divieti-e-multe-ai-giovani-impasse-sulla-legalizzazione
Ti-Press
Quella che qualcuno definisce “teppaglia”
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
7 ore

Una famiglia luganese vuole assumere Wonder Woman

Da un annuncio di lavoro innumerevoli richieste e requisiti per la ricerca di una ‘semplice’ baby sitter e collaboratrice domestica
Locarnese
7 ore

Venerdì in piazza a Cevio la proiezione di ‘Il legionario’

La serata gratuita nell’ambito della rassegna di cinema all’aperto per omaggiare i 75 anni del Locarno Film Festival si aprirà alle 21.30
Locarnese
8 ore

Calcio, musica latina e tanti sogni in tasca. Questo era Raùl

Il 19enne, coinvolto in un incidente in moto insieme a un amico sabato scorso a Maggia, è morto martedì sera. Il ricordo di chi gli ha voluto bene.
Locarnese
9 ore

Piazza Remo Rossi, che fine ha fatto la visione d’insieme?

Lo chiede al Municipio di Locarno il Gruppo Sinistra Unita attraverso un’interrogazione che punta i fari sulla progettazione degli spazi del centro urbano
Bellinzonese
9 ore

Lungo le mulattiere del Piottino con la Fondazione Dazio Grande

L’escursione è in programma per domenica 10 luglio
Grigioni
10 ore

Domani a Roveredo scatta il ‘Grin Festival’

Da giovedì 30 giugno a domenica 3 luglio si esibiranno artisti e band provenienti da tutto il mondo. In programma anche spettacoli teatrali e workshop
Mendrisiotto
10 ore

Lugano-Ambrì, sfida di pulizia in vetta al Monte Generoso

I giocatori delle due squadre di hockey si sono cimentate in un ‘Clean Up Derby’. Chi ha vinto? La sostenibilità
Locarnese
10 ore

Brissago multimediale, così ti rilancio l’immagine del paese

Due iniziative che poggiano sulle moderne tecnologie per consentire di rilanciare il territorio e le sue attività commerciali coinvolgendo le famiglie.
Luganese
11 ore

Arrivano le misure di sicurezza: filo spinato alla Foce

In vista della Conferenza internazionale sull’Ucraina che inizierà settimana prossima
Bellinzonese
11 ore

Biasca lanciata verso un futuro d’arte e cultura

Il Legislativo ha approvato i crediti per lo studio di fattibilità per il deposito di opere all’ex arsenale e per gli interventi a Casa Cavalier Pellanda
Ticino
12 ore

‘Io l’8 ogni giorno’ esprime solidarietà alle donne americane

Dopo la sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti, il collettivo femminista fa un’azione dimostrativa a Bellinzona: ‘Difendere i diritti delle donne’
Mendrisiotto
12 ore

Rotary Club Mendrisiotto, Matteo Quadranti presidente

Paola Brambillasca ha ceduto il testimone. Fil rouge del nuovo corso: “Mettersi in gioco, dare, ricevere, ricambiare: servire in amicizia”
Locarnese
13 ore

Incidente a Maggia: si cercano testimoni

Un’auto e una moto si erano scontrate sabato scorso poco prima delle 15. Deceduto un 19enne.
29.03.2021 - 22:04

Divieti e multe ai giovani, impasse sulla legalizzazione

Locarno, rinviato a sorpresa “per approfondimenti giuridici” il messaggio che avrebbe (forse) benedetto le limitazioni. E sul tema tirava aria di referendum

A Locarno succede che un messaggio municipale da un anno nelle mani del Consiglio comunale, e con un rapporto commissionale di 23 pagine (più allegati) che depone a favore delle soluzioni proposte dall'esecutivo, venga ritirato la sera stessa della seduta di legislativo e non per volontà del Municipio, ma per decisione indotta dal Consiglio comunale stesso. Se è vero che a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca, verrebbe da dire che al colpo di scena non è estranea l'aria di referendum che tirava da sinistra contro un elemento cardine del messaggio stesso: il nuovo capoverso 3 all'articolo 96 del Regolamento comunale che se approvato, a cascata, avrebbe consentito di dare una base legale ai divieti (con possibili salatissime multe) di consumare bevande alcoliche, ascoltare musica con apparecchi sonori e gettare rifiuti in determinate zone considerate “calde” della città.

Il ricorso (vinto) dei due apprendisti

Il referendum, evocato dai socialisti, riguardava appunto la possibilità data al Municipio di “emanare norme di polizia per disciplinare l'uso e la protezione dei beni comunali, limitando o vietando usi incompatibili con l'interesse generale”. La necessità di legalizzarsi nasceva dall'imbarazzo suscitato dai ricorsi vinti al Consiglio di Stato da due apprendisti che nel 2018, beccati a bersi una birra nelle vicinanze del Castello, erano stati multati con 100 franchi. Ma il governo, adito dai due giovani con l'aiuto dell'avvocato Cristina Clemente di Muralto, aveva rimesso le cose al loro posto statuendo che l'articolo 107 della Loc che regola l'esercizio delle funzioni di polizia locale non costituisce una base legale formale sufficiente per giustificare divieti, multe e affini. Da lì era partita una girandola legislativa che ha portato al messaggio municipale sull'aggiornamento della regolamentazione comunale riguardante l'uso e la protezione dei beni comunali.

Questa sera, l'improvviso e inopinato “patatrac”: in entrata la presidente Valentina Ceschi ha chiamato i capigruppo a consulto, poi, a nome del Ppd, Barbara Angelini-Piva ha chiesto di mettere ai voti il rinvio del messaggio «per questioni giuridiche da approfondire, così come i contenuti di alcuni emendamenti». Richiesta di rinvio cui si è immediatamente accodato Mauro Belgeri (co-relatore del rapporto commissionale della Legislazione), «anche se non c'erano criticità legate ad emendamenti commissionali». Veemente è stata la reazione di Fabrizio Sirica, del Ps, che si è detto «basito. È un anno che il messaggio municipale è in commissione e il tema in questione è centrale. Ritengo pertanto poco serio arrivare in Consiglio comunale e non fare neppure la discussione per non meglio precisate difficoltà sugli emendamenti». Uno, socialista, chiedeva appunto di eliminare il famigerato capoverso 3 all'articolo 96. Auspicando spiegazioni, Sirica ha ricordato i ricorsi vinti dai due apprendisti, «che hanno avuto ragione sui cartelli. In questo modo, per altri 6 mesi almeno, quegli stessi cartelli, ove ne rimarranno, non avranno alcuna base legale». Il tutto a configurare «una politica giovanile sbagliatissima» da parte della Città.

Belgeri: “Cosa siamo qui a fare?”

Sirica ha poi chiesto agli estensori del rapporto di togliere dallo stesso il termine di “teppaglia” riferito ai giovani che fan festa alla sera e il concetto di “scena aperta”, considerati del tutto inadeguati al contesto locarnese. Belgeri, puntualizzando che nella versione definitiva le espressioni forti «sono state tolte», ha comunque rivendicato la legittimità dei termini, visto che li avrebbe usati lui stesso – teppaglia e scena aperta – nel suo intervento sull'oggetto. Nel merito dei motivi del rinvio del messaggio, Belgeri ha infine offerto una delle sue celebri sfuriate puntando al centro del bersaglio: «Constatiamo che il Consiglio comunale, l'organo legislativo, non può modificare le ordinanze municipali. E allora mi incazzo veramente! Cosa siamo qui a fare?».

Critiche sulle modalità con cui si è giunti a questa impasse sono inoltre state espresse da Giovanni Monotti per il Plr, che ha trovato i colpevoli negli autori di «virtuosismi pindarici che con il paracadute di una giurista non in chiaro giungono a proporre cose in contrasto con le istanze superiori». L'auspicio di Monotti è che «il Municipio torni e ci proponga qualcosa che abbia capo e piedi».

Leggi anche:

'Vietato vietare l'alcool': il governo boccia Locarno

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio comunale divieti giovani multe referendum
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved