BERRETTINI M. (ITA)
1
NADAL R. (ESP)
2
4 set
(3-6 : 2-6 : 6-3 : 1-1)
brissago-il-prezioso-regalo-per-il-palazzo
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Iniziativa popolare per abolire i livelli, si scaldano i motori

Scuola media. Vpod, lunedì riunione allargata per decidere su comitato e testo. Associazioni e studenti si esprimono dopo il no parlamentare al test
Locarnese
1 ora

Verzasca, tutti i lavori dopo lo svuotamento del lago

Al via le opere di manutenzione a più di cinquant’anni dalla prima messa in servizio del bacino per la produzione di energia idroelettrica
Luganese
8 ore

Schiacciato sotto un tornio industriale, non ce la fa

Vittima dell’infortunio avvenuto in una azienda di Agno un operaio di 51 anni del Canton Zurigo
Ticino
11 ore

Processo Antonini: due imputati, due versioni

L’ex comandante e l’ex capo dello Stato maggiore si rimpallano le responsabilità della costituzione della ‘cassa nera’
Ticino
11 ore

Operazione ‘Imponimento’, oltre sessanta condanne

La sentenza su uno dei filoni dell’inchiesta italiana contro la ’ndrangheta che aveva portato anche ad alcuni arresti in Svizzera
GALLERY
Luganese
11 ore

Schiacciato da un macchinario, grave infortunio ad Agno

Il grave infortunio è avvenuto intorno alle 17 in un’industria di via Ginnasio. La Polizia è sul posto per gli accertamenti del caso
Bellinzonese
12 ore

Marco Noi si dimette dal Consiglio comunale di Bellinzona

L’esponente dei Verdi motiva la sua scelta con ‘ragioni d’ordine personale’
Luganese
12 ore

Inversione di tendenza: Lugano torna a crescere

Nel 2021 la popolazione è leggermente aumentata (+95), dopo un lustro di declino, portando il totale a 66’586 abitanti. Positivo il saldo migratorio
Luganese
13 ore

Un centro balneare-ricreativo per Cadro

In un’interpellanza, Demis Fumasoli chiede al Municipio di Lugano di riaprire il dialogo con i proprietari del sedime dell’ex centro ricreativo
Locarnese
13 ore

Agarone, interruzione di corrente

Lavori sulla rete della Ses il 2 febbraio, dalle 8.15 alle 11.15
Locarnese
13 ore

Sag Gordola, da lunedì prossimo si riparte

Le attività del sodalizio sportivo riprenderanno con tutte le garanzie sanitarie del caso
01.04.2021 - 08:400
Aggiornamento : 16:22

Brissago, il prezioso regalo per il Palazzo

Il legislativo accoglie la donazione da parte di una privata.L'elargizione consentirà di avviare il restauro dello storico edificio Branca Baccalà.

Tutti felici e contenti, martedì sera, nella sala del Consiglio comunale di Brissago. E non poteva essere altrimenti, dal momento che il regalo offerto da una privata cittadina tedesca, innamorata del borgo di confine, alla comunità locale non è di quelli che scarti e riponi, in fretta e furia, in un cassetto. Si tratta di un dono da un milione di franchi, da destinare alla ristrutturazione di Palazzo Branca Baccalà. Da destra a sinistra, passando per le posizioni di centro, nessuno schieramento politico ha trovato da ridire sul bel gesto della donatrice. Anzi solo testimonianze di riconoscenza e gratitudine. Dal Plr presidente Rolando Hofer ha sottolineato come, grazie a questo importo, sarà ora possibile concretizzare un sogno cullato da decenni dai cittadini brissaghesi; quello, cioè, di ultimare la riqualifica di questa storica dimora a due passi dal lago. Ora che i soldi ci sono, non resta che procedere con gli interventi. Gli ha fatto eco Fabio Solari (gruppo Uniti per Brissago), il quale ha esortato il Municipio a procedere spedito, dal momento che il credito di progettazione definitiva era stato votato già nel 2015 e che non occorre, dunque, perdersi in “ulteriori nuove e inutili spese per studi di fattibilità o altro”.

Dal Ppd, infine, Riccardo Beretta, dopo aver ripercorso il lungo cammino di questa iniziativa di riqualifica di Palazzo Branca Baccalà, si è soffermato sui contenuti: “Un errore che non si deve ripetere è quello di voler fissare a priori delle destinazioni troppo riduttive che, nel caso in cui le esigenze pubbliche dovessero cambiare, non permettano di adattare per altri scopi gli spazi disponibili”.

'Si proceda spediti, termine di consegna la fine della prossima legislatura'

Il messaggio lanciato a quel punto è stato chiaro: entro la fine della prossima legislatura (2023) il cantiere di ammodernamento dell'immobile dovrà essere ultimato. Paletti precisi, dunque, che i futuri amministratori del Comune dovranno impegnarsi a rispettare. Da notare che, trattandosi di un edificio di rilevanza storica (annoverato tra i beni culturali da tutelare), il Comune potrà beneficiare di sussidi dal Cantone.
Altro tema oggetto di approfondimento, quello della convenzione con Ronco s/Ascona in materia scolastica. Come più volte anticipato in queste pagine, dal prossimo mese di settembre i (pochi) alunni delle scuole elementari di Ronco frequenteranno le lezioni nell'istituto di Brissago. Luce verde all'accoglienza dei grembiulini da parte del Consiglio comunale. Ancora Hofer, del Plr, a ricordare come ”Purtroppo, ai nostri amici di Ronco la mancanza di allievi ha preceduto una situazione che a Brissago da qualche anno stiamo temendo. Le famiglie lasciano la periferia e si trasferiscono nei vicini centri che offrono più servizi e infrastrutture. La necessità di creare un asilo nido a Brissago è stata dimostrata dal sondaggio fatto dal Municipio. Il nostro gruppo vuole qui ancora una volta attirare la vostra attenzione, sulle necessità reali delle famiglie. Quando nel nucleo famigliare entrambi i genitori devono lavorare, a Brissago purtroppo non esiste infrastruttura necessaria per accudire i più piccoli. Siamo dell’avviso che bisogna reagire al più presto, per evitare quanto accaduto a Ronco e ritrovarci a dover mandare i nostri figli a scuola fuori Comune”.

In coda ai lavori dell'ultima seduta prima della scadenza elettorale di aprile, da segnalare l'inoltro di una mozione da parte del Psb. Felice dell'iniziativa portata a termine dall'allora municipale della Sinistra, Eugenia Dell'Ora, di restaurare e valorizzare le sculture provenienti dal vecchio Cimitero del Piano, il gruppo ha chiesto di applicare a ogni busto che oggi abbellisce la sala del legislativo una targhetta con il nome dello scultore e del soggetto rappresentato, in modo da togliere quella sensazione di anonimato che oggi essi trasmettono agli occhi di chi li ammira.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved