locarnese-non-rinunciamo-alle-carte-giornaliere-ffs
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
5 ore

Morbio Inferiore, ‘A cena con papà’

La manifestazione, organizzata dal Dicastero cultura, venerdì 20 maggio
Luganese
5 ore

Ponte Capriasca, evento solidale per Zanzibar

L’associazione Sister Island ha fondato un asilo e diversi progetti virtuosi di sviluppo
Luganese
5 ore

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
6 ore

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
6 ore

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
6 ore

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
6 ore

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
6 ore

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
6 ore

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
7 ore

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
Mendrisiotto
7 ore

Sfornata la nuova guida turistica Mendrisiotto e Basso Ceresio

Stampata in 30mila copie e tradotta in quattro lingue, presenta fra i dossier il sentiero della Muggiasca e l’itinerario per hand bike al Serpiano
Ticino
7 ore

Presidente del Consiglio sinodale riformato è Stefano D’Archino

Nell’esecutivo della Chiesa evangelica succede a Tobias Ulbrich. Approvata una mozione critica nei confronti del Patriarca Kirill
22.03.2021 - 10:15
Aggiornamento : 24.03.2021 - 14:11

Locarnese, 'non rinunciamo alle carte giornaliere FFS'

I titoli di viaggio per battelli, bus e treni a prezzi interessanti, disponibili nei Comuni, non vanno aboliti. Lo sostiene LiSA in un'interrogazione

Addio alle carte giornaliere FFS a disposizione dei domiciliati nei Comuni? C'è chi dice no. La recente decisione di Alliance Swiss Pass, che coordina questo servizio, di abolirlo entro il 2023, non è, a parere del Gruppo LiSA delle Terre di Pedemonte, sensata. In un'interrogazione al Municipio, la formazione politica di area rossoverde ricorda l'impegno in atto nella promozione dell'uso del trasporto pubblico e alla transizione ecologica; secondo LiSA “l'abolizione di un servizio molto apprezzato e simbolico, senza presentare soluzioni alternative, va infatti nella direzione sbagliata.

Gli argomenti portati da Alliance Swiss Pass sul declino dell'uso di queste carte e sulle difficoltà di distribuzione non sono credibili perché questi elementi non trovano conferma nella realtà quotidiana. Inoltre, i piani futuri per sostituire il servizio sono troppo vaghi per permetterci d'immaginare soluzioni sostenibili”. Ritenendo che il Comune debba poter continuare a offrire un servizio apprezzato dalla popolazione e che si inserisce nella politica a favore di una mobilità ecologica e accessibile a tutti, LiSa chiede all'Esecutivo se è a conoscenza della decisione di Alliance Swiss, se è stato consultato in merito e se l'Amministrazione intende opporsi a tale progetto.

Anche da Locarno la Sinistra si attiva, ricordando il successo dell'operazione

Pure a Locarno, la Sinistra si è attivata a difesa di queste pratiche carte da viaggio a prezzi interessanti per la cittadinanza. In un'interpellanza firmata da tutta la compagine, il Ps cittadino pone l'accento sulla “fitta rete di trasporti pubblici e, in particolare, una rete ferroviaria che permette un facile accesso ai quattro angoli del nostro Paese. Anche se questa rete è efficiente, i prezzi praticati non sono sempre accessibili a tutti, anche con un abbonamento metà prezzo”. Snocciola poi alcune cifre relative all'impiego di queste carte agevolate: “nel 2020 il nostro Comune ha avuto a disposizione dell’utenza 10 carte giornaliere per un totale di 3650 carte; a causa della pandemia da Covid ne sono rimaste invendute 656, mentre negli anni precedenti il quantitativo rimasto era stato molto minore, il che ha dato comunque un incasso, per il 2020, di quasi 126mila franchi, a dimostrazione che il successo di quest’operazione è tangibile. Nel 2021 il numero di carte giornaliere disponibili è sceso a 4 e fino al 15 di marzo ne sono risultate invendute 7. Questo significa che nei primi due mesi e mezzo del 2021 i ricavi dalla vendita delle carte giornaliere corrispondono a oltre 3100 franchi". 

La riduzione del numero di carte giornaliere decisa dal Municipio, osserva la Sinistra, è stata dettata dall’incertezza di poter viaggiare a causa della pandemia tutt’ora in corso, considerando pure che l’ordinazione dei titoli di viaggio avviene già nel corso del mese di ottobre dell’anno precedente.

Alla luce di questo successo, la decisione di Alliance Swiss Pass, che coordina questo servizio, di abolirlo entro il 2023 a detta degli interpellanti non ha senso. “Mentre vogliamo promuovere l'uso del trasporto pubblico e partecipare alla transizione ecologica, l'abolizione di un servizio molto apprezzato e simbolico, senza presentare delle soluzioni alternative elaborate, va nella direzione sbagliata. Gli argomenti portati da Alliance Swiss Pass sul declino dell'uso di queste carte e sulle difficoltà di distribuzione non sono credibili perché questi elementi non trovano conferma nella realita quotidiana. Inoltre, i piani futuri per sostituire il servizio sono troppo vaghi per permetterci d'immaginare soluzioni sostenibili”. 

L'invito del PS al Municipio è quindi quello di continuare a offrire questo servizio alla popolazione, che si inserisce nella politica a favore di una mobilità ecologica e accessibile a tutti, opponendosi all'abolizione delle carte giornaliere FFS. Del tema si era parlato, di recente, anche a Mendrisio (dove un'analoga richiesta era stata inoltrata al Municipio dai Socialisti e dai Verdi) e nella capitale, Bellinzona, sempre a firma Unità della Sinistra.

Leggi anche:

Giornaliere Ffs, Bellinzona si adoperi per mantenerle

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alliance swiss pass carte giornaliere ffs comuni interrogazione pedemonte ps locarno
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved