ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
10 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
13 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
16 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
20 ore

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
1 gior

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
1 gior

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
1 gior

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
Luganese
1 gior

Gli orologi... del crimine, confiscati e messi all’asta

Rolex, Cartier, e una quantità di monili a un incanto giudiziario a Rivera
22.03.2021 - 10:15
Aggiornamento: 24.03.2021 - 14:11

Locarnese, 'non rinunciamo alle carte giornaliere FFS'

I titoli di viaggio per battelli, bus e treni a prezzi interessanti, disponibili nei Comuni, non vanno aboliti. Lo sostiene LiSA in un'interrogazione

locarnese-non-rinunciamo-alle-carte-giornaliere-ffs

Addio alle carte giornaliere FFS a disposizione dei domiciliati nei Comuni? C'è chi dice no. La recente decisione di Alliance Swiss Pass, che coordina questo servizio, di abolirlo entro il 2023, non è, a parere del Gruppo LiSA delle Terre di Pedemonte, sensata. In un'interrogazione al Municipio, la formazione politica di area rossoverde ricorda l'impegno in atto nella promozione dell'uso del trasporto pubblico e alla transizione ecologica; secondo LiSA “l'abolizione di un servizio molto apprezzato e simbolico, senza presentare soluzioni alternative, va infatti nella direzione sbagliata.

Gli argomenti portati da Alliance Swiss Pass sul declino dell'uso di queste carte e sulle difficoltà di distribuzione non sono credibili perché questi elementi non trovano conferma nella realtà quotidiana. Inoltre, i piani futuri per sostituire il servizio sono troppo vaghi per permetterci d'immaginare soluzioni sostenibili”. Ritenendo che il Comune debba poter continuare a offrire un servizio apprezzato dalla popolazione e che si inserisce nella politica a favore di una mobilità ecologica e accessibile a tutti, LiSa chiede all'Esecutivo se è a conoscenza della decisione di Alliance Swiss, se è stato consultato in merito e se l'Amministrazione intende opporsi a tale progetto.

Anche da Locarno la Sinistra si attiva, ricordando il successo dell'operazione

Pure a Locarno, la Sinistra si è attivata a difesa di queste pratiche carte da viaggio a prezzi interessanti per la cittadinanza. In un'interpellanza firmata da tutta la compagine, il Ps cittadino pone l'accento sulla “fitta rete di trasporti pubblici e, in particolare, una rete ferroviaria che permette un facile accesso ai quattro angoli del nostro Paese. Anche se questa rete è efficiente, i prezzi praticati non sono sempre accessibili a tutti, anche con un abbonamento metà prezzo”. Snocciola poi alcune cifre relative all'impiego di queste carte agevolate: “nel 2020 il nostro Comune ha avuto a disposizione dell’utenza 10 carte giornaliere per un totale di 3650 carte; a causa della pandemia da Covid ne sono rimaste invendute 656, mentre negli anni precedenti il quantitativo rimasto era stato molto minore, il che ha dato comunque un incasso, per il 2020, di quasi 126mila franchi, a dimostrazione che il successo di quest’operazione è tangibile. Nel 2021 il numero di carte giornaliere disponibili è sceso a 4 e fino al 15 di marzo ne sono risultate invendute 7. Questo significa che nei primi due mesi e mezzo del 2021 i ricavi dalla vendita delle carte giornaliere corrispondono a oltre 3100 franchi". 

La riduzione del numero di carte giornaliere decisa dal Municipio, osserva la Sinistra, è stata dettata dall’incertezza di poter viaggiare a causa della pandemia tutt’ora in corso, considerando pure che l’ordinazione dei titoli di viaggio avviene già nel corso del mese di ottobre dell’anno precedente.

Alla luce di questo successo, la decisione di Alliance Swiss Pass, che coordina questo servizio, di abolirlo entro il 2023 a detta degli interpellanti non ha senso. “Mentre vogliamo promuovere l'uso del trasporto pubblico e partecipare alla transizione ecologica, l'abolizione di un servizio molto apprezzato e simbolico, senza presentare delle soluzioni alternative elaborate, va nella direzione sbagliata. Gli argomenti portati da Alliance Swiss Pass sul declino dell'uso di queste carte e sulle difficoltà di distribuzione non sono credibili perché questi elementi non trovano conferma nella realita quotidiana. Inoltre, i piani futuri per sostituire il servizio sono troppo vaghi per permetterci d'immaginare soluzioni sostenibili”. 

L'invito del PS al Municipio è quindi quello di continuare a offrire questo servizio alla popolazione, che si inserisce nella politica a favore di una mobilità ecologica e accessibile a tutti, opponendosi all'abolizione delle carte giornaliere FFS. Del tema si era parlato, di recente, anche a Mendrisio (dove un'analoga richiesta era stata inoltrata al Municipio dai Socialisti e dai Verdi) e nella capitale, Bellinzona, sempre a firma Unità della Sinistra.

Leggi anche:

Giornaliere Ffs, Bellinzona si adoperi per mantenerle

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved