locarnese-non-rinunciamo-alle-carte-giornaliere-ffs
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 min

I Babbi Natale fanno rombare i motori

A Lugano si è svolta la tradizionale parata dei Santa Claus a bordo delle Harley Davidson
Locarnese
1 ora

Navigazione, ‘la Convenzione internazionale va disdetta’

Il consigliere nazionale Bruno Storni, e con lui tutta la deputazione ticinese, lo chiede con una mozione al Consiglio federale
Ticino
8 ore

‘Anche al Ticino serve una strategia climatica’

Lo chiede una mozione socialista, primo firmatario Ivo Durisch, che ricalca quanto fatto dai Grigioni e dal Cantone di Berna
Mendrisiotto
17 ore

Il moltiplicatore non si tocca, i balzelli causali sì

Per i cittadini di Mendrisio si annuncia un rincaro della tassa sul sacco (e non solo). Si monitorano i bisogni, che cambiano. L’analisi della Gestione
Ticino
17 ore

Altra ‘manif’ di protesta sabato a Bellinzona

Gli Amici della Costituzione sfilano contro gli inasprimenti decisi oggi dal Consiglio federale
Ticino
19 ore

Tassazione frontalieri, Roma dà luce verde alla ratifica

Il Consiglio dei ministri ha dato via libera all’esecuzione dell’accordo italo-svizzero. Un iter analogo è in corso a Berna
Bellinzonese
19 ore

Mercatino di Natale sulla piana di Ambrì

Appuntamento per mercoledì 8 dicembre sul piazzale esterno dello stadio multifunzionale
Luganese
19 ore

Lugano: tornano i corsi d’italiano per stranieri de ‘Il Centro’

Le lezioni dell’associazione, organizzate nell’ambito delle attività a favore dell’integrazione, si svolgeranno da febbraio a giugno 2022
Bellinzonese
19 ore

‘Music on Ice’ pronto a incantare i ticinesi

Lo spettacolo proporrà un viaggio nel tempo il 21 e 22 gennaio al Centro sportivo di Bellinzona
Luganese
19 ore

Tesserete: la Bottega del Mondo cambia orari sotto Natale

Durante il periodo festivo il negozio resterà aperto durante giorni e fasce orarie un po’ diversi dal solito
Luganese
19 ore

A Lugano l’acqua costerà il 20% in più. ‘Giù gli sprechi’

Un’interpellanza interpartitica chiede al Municipio di valutare l’introduzione di tasse progressive basate sul consumo domestico dell’oro blu
Luganese
19 ore

Lugano: ‘Al Conza attesa incredibile per il vaccino’

Lunghe code anche al freddo. ‘Tanti si sono presentati per la terza dose senza appuntamento’. Segnalata anche una carenza di personale sanitario
Locarnese
22.03.2021 - 10:150
Aggiornamento : 24.03.2021 - 14:11

Locarnese, 'non rinunciamo alle carte giornaliere FFS'

I titoli di viaggio per battelli, bus e treni a prezzi interessanti, disponibili nei Comuni, non vanno aboliti. Lo sostiene LiSA in un'interrogazione

a cura de laRegione

Addio alle carte giornaliere FFS a disposizione dei domiciliati nei Comuni? C'è chi dice no. La recente decisione di Alliance Swiss Pass, che coordina questo servizio, di abolirlo entro il 2023, non è, a parere del Gruppo LiSA delle Terre di Pedemonte, sensata. In un'interrogazione al Municipio, la formazione politica di area rossoverde ricorda l'impegno in atto nella promozione dell'uso del trasporto pubblico e alla transizione ecologica; secondo LiSA “l'abolizione di un servizio molto apprezzato e simbolico, senza presentare soluzioni alternative, va infatti nella direzione sbagliata.

Gli argomenti portati da Alliance Swiss Pass sul declino dell'uso di queste carte e sulle difficoltà di distribuzione non sono credibili perché questi elementi non trovano conferma nella realtà quotidiana. Inoltre, i piani futuri per sostituire il servizio sono troppo vaghi per permetterci d'immaginare soluzioni sostenibili”. Ritenendo che il Comune debba poter continuare a offrire un servizio apprezzato dalla popolazione e che si inserisce nella politica a favore di una mobilità ecologica e accessibile a tutti, LiSa chiede all'Esecutivo se è a conoscenza della decisione di Alliance Swiss, se è stato consultato in merito e se l'Amministrazione intende opporsi a tale progetto.

Anche da Locarno la Sinistra si attiva, ricordando il successo dell'operazione

Pure a Locarno, la Sinistra si è attivata a difesa di queste pratiche carte da viaggio a prezzi interessanti per la cittadinanza. In un'interpellanza firmata da tutta la compagine, il Ps cittadino pone l'accento sulla “fitta rete di trasporti pubblici e, in particolare, una rete ferroviaria che permette un facile accesso ai quattro angoli del nostro Paese. Anche se questa rete è efficiente, i prezzi praticati non sono sempre accessibili a tutti, anche con un abbonamento metà prezzo”. Snocciola poi alcune cifre relative all'impiego di queste carte agevolate: “nel 2020 il nostro Comune ha avuto a disposizione dell’utenza 10 carte giornaliere per un totale di 3650 carte; a causa della pandemia da Covid ne sono rimaste invendute 656, mentre negli anni precedenti il quantitativo rimasto era stato molto minore, il che ha dato comunque un incasso, per il 2020, di quasi 126mila franchi, a dimostrazione che il successo di quest’operazione è tangibile. Nel 2021 il numero di carte giornaliere disponibili è sceso a 4 e fino al 15 di marzo ne sono risultate invendute 7. Questo significa che nei primi due mesi e mezzo del 2021 i ricavi dalla vendita delle carte giornaliere corrispondono a oltre 3100 franchi". 

La riduzione del numero di carte giornaliere decisa dal Municipio, osserva la Sinistra, è stata dettata dall’incertezza di poter viaggiare a causa della pandemia tutt’ora in corso, considerando pure che l’ordinazione dei titoli di viaggio avviene già nel corso del mese di ottobre dell’anno precedente.

Alla luce di questo successo, la decisione di Alliance Swiss Pass, che coordina questo servizio, di abolirlo entro il 2023 a detta degli interpellanti non ha senso. “Mentre vogliamo promuovere l'uso del trasporto pubblico e partecipare alla transizione ecologica, l'abolizione di un servizio molto apprezzato e simbolico, senza presentare delle soluzioni alternative elaborate, va nella direzione sbagliata. Gli argomenti portati da Alliance Swiss Pass sul declino dell'uso di queste carte e sulle difficoltà di distribuzione non sono credibili perché questi elementi non trovano conferma nella realita quotidiana. Inoltre, i piani futuri per sostituire il servizio sono troppo vaghi per permetterci d'immaginare soluzioni sostenibili”. 

L'invito del PS al Municipio è quindi quello di continuare a offrire questo servizio alla popolazione, che si inserisce nella politica a favore di una mobilità ecologica e accessibile a tutti, opponendosi all'abolizione delle carte giornaliere FFS. Del tema si era parlato, di recente, anche a Mendrisio (dove un'analoga richiesta era stata inoltrata al Municipio dai Socialisti e dai Verdi) e nella capitale, Bellinzona, sempre a firma Unità della Sinistra.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved