Cassa pensioni cantonale non piace affatto al sindacato Vpod, che annuncia battaglia
Mendrisiotto
5 ore

Prima tappa momò dello Street Food Village

L’evento organizzato dal team di saporiedissapori.ch si terrà venerdì 27 e sabato 28 maggio sul posteggio di viale Volta a Chiasso
Luganese
5 ore

Il Circo Knie e il futuro: quale terreno per il carrozzone?

Interrogazione al Municipio di Lugano del consigliere comunale Ppd Luca Campana per conoscere la prossima destinazione degli spettacoli
Luganese
6 ore

Scollinando in compagnia per la dodicesima volta

Si terrà domenica 12 giugno l’evento enogastronomico che si dispiega in undici comuni della collina Nord di Lugano
Bellinzonese
6 ore

Altro passo avanti per il nuovo quartiere Officine di Bellinzona

La documentazione relativa alla variante di Piano regolatore sarà consultabile dal 30 maggio al 28 giugno al Dicastero territorio e mobilità di Sementina
Ticino
6 ore

‘Che anche i docenti sopra il 50% possano diventare deputati’

Lo chiede un’iniziativa elaborata dell’Mps. Movimento che inoltre lunedì in Gran Consiglio presenterà 5 emendamenti per aiuti allo studio fino ai 60 anni
laR
 
27.04.2021 - 05:20
Aggiornamento : 17:27

Peccia, apre il polo culturale nel cuore della valle

Dopo un anno di attesa iniziano le attività al Centro internazionale di scultura. Al via l’esposizione sulla ‘gravità’ dell’artista messicano Dávila

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Doveva svolgersi un anno fa, ma la pandemia ha bloccato tutto. Ora, anche se non con la grande festa immaginata, la cerimonia di apertura del Centro internazionale di scultura (Cis) di Peccia potrà avere luogo. L’appuntamento è per domenica 2 maggio, alle 10.30, in diretta online sul sito www.centroscultura.ch.

Interazione tra artisti e appassionati 

L’idea di Centro di scultura attrezzato per l’attività artistica nasce negli anni Novanta a partire dalla constatazione di un diffuso bisogno di spazi e di infrastrutture che permettessero la realizzazione di opere nell’ambito dell’arte tridimensionale. A promuovere il progetto è la Fondazione internazionale per la scultura (Fis) che vede nella frazione del comune di Lavizzara, in cui dal 1984 è attiva la rinomata Scuola di scultura, il luogo ideale. Questo nuovo polo culturale, ora divenuto realtà, è stato sostenuto dal Canton Ticino con 3 milioni di franchi su un totale di 6 necessari alla sua costruzione, oltre che dal Comune e da numerosi privati. A rappresentare il fulcro del progetto sono l’utilizzo in chiave moderna dei materiali ricchi di tradizione grazie a un’infrastruttura professionale per la lavorazione della pietra, del legno e del metallo, nonché l’interazione fra artisti e appassionati. Il Centro è composto da un ampio padiglione dedicato a mostre di opere contemporanee curate dal Comitato artistico della Fondazione, e da cinque atelier attribuiti annualmente ad altrettanti borsisti, sulla base di un concorso internazionale.
«I continui cambiamenti dettati dal virus hanno reso piuttosto complicata l’organizzazione delle attività e della cerimonia − spiega Thierry Burgherr, direttore della Cis −. È stato un periodo che ha richiesto molte energie e sinergie, però ce la siamo cavata e domenica siamo pronti per l’apertura, con una quindicina di ospiti in presenza». Tra gli invitati si annoverano il consigliere federale Ignazio Cassis, il consigliere di Stato Manuele Bertoli, alcuni rappresentanti delle autorità comunali e l'ambasciatrice messicana in Svizzera.

In mostra il precario equilibrio tra materiali fragili e massicci

La presenza di quest’ultima si spiega con il fatto che la prima mostra del Centro è dedicata a Jose Dávila. Artista messicano, classe ‘74, formatosi come architetto e poi divenuto scultore, è celebre per le sue sculture che tematizzano "la lotta universale dell’umanità contro la forza di gravità”, concetto che gli abitanti della regione − segnata dalla pietra, in primo luogo dal marmo della Valle Maggia − ben conoscono. Le sue opere si fondano sull’interazione fra i materiali fragili e massicci in precario equilibrio fra di loro. «Nella nostra Fondazione − ripercorre Burgherr − abbiamo un Comitato artistico i cui vertici due anni fa si sono recati in Messico per conoscere lo scultore. Quando gli hanno parlato della Scuola di scultura e del progetto del Centro si è mostrato interessato ed è venuto a Peccia di persona. È rimasto molto affascinato dalla realtà con cui si è trovato a confronto e ha deciso di organizzare questa mostra». Dal 4 maggio l'esposizione sarà aperta al pubblico in ottemperanza alle regole anti Covid. Prima dell'apertura − annunciano i promotori − sarà svelata un'opera di Dávila presso la chiesa di Mogno progettata dall'architetto Mario Botta.

Valorizzare lavori emergenti e luoghi discosti

Dal 1° gennaio prenderanno il via anche le cinque residenze artistiche. «Dopo la pubblicazione del bando di concorso abbiamo ricevuto 140 richieste di partecipazione da tutto il mondo − illustra Burgherr −. La Giuria internazionale, completamente indipendente da noi, ha selezionato tra di loro cinque artisti. Sono tutti molto bravi, ma non ancora famosi. La scelta è stata fatta proprio su persone non affermate ma con un potenziale da esprimere». Provenienti da Germania (due), Slovenia, Giappone e India (quest’ultimo arriverà in un secondo momento a causa dell’aggravarsi della situazione pandemica nel suo Paese), saranno a Peccia fino al 30 ottobre, negli atelier dedicati dove potranno svolgere la loro opera. «Il fatto di ospitare questi cinque artisti internazionali − valuta il direttore del Cis − è un arricchimento delle relazioni sia per loro che per noi, grazie allo scambio delle reciproche competenze». Scopo di questa grande infrastruttura è proprio di dare nuovi impulsi come luogo d'incontro ad artisti e persone interessate. «Siamo inoltre convinti di poter diventare un importante motore del turismo e dell'economia per la regione anche in prospettiva futura». In favore dello sviluppo locale è in elaborazione una nuova piattaforma denominata "Lavizzara 2030" promossa dalla Fis e da Elia Frapolli, ex direttore di Ticino Turismo: «L’idea, supportata anche dalla Fondazione Lavizzara, è di creare una piattaforma dotata di un sito, aperta a tutti, con lo scopo di consentire lo scambio di proposte e le relative valutazioni. Servirà come mezzo per mettersi in rete, comunicare e dare impulso a nuovi progetti che coinvolgano tutta la valle».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
centro internazionale scultura inaugurazione jose dávila peccia thierry burgherr
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved