al-burio-di-gordola-sara-risanamento-ma-c-e-la-spaccatura
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
3 ore

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
7 ore

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Locarnese
8 ore

Orselina, Silvan Zingg al Parco

Il grande pianista svizzero, re del Boogie Woogie e del Blues, sarà di scena mercoledì
Locarnese
8 ore

Onsernone, da mezzo secolo senza mai perdere ‘LaVoce’

Compie 50 anni il semestrale (un tempo bimestrale) della locale Pro; una rivista cartacea nata per parlare di territorio e offrire spunti di riflessione
Luganese
8 ore

Pregassona, tanta frutta e verdura agli orti condivisi

Le cassette messe a disposizione dall’Associazione Amélie hanno dato, nel vero senso della parola, i loro frutti. Purtroppo ci sono stati anche dei furti.
Luganese
8 ore

Hangar malmesso ad Agno, scatta l’interpellanza

Sara Beretta Piccoli, alla luce del rischio di rilascio di amianto nella struttura aeroportuale (lato fiume), chiede lumi al Municipio
Luganese
8 ore

Muzzano, prima tappa di Miss Tap Model

Sabato 20 agosto avrà luogo la manifestazione al Ristorante Tcs Vedeggio. Durante la serata ci sarà musica e intrattenimento
Ticino
8 ore

A Ferragosto il sole brucia, il radar pure

Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli della velocità
Luganese
9 ore

Cantoreggi, l’Appello conferma la condanna di primo grado

Pensione La Santa, la corte di secondo grado infligge 4 anni e tre mesi di carcere all’austriaco, per lesioni, omicidio colposo e omissione di soccorso
Locarnese
9 ore

Festa patronale a Brione Verzasca

Messa, aperitivo e incanto dei doni nel programma mattutino; nel pomeriggio vi sarà la lode vespertina
Mendrisiotto
9 ore

Vacallo, un’altra benna per smaltire carta e cartoni

Sarà introdotta da martedì 16 agosto nella piazza rifiuti di Vacallo Alta-via San Martino
Ticino
9 ore

Torneo di calcio dei parlamenti cantonali, è tutto pronto

Quest’anno sarà il Ticino a organizzarlo, il presidente del Comitato Edo Bobbià spiega l’aspetto sociale: ‘Coinvolta la Fondazione Diamante, li ringrazio’
Mendrisiotto
10 ore

Meride, torna la festa patronale di San Rocco

Il tradizionale evento si terrà domenica 21 agosto. Previsto un concerto della soprano Annamaria Martinetti.
07.03.2021 - 17:08
Aggiornamento: 18:34

Al Burio di Gordola: sarà risanamento, ma c'è la spaccatura

Gnesa: “Onore ai vincitori, collaboreremo e vigileremo”. Vignuta: “L'impegno di Municipio e Consiglio comunale è non eccedere dai 16 milioni”

Via libera al risanamento delle scuole comunali al Burio di Gordola. L'ha deciso la popolazione, chiamata al voto da una doppia domanda di referendum contro altrettanti crediti votati dal Consiglio comunale: i 3,8 milioni di franchi per il risanamento di spogliatoi e palestra e i 195mila franchi per l'aggiornamento del progetto definitivo di risanamento globale del centro scolastico. Nel primo caso, alla domanda se si volesse accettare la risoluzione adottata dal legislativo, hanno prevalso i “sì” per 1'032 a 894, mentre nel secondo, con il quesito posto sempre in termini di accettazione della risoluzione del Consiglio comunale, i voti favorevoli sono stati 1'043 e quelli contrari 885.

Alle urne si sono recate 1'982 persone su 3'194 iscritti in catalogo, ovverosia il 62%. I “sì” si assestano al 53,5% delle schede valide (1'926) per la prima domanda e al 54,1% delle 1'928 per la seconda.

I referendari: “Rammarico, ma era Davide contro Golia”

Al termine di una campagna combattutissima e a tratti decisamente aspra, per il fronte referendario Lega-Udc/Alternativa Gordola, Alessandro Gnesa, esponente della destra gordolese, esprime «certamente rammarico, anche perchè ci siamo arrivati vicini. Preventivamente mi ero immaginato un rapporto 54-46, anche se era difficile stabilire a favore di chi. Va anche detto che abbiamo assistito ad una battaglia fra Davide e Golia, perché l'alleanza fra Plr e Ppd ha un peso che noi e Alternativa Gordola non possiamo avere». Gnesa considera comunque che «visto il risultato alle urne, possiamo dire di essere sulla giusta strada, sia noi, sia Alternativa Gordola, rispetto alla quale vi possono essere ovviamente differenze di vedute, ma con cui in questo caso si è lavorato bene».

Tributando uno sportivo «onore ai vincitori», Gnesa tiene a «ringraziare in primo luogo la popolazione, che è andata a votare in una percentuale importante, e secondariamente tutti quelli che ci hanno sostenuto». Poi chiarisce che «il voto popolare – pur evidenziando nel complesso una spaccatura piuttosto marcata – ha stabilito da che parte bisogna andare, e cioè quella del risanamento del centro scolastico. Da parte nostra ci sarà massima collaborazione, ma ovviamente ci assumeremo il compito di vigilare affinché le promesse fatte dai favorevoli alla ristrutturazione vengano mantenute». Interessante notare come il riferimento non sia in particolare alla questione amianto, di cui tanto si è dibattuto nelle ultime settimane: «Credo – dice Gnesa – che forse se n'è parlato anche troppo, visto che le nostre aziende sono capaci di lavorare. Non è quindi tanto il discorso della messa in sicurezza degli allievi, ciò che mi preoccupa, quanto il tema dei rumori. È vero che gli interventi sono previsti soprattutto nel periodo estivo, ma comunque l'auspicio è che si riesca ad arrecare meno disturbo possibile durante le lezioni, quando scuola e cantiere dovranno convivere». Un ultimo appunto, ma tutt'altro che secondario, riguarda la cifra d'investimento: «Non si è ancora capito quanto bisognerà spendere. L'orbita era quella attorno ai 20 milioni, ma poi si è scesi a 16. Anche questo è un tema da seguire con la massima attenzione».

Il sindaco: “Spaccatura evidente, tener conto di tutte le preoccupazioni”

«Grande soddisfazione per il risultato finale, che ha visto i “sì” prevalere – viene sull'altro fronte espresso dal sindaco Damiano Vignuta, primo rappresentante del Municipio –. Ciò significa che, unitamente al Consiglio comunale, abbiamo ottenuto il via libera al progetto di risanamento. È una strada definitivamente tracciata anche grazie al grande lavoro svolto dal gruppo di sostegno coordinato dall'ex sindaco Armando Züllig e dall'ex vicesindaco Fernando Mozzetti e retto da molte personalità trasversali del contesto politico gordolese». Vignuta nota che «a un certo punto ho temuto che si volesse personalizzare questa votazione; e comunque, come si era già capito nelle scorse settimane, sia la campagna, sia le cifre del voto hanno evidenziato una spaccatura nella popolazione. Sarà quindi molto importante tenere conto con la massima attenzione delle preoccupazioni emerse dal dibattito, e farne tesoro nel prosieguo dell'iter. Mi riferisco in particolare alla questione dei costi, alla convivenza fra cantiere e lezioni scolastiche e al tema dell'amianto». In merito ai costi, il sindaco parla di «16 milioni al netto di sussidi e incentivi. Sedici milioni è il tetto massimo stabilito da Municipio e Consiglio comunale e comprendono anche i 3,8 milioni per risanare spogliatoi e palestra. Il compito di rispettare questo impegno spetta ai progettisti prima e alla politica poi».

Vignuta sostiene infine di aspettarsi «che ci sia massima collaborazione da tutte le parti in causa, così da portare a buon fine questo importante progetto di risanamento».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
al burio alessandro gnesa damiano vignuta referendum risanamento scuole gordola
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved