Venezia
0
Torino
0
2. tempo
(0-0)
LECHEMIA E./LOHOFF J.
0
GOLUBIC V./TEICHMANN J.
1
2 set
(5-7 : 1-0)
niente-ripensamenti-chiudo-gli-impianti-di-bosco-gurin
Ti Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Locarnese
36 min

Vergeletto, dopo covid e danni c’è voglia di ripartire

La pista di ghiaccio, rimasta chiusa tutta la stagione, ha dovuto fare i conti con la pandemia e il maltempo. Ma ora si volta pagina e si pianifica il futuro
Luganese
38 min

Muzzano e Cureglia: quando il timone passa da donna a donna

Entrambi i Municipi vantano due sindache, come già nella precedente legislatura. Intervista a Verena Hochstrasser e Tessa Gambazzi Pagnamenta.
Luganese
3 ore

Viganello, duemila persone alla festa nel Campus Est

Un successo la manifestazione popolare voluta da tre Commissioni di quartiere con la collaborazione di Usi e Supsi
Bellinzonese
3 ore

Incontro con i 18enni e 19enni di Airolo

Le autorità comunali hanno incontrato i maggiorenni del Comune negli stabilimenti della ditta Tenconi Sa
Mendrisiotto
3 ore

L’Istituto di microbiologia della Supsi fa base a Mendrisio

Centro di competenze con 60 anni di storia, oggi indaga il territorio e diventa un punto di riferimento per i giovani ricercatori
Ticino
3 ore

Suter affiliato all’Udc: ‘Faccio politica associativa’

A livello svizzero si registra un calo del fatturato del 20 per cento per i ristoranti dall’introduzione dell’obbligo del Covid pass
Bellinzonese
3 ore

La filarmonica di Gorduno celebra i 100 anni con un libro

Il volume scritto da Pasquale Genasci ripercorre la storia della società tenendo conto anche dei cambiamenti politici, economici e sociali del paese
Luganese
4 ore

L’agente di Malcantone ovest richiede l’assoluzione

Il poliziotto, accusato di favoreggiamento e ripetuta infrazione alle norme della circolazione, è tornato in aula davanti alla Corte di appello
Locarnese
17.04.2021 - 11:210
Aggiornamento : 18.04.2021 - 15:10

Niente ripensamenti, 'chiudo gli impianti di Bosco Gurin'

Stessa sorte per l'albergo e l'Ostello. Lo ha annunciato Giovanni Frapolli: "hanno sottovalutato la mia precedente comunicazione, ora si arrangino"

A Bosco Gurin è il momento di tirarsi gli stracci in faccia. Tra Giovanni Frapolli, proprietario degli impianti di risalita della località turistica e il locale Patriziato, proprietario dei fondi, è ormai guerra aperta. La seduta di venerdì dell'ente, prova d'appello per vedere di salvare il salvabile, si è trasformata in una sorta di "crucifige" per l'imprenditore bellinzonese, che al termine della seduta ha deciso di passare dalle minacce ai fatti. “L'assemblea del Patriziato di con le sue decisioni, ha confermato e sancito la chiusura degli impianti, come pure dell'albergo e della casa di vacanza Giovanibosco. Inutile entrare nei temi da loro discussi, peccato che sia mancata una regia per evitare questo dramma per la valle” , prosegue Frapolli in una nota.
“Il primo tema adesso è capire se esiste un posto dove posare la Slittovia di Bosco Gurin in valle, in caso contrario darò l'incarico a una ditta specializzata di spostarla nel territorio ticinese e, sempre nel caso contrario, fuori cantone. Informerò il Dfe di tutta la situazione. L'aiuto agli impianti per Bosco andrà a cadere in quanto smantellati in modo sistematico”. Per quanto riguarda il progetto Metrò alpino con la Formazza, “lunedì avviserò le ditte che stanno facendo lo studio come pure il comune ossolano”.
Da noi raggiunto telefonicamente, l'imprenditore bellinzonese si è limitatoad aggiungere: «Ho fatto il mio dovere, il Patriziato ha sottovalutato la mia decisione. Il voto è chiaro, ora si dovranno arrangiare. Il sottoscritto andrà avanti per la sua strada. Entro fine mese chiuderò Albergo, impianti e Ostello. Mi dispiace anche per il personale impiegato. Il paese resterà così privo di strutture ricettive. Questi signori (i membri dell'amministrazione patriziale, ndr) stanno da tempo remando, indisturbati, contro quella che è la politica di aiuto del Cantone alle zone economicamente deboli. Forse è giunto il momento che le autorità politiche vallerane e cantonali facciano sentire la loro voce».

Pure la zipline finisce nel tritacarte

Segnaliamo, per dovere di cronaca, che nel corso dei lavori assembleari, anche la concessione del diritto di superficie per la costruzione della zipline, ulteriore tassello per arricchire l'offerta di svago durante tutto l'anno, è stata bocciata.
Da parte sua il Patriziato, per il momento, ha deciso di non replicare alle affermazioni del gestore degli impianti. Non si esclude che nei prossimi giorni prenda posizione sulla vicenda.
Frapolli, a onor del vero, non è nuovo a minacce del genere. Già in passato, proprio a causa dei continui attriti con il Patriziato, aveva ventilato l'ipotesi di gettare la spugna e andarsene. Ma stavolta sembra essere ben più determinato. Tuttavia si dice disposto a tornare sui suoi passi, ma solo se i comuni della Vallemaggia e la politica regionale si muoveranno in suo aiuto. Mentre c'è chi ipotizza che potrebbe essere addirittura chiesto l'annullamento della seduta patriziale. Su che base, non è dato sapere.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved