locarnese-nella-marea-delle-richieste-di-aiuto
La crisi inizia ad uscire dalla latenza (Foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 min

Casi di rigore, sono in arrivo altri 50 milioni

Il Consiglio di Stato porta a un totale di 125 milioni, 37,5 a carico del Cantone, la dotazione finanziaria totale
Bellinzonese
12 min

Durante la notte Lumino spegne tre quarti dei suoi lampioni

Da qualche giorno 200 punti luce su 260 vengono disattivati per cinque ore a partire da mezzanotte e un quarto. Un'altra misura per aumentare l'efficienza energetica
Ticino
28 min

Consuntivo 2020, Vitta: ‘Adesso serve uno sforzo proattivo’

Il direttore del Dfe commenta i 165 milioni di deficit e le prospettive: ‘I disavanzi accumulati andranno sulle spalle dei nostri figli’
Ticino
35 min

Gobbi: ‘Incamminati sulla strada del ritorno alla normalità’

Il presidente del governo saluta positivamente la riapertura delle terrazze di bar e ristoranti. ‘Continuare a rispettare le regole igieniche’
Ticino
51 min

Terrazze aperte: ‘Disparità di trattamento incomprensibili’

Il presidente di GastroTicino: ‘Il rischio di fallimenti e chiusure di una buona parte del settore non è assolutamente scongiurato’
Luganese
1 ora

Le Harley Davison possono attendere

Rischio Covid-19, annullata la manifestazione in agenda a luglio
Luganese
1 ora

Elezioni a Lugano, partecipazione in ascesa

Significativo balzo in avanti in città. Siamo a oltre 10'000 aventi diritto che hanno spedito la busta grigia con i nomi dei candidati prescelti
Luganese
1 ora

Lamone, conti in attivo e luce verde al nuovo asilo

Il Consiglio comunale ha approvato all'unanimità i Consuntivi 2020 e 9,6 milioni per la scuola dell'infanzia
Locarnese
1 ora

Riffa Fans club Hcap Locarnese e valli

Ecco l'elenco dei numeri vincenti, estratti lo scorso 10 aprile
Luganese
2 ore

Lugano, dai quartieri un atto d'accusa alla Città

Nasce 'Villaggi traditi' che riunisce il malcontento di diversi ex Comuni che puntano il dito contro la politica 'periferica' della Città
Luganese
2 ore

Il municipale si distanzia e volano gli stracci a Porza

Nervi tesi a pochi giorni del voto, fra il blocco Plr-Ppd e 'Insieme' su una questione di sussidi
Bellinzonese
2 ore

Lanciata la stagione estiva sulle montagne leventinesi

Gli impianti di risalita della regione offrono anche quest'anno un abbonamento stagionale combinato
Bellinzonese
2 ore

Anche il 144 sotto il tetto della Centrale comune d'allarme

Si completa così il progetto di raggruppamento degli enti di primo intervento
Locarnese
3 ore

Quattro concerti a Ronco sopra Ascona

Appuntamenti nella chiesa di San Martino, ma solo per 50 persone alla volta
Bellinzonese
3 ore

Fuori strada alla ‘S’ di Gudo: ferite serie per un giovane

L'auto ha sbandato finendo nella scarpata sottostante dopo un volo di alcuni metri. Forti disagi al traffico
Locarnese
3 ore

‘E una rotonda al bivio per la Valle Verzasca?’

Il problema del traffico nei mesi caldi in un'interpellanza al Municipio di Gordola presentata da Stefania Perico e Cosimo Lupi
Mendrisiotto
3 ore

Un sito presenta il nuovo centro paese di Castel San Pietro

Il portale è stato voluto da autorità comunali e gruppo di lavoro per informare costantemente la popolazione sull'avanzamento dello studio
Locarnese
3 ore

‘Tennis per tutti, indipendentemente dal reddito’

Locarno, Elena Zaccheo è la prima donna ad assumere la presidenza del Tcl. Fra gli obiettivi: l'accessibilità della disciplina
Luganese
3 ore

L'Associazione Traffico Ambiente boccia il polo sportivo

Il sodalizio della Svizzera italiana sostiene i referendisti e dice no a un 'progetto estremamente caro, sovradimensionato e per niente ecologico'
Luganese
3 ore

Lugano, 'Il Molino lasci l'ex Macello entro dieci giorni'

Recapitata stamattina al centro sociale la diffida con il nuovo termine per abbandonare gli spazi occupati del sedime lungo il fiume Cassarate
Grigioni
4 ore

La Ferrovia retica ha perso 6,9 milioni nel 2020

Senza gli aiuti pubblici volti ad attenuare le conseguenze della pandemia, deficit avrebbe sfiorato i 20 milioni
Luganese
4 ore

Pestaggio di Cadempino, indagati a turno dalla procuratrice

Si conferma il movente finanziario nella brutale aggressione ai danni di un 18enne compiuta da sei uomini del Luganese accusati di tentato omicidio
Luganese
4 ore

Lugano, Nibali cade e si frattura un braccio

Partecipazione al Giro d'Italia a rischio per il corridore siciliano domiciliato in città. Dovrà essere operato domani
Locarnese
4 ore

Via Luini a Locarno, 46 nuovi appartamenti e benzinaio

In pubblicazione un progetto per la costruzione di uno stabile di sei piani.
Locarnese
4 ore

Da ora la Rega dispone di nuovi visori notturni

Appositamente sviluppati per la Guardia aerea svizzera, permettono di muoversi meglio durante gli interventi nell'oscurità
Ticino
6 ore

Consuntivo 2020, si chiude con 165,1 milioni di disavanzo

La pandemia influenza i conti del Cantone, per i quali era previsto un avanzo, nel preventivo, di 4,1 milioni di franchi. Spesi 13,1 milioni più del previsto
Bellinzonese
6 ore

Società Tiratori del Lucomagno prima al Concorso cantonale

Con quattro vittorie (2012, 2017, 2018 e 2020) si aggiudica definitivamente la Challange Guggisberg, messa in palio ogni dieci anni.
Locarnese
6 ore

Bambini spazzacamino, nuova mostra al Museo di Val Verzasca

L'esposizione permanente, che sarà inaugurata sabato 17 aprile, affronta anche il tema del lavoro minorile ai giorni nostri
Locarnese
7 ore

Bosco, Frapolli se ne va! 'Troppi attriti, nessun aiuto'

Impianti chiusi il prossimo inverno, l'imprenditore è stufo del trattamento riservatogli. Critiche a politica e istituzioni, che scoraggiano gli imprenditori
Locarnese
8 ore

Gordola videosorveglia a braccetto con la Ses

Cinque punti di osservazione per il nuovo apparato fornito e gestito interamente dalla Società elettrica Sopracenerina
Grigioni
8 ore

Mesocco, luce verde al rifacimento di due strade

Il Consiglio comunale ha accolto lo stanziamento di oltre un milione di franchi per i lavori che dovrebbero terminare entro la fine di quest'anno.
Coronavirus
8 ore

In Ticino un decesso e 76 casi di positività

Il bollettino giornaliero del Cantone indica pure un aumento delle persone ricoverate in ospedale
Bellinzonese
9 ore

Il Sun Village Acquarossa ha la sua prima licenza edilizia

L'ha concessa il Municipio per il Piano di quartiere sulla base del preavviso positivo espresso dal Cantone
Svizzera
11 ore

Aumentano i casi di coronavirus nei Grigioni

Non vi sono per contro stati nuovi decessi, e il numero degli ospedalizzati è stabile.
Locarnese
03.03.2021 - 06:000
Aggiornamento : 14:46

Locarnese, nella marea delle richieste di aiuto

L’elenco dei sostegni elargiti come salvagenti nelle acque alte della pandemia è ampio, ma a lungo andare in molti rischiano di affondare

È stato un anno buio per il Locarnese, quello trascorso dal primo caso di coronavirus registrato in Ticino. Abituato a rifulgere con Moon&Stars, Luci e Ombre, riflettori e proiettori del Film Festival, a causa della pandemia il suo aspetto è radicalmente cambiato, con piazze, vie e locali rimasti perlopiù disadorni e vuoti. A tinte cupe è anche il quadro della situazione socioeconomica che si è venuta a creare nella regione. Confrontandosi con il bilancio stilato dai responsabili di alcuni servizi attivi sul territorio, si rileva che più questi hanno contatto ravvicinato con la popolazione, più le parole usate per raccontare le conseguenze del virus paiono uscire da una pellicola neorealista. Lo stato di emergenza che paralizza le vite, le macerie sociali, l’indigenza in emersione, l’incertezza rispetto al futuro: sono numerosi gli elementi in comune col genere cinematografico nato in Italia sul finire del secondo conflitto mondiale e che di quel periodo.

Il mercato del lavoro trema

In primo luogo desta inquietudine la situazione del mercato del lavoro. I dati resi pubblici la scorsa settimana dall’Ufficio federale di statistica evidenziano per il quarto trimestre del 2020 una diminuzione degli impieghi in Ticino del 4,4%, – ovvero 10mila posti di lavoro andati persi (in Svizzera ne sono spariti globalmente 23mila) – rispetto al corrispettivo periodo del 2019. Non tutti però sono confluiti nella disoccupazione e si attendono ulteriori approfondimenti statistici per delineare meglio il quadro.


Albergheria e ristorazione tra i settori più colpiti nella regione a vocazione turistica (Infografica laRegione)

Analizzando i dati inerenti alla disoccupazione disponibili per il distretto di Locarno, Stefano Rizzi, direttore della Divisione dell’economia, mette in rilievo l’effetto arginante delle varie misure di sostegno economico attivate: «La media annua dei disoccupati iscritti all’Ufficio regionale di collocamento del Locarnese (vedi infografica tabella 1) nel 2020 è stata pari a 1'081 persone, ciò che determina un aumento rispetto ai due anni precedenti. Nel contesto della pandemia si tratta, tuttavia, di un incremento relativamente contenuto visto che il numero medio di disoccupati iscritti si attesta sui livelli registrati nel 2017 (1’060). In questo senso, le indennità per lavoro ridotto (Ilr) hanno svolto un importante effetto “ammortizzante”, permettendo alle aziende di evitare licenziamenti e di mantenere il proprio personale, aspetto fondamentale in vista soprattutto dell’auspicata ripresa economica». Osservando più da vicino l’evoluzione mensile del 2020 nel distretto di Locarno (vedi infografica tabella 2), si nota un progressivo riassorbimento del numero di disoccupati iscritti a partire dal mese di maggio, dopo l’aumento dettato dalla fase acuta della pandemia nella primavera 2020. «Il positivo periodo estivo dello scorso anno ha influenzato questa tendenza, che risulta più marcata rispetto agli anni precedenti e si registra anche a livello cantonale», commenta Rizzi, che precisa: «La regione del Locarnese ha una vocazione prevalentemente turistica ed è quindi soggetta a tipiche variazioni stagionali della disoccupazione, legate, soprattutto, al comparto dell’albergheria e della ristorazione, peraltro particolarmente colpito dagli effetti della pandemia. Nei mesi tra ottobre e gennaio si assiste usualmente a un aumento delle iscrizioni, soprattutto in questi settori. Sarà importante osservare l’evoluzione delle misure decise a livello federale per valutare l’impatto della possibile ripresa dell’attività turistica sulle assunzioni di personale, in particolare alla vigilia del periodo pasquale».

In ogni caso, nota il direttore della divisione, tutte le attività di sostegno alle persone in cerca di impiego offerte dal servizio pubblico di collocamento sono sempre proseguite e proseguono tuttora nel rispetto dei piani pandemici. «È particolarmente importante continuare a sostenere i disoccupati iscritti, soprattutto in un momento così incerto e delicato. Ricordiamo anche che, con questo intento, sono state introdotte lo scorso anno 120 indennità di disoccupazione supplementari, mentre è attualmente in discussione alle Camere federali la proposta di introdurre ulteriori 66 indennità aggiuntive per cui la decisione finale è attesa il 18 marzo».

Tendenze amare

Chi sono le persone maggiormente colpite dalla crisi economica che inizia a uscire dalla latenza? Una prima risposta la fornisce Ronnie Moretti, capodicastero Socialità di Locarno: «A rivolgersi al nostro ufficio sono lavoratori e famiglie a basso reddito che già precedentemente si trovavano in condizioni di precarietà, così come dipendenti pagati a ore e con piccole percentuali di lavoro, e tanti indipendenti. Per loro le restrizioni delle entrate hanno comportano un immediato disagio economico. Come è logico diversi hanno origine straniera perché spesso sono coloro che percepiscono i redditi più bassi. E tra i più penalizzati si trovano anche molte donne in quanto spesso confrontate con impieghi a tempo parziale».

Dall’osservatorio del proprio dicastero, Moretti evidenzia alcune nuove tendenze. «Per quanto riguarda le richieste di assistenza, nei primi mesi della pandemia c’è stata paradossalmente una diminuzione. In seguito hanno ripreso quota e ora si inizia a percepire un aumento rispetto agli anni precedenti che prevediamo continuerà anche dopo le riaperture». L’ondata è attesa con un certo ritardo dato che tra l’erosione dei posti di lavoro e l’ultima spiaggia dell’assistenza, per chi ne ha diritto c’è il temporaneo salvagente della disoccupazione.

Accanto alle situazioni strutturali nella fase di emergenza sono emersi molti altri casi di disagio che i vari enti sul territorio hanno cercato di tamponare con diversi sostegni puntuali. Si va dalle prestazioni sociali di carattere finanziario elargite dalla Città per problemi economici temporanei, agli assegni familiari integrativi e di prima infanzia, dall’importo di 1'200 franchi destinato ad ogni ditta di Locarno che assume un apprendista, fino a una serie di aiuti prestati da diverse associazioni che hanno preso a carico innumerevoli casi attingendo alle proprie raccolte fondi e alla Catena della solidarietà.

Croce Rossa sommersa

A fianco di Tavolino Magico, Casa Martini, Caritas, SOS Ticino, Soccorso d’inverno e altre organizzazioni, al fronte si trova anche la Croce Rossa di Locarno. «Durante il periodo in cui siamo stati più sollecitati, in corrispondenza della prima ondata, c’erano delle giornate nell’arco delle quali ci arrivava un numero di richieste pari a quelle che normalmente riceviamo in un mese – illustra l’impressionante aumento di domande di aiuto la direttrice sezionale Brunella Pedrazzini –. In seguito c’è stata una diminuzione, ma attualmente riceviamo comunque più richieste rispetto agli anni precedenti e ci aspettiamo un nuovo aumento». A rivolgersi all’associazione sono soprattutto persone che prima del lockdown impiegavano tutto il salario guadagnato per far fronte alle spese correnti, senza riuscire ad accantonare dei risparmi, e che con la diminuzione delle entrate non ce l’hanno più fatta. «Per molti il 20% di stipendio in meno ha significato difficoltà per pagare affitto o cassa malati, che sono stati i due problemi principali. Abbiamo sostenuto molti indipendenti, come parrucchieri, tatuatori, fisioterapisti, massaggiatori. Per loro gli aiuti della Confederazione sono stati esigui. Facendo capo ai fondi della Catena della solidarietà abbiamo potuto elargire importanti contributi finanziari fino a dicembre, mentre adesso interveniamo soprattutto distribuendo buoni acquisto per il supermercato». In tanti sono potuti restare a galla grazie a simili sostegni rientrando dalla situazione di emergenza una volta ripreso il lavoro. Per altri però il problema era già troppo grave a monte o è proseguito col prolungarsi delle chiusure delle attività, come è il caso di molti ristoratori. «L’atteggiamento rispetto alla situazione dipende dal carattere delle persone, ma percepiamo un generale sconforto di fondo, una certa rabbia e ultimamente una grande stanchezza diffusa».

Gettando ponti

«Come dicastero – riprende Moretti – cerchiamo di gestire le situazioni di disagio mettendo in relazione le persone nel bisogno con i servizi a livello regionale e cantonale, e con le associazioni che contribuiamo a coordinare. A questo proposito un punto positivo è il risveglio del volontariato e della collaborazione con i servizi sociali in vari ambiti per rispondere ai bisogni delle persone più vulnerabili. Ci occupiamo inoltre di predisporre, se necessario, degli accompagnamenti specifici, attingendo al regolamento sociale. Ad esempio tra i fenomeni in aumento che stiamo cercando di arginare vi è quello dell’aumento dei casi di indebitamento eccessivo: il Comune sta supportando il progetto Rete budget sostenibile (Rebus), che propone formazioni e consulenze individuali specializzate per chi fatica a far quadrare i conti».

Nelle scorse settimane la Città si è anche preparata a gestire le nuove prestazioni cantonali ponte Covid in vigore dal 1° marzo. Si tratta di aiuti transitori, della durata massima di tre mesi, destinati a persone indipendenti che hanno subito una riduzione del fatturato in seguito alla pandemia o salariate che hanno perso il lavoro, anche in modo parziale, e non possono beneficiare della Legge sull’assicurazione contro la disoccupazione (Ladi) e non percepiscono altre rendite. «È il Comune che si occupa di gestire le pratiche e anticipare i pagamenti».

Locarnese anno zero

In prospettiva futura la preoccupazione degli operatori dei vari servizi è alta. E non solo a livello economico. «Durante l’ultimo anno si è riscontrato un aumento generale del disagio sociale e psicologico, e tra le fasce più colpite ci sono i giovani – mette in luce Moretti –. Le chiusure hanno fatto da catalizzatore per malesseri già esistenti. L’accresciuta tendenza a isolarsi dal mondo degli adulti e le occasioni perse per fare esperienze in comune si stanno pagando in termini di mancate opportunità di socializzare e progredire. Vi sono anche segnalazioni che indicano come l’aumento della violenza domestica riguardi maggiormente i giovani più che gli adulti, manifestandosi in termini di conflittualità intergenerazionale o ad esempio tra fratelli e sorelle. Un tassello fondamentale a cui stiamo lavorando è la creazione di un approccio di prossimità nei diversi comuni dell’agglomerato urbano. Nel frattempo la Città ha tenuto aperto il Centro giovani che è stato molto ben frequentato. Questo dimostra la necessità di uno sfogo attivo».


Tempi bui (Foto Ti-Press)

Altri servizi ad hoc promossi dal dicastero sono stati la consegna della spesa a domicilio soprattutto durante il primo lockdown, e in collaborazione con la polizia di quartiere il contatto periodico con tutte le persone sopra i 75 anni e sole che vengono informate delle prestazioni a disposizione in caso di bisogno. Competenza dei servizi sociali è stata anche la gestione degli appuntamenti per le vaccinazioni delle persone sopra gli 80 anni.

In ottica ripartenza, Moretti conclude con un’osservazione personale, rifacendosi all’importante affluenza di visitatori durante la tregua della scorsa estate: «Trovo interessante che questa situazione abbia messo in risalto che il Locarnese è predisposto ad accogliere turisti anche in assenza di grandi eventi. Non che queste manifestazioni siano di poco conto, ma il turismo per le famiglie è notoriamente quello più fidelizzato».

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved