apprendisti-della-santa-chiara-usati-come-ricatto
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
9 min

Mendrisio, i vincitori del tiro sportivo di Pro Militia

Alla manifestazione hanno preso parte una quarantina di tiratori. Ospite anche il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi
Locarnese
37 min

Locarnese, slitta la passeggiata degli ‘Amis da la forchéta’

La manifestazione sarà riproposta il 22 ottobre in una veste nuova e con numero limitato di persone
Locarnese
48 min

Film per le famiglie domenica in Piazza Grande

Dopo due anni di pausa forzata dovuta alla pandemia, torna la proposta cinematografica promossa dal Gruppo genitori
Mendrisiotto
52 min

Il Gruppo Progetto Monte organizza merenda, spettacolo e musica

L’appuntamento, organizzato con il sostegno del Comune di Castel San Pietro, è in piazza della Chiesa a Monte domenica 14 agosto, dalle ore 17 alle 19
Locarnese
1 ora

Monte Comino, domenica torna la festa popolare

Appuntamento in quota al Grotto al Riposo romantico; carne alla griglia, musica e intrattenimenti per i più piccoli nel programma della giornata
Mendrisiotto
1 ora

Chiasso, la piscina quadrata non riaprirà

La decisione è stata presa a titolo precauzionale a seguito della perdita di cloro. Da metà settembre la vasca sarà oggetto di analisi approfondite
Grigioni
1 ora

Un Ferragosto alpino a San Bernardino

Ricca offerta di attività per famiglie in centro al paese e nei dintorni
Luganese
1 ora

Alla Resega sbarcano due nuove macchine del ghiaccio

Le ENGO IceTiger, che vanno a propulsione elettrica, permetteranno di ripulire la superficie della Cornèr Arena in pochissimo tempo
Bellinzonese
1 ora

Il gruppo cornisti di Corzoneso si esibisce a Quinto

Il concerto, organizzato dal Consiglio parrocchiale con il patrocinio del Comune, si terrà lunedì 15 agosto alle 10.45
Bellinzonese
1 ora

Torre, serata di poesia e musica al Cima Norma Art Festival

Appuntamento per sabato 13 agosto a partire dalle 20 nell’ex fabbrica di cioccolato
Luganese
2 ore

Tentato assassinio, c’era alta tensione tra padre e figlio

In via di miglioramento il 22enne. Ieri avrebbe dormito fuori casa per sfuggire alle pesanti liti. Trovata dalla polizia l’arma, un Flobert calibro 22
laR
 
20.04.2021 - 18:21
Aggiornamento: 20:08

Apprendisti della Santa Chiara 'usati come ricatto'

I sindacati disapprovano la decisione della Direzione della Clinica di non accoglierli come pianificato. Critiche anche ai ritardi nei rimborsi del Cantone

Un'ingiustificata iniziativa intrapresa dalla Direzione della Clinica Santa Chiara che va a toccare gli apprendisti, già confrontati con una situazione occupazionale precaria, soprattutto in tempi di emergenza sanitaria. Da più parti si sono infatti levate voci di biasimo su quanto accaduto nella struttura sanitaria di Locarno, dove dei 13 apprendisti previsti, solo tre hanno potuto proseguire il loro cammino formativo. Il motivo adotto dalla Clinica cittadina? Misure di risparmio in attesa che il Cantone versi l'importo dovuto durante la gestione dell'emergenza Covid-19. Già confrontati con le difficoltà nel reperire un posto di tirocinio, gli stagisti, in questo caso, sembrano oltrettutto essere la vittima sacrificale di un tiramolla fra le parti.

I ritardi nei risarcimenti da parte dello Stato non aiutano

Raoul Ghisletta, segretario cantonale del Sindacato dei servizi pubblici e sociosanitari Vpod, si dice «molto preoccupato dalla situazione generale che si è venuta a creare nelle cliniche e negli ospedali a causa dei mancati introiti dovuti alla pandemia. Su questo aspetto la posizione del nostro sindacato a livello non solo ticinese, ma nazionale, è chiara: sono gli enti pubblici, principalmente i Cantoni, che devono pagare i maggiori costi e i deficit causati dalla pandemia nel settore sanitario. Su questo non ci piove». Ghisletta punta dunque il dito sul fatto che lo Stato abbia risarcito finora solo il 10% della cifra pattuita alla Santa Chiara: «Questa denuncia lascia interdetti, mi sembra incredibile che le cose non siano state ancora sistemate. È una considerazione che non riguarda solo la clinica locarnese ma tutte le istituzioni che hanno dei contratti di prestazione ai sensi della LaMal, sia cliniche private che ospedali pubblici senza distinzione: chi ha avuto dei problemi con la pandemia, in questo momento deve essere sostenuto dal Cantone». Questa è la premessa di base. «Dopodiché – dice Ghisletta – trovo che per far pressione sul Cantone bisognerebbe utilizzare altri metodi, non quello adottato dalla Santa Chiara, perché vuol dire mettere in mezzo i giovani che non c’entrano nulla con i problemi tra il Cantone e i fornitori di prestazioni. Mi pare una mossa sbagliata e autolesionista che crea una brutta immagine alla clinica. Bisognerebbe lavorare con altri strumenti per risolvere il problema di base che è quello di coprire le perdite causate dalla pandemia».

'I giovani apprendisti non hanno colpa alcuna! Serve maggiore sorveglianza'

Da noi contattata, Sarah Sbabo, coordinatrice del Sindacato studenti e apprendisti (Sisa), così commenta l'accaduto: «Dopo aver letto le dichiarazioni della Direzione della clinica e del consigliere di Stato Manuele Bertoli, siamo pienamente d'accordo con quanto affermato dal direttore del Decs. Non bisogna cedere a questo ricatto inaccettabile, che va a scapito di persone che non hanno colpa alcuna in questo contenzioso. Chiediamo perciò un loro reintegro immediato e auspichiamo che le trattative tra le parti vadano avanti senza intaccare il percorso formativo di questi giovani. Occorre inoltre soffermarsi e riflettere su quelle che sono le garanzie offerte loro nel settore privato, dove spesso gli apprendisti vengono sfruttati quando sono utili e poi allontanati quando non più necessari. Da qui la necessità di una più stretta sorveglianza. Parallelamente bisognerebbe aumentare l'offerta di posti per gli apprendisti e gli studenti nel settore pubblico/parapubblico. Per tornare al caso della clinica Santa Chiara, ci chiediamo, non da ultimo, se non vi sia stata una violazione dei termini contrattuali tra l'istituto e i giovani apprendisti. Al Decs il compito di procedere con le opportune verifiche. In ogni caso la protezione dei giovani stagiaires in formazione va migliorata».

Leggi anche:

Clinica Santa Chiara, apprendisti lasciati a casa

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved