ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
4 ore

Alvad, ‘malumore generalizzato ma soffocato dalla Direzione’

Partendo da una durissima lettera di un “gruppo molto folto di collaboratori” al Dss, il deputato Mps Matteo Pronzini chiede lumi al governo
Bellinzonese
6 ore

Un successo a Lumino la prima serata del progetto Mèzanecc

Una trentina di giovani ha sfruttato la possibilità proposta dal Municipio di incontrarsi e praticare sport in palestra
Bellinzonese
6 ore

Un aiuto concreto grazie alla Fondazione Fondo Loris

Devoluti 15mila franchi per aiutare il giovane Luum Abraham ad acquistare un veicolo adeguatamente predisposto per facilitare i suoi spostamenti
Bellinzonese
7 ore

Cinquant’anni di cure domiciliari e Abad vuole ancora crescere

Roberto Mora, direttore dell’associazione bellinzonese, auspica che il servizio, che aiuta bisognosi e sgrava le famiglie, diventi ancora più capillare
Bellinzonese
7 ore

Bellinzona, ‘Natale in città e Mondiali in Qatar più ecologici’

Nella sua interrogazione a nome del gruppo Unità di Sinistra, Lisa Boscolo invita il Municipio a una riflessione più approfondita
Ticino
7 ore

Ottobre, cadono le foglie... ma non i radar

Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati i controlli della velocità
Ticino
7 ore

Piricone nominata Sostituta magistrato dei minorenni supplente

Designata mercoledì dal Consiglio di Stato, permetterà di garantire l’operatività della Magistratura dei minorenni fino all’elezione del nuovo Sostituto
Mendrisiotto
8 ore

Scuole al voto a Breggia, nasce un Gruppo di sostegno

In vista del 30 ottobre sull’ampliamento del comparto scolastico di Lattecaldo si confronteranno referendisti (contrari) e favorevoli
20.04.2021 - 09:47

Centovalli, Re Giorgio è tornato e ora cerca una 'regina'

Ha stravinto le elezioni presentandosi come candidato unico sulla sua lista, centrando due seggi in Municipio. Ora dovrà designare un candidato, forse donna

centovalli-re-giorgio-e-tornato-e-ora-cerca-una-regina

Re Giorgio, come lo hanno scherzosamente soprannominato, è tornato! E lo ha fatto col botto, ottenendo il più alto numero di consensi nelle Centovalli e diventandone, di fatto, il sindaco (almeno di quindicina). Un exploit al quale nemmeno lui, politico di lungo corso da qualche anno allontanatosi dai riflettori della cronaca, credeva. Lo abbiamo raggiunto per le prime considerazioni su questo rientro trionfale: «Non so spiegarmi come sia potuto succedere. Mi attendevo circa 120 schede, ne ho ottenute 185. Un risultato sorprendente, che mi fa enormemente piacere». Un esito ancor più eclatante se si pensa che la sua persona, negli ultimi tempi, è stata più volte bersaglio di attacchi denigratori da parte dei suoi detrattori. Insomma, vien da pensare che a furia di parlargli dietro la schiena, alla fine abbiano fatto il suo gioco: «Le malelingue, con le loro accuse basate su falsità, hanno avuto ciò che si meritano. Mi hanno più volte tirato in ballo con calunnie infondate per screditarmi. Molte persone della valle, in tutta risposta, mi hanno testimoniato la loro stima e garantito sostegno». Insomma la macchina del fango non ha funzionato.
A questo punto, Giorgio Pellanda, entrato in Municipio da cavaliere solitario, dovrà però trovarsi una persona che lo accompagni, dal momento che "Impegno e Passione", il suo gruppo, ha strappato due seggi: «Mi prenderò qualche giorno per valutare la scelta e sentire i potenziali interessati. Non escludo possa trattarsi di una donna. A tempo debito lo comunicherò». Sul rischio di un eventuale ballottaggio, cosa ne pensa? Sarebbe pronto a un'ulteriore sfida?  «Non lo so. Devo ancora rifletterci».

Un'agenda già pronta

Non serve invece tempo di riflessione per scoprire quelli che sono i temi che a lui stanno a cuore e che figurano nella sua agenda: «Le nuove funivie, per iniziare; mi sta a cuore il turismo, sia ben chiaro, ma ritengo che Centovalli non abbia né la massa critica né le risorse per garantire la gestione finanziaria degli impianti. Occorrerà, a mio avviso, tornare a negoziare col Cantone un eventuale aiuto alla copertura dei disavanzi. Altro tema, quello del potenziamento della squadra operai: disponiamo di un territorio molto prezioso da custodire e salvaguardare, le forze attuali non bastano. Credo ci vogliano ancora 1 o 2 dipendenti a tale scopo. Infine l'istituto scolastico, per avere nuovamente le mono classi. Tutto questo senza dimenticare una cosa a me cara: i rapporti con la gente. Un paese che vuole rilanciarsi non può essere ostaggio di litigi e polemiche. Occorre maggior rispetto tra le persone e per chi, come me, vive la politica come servizio per la comunità, tutto questo è inaccettabile». 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved