centro-giovani-locarno-fiducia-ascolto-e-valorizzazione
Dai 12 ai 18 anni sono tutti benvenuti (Foto archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
41 min

Chiasso, Mks Pamp impegnata a ridurre l’impatto ambientale

L’azienda attiva anche nella lavorazione di metalli preziosi mira a rispettare le indicazioni dell’Accordi di Parigi e abbattere le emissioni
Locarnese
43 min

Lupo a Cerentino: autorizzato l’abbattimento

Germano Mattei: ‘Decisione inevitabile, anche se tardiva’. L’esemplare aveva attaccato e ucciso 19 pecore lo scorso 26 aprile in Val Rovana.
Grigioni
2 ore

Fra i nominati a Museo europeo dell’anno pure quello del Moesano

Durante la premiazione che si è svolta in Estonia (vincitore Museo della Mente dei Paesi Bassi) la struttura grigionese ha ricevuto un prestigioso diploma
Luganese
2 ore

Promossa l’accusa al Tpf per l’accoltellatrice della Manor

L’imputata dovrà rispondere di tentato assassinio, violazione della legge federale che vieta i gruppi islamisti, ed esercizio illecito della prostituzione
Locarnese
2 ore

Gambarogno, cade da 4 metri: serie ferite per un operaio

L’incidente si è verificato stamane sui Monti di Gerra. Dopo le prime cure sul posto, il malcapitato è stato elitrasportato all’ospedale
Ticino
2 ore

Covid, 107 test positivi nelle ultime 24 ore. Nessun decesso.

Anche oggi nelle case per anziani del cantone non si registrano nuovi casi di coronavirus
Locarnese
2 ore

Linea ferroviaria Cadenazzo-Locarno, lavori in vista

Dal 20 al 23 maggio modifiche nella circolazione dei treni, con cambiamenti d’orario e sostituzione con bus
Bellinzonese
3 ore

Bellinzona, presentazione di una rivista di pensieri libertari

Appuntamento per sabato 21 maggio alle 16.30 al Circolo Carlo Vanza con la direttrice editoriale di Emma Carlotta Pedrazzini
Locarnese
3 ore

Concerto finale della Scuola popolare di musica di Locarno

Alla Sopracenerina con prenotazione del posto a sedere (massimo 190)
Luganese
3 ore

Lugano, ceduto l’immobile dove ha sede la polizia

Lo stabile di via Beltramina a Molino Nuovo è stato ceduto dalla Cassa pensioni dei dipendenti alla Fondazione d’investimento Avadis
Mendrisiotto
4 ore

Vacallo, è Festival della canzone dialettale

Aperte le iscrizioni per la prima edizione che si svolgerà in una serata in luglio nella piazza del Municipio
Mendrisiotto
4 ore

Mendrisio, Medaglia miracolosa in assemblea

Il gruppo invita alla riunione ordinaria e annuncia l’incontro con padre Giovanni Cosentino, missionario comboniano nella Repubblica Centrafricana
Locarnese
4 ore

Con il ‘Maggia Chess Open’ scacchi internazionali

Da venerdì a domenica prossimi al ristorante Parco Maggia della Fondazione Pedroncini l’evento organizzato da SwissCHess Tour di Claudio Boschetti
Locarnese
4 ore

Ppd di Gordola in assemblea

Relazioni dei vertici della sezione, delle autorità locali e uno sguardo sulle elezioni 2023
Luganese
4 ore

Collina d’Oro, The Golden Hill Voices celebra l’anniversario

Il coro festeggia i suoi primi 30 (+ 1 anni), continua nell’attività corale e di beneficienza. In giugno si esibirà alla presenza di Cassis
Ticino
4 ore

Industria grafica: ‘Prevedere budget più elevati’

Viscom mette in guardia sul rincaro dei prezzi della carta. Ottimismo, però, per la formazione professionale.
laR
 
23.03.2021 - 21:00

Centro giovani Locarno: fiducia, ascolto e valorizzazione

Sono i cardini su cui poggia la struttura. E che la rendono un saldo punto di riferimento anche nel tempo sospeso della pandemia

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Tra i ragazzi che vengono da noi vediamo molta stanchezza e frustrazione, ma anche tanta voglia di costruire il futuro, progettare, mettersi in gioco». È quanto rileva Giovanna Schmid, responsabile del Centro giovani di Locarno, struttura pubblica e gratuita, voluta dalla Città, che promuove l’animazione socioculturale per adolescenti dai 12 ai 18 anni. A loro offre uno spazio di aggregazione in cui incontrarsi liberamente, aderire ad attività proposte dagli animatori e organizzarne di propria iniziativa in base ai bisogni e agli interessi personali e comuni.

«A causa delle misure in vigore, in questo momento possiamo ospitare un massimo di 18 ragazzi – spiega la responsabile –. Di solito ne arrivano una decina a giornata, su un bacino di circa 50-60, ma i numeri variano molto. Trattandosi di uno spazio aperto e che non prevede iscrizione, le presenze vanno a ondate, sono imprevedibili e un po’ volatili; dipendono molto anche da quanto c’è in giro». A frequentare il Centro sono soprattutto studenti delle Medie, ma c’è anche un gruppetto di più grandi. «Non fanno parte di una categoria particolare, la loro composizione è variegata e riflette quella che si trova a scuola». Il calendario delle aperture è stilato di mese in mese; a marzo, ad esempio, ne sono state previste quindici, con diverse fasce d’orario che spaziano tra mezzogiorno e le undici di sera.

Uno spazio di partecipazione ed espressione

La struttura è flessibile, adattabile alle esigenze dei ragazzi e da loro cogestita con la sorveglianza e la tutela di figure professionali formate che collaborano anche con le famiglie e diversi enti attivi sul territorio. «Si tratta di uno spazio in cui i ragazzi possono organizzare il loro tempo libero come vogliono. Da parte degli operatori arrivano degli impulsi volti a promuovere la co-costruzione e la partecipazione attiva dei frequentatori, ad incoraggiarli nell'esprimere i propri desideri, progetti e idee». 

La crisi in corso ha forzatamente portato dei grandi cambiamenti nelle vite di tutti e anche se il Centro resiste, il tipo di socializzazione è inevitabilmente diverso rispetto a prima della comparsa della pandemia. «Ora sono venute meno le attività che preferivano, come l’organizzazione di cene e feste. Quello che più a loro manca è il contatto fisico, stare vicini, trovarsi per degli eventi, uscire in gruppo».

L'importanza di una valvola di sfogo

Per i giovani le restrizioni imposte sono particolarmente pesanti. Numerosi studi scientifici e diversi fatti d'attualità dimostrano che il disagio psicologico in questa fascia di età è cresciuto in misura rilevante. «Si tratta indubbiamente di una categoria della popolazione molto toccata – conferma Schmid, che è anche coordinatrice dei servizi sociali di Locarno –. È un’età in cui c’è bisogno di staccarsi da casa, fare esperienze, confrontarsi con i coetanei, vivere la spontaneità. Invece ora le possibilità ricreative sono minime. Siamo convinti che in questa situazione lo svago e l’incontro siano fondamentali perciò abbiamo sempre fatto tutto il possibile per rimanere aperti». I giovani lo apprezzano e continuano ad arrivare anche solo per chiacchierare sui divanetti, ascoltare musica, partecipare a una serata cinema, giocare a calcetto o esprimere la propria creatività nei modi più diversi. «Si tratta di una salutare valvola di sfogo».

Tematizzare e comprendere

Lo scopo del Centro giovani è anche di creare contesti di educazione informale in cui i ragazzi possano maturare dei valori, compiere dei passi verso l’indipendenza, praticare le abilità sociali. «In questo frangente abbiamo notato quanto sia ancora più essenziale mantenere la relazione e l’ascolto all’interno di uno spazio protetto. Abbiamo avuto moltissime occasioni per tematizzare quanto sta accadendo, contestualizzare le misure di protezione e rispondere al bisogno dei ragazzi di raccontarsi e condividere le proprie emozioni. Parlano molto della situazione, sia tra loro che con gli animatori, hanno un forte bisogno di confronto. Sono stufi ma notiamo anche comprensione, impegno nel rispettare le misure, senso di responsabilità». Gli animatori in quanto interlocutori svolgono dunque anche un importante ruolo di mediazione tra gli slanci dei giovani, le loro legittime ambizioni e le restrizioni dettate dalla realtà contingente.

Quando l'esempio viene dai ragazzi

«Nonostante le difficoltà non mancano loro gli stimoli, hanno una grande voglia di costruire, reinventarsi, e questo è molto positivo. Pur essendo così penalizzati sono anche pieni di risorse per rimbalzare fuori dalla crisi. Ma bisogna creare le premesse perché sia possibile, e ora più che mai è necessario sostenerli e valorizzarli, mostrare ottimismo e speranza». Esempi virtuosi in tal senso giungono in primo luogo da loro: «Abbiamo visto che molti legami si sono consolidati, è aumentato l’aiuto reciproco ma anche verso gli altri. Si sono sviluppate la sensibilità, l’empatia e si è creata una solidarietà che non si è esaurita: ad esempio alcuni stanno organizzando una raccolta di soldi per dei ragazzi in difficoltà. E poi abbiamo imparato tutti assieme a valorizzare il tempo trascorso in compagnia, che spesso prima si dava per scontato; ad apprezzare le piccole cose, come ad esempio una semplice pizza tra amici. Ciò che insomma crea il vero benessere nella vita».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
centro giovani locarno giovanna schmid pandemia riferimento
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved