brissago-san-giorgio-strizza-l-occhio-al-drago-asiatico
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Coronavirus in Ticino, 46 contagi e un decesso

Nel bilancio delle ultime 24 ore si contano 7 dimissioni (a fronte di un nuovo ricovero). Le persone in ospedale sono 80
Grigioni
2 ore

Una cinquantina i lupi nei Grigioni, aumentati del doppio

È nel rapporto dell'Ufficio grigionese caccia e la pesca: malgrado l'alta mortalità dei piccoli, la popolazione dei predatori dovrebbe continuare a crescere
Gallery
Bellinzonese
4 ore

Biasca, fiamme in un appartamento: un intossicato

Incendio domato, cause al vaglio della Polizia scientifica. È accaduto ieri poco prima delle 23. Le condizioni della persona non desterebbero preoccupazioni.
Mendrisiotto
19 ore

Chiasso, videosorveglianza regionale come fiore all'occhiello

Sono una sessantina le postazioni che controllano il territorio convenzionato con la Polizia Regione 1. Parola alla capodicastero Sonia Colombo-Regazzoni
ELEZIONI COMUNALI
21 ore

Politica al femminile, per fare la differenza

Tra i candidati al Consiglio comunale dei Comuni del Mendrisiotto le donne rappresentano solo il 31,45%: intervista a due sindache e a una municipale
Mendrisiotto
23 ore

Destino di Valera a Mendrisio, siamo (quasi) al dunque

La bozza del rapporto della Commissione parlamentare è annunciato a 'breve'. L'obiettivo? 'Trovare l'adesione di tutte le forze politiche'
Gallery
Mendrisiotto
1 gior

Liceali di Mendrisio al microfono a caccia di record

Dal 12 al 14 aprile, in occasione dell'autogestione, diretta live su Radio LiMe di ben venticinque ore
Locarnese
1 gior

La nuova tassa sui lampioni non piace

Gambarogno vorrebbe introdurla (minimo 25, massimo 60 franchi annui, per tutti). Ma c'è chi contesta
Bellinzonese
1 gior

In Ticino 74 nuovi contagi e nessun decesso

Nelle ultime 24 ore nel Cantone altri sette ricoveri. In undici hanno potuto lasciare le strutture sanitarie
Bellinzonese
1 gior

Metadone letale per una giovane a Giubiasco

Il piccolo quartiere residenziale di via Sasso Grande s’interroga dopo il decesso di una 22enne
Mendrisiotto
1 gior

A Chiasso giocando a tennis senza l'assillo del Covid-19

Taglio del nastro volto all'inaugurazione dell'impianto di sanificazione del Centro Tennis Club di Seseglio
Ticino
1 gior

Poche le segnalazioni di autotest positivi

Zanini: ‘Non sapremo mai la percentuale di persone che farà il proprio dovere chiamando l'hotline’
Locarnese
26.02.2021 - 06:050
Aggiornamento : 17:27

Brissago, San Giorgio strizza l'occhio al Drago asiatico

Donazione privata di un milione di franchi a sostegno del risanamento di Casa Branca-Baccalà in cambio di uno spazio dedicato al Bhutan

Palazzo Branca Baccalà, il signorile immobile di stile barocco, sicuramente l'edificio più illustre di Brissago, strizza l'occhio al Bhutan, il piccolo stato asiatico distante migliaia di chilometri. Il motivo è subito spiegato: potrebbe presto inglobare, al suo interno, un piccolo locale di pochi metri quadrati a disposizione per eventi, esposizioni e manifestazioni di natura culturale concernenti proprio questo minuscolo regno himalayano, meta ambita di chi pratica il trekking, risparmiato dal turismo di massa. Una scelta che può sembrare, a prima vista, perlomeno strana.

Tante idee su come riempire gli spazi, in attesa del capitale per procedere

Tutto si chiarisce quando si scopre che dietro quest'operazione si cela un'importante donazione, di un milione di franchi, al Comune di confine, da parte di una cittadina residente in Germania. Una signora solita trascorrere periodi di ferie a Brissago, ovviamente innamorata del posto e della sua gente, che ha deciso di regalare, all'ente pubblico locale, questo consistente gruzzolo. In cambio di una vetrina dedicata al Paese del Drago, incuneato tra le montagne tra Cina e India, dallo stile di vita profondamente buddhista e tra i luoghi più felici e incontaminati del pianeta, al quale la donatrice è molto legata.

Per il Municipio, si tratta ovviamente di un regalo graditissimo, che permetterà di concretizzare quei numerosi progetti, elaborati in questi ultimi anni, attorno al palazzo.

Ricordiamo che nel dicembre del 2015 il legislativo ha approvato un credito per la progettazione definitiva della ristrutturazione dell'immobile. Esso prevede, tra le altre cose, l'inserimento al suo interno di un archivio storico, della sala del Consiglio comunale, di una mediateca-ludoteca e di altri spazi riservasti a cerimonie, conferenze, riunioni. Tante idee (ricordiamo, di seguito, quella del Psb di una decorosa sistemazione dell'area circostante, quella del Plr, che suggerisce la creazione di una sala multiuso da destinare a eventi musicali, come pure la recente proposta di alcuni consiglieri comunali d'inserirvi un nido a disposizione delle famiglie) che però richiedono anche investimenti di non poco conto.

Il Piano finanziario del Comune prevede, per questo motivo, una ristrutturazione a tappe del Palazzo Branca-Baccalà che, lo ricordiamo, è considerato un bene culturale protetto d'interesse cantonale.

Una volta confermato l'accordo, si procederà con il credito per il risanamento dello stabile

In questi giorni, intanto, il Municipio ha licenziato all'indirizzo del legislativo il messaggio concernente il contratto di donazione. Va da sè che l'importo in ballo non potrà essere utilizzato per altri scopi che quelli stabiliti nell'accordo con l'interessata. Una volta ottenuto l'avallo del consiglio comunale, l'esecutivo farà allestire il progetto definitivo d'intervento, con la richiesta di credito per il risanamento dell'immobile (i lavori saranno finanziati anche attraverso sussidi cantonali ai sensi della Legge suoi beni culturali) che potrà diventare così una casa della cultura di ampio respiro, con spazi a disposizione per altre realtà che possono incontrarsi e interagire. Esprimendo così a pieno le sue potenzialità
Fiducioso e raggiante il sindaco, Roberto Ponti, da noi interpellato: «Il Palazzo Branca Baccala è una costruzione del 1700 di stile barocco, uno dei più prestigiosi stabili dell’alto Verbano. E stato acquistato dal Comune alla fine degli anni ‘70; in una prima fase all’inizio degli anni ‘90 sono stati riattati la struttura principale e il piano terra dove hanno sede il centro diurno anziani, le sale di rappresentanza del Comune e il Museo dedicato al maestro Ruggero Leoncavallo, cittadino onorario. Ora visto il grande attaccamento della signora alla nostra comunità, con molte probabilità e gioia di tutti i brissaghesi dovremmo riuscire a terminare la ristrutturazione del prezioso stabile situato all’interno del nucleo del piano. Questo ulteriore passo contribuirà sicuramente a ridare vita e splendore al centro storico di Brissago. I nuovi spazi ci permetteranno di ampliare l'offerta culturale e sociale del nostro borgo».

San Giorgio, il patrono del paese, che nello stendardo comunale è raffigurato mentre trafigge un drago con la spada, stavolta dovrà guardarsene bene dal compiere un simile gesto e tenersi la creatura mitico-leggendaria ben stretta, come amica.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved