gordola-del-gioco-delle-bocce-rimane-solo-il-ricordo
Una chiusura dal sapore amaro (Foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
6 ore

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
6 ore

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
6 ore

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
6 ore

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
Mendrisiotto
6 ore

Aggregazione Basso Mendrisiotto, una serata per parlarne

La sezione momò del Ps organizza un evento che avrà luogo a Balerna il 1° giugno, con ospiti i vicesindaci di Chiasso e Vacallo
Luganese
6 ore

Taverne: liberato un capriolo dalla vasca di contenimento

L’animale è stato soccorso dai guardiacaccia e dalla Società di protezione animali di Bellinzona, dileguandosi nel bosco
Luganese
6 ore

Lugano, estate in arrivo: che sicurezza alla Foce?

Un’interrogazione socialista domanda al Municipio cosa è stato messo in campo per la stagione balneare alle porte
Luganese
7 ore

Lugano, per il Municipio con la Gipi Sa tutto in regola

L’esecutivo sottolinea di non essere a conoscenza di criticità riguardo all’operato e agli immobili in mano alla Gestioni Immobiliari per Istituzionali
Mendrisiotto
7 ore

Riva San Vitale, serata pubblica sulle Fornaci

L’evento si terrà l’8 giugno. Inoltre, nel Palazzo comunale è stata posata un’opera evocativa dell’artista Pierino Sulmoni
Luganese
7 ore

Francesco Hoch ricevuto a Savosa

Il Municipio ha organizzato nei giorni scorsi un ricevimento per il compositore di fama internazionale
Luganese
7 ore

Lugano, spettacolo delle Forze aeree svizzere

Il gruppo acrobatico PC-7 Team inscenerà delle dimostrazioni di volo sopra all’aerodromo di Agno
Luganese
8 ore

Filarmonica di Castagnola in concerto

Domenica 19 giugno al Lac il secondo concerto per gli ottant’anni del sodalizio, rinviato più volte a causa della pandemia
Locarnese
9 ore

Ascona, incontro con Luca Pfaff

Il direttore d’orchestra sarà ospite della Biblioteca popolare mercoledì prossimo. Presenterà il suo libro
Bellinzonese
10 ore

‘Atteggiamento mafioso’, Pronzini querelato dal Municipio

Bellinzona: il consigliere Mps indagato per diffamazione, calunnia e ingiuria. All’origine un suo intervento in Cc sulla casa anziani di Sementina
Locarnese
10 ore

Maggia, l’ultima casalinga della squadra di calcio

Sabato in occasione della sfida col Cadenazzo grigliata e musica al termine del match. Su schermo gigante la finale di Champions
Ticino
10 ore

Maggio va agli archivi, ma non... i controlli della velocità

Da Airolo a Ligornetto, attenzione a non premere troppo sull’acceleratore sulle strade ticinesi: ce n’è per tutti
laR
 
24.02.2021 - 06:00
Aggiornamento : 18:38

Gordola, del gioco delle bocce rimane solo il ricordo

Dopo 40 anni d'attività, il bocciodromo Le Gaggiole non c'è più. Con lui viene a mancare un significativo luogo d'incontro e aggregazione

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

È calato il silenzio nello storico bocciodromo Le Gaggiole di Gordola. Dei suoi quarant’anni di attività non resteranno che i ricordi dei tanti che lo hanno frequentato, chi per competizioni a vari livelli, chi per partite tra amici, chi semplicemente per trascorrere del tempo in compagnia. La chiusura della struttura è stata disposta dagli attuali proprietari del sedime che verosimilmente hanno altri piani per l’area. La decisione è solo l’ultima in ordine di tempo a inserirsi in una tendenza che negli anni recenti ha portato alla demolizione di diversi viali di bocce in quanto considerati poco redditizi.

La storia del bocciodromo Le Gaggiole ha inizio alla fine anni 70 grazie alla passione dei soci fondatori della Società Bocciofila Verzaschese che, desiderosi di creare una sede per le proprie attività, hanno trovato la disponibilità dell’allora proprietario del terreno di Gordola su cui poi l’edificio ha visto la luce. «Erano i tempi in cui il mondo delle bocce conosceva uno sviluppo importante. C’erano tantissimi bocciodromi presso i grotti e le varie osterie della regione, ma la Società sentiva il bisogno di creare un’infrastruttura chiusa, con due viali, che potesse garantire il gioco anche nei mesi più freddi». A raccontare di quel periodo d’oro è Gianni Gnesa, presidente della Società bocciofila Verzaschese da un anno, ma giocatore fin da quando era bambino, nonché in passato membro e cassiere della Federazione ticinese di bocce e di quella di Locarno. «C’era un gran movimento intorno a questo luogo, spesso si dovevano attendere ore per fare la prima partita».

Un pezzo di vita insieme, e non potersi salutare

L’intenzione della Società è stata fin dai suoi esordi quella di divulgare il gioco delle bocce sia come sport competitivo che come semplice passatempo. In particolar modo la dimensione aggregativa è una caratteristica che il presidente mette in evidenza con orgoglio. «Il nostro bocciodromo è stato qualcosa in più di una infrastruttura sportiva. Grazie all’ottima gestione di Fausta Molteni, si è sempre presentato come un luogo d’incontro e di socializzazione, conosciuto da tutti gli appassionati del cantone. I frequentatori ne apprezzavano l’ambiente caloroso, tradizionale e semplice. E l’allegria, anche durante le molte feste». Saranno dunque in tanti a rimpiangerlo, dalla trentina di tesserati, ai gruppi di svizzero tedeschi che regolarmente si recavano a Gordola per trascorrervi il pomeriggio a giocare, fino agli anziani patiti delle carte e chi di passaggio si fermava per fare quattro chiacchiere.

«Quello che fa più male – spiega Gnesa – è che tutto sia finito di colpo durante la pandemia, senza la possibilità di ritrovarci un’ultima volta a festeggiare la nostra presenza in questo luogo durante tanti anni. Anche se aprissimo una nuova sede, non sarebbe lo stesso». A questo proposito la Società si sta adoperando per trovare una soluzione che permetta di continuare le proprie attività. «Non è facile, perché le nostre risorse finanziarie sono molto limitate e quindi senza l’aiuto di un ente pubblico o di privati che hanno a cuore questo movimento è molto difficile realizzare qualcosa. Allo stato attuale abbiamo instaurato dei contatti per trovare un luogo nel Locarnese dove poter edificare una struttura con almeno due viali coperti che possa garantire il gioco delle bocce 365 giorni all’anno».

La voglia di andare avanti rimane intatta

Come detto, a rimanere senza tetto non è stata unicamente la Società Verzaschese. «Ci sono altre realtà in difficoltà, penso alla Società Stella di Locarno, la più importante a livello di giocatori attivi nelle competizioni, che si è trovata anch’essa senza più una struttura e che provvisoriamente sta usufruendo del bocciodromo di Solduno che però è scoperto». Oggi, nel Locarnese, gli unici bocciodromi al chiuso sono quello di Losone e quello di Brissago, entrambi con un viale, mentre in Vallemaggia si trova quello di Cavergno, l’unico con due viali coperti, che però risulta piuttosto discosto per le società legate al centro urbano di Locarno. «Una nuova struttura è indispensabile», commenta il presidente.

Ma qual è lo stato di salute del movimento bocciofilo alle nostre latitudini? «Negli anni c’è stata una riduzione dell’attività a livello cantonale e regionale e l’abbiamo subita anche noi come Società, ma sono ancora molti i soci attivi e gli appassionati che si trovano regolarmente a giocare a bocce. È anche vero che è in corso un innalzamento dell’età media». Un andamento che si sta cercando di modificare. «La Federazione ticinese di bocce come pure le varie società cantonali si stanno impegnando a promuovere l’attività a livello di movimento giovanile, ad esempio proponendo scuole di bocce durante i periodi estivi e facendo informazione. La vasta scelta attuale di sport per i giovani ha effettivamente messo il gioco delle bocce in una situazione concorrenziale e non privilegiata rispetto ad altre attività, ma non possiamo dire che manchi l’interesse. Proprio dal bocciodromo delle Gaggiole sono usciti dei giovani che oggi siedono nei quadri a livello nazionale, quindi il loro talento consolida il valore di questo gioco e può fungere da esempio per tanti ragazzi. Che sia un’attività rivolta solo agli anziani è un mito da sfatare». La situazione non è facile, ma le forze in campo per cercare di salvaguardare questa tradizione non mancano. «Sono convinto possa rimanere uno sport come tanti altri in grado di appassionare tutte le fasce d’età. E che avrà ancora da dire la sua nei prossimi anni».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bocciodromo chiusura gaggiole gianni gnesa
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved