locarno-il-problema-burkini-non-e-di-nostra-competenza
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Coronavirus in Ticino, 46 contagi e un decesso

Nel bilancio delle ultime 24 ore si contano 7 dimissioni (a fronte di un nuovo ricovero). Le persone in ospedale sono 80
Grigioni
2 ore

Una cinquantina i lupi nei Grigioni, aumentati del doppio

È nel rapporto dell'Ufficio grigionese caccia e la pesca: malgrado l'alta mortalità dei piccoli, la popolazione dei predatori dovrebbe continuare a crescere
Gallery
Bellinzonese
4 ore

Biasca, fiamme in un appartamento: un intossicato

Incendio domato, cause al vaglio della Polizia scientifica. È accaduto ieri poco prima delle 23. Le condizioni della persona non desterebbero preoccupazioni.
Mendrisiotto
20 ore

Chiasso, videosorveglianza regionale come fiore all'occhiello

Sono una sessantina le postazioni che controllano il territorio convenzionato con la Polizia Regione 1. Parola alla capodicastero Sonia Colombo-Regazzoni
ELEZIONI COMUNALI
21 ore

Politica al femminile, per fare la differenza

Tra i candidati al Consiglio comunale dei Comuni del Mendrisiotto le donne rappresentano solo il 31,45%: intervista a due sindache e a una municipale
Mendrisiotto
23 ore

Destino di Valera a Mendrisio, siamo (quasi) al dunque

La bozza del rapporto della Commissione parlamentare è annunciato a 'breve'. L'obiettivo? 'Trovare l'adesione di tutte le forze politiche'
Gallery
Mendrisiotto
1 gior

Liceali di Mendrisio al microfono a caccia di record

Dal 12 al 14 aprile, in occasione dell'autogestione, diretta live su Radio LiMe di ben venticinque ore
Locarnese
1 gior

La nuova tassa sui lampioni non piace

Gambarogno vorrebbe introdurla (minimo 25, massimo 60 franchi annui, per tutti). Ma c'è chi contesta
Bellinzonese
1 gior

In Ticino 74 nuovi contagi e nessun decesso

Nelle ultime 24 ore nel Cantone altri sette ricoveri. In undici hanno potuto lasciare le strutture sanitarie
Locarnese
03.03.2021 - 08:310
Aggiornamento : 15:27

Locarno, 'il problema burkini non è di nostra competenza'

Sulla mozione di D'Errico-Caldara chiedente il divieto di questo indumento negli stabilimenti balneari comunali e nelle spiagge il Municipio è contrario

Divieto di burkini, il Municipio di Locarno risponde picche alla delicata mozione del 6 aprile 2017 presentata dal già consigliere comunale Aron D’Errico e in seguito ripresa da Omar Caldara e cofirmatari. Secondo l'esecutivo di Palazzo Marcacci, il costume da bagno indossato dalle donne di religione musulmana, legato a un'idea di pudore, consente alla donna che lo porta di sentirsi spesso comunque più libera di andare in spiaggia, cosa che altrimenti non farebbe o non potrebbe fare. Di parere opposto i mozionanti, a detta dei quali il burkini sarebbe esclusivamente un “indumento ideologico fondamentalista, retrogrado e barbaro... incompatibile con i valori fondamentali della Svizzera”.
Indipendentemente dalla fondatezza o meno di queste preoccupazioni sollevate dai mozionanti, secondo l'autorità cittadina il Municipio non dispone di ampi margini di manovra, in quanto all’ente comunale competono soltanto funzioni di polizia locale sulla base di disposizioni di leggi cantonali di polizia e ordine pubblico, prevedenti se del caso delle esplicite deleghe. “Ricordiamo che, a livello cantonale, si è legiferato per quanto riguarda la dissimulazione del volto negli spazi pubblici, ciò che è altra cosa che l’indossare un indumento come nel presente caso. Non rappresentando con tutta evidenza un problema di ordine pubblico, un divieto dell’indumento burkini non rientra e non rientrerebbe anche in futuro nelle competenze del Comune di Locarno. Dubitiamo d’altra parte che una simile regolamentazione, da adottare a livello cantonale,  potrebbe essere conforme alle nostre costituzioni federale e cantonale, nella misura in cui un tale divieto non prevarrebbe, tra l’altro, sul diritto costituzionale alla libertà che dev’essere garantita a ogni cittadino”.

Libertà di scelta sull'abbigliamento da indossare, nessun rischio per la sicurezza pubblica

Sempre secondo il Municipio cittadino, “dubitiamo che possa prevalere un interesse pubblico, né stentiamo a ravvisarne uno, rispetto alla libertà che deve essere garantita a ogni persona di poter scegliere l’abbigliamento che più le aggrada. Un divieto come quello richiesto dai mozionanti potrebbe anche non portare ad alcun miglioramento per quanto riguarda l’ordine e la sicurezza ma piuttosto alimentare delle intolleranze e discriminazioni legate soltanto a chi non si conforma a vestirsi come la maggioranza della nostra popolazione. Se la preoccupazione dei mozionanti è effettivamente quella di combattere la sottomissione della donna, a volte costretta anche a vestirsi in un certo modo, la problematica non può essere risolta alla radice con un divieto di indossare uno specifico tipo d'indumento. Non dimentichiamoci che ci sono donne, non sottomesse a nessuno, che preferiscono indossare degli indumenti meno succinti di quelli che la nostra società occidentale veicola come più adatti
per andare in spiaggia”.

Alla luce di queste considerazioni il Municipio invita il legislativo a respingere la mozione.

© Regiopress, All rights reserved