locarnese-non-rinunciamo-alle-carte-giornaliere-ffs
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Diploma d’onore a quattro agenti della Polizia cantonale

Sono stati premiati dalla Fondazione Carnegie per i salvatori di vite umane per aver impedito che un conducente in contromano provocasse un incidente
Mendrisiotto
3 ore

‘Dopo 25 anni in carcere soffro di sindrome di prigionizzazione’

Si racconta l’uomo che la scorsa estate sequestrò un passante a Chiasso. ‘Ho scritto un libro. Vorrei aiutare i giovani a evitare certi errori’
Luganese
3 ore

Demografia, città allo specchio: San Gallo batte Lugano

Se a Lugano ci sono i primi segnali di un’inversione di tendenza, la ‘capitale’ del Nord-Est cresce da un lustro dopo decenni di crisi. Ecco perché.
Bellinzonese
3 ore

Stazione di Biasca, passi avanti per il nodo di interscambio

Dopo il governo anche il Municipio ha licenziato il messaggio con la richiesta del credito. Gli interventi andranno a beneficio di logistica e sicurezza
Mendrisiotto
10 ore

Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’

Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura
Ticino
10 ore

Blättler: nella lotta alla mafia dobbiamo fare di più

Il nuovo procuratore generale della Confederazione: il fenomeno esiste, ora dobbiamo trasformare gli elementi che raccogliamo in atti di accusa
Ticino
14 ore

Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte

Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
14 ore

Morcote, al via la stagione estiva per la famiglia

Il primo appuntamento è per domenica 22 a Parco Scherrer, quando andrà in scena lo spettacolo gratuito ‘Aspettando CartaSìa’
Mendrisiotto
14 ore

Sagra della castagna 2022, aperte le iscrizioni

Gli artigiani interessati si devono annunciare entro l’11 giugno. La manifestazione si terrà a Morbio Superiore
Luganese
14 ore

Rovio, verranno sostituiti i tre ippocastani abbattuti

Ha suscitato qualche polemica il taglio degli alberi in piazza. La decisione era stata presa dall’esecutivo in carica fino all’aggregazione
Ticino
15 ore

Imposte di circolazione, i dubbi di Plr e Ps restano

Le due iniziative popolari del Ppd continuano a non convincere del tutto. Speziali: ‘È finanziariamente sostenibile?’. Passalia: ‘Basta, si vada al voto’
Luganese
15 ore

Costi, qualità di vita, moltiplicatore: perché si lascia Lugano

Sebbene il trend demografico si sia invertito, uno studio evidenzia che il saldo migratorio nei confronti dei comuni ticinesi è ancora negativo
22.03.2021 - 10:15
Aggiornamento : 24.03.2021 - 14:11

Locarnese, 'non rinunciamo alle carte giornaliere FFS'

I titoli di viaggio per battelli, bus e treni a prezzi interessanti, disponibili nei Comuni, non vanno aboliti. Lo sostiene LiSA in un'interrogazione

Addio alle carte giornaliere FFS a disposizione dei domiciliati nei Comuni? C'è chi dice no. La recente decisione di Alliance Swiss Pass, che coordina questo servizio, di abolirlo entro il 2023, non è, a parere del Gruppo LiSA delle Terre di Pedemonte, sensata. In un'interrogazione al Municipio, la formazione politica di area rossoverde ricorda l'impegno in atto nella promozione dell'uso del trasporto pubblico e alla transizione ecologica; secondo LiSA “l'abolizione di un servizio molto apprezzato e simbolico, senza presentare soluzioni alternative, va infatti nella direzione sbagliata.

Gli argomenti portati da Alliance Swiss Pass sul declino dell'uso di queste carte e sulle difficoltà di distribuzione non sono credibili perché questi elementi non trovano conferma nella realtà quotidiana. Inoltre, i piani futuri per sostituire il servizio sono troppo vaghi per permetterci d'immaginare soluzioni sostenibili”. Ritenendo che il Comune debba poter continuare a offrire un servizio apprezzato dalla popolazione e che si inserisce nella politica a favore di una mobilità ecologica e accessibile a tutti, LiSa chiede all'Esecutivo se è a conoscenza della decisione di Alliance Swiss, se è stato consultato in merito e se l'Amministrazione intende opporsi a tale progetto.

Anche da Locarno la Sinistra si attiva, ricordando il successo dell'operazione

Pure a Locarno, la Sinistra si è attivata a difesa di queste pratiche carte da viaggio a prezzi interessanti per la cittadinanza. In un'interpellanza firmata da tutta la compagine, il Ps cittadino pone l'accento sulla “fitta rete di trasporti pubblici e, in particolare, una rete ferroviaria che permette un facile accesso ai quattro angoli del nostro Paese. Anche se questa rete è efficiente, i prezzi praticati non sono sempre accessibili a tutti, anche con un abbonamento metà prezzo”. Snocciola poi alcune cifre relative all'impiego di queste carte agevolate: “nel 2020 il nostro Comune ha avuto a disposizione dell’utenza 10 carte giornaliere per un totale di 3650 carte; a causa della pandemia da Covid ne sono rimaste invendute 656, mentre negli anni precedenti il quantitativo rimasto era stato molto minore, il che ha dato comunque un incasso, per il 2020, di quasi 126mila franchi, a dimostrazione che il successo di quest’operazione è tangibile. Nel 2021 il numero di carte giornaliere disponibili è sceso a 4 e fino al 15 di marzo ne sono risultate invendute 7. Questo significa che nei primi due mesi e mezzo del 2021 i ricavi dalla vendita delle carte giornaliere corrispondono a oltre 3100 franchi". 

La riduzione del numero di carte giornaliere decisa dal Municipio, osserva la Sinistra, è stata dettata dall’incertezza di poter viaggiare a causa della pandemia tutt’ora in corso, considerando pure che l’ordinazione dei titoli di viaggio avviene già nel corso del mese di ottobre dell’anno precedente.

Alla luce di questo successo, la decisione di Alliance Swiss Pass, che coordina questo servizio, di abolirlo entro il 2023 a detta degli interpellanti non ha senso. “Mentre vogliamo promuovere l'uso del trasporto pubblico e partecipare alla transizione ecologica, l'abolizione di un servizio molto apprezzato e simbolico, senza presentare delle soluzioni alternative elaborate, va nella direzione sbagliata. Gli argomenti portati da Alliance Swiss Pass sul declino dell'uso di queste carte e sulle difficoltà di distribuzione non sono credibili perché questi elementi non trovano conferma nella realita quotidiana. Inoltre, i piani futuri per sostituire il servizio sono troppo vaghi per permetterci d'immaginare soluzioni sostenibili”. 

L'invito del PS al Municipio è quindi quello di continuare a offrire questo servizio alla popolazione, che si inserisce nella politica a favore di una mobilità ecologica e accessibile a tutti, opponendosi all'abolizione delle carte giornaliere FFS. Del tema si era parlato, di recente, anche a Mendrisio (dove un'analoga richiesta era stata inoltrata al Municipio dai Socialisti e dai Verdi) e nella capitale, Bellinzona, sempre a firma Unità della Sinistra.

Leggi anche:

Giornaliere Ffs, Bellinzona si adoperi per mantenerle

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alliance swiss pass carte giornaliere ffs comuni interrogazione pedemonte ps locarno
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved