museo-di-storia-naturale-la-gestione-e-per-locarno
La sede designata (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
28 min

La piazza a lago di Riva San Vitale fa spazio alla festa

In programma una ‘tre giorni’ di musica e specialità gastronomiche organizzata dalla società del Riva Basket
Ticino
45 min

Su imposta di circolazione e riforma Arp si voterà il 30 ottobre

Il Consiglio di Stato ha fissato la data delle urne. Al voto anche l’inclusione dei disabili e il riconoscimento della lingua dei segni italiana
Ticino
2 ore

Panne al San Gottardo, quaranta i treni cancellati

Il guasto che stamane ha paralizzato il traffico ferroviario da e per il Ticino ha costretto alla soppressione di 30 convogli merci e 10 passeggeri
Mendrisiotto
2 ore

Cinema sotto le stelle al Lido di Riva San Vitale

In programma tra luglio e la metà di agosto cinque appuntamenti con il grande schermo open air
Locarnese
2 ore

Morto a Solduno, autopsia svolta: servono esami tossicologici

Proseguono le indagini sul cadavere rinvenuto il 23 giugno. Stando agli elementi raccolti si tratta di un 24enne svizzero domiciliato nella regione
Ticino
3 ore

‘Maltempo, passato il primo fronte. Ma l’allerta non finisce’

Nel pomeriggio previste nuove precipitazioni, anche abbondanti. E tra giovedì e venerdì in arrivo un’altra grossa perturbazione
Bellinzonese
3 ore

Rinviato all’1 luglio il concerto dei Manupia ad Arbedo

L’esibizione alla Spiaggetta di Arbedo-Castione è stata rinviata causa maltempo
Mendrisiotto
4 ore

Paolo Sauvain alla testa della Fondazione Monte Generoso

Cambio della guardia all’interno del Consiglio dopo le dimissioni del già presidente Riccardo Rossi e di altri tre membri
Ticino
4 ore

Pioggia e grandine spazzano le strade: diversi tratti chiusi

Caduta di alberi segnalate in Gambarogno e a Monte Carasso. E a Riazzino allagato il sottopassaggio delle Ffs
Bellinzonese
4 ore

Tunnel del Gottardo chiuso per un veicolo in avaria

Lo segnala il Tcs su Twitter
Mendrisiotto
4 ore

Mendrisio è divenuta la casa di settanta profughi ucraini

Il Municipio restituisce il quadro della situazione. Oltre duecento gli alloggi messi a disposizione; sedici i bambini scolarizzati
Ticino
5 ore

Ukraine Recovery Conference, ecco un sito e una helpline

Attivati dalla Polizia, il loro scopo è quello di migliorare la comunicazione, con lo scopo di assicurare e mantenere i servizi di sicurezza
Ticino
5 ore

Ripresa la circolazione dei treni sulla linea del Gottardo

Risolto il problema che alle prime ore di stamane aveva provocato la paralisi dei convogli da e per il Ticino
Ticino
6 ore

Piogge torrenziali, grandine e forte vento sul Ticino

Allarme di intensità ‘rossa’ per le prossime ore in alcune regioni a ridosso del confine con l’Italia
Bellinzonese
7 ore

Il temporale lascia ‘muto’ internet a Gudo

Ha provocato qualche disagio il fronte di maltempo che nella notte ha attraversato il nostro cantone
Ticino
7 ore

Guasto tecnico alla linea Flüelen-Biasca, treni soppressi

Interrotto fino almeno a mezzogiorno il traffico ferroviario da e per il Ticino lungo il Gottardo. Mattinata di perturbazioni
Luganese
9 ore

Lidi e piscine nel Sottoceneri: dov’è l’acqua più ‘salata’?

Famiglie, persone in Avs, studenti: quanto pagano per una giornata di tuffi? Dall’economica Riva San Vitale alla chic Riva Caccia, viaggio fra le tariffe
Ticino
9 ore

‘Due milioni di franchi per proteggere gli allevamenti dal lupo’

Li chiede al Cantone una mozione di Gardenghi (Verdi), firmata anche dal Ps. Donati (Protezione dai grandi predatori): ‘Non servono soldi, ma meno lupi’
Bellinzonese
9 ore

Ricca offerta culturale del Centro Pro Natura Lucomagno

La rinnovata infrastruttura di Acquacalda proporrà delle escursioni guidate nella regione e delle colonie estive
Locarnese
16 ore

Quasi 6mila franchi, il debito pro capite della Città di Locarno

Il Consiglio comunale ha approvato il consuntivo 2021: pesante deficit di 5’428’560 franchi e capitale proprio abbassato da 11,3 a circa 5,8 milioni.
20.04.2021 - 16:09
Aggiornamento: 16:58

Museo di storia naturale, la ‘Gestione’ è per Locarno

Firmato il rapporto sul credito di 9,55 milioni di franchi per la progettazione. Alla Leventina masterplan e sviluppo del filone ‘cultura natura’

Il comparto di Santa Caterina a Locarno è la soluzione migliore per il Museo cantonale di storia naturale. È questa la conclusione alla quale giunge l'atteso rapporto della Commissione gestione e finanze, firmato oggi, che preavvisa favorevolmente la richiesta di credito di 9,55 milioni di franchi per progettare la struttura. Un credito che presto verrà discusso anche dal Gran Consiglio.

Il lavoro della Commissione è stato lungo, con approfondimenti e sopralluogo, audizioni, studio documenti, analisi comparata Locarno-Faido e sguardo storico. Al termine, i co-relatori (Nicola Pini Plr, Fiorenzo Dadò Ppd, Michele Guerra Lega e Anna Biscossa Ps) hanno deciso di condividere la scelta del Consiglio di Stato. “L’ubicazione del Museo di Storia naturale a Locarno, nel sedime di Santa Caterina, è la soluzione migliore in primis per il Museo stesso, che potrà beneficiare non solo dell’attrattiva del nuovo comparto e dell’affluenza turistica propria della destinazione Locarnese e Valli (garantendone una sostenibilità nel tempo), ma anche di un’importante rete di sinergie formative, culturali e scientifiche”. E il pensiero va a Isole di Brissago, Bolle di Magadino, Parco del Piano, Parco delle Camelie, Dfa della Supsi, istituti formativi dell’obbligo, post-obbligo e della formazione professionale, Irsol e altri ancora. Inoltre, il Museo si troverebbe a pochi metri dalla stazione Ffs e da un autosilo, oltre che dal centro cittadino. Senza dimenticare la prossimità con le valli del Locarnese, scrigni di bellezze paesaggistiche, naturalistiche, storiche e culturali. “Da ciò l’importanza, per rafforzare ulteriormente il richiamo del Museo, l’abbinamento con il progetto della Casa delle Valli, un’ulteriore messa in rete delle valli e un ulteriore trampolino verso di loro”, indica la commissione, che si felicita per l’accoglimento da parte del Consiglio di Stato della relativa mozione.

“Un uso oculato delle risorse”

Il comparto di Santa Caterina, per il quale è già pronta la variante di Piano regolatore, viene considerato come la soluzione la più opportuna. “Si tratta infatti del recupero di un bene storico di rilevanza cantonale e nazionale di proprietà dello Stato” che per di più sarà messo a disposizione della cittadinanza, con contenuti museali, abbinati a spazi per la ricerca, la conservazione, la raccolta di documentazione, la didattica e per un “laboratorio culturale”. La “Gestione e finanze” ricorda pure che in ogni caso, anche senza museo, il Cantone dovrebbe intervenire sull'ex convento nel cuore di Locarno. Insomma, la scelta di “tale ubicazione permette un uso oculato delle risorse”.

Senza dubbio, come si legge nel rapporto “tale progetto costituisce, per le sue caratteristiche e la sua valenza, una grande opportunità per Locarno, il Locarnese con le sue Valli e per il Ticino tutto, che potrà beneficiare di un nuovo e importante attrattore. La riconversione-riqualifica di un intero comparto, che racchiude edifici di grande valore storico-culturale e un’ampia area verde in pieno centro-città in un Museo cantonale di storia naturale rappresenta un importante valore aggiunto a livello culturale e turistico. Valore aggiunto di cui tutto il territorio potrà beneficiare, direttamente e indirettamente”.

Prospettive per la Leventina

Quanto all’ipotesi di Faido, la Commissione gestione e finanze ringrazia i promotori dell'idea, così come i promotori delle altre sette sedi candidate nel 2017. La conclusione porta a Locarno, “che si è dimostrata rispondere meglio ai criteri scelti”. Un riesame, a questo punto, non viene ritenuto più necessario, né opportuno, anche visti gli anni e le risorse già investite. “In tal senso, la mozione per il Riesamina della proposta di Faido quale sede del Museo cantonale di storia naturale è da ritenersi effettivamente evasa”.
Ma la Commissione non ha dimenticato la Leventina: “Quanto precede non toglie evidentemente che anche le altre ubicazioni abbiano portato contenuti e soluzioni interessanti, che sarebbe peccato non cercare di attivare con altri progetti o strumenti, dalla politica di rivitalizzazione degli edifici dismessi alla politica economica regionale, passando da altre leggi settoriali. In questo senso l’auspicio è che le varie autorità regionali inizino da subito a immaginare altri contenuti, altri progetti, altre prospettive per i vari edifici o terreni, e che al contempo il Cantone non faccia mancare, dove possibile e necessario, il proprio sostegno. Per quanto riguarda in particolare le rivendicazioni leventinesi, concretizzate nella citata mozione, la Commissione gestione e finanze chiede al Consiglio di Stato di avviare al più presto i lavori del masterplan regionale ai sensi della politica economica regionale”. Questo anche tenendo conto che la Leventina è la sola “zona masterplan” in Ticino a non aver ancora attivato questo importante strumento, che, oltre a permettere di elaborare una visione condivisa di sviluppo economico a medio-lungo termine per tutta la valle e d'identificare i progetti per il raggiungimento della stessa, consente di garantire – in particolare ai progetti definiti “faro” dalla regione stessa – dei finanziamenti fino al 65 per cento dell’investimento. “Un modo di procedere, questo, che non solo permetterebbe di stimolare un rilancio socio-economico di tutta la valle, ma anche di approfondire le idee emerse dal progetto di Faido che, al di là della localizzazione, proponeva un’innovativa idea di dialogo tra una proposta culturale, come quella offerta dal Museo di storia naturale, e il territorio in cui la stessa era inserita, sottolineando e valorizzando i valori paesaggistici, territoriali e di competenze presenti nello stesso. Aspetto, questo, considerato in prospettiva anche nel progetto di Locarno – conclude il rapporto –. Studi universitari e modelli già esistenti considerano il territorio alpino come ambito patrimoniale di alto valore aggiunto, grazie alla collaborazione con i centri di ricerca, alle offerte formative di eccellenza in esso presenti e attivi, nonché alla partecipazione della popolazione nella raccolta dati, passati e presenti su questi luoghi; quindi si auspica che in Leventina, e più in generale nell’Alto Ticino, possano essere approfonditi, sviluppati e dove possibile concretizzati anche questi approcci progettuali, ovviamente coordinati e integrati agli altri progetti, nell’ambito del filone cultura e natura”. Nel concreto, la Commissione gestione e finanze chiede che “sia approfondita e valorizzata (se esistono le condizioni) l’opzione di realizzare strutture, ‘punti visita’, una Sezione alpina o altro in grado di far dialogare cultura e natura in Leventina, se del caso integrandoli all’offerta del Museo di storia naturale di Locarno al fine di arricchirla. Con analoghe finalità, nell’ambito degli approfondimenti relativi allo sviluppo della Casa delle Valli, si chiede al Consiglio di Stato e agli Enti regionali di sviluppo di riferimento di valutare l’estensione di questo progetto verso le altre Valli, compresa naturalmente la Leventina”.

Leggi anche:

Museo di storia naturale a Locarno, progettazione al via

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
leventina locarno museo storia naturale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved