ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
37 min

Val Calanca: centinaia di persone sempre isolate dal mondo

Nuove informazioni sono attese per oggi, lunedì. Nessuno fortunatamente è rimasto ferito nello scoscendimento che si è verificato domenica mattina.
Ticino
1 ora

Filippini: ‘La polizia unica non è mai stato un tema per noi’

Il coordinatore del gruppo designato dal governo: ‘Il focus sui compiti, per una loro chiara ripartizione fra Cantonale e polcom. Rapporto per fine anno’
Locarnese
3 ore

Gambarogno, i ritocchi ai conti possono attendere

Le finanze del Comune destano preoccupazione, ma le contromisure non saranno per il 2023. Probabile un futuro aumento del moltiplicatore
Mendrisiotto
3 ore

Mendrisiotto, la qualità dell’aria resta osservata speciale

Dopo una settimana pesante è arrivata la pioggia. Nel 2020 registrate quattromila morti premature nelle province pedemontane lombarde
Luganese
3 ore

Lugano, la replica a Lombardi: ‘Coinvolgeteci, ma davvero’

La Commissione di quartiere di Sonvico mette i puntini sulle i, dopo che il municipale si era detto deluso dal presunto inattivismo delle commissioni
Mendrisiotto
10 ore

Brusino Arsizio si prepara all’avvento

Arte, musica, fiaccolata dei bambini e falò augurale caratterizzeranno l’avvicinarsi al Natale
Ticino
11 ore

E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge

Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
11 ore

Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti

Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
Luganese
12 ore

La Croce Rossa del Sottoceneri cerca volontari

La sezione, in occasione della Giornata internazionale del volontariato, ringrazia anche le centinaia di persone che già danno una mano
Luganese
13 ore

I Cantori delle Cime tornano al Lac con il Concerto Corale

Domenica 11 dicembre alle 17 nella sala teatro del Lac sul palco anche Giovanni Storti del trio Aldo Giovanni e Giacomo, Rosy Nervi e Flavio Sala
Luganese
14 ore

Protezione civile Lugano Città, un altro anno in prima linea

Anche nel 2022 i giorni di servizio sono stati largamente di più di quelli del triennio 2018-20, seppur un po’ meno rispetto al 2021
02.03.2021 - 11:20
Aggiornamento: 03.03.2021 - 15:24

Isola dei conigli, è missione anti-invasive

Demanio forestale del Dt e Scuole speciali del Sopraceneri hanno iniziato un intervento di eradicazione totale delle specie alloctone

isola-dei-conigli-e-missione-anti-invasive

Ha preso avvio il 23 febbraio sull’Isolino (Isola dei conigli) delle Isole di Brissago un intervento di eradicazione totale delle specie alloctone invasive. Lo comunica il Dipartimento del territorio (Dt). All’attività, condotta dai selvicoltori del Demanio forestale del Dt, hanno partecipato anche allievi dell’Istituto delle Scuole speciali cantonali del Sopraceneri, a stretto contatto con l’Associazione Isola dei conigli, accompagnati dai loro docenti. Questa operazione di ripristino, la cui prima fase si concluderà venerdì 5 marzo, verrà svolta sull’arco di alcuni anni e mira principalmente a dare continuità alla presenza sull’Isolino della vegetazione tipica delle sponde del Lago Maggiore.

Al progetto, coordinato dal Capo dell’Ufficio della selvicoltura e degli organismi pericolosi, Giorgio Moretti, aderiscono, oltre agli operatori della Sezione forestale del Dt, il Consorzio pulizia delle rive e dello specchio d’acqua del Lago Verbano, l’Associazione Isola dei conigli e la Commissione scientifica per il Giardino botanico del Cantone Ticino.  

Il progetto è fortemente sostenuto dal Dt e rientra nel contesto della valorizzazione delle Isole, e persegue il principio della sostenibilità ambientale e sociale. In quest’ottica, il progetto di eradicazione totale delle specie alloctone invasive consente, da una parte, di operare a costi contenuti e, dall’altra, di coinvolgere gli allievi delle Scuole speciali cantonali del Sopraceneri (Associazione Isola dei conigli) in una nuova attività da svolgere sull’Isolino; un luogo nel quale già operano periodicamente nell’ambito di laboratori pratici mirati, e nella gestione della casa/ostello. Nel caso specifico, nell'ambito dell'orientamento professionale svolto dalle Scuole speciali, un allievo interessato alla professione di selvicoltore ha potuto lavorare a stretto contatto con i professionisti per tutta la durata dell'intervento.  

La vegetazione dell’Isolino

A differenza del Giardino botanico, situato sull’Isola Grande (Isola di San Pancrazio), l’Isola dei conigli ospita sulla propria superficie della vegetazione spontanea. Parte di questa vegetazione è autoctona, mentre che parte è formata da specie alloctone. Nella fattispecie si presume che la maggior parte della vegetazione presente non sia stata messa a dimora dall’uomo ma che sia il risultato della colonizzazione di specie arrivate dalle sponde. Nel corso degli ultimi decenni, l’esigua superficie dell’Isolino non ha impedito ad alcune specie di neofite molto invasive di insediarsi e colonizzare non unicamente le sponde, bensì anche le aree più sopraelevate. Tra queste figurano: l’ailanto, la robinia, degli arbusti come l’eleagno, il cotoneaster, il lauroceraso, come pure la palma di Fortune e, infine, delle liane come la lonicera di Henry.

L’eradicazione totale delle specie alloctone invasive

L’operazione di eradicazione totale delle specie alloctone invasive è volta a preservare la vegetazione indigena già presente sull’Isola dei conigli che altrimenti nel tempo sarebbe sopraffatta dalle specie alloctone invasive medesime. Secondariamente, attraverso la valutazione della presenza di rinnovazione naturale o l’eventuale messa a dimora di ulteriori specie indigene, sarà possibile garantire il ruolo di conservazione di specie poco diffuse in natura.

L’Associazione Isola dei conigli

L’Associazione Isola dei conigli è attiva sull’Isolino da alcuni anni. In questo ambito, agli allievi delle Scuole Speciali Cantonali del Sopraceneri viene offerta la possibilità di svolgere delle attività concrete sul territorio di manutenzione degli spazi naturali. Nel merito del progetto specifico citato, la loro collaborazione è ritenuta indispensabile per continuare a garantire la corretta gestione delle specie invasive allorquando queste ultime si trovano ancora allo stadio di giovani piantine.     

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved