ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
7 ore

Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’

Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
8 ore

Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’

Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
10 ore

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
10 ore

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
Ticino
10 ore

Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà

Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
10 ore

Marco Valli cittadino onorario di Comano

La proclamazione con il voto unanime del Consiglio comunale per il suo impegno: 40 anni dedicati alla collettività
Luganese
11 ore

Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole

Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
11 ore

Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps

A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Locarnese
12 ore

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
14.04.2021 - 12:21
Aggiornamento: 15:03

Bambini spazzacamino, nuova mostra al Museo di Val Verzasca

L'esposizione permanente, che sarà inaugurata sabato 17 aprile, affronta anche il tema del lavoro minorile ai giorni nostri

bambini-spazzacamino-nuova-mostra-al-museo-di-val-verzasca
(Foto Museo Val Verzasca)

I bambini spazzacamino verzaschesi e il lavoro minorile nel passato, e il persistere dello sfruttamento infantile a livello globale, nonostante la Convenzione sui diritti dell’infanzia in vigore da vent’anni. È il tema al centro della nuova mostra permanente che inaugurerà la stagione del Museo di Val Verzasca, a Sonogno, sabato 17 aprile.

Casa Genardini, la sede storica del Museo, apre al pubblico con questa esposizione permanente completamente rinnovata negli spazi e nei contenuti. L’edificio diventerà una sorta di libro pop up in cui il visitatore sarà parte di una narrazione che si sviluppa attorno al tema principale del lavoro minorile.

Il 2021 – spiegano gli organizzatori – è stato dichiarato dall’Onu ‘Anno internazionale per l’eliminazione del lavoro minorile’, e su questo il museo vuole contribuire ricordando la storia dolorosa della Verzasca di quei bambini che lasciavano la valle e la scuola agli inizi di novembre per recarsi in Lombardia come spazzacamini. "Ma il passato in sé non basta – sostengono i promotori dell'esposizione –, occorre avere uno sguardo sul presente, perché uno dei compiti principali dei musei contemporanei è quello di far riflettere e dare gli strumenti necessari per comprendere l’attualità. Per questo motivo la nuova esperienza museale porterà il visitatore a confrontarsi con la quotidianità dei bambini sfruttati nel mondo e i diritti dell’infanzia".

Coinvolgimento culturale: perno della filosofia del Museo

La mostra è costruita e intrecciata su tre livelli: realtà storica della Verzasca dell’Ottocento e inizio Novecento (povertà, famiglie numerose, educazione mancata degli spazzacamini), finzione letteraria (rielaborazione del romanzo "I fratelli neri", la storia del giovane spazzacamino di Sonogno Giorgio) e attualità (con la domanda 'Lavoro minorile senza fine?'). Ogni sala sviluppa le tematiche con ambientazioni, elementi scenografici, suoni, video e alcune testimonianze degli spazzacamini sono recitate da allievi di terza, quarta e quinta della Scuola elementare di Brione Verzasca. La partecipazione culturale fa parte della filosofia del museo di Val Verzasca: "Crediamo che fare cultura significhi coinvolgere non solo i visitatori, ma anche co-costruire assieme ai verzaschesi la loro cultura. Nostro compito è quello di dare gli strumenti per far affiorare le competenze di ognuno con lo scopo finale di sentirsi ognuno parte attiva del proprio patrimonio culturale".

“Infanzia spensierata? Il caso dei bambini spazzacamino verzaschesi e il lavoro minorile di oggi” è visitabile da martedì a domenica dalle 11 alle 16; previo appuntamento sono possibili visite guidate. Per ulteriori informazioni: museovalverzasca.ch.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved