ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
14 min

Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive

È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
17 min

Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus

Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
Luganese
31 min

A Monteceneri scatta il referendum sull’acquedotto

Partita la raccolta firme contro il credito da 2 milioni per rinnovare ed estendere le condotte sotto alla Cantonale: ‘Non prioritario né necessario’
Locarnese
37 min

Troppo traffico e troppo rumore in alcune vie di Locarno

Lo sostengono alcuni cittadini che hanno lanciato una petizione per far abbassare la velocità a 30 km/h in via Franzoni, via Varenna e via Vallemaggia
Bellinzonese
39 min

Ecco il bando per progettare il nuovo ospedale di Bellinzona

L’Eoc indica una prima fase realizzativa alla Saleggina entro il 2030, seguita da ulteriori sviluppi nel 2050
Ticino
1 ora

Piove troppo poco: scatta il divieto di fuochi all’aperto

La misura, decisa in considerazione dell’elevato rischio di incendio di boschi, concerne Ticino, Moesano, Val Bregaglia e Val Poschiavo
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio, consigli per evitare le truffe

Incontro rivolto agli anziani nella sala del Consiglio comunale. Lo organizzano diversi enti, in collaborazione con la Polizia cantonale
Bellinzonese
2 ore

‘Malumore e perplessità in comitato’ sull’agire di Martinoli

Associazione ospedali di valle, poco gradita la lettera del primo firmatario sul ritiro dell’iniziativa. Attesa la risposta del Dss alle nuove richieste
Mendrisiotto
4 ore

Pizzicato al confine con 750 mila franchi non dichiarati

Controllato dalla Guardia di finanza al valico di Chiasso, l’uomo viaggiava a bordo di un Eurocity proveniente dalla Svizzera
11.04.2021 - 17:23

Gambarogno, la videosorveglianza non è gradita

Per la popolazione la privacy prevale sulla sicurezza. Il Municipio boccia la mozione

gambarogno-la-videosorveglianza-non-e-gradita
Deciderà il Consiglio comunale (archivio Ti-Press)

Introdurre una videosorveglianza comunale sul territorio del Gambarogno? Domanda lecita – contenuta in una mozione del giugno 2019 (primo firmatario, Sergio Baggio del Plr) – visto che altre località già l’hanno adottata, con buoni risultati in termini di sicurezza. Ma nei giorni scorsi il Municipio gambarognese ha deciso di chiedere al Consiglio comunale di respingere la proposta, basandosi anche su un sondaggio pubblico, promosso in collaborazione con i Corpi di polizia cantonale e intercomunale del Piano, sul grado di percezione della sicurezza pubblica.

Orbene, è emerso a chiare lettere che “la quasi totalità dei partecipanti conferma di sentirsi al sicuro nel nostro Comune – indica il Municipio –, indipendentemente dall’andamento annuale dei reati che, come confermato dalle statistiche cantonali, si conferma essere a livelli inferiori rispetto ad altre realtà comunali simili alla nostra”. Di più: “Il limitato numero di partecipanti al sondaggio può essere interpretato come un ulteriore segnale che il tema della sicurezza pubblica non rientra nelle preoccupazioni primarie della popolazione”.

E ancora: “Altro fattore che sconsiglia l’adozione di questo sistema di controllo sono le preoccupazioni della popolazione per la propria privacy, apparentemente ben superiori ai timori per la sicurezza personale”.

Infine, occorre ricordare che Corpi di Polizia, Autorità doganali e la Finanza italiana già dispongono di sistemi di videosorveglianza, utilizzati nel rispetto delle norme legali. Il Municipio concorda con gli esperti dei Corpi coinvolti i quali ritengono che un potenziamento del sistema di videosorveglianza non porterebbe a “particolari benefici per la sicurezza della popolazione”.

Mentre per quanto riguarda il sondaggio, le maggiori criticità emerse riguardano la circolazione stradale e l’illuminazione pubblica. Per la circolazione stradale il Municipio ha recentemente deliberato uno studio “finalizzato o individuare possibili interventi di moderazione del traffico sull’intero comprensorio comunale, in particolar modo in prossimità e all’interno dei nuclei. Inoltre, la Polizia è spesso presente nell’ambito delle consuete attività di controllo, sia del traffico fermo sia di velocità. Pure l’amministrazione comunale svolge attività di sensibilizzazione per il tramite dei “radar amici” che, oltre a svolgere funzione preventiva, permettono di monitorare i transiti e avere un quadro aggiornato delle situazioni o rischio che richiedono dei correttivi”.

Per il completamento e l’aggiornamento dell’illuminazione pubblica, il Municipio ha già ottenuto dal Consiglio comunale due crediti quadro per un valore complessivo di 800mila franchi, in gran porte già utilizzati. Il terzo credito quadro, per un importo di ulteriori 400mila franchi presentato con Messaggio municipale nella seduta del 12 dicembre 2020, non ha invece ottenuto la necessaria maggioranza; “i futuri interventi sulla rete dell’illuminazione pubblica saranno se del caso eseguiti nell’ambito dei singoli progetti sottoposti al legislativo”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved