ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
2 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
3 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
3 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
5 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
5 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
5 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
5 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
6 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
03.03.2021 - 08:31
Aggiornamento: 15:27

Locarno, 'il problema burkini non è di nostra competenza'

Sulla mozione di D'Errico-Caldara chiedente il divieto di questo indumento negli stabilimenti balneari comunali e nelle spiagge il Municipio è contrario

locarno-il-problema-burkini-non-e-di-nostra-competenza

Divieto di burkini, il Municipio di Locarno risponde picche alla delicata mozione del 6 aprile 2017 presentata dal già consigliere comunale Aron D’Errico e in seguito ripresa da Omar Caldara e cofirmatari. Secondo l'esecutivo di Palazzo Marcacci, il costume da bagno indossato dalle donne di religione musulmana, legato a un'idea di pudore, consente alla donna che lo porta di sentirsi spesso comunque più libera di andare in spiaggia, cosa che altrimenti non farebbe o non potrebbe fare. Di parere opposto i mozionanti, a detta dei quali il burkini sarebbe esclusivamente un “indumento ideologico fondamentalista, retrogrado e barbaro... incompatibile con i valori fondamentali della Svizzera”.
Indipendentemente dalla fondatezza o meno di queste preoccupazioni sollevate dai mozionanti, secondo l'autorità cittadina il Municipio non dispone di ampi margini di manovra, in quanto all’ente comunale competono soltanto funzioni di polizia locale sulla base di disposizioni di leggi cantonali di polizia e ordine pubblico, prevedenti se del caso delle esplicite deleghe. “Ricordiamo che, a livello cantonale, si è legiferato per quanto riguarda la dissimulazione del volto negli spazi pubblici, ciò che è altra cosa che l’indossare un indumento come nel presente caso. Non rappresentando con tutta evidenza un problema di ordine pubblico, un divieto dell’indumento burkini non rientra e non rientrerebbe anche in futuro nelle competenze del Comune di Locarno. Dubitiamo d’altra parte che una simile regolamentazione, da adottare a livello cantonale,  potrebbe essere conforme alle nostre costituzioni federale e cantonale, nella misura in cui un tale divieto non prevarrebbe, tra l’altro, sul diritto costituzionale alla libertà che dev’essere garantita a ogni cittadino”.

Libertà di scelta sull'abbigliamento da indossare, nessun rischio per la sicurezza pubblica

Sempre secondo il Municipio cittadino, “dubitiamo che possa prevalere un interesse pubblico, né stentiamo a ravvisarne uno, rispetto alla libertà che deve essere garantita a ogni persona di poter scegliere l’abbigliamento che più le aggrada. Un divieto come quello richiesto dai mozionanti potrebbe anche non portare ad alcun miglioramento per quanto riguarda l’ordine e la sicurezza ma piuttosto alimentare delle intolleranze e discriminazioni legate soltanto a chi non si conforma a vestirsi come la maggioranza della nostra popolazione. Se la preoccupazione dei mozionanti è effettivamente quella di combattere la sottomissione della donna, a volte costretta anche a vestirsi in un certo modo, la problematica non può essere risolta alla radice con un divieto di indossare uno specifico tipo d'indumento. Non dimentichiamoci che ci sono donne, non sottomesse a nessuno, che preferiscono indossare degli indumenti meno succinti di quelli che la nostra società occidentale veicola come più adatti
per andare in spiaggia”.

Alla luce di queste considerazioni il Municipio invita il legislativo a respingere la mozione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved