sgombero-dell-area-di-fronte-al-castello-firme-contro
Misure necessarie o da allentare?
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
2 ore

Coronavirus, giornate di vaccinazione per adolescenti

Finora circa 500 ragazzi tra i 16 e i 17 anni si sono annunciati per ricevere il vaccino
Ticino
3 ore

Covid, 3 positivi in Ticino nelle ultime 24 ore

Nessuna nuova vittima e nel cantone rimane un solo paziente ricoverato per il coronavirus
Ticino
7 ore

Doppia denuncia al Ministero pubblico per Philipp Plein

Segnalato lo stilista tedesco con base a Lugano per presunta violazione alla Legge sul lavoro, amministrazione infedele e falsità in documenti
Video
Luganese
7 ore

Ex Macello: ‘Un tetto si smonta a mano, non con le ruspe’

Mentre un video mostra l'intervento del paker sulle pareti, desta perplessità anche la preparazione dell'intervento
Ticino
15 ore

Il confine tra molestia e complimento

Il sessismo si nasconde anche tra le parole e gli apprezzamenti non desiderati
Locarnese
15 ore

Sull'Hangar 1 si pianifica, sulla 'stufa' si riflette

Aeroporto di Locarno, a distanza di parecchi anni ancora non sono iniziati i lavori di rifacimento. Il Cantone rassicura: 'non l'abbiamo dimenticato in un cassetto'
Grigioni
17 ore

'Verdabbio non aveva terreni agricoli, da qui si passava per forza'

Terminati i lavori di conservazione finalizzati a risanare l'antica mulattiera e cinque cappelle votive. 'Forte testimonianza per le generazioni future'
Mendrisiotto
18 ore

Alunni di Coldrerio alle prese con api e francobolli

Dalla collaborazione con il Circolo filatelico del Mendrisiotto e due classi elementari sono nati degli esemplari originali
Locarnese
 
12.04.2021 - 05:250
Aggiornamento : 16:34

Sgombero dell’area di fronte al Castello: firme contro

Al Municipio di Locarno una petizione per una misura considerata eccessiva. Ma la Polizia replica: prevenzione a favore della salute di tutti

Sono 102 le firme di una petizione con “Critiche sull’applicazione dei provvedimenti per combattere la pandemia da parte della polizia comunale di Locarno”, inoltrata negli scorsi giorni al Municipio cittadino. Promotore è Ariele Sasselli di Losone, che – nel testo che accompagna le sottoscrizioni – ne spiega i contenuti. “Lo scorso 1 aprile, attorno alle 20.30, una pattuglia della Polizia comunale di Locarno ha chiesto alle persone presenti sull'area di fronte al Castello Visconteo di spostarsi e di sgomberare la zona”. La stessa rientra nel perimetro del nucleo storico, dove la Città applica misure anti Covid più severe. “Verso le 23.30 una pattuglia è nuovamente intervenuta per far sgomberare lo stesso spiazzo. Di conseguenza le persone si sono ammassate nella zona circostante”.

Per i firmatari della petizione non c'erano motivi sufficienti per imporre a tutti di spostarsi, né per elevare contravvenzioni se qualcuno non si fosse mosso. “L'area è ampia e c'è la possibilità di mantenere le distanze sociali e quindi di rispettare le ordinanze federali anti-Covid. L'occupazione di aree pubbliche non può essere proibita in questo modo. A nostro avviso lo sgombero non era legittimo e quindi va considerato abusivo”. Il promotore ha fatto i calcoli: lo spazio aperto di fronte all'antico maniero è di quasi mille metri quadrati; potenzialmente, quindi, potrebbe ospitare 140 persone con una sufficiente distanza sociale. O, diviso per settori da 15 persone ciascuno, almeno 90.

”La polizia imponendo a tutti, senza distinzioni, di spostarsi non ha fatto altro che trasferire il problema poco più in là, creando assembramenti in altre zone lì vicino. Questo agire genera malcontento e infonde sfiducia verso l’operato dell’autorità”.

La petizione chiede quindi al Municipio, tra le altre cose, “su quale base legale è stato interdetto l'accesso alla zona di fronte al Castello” e se intende, nell’immediato, “rivedere l'applicazione delle misure di contrasto alla diffusione del contagio”.

Alcune risposte, che spiegano l'accaduto, giungono dal Comandante della Polizia cittadina, Dimitri Bossalini, che al telefono ci conferma la volontà di evitare assembramenti. Non si tratta perciò di vietare l'uso del suolo pubblico o di appioppare multe, ma di sensibilizzare i cittadini. È noto che nel centro di Locarno vi siano aree all'interno delle quali confluiscono più persone e dove non è difficile riscontrare degli assembramenti. Un fenomeno da evitare nel modo più assoluto, perché favorisce l'aumento dei contagi. Insomma, nessuno ha mai posato transenne per chiudere l'accesso alle zone più gettonate, ma si tratta piuttosto di richiamare le persone alla responsabilità per preservare la salute della collettività.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved