ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
7 ore

Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo

Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
7 ore

Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna

Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
9 ore

Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta

Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Ticino
10 ore

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’
Grigioni
10 ore

A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann

In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Ticino
10 ore

Siamo il quinto cantone col maggior aumento di fallimenti

È il dato registrato da un’analisi della società Crif: +64,3 per cento nel terzo trimestre del 2022 rispetto all’anno precedente
Luganese
10 ore

Cinque anni di Sambì, ad Arogno un evento di festa

Sabato 8 ottobre verrà presentato il nuovo assetto societario, con aperitivo e castagnata offerti, all’Azienda agricola Bianchi
Locarnese
10 ore

Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’

Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
11 ore

Dialogo su repressione, diritto alla difesa e carcere

L’8 ottobre alle 16.15 al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona si terrà un dibattito partendo dalla pubblicazione de ‘La cella dell’avvocato’ di Gabriele Fuga
Grigioni
11 ore

Covid, campagna di vaccinazione al via anche nel Moesano

Dall’11 ottobre sarà possibile farsi fare l’iniezione negli studi medici di Dieter Suter a Grono e di Chebaro Jihad a Mesocco
Ticino
11 ore

Il Festival dell’educazione pronto a parlare di emozioni

L’evento torna dopo la pausa forzata dovuta alla pandemia. Si parte venerdì sera con uno spettacolo al Teatro Sociale di Bellinzona
Bellinzonese
11 ore

Dai ruderi è nato un auditorium: inaugurazione a Biasca

Ultimati i lavori della struttura concertistica e per eventi culturali che potenzia l’offerta dell’attigua Casa Cavalier Pellanda
Luganese
12 ore

Una app per il Comune di Vezia

Il nuovo strumento digitale, assieme al rinnovato sito, permetterà una miglior comunicazione con la cittadinanza e informazioni più immediate
18.02.2021 - 06:00
Aggiornamento: 11:25

Mappo-via Simen, i chiaroscuri della ciclopista

I rilevamenti di Cantone e Comune indicano che il tracciato piace sempre di più. Piace meno l'aspetto sicurezza. Tommasini: ”Necessario intervenire”

mappo-via-simen-i-chiaroscuri-della-ciclopista
Il bivio su via alla Riva

Le strategie per una migliore convivenza fra pedoni e ciclisti veloci su via alla Riva a Minusio stanno dando buoni risultati: la ciclopista realizzata dal Cantone, che da Mappo risale la bretella di collegamento alla A13, fino a via Rinaldo Simen, fra il mese di maggio del 2020 e fine gennaio 2021 è stata utilizzata da circa un quarto dei ciclisti che altrimenti sarebbero transitati su via alla Riva. In cifre, durante quegli 8 mesi hanno scelto il tragitto veloce in media circa 400 ciclisti al giorno (si suppone nelle due direzioni). Per altro, stando agli ultimissimi rilevamenti effettuati dal Comune (dal 9 al 16 febbraio) la percentuale dei ciclisti diretti da Tenero a Locarno che ha scelto la ciclopista è cresciuta ulteriormente, e di parecchio: lo si desume dalla differenza dei transiti in due punti di rilevamento: nel primo (ristorante L'Approdo, prima dell'imbocco della ciclopista) sono stati “catturati” 1'463 ciclisti, mentre nel secondo (Villa Colomba, dopo l'imbocco della ciclopista) 822. Il calcolo è subito fatto: sul totale dei ciclisti diretti a Locarno, 641 sono saliti sul tracciato veloce. Quindi, quasi il 44%. Tiziano Tommasini, capodicastero Sicurezza a Minusio, giudica positivamente questo ultimo dato e considera che «trattandosi febbraio di un mese “tranquillo”, bisognerà vedere se la proporzione reggerà anche più avanti. Per saperlo, continueremo a monitorare a scadenza quindicinale».

Ma il lungolago continua a piacere

In precedenza, rilevamenti erano stati effettuati dal Comune, in più punti, a partire dalla tarda primavera del 2020 e fino alla fine dell'anno. Ne risultavano cifre piuttosto impressionanti sul numero di ciclisti che utilizzano via alla Riva (più comunemente detta Rivapiana). Al Portigon, nella sola direzione di Locarno, ad esempio, da metà maggio 2020 a metà giugno erano transitate ben 13mila 484 biciclette, ad una velocità media di 16,4 km/h ed una punta massima di 52 km/h. A beneficio delle statistiche, il giorno con più passaggi è il lunedì (3'080 al giorno in media). Nell'altro senso di marcia (verso Tenero) da metà maggio al 2 giugno i passaggi erano stati 8'089, con la stessa velocità media, una punta di 43 km/h e l'indicazione secondo cui il giorno di maggior transito medio è il giovedì (circa 2'000 passaggi al giorno). Un doppio rilevamento era poi stato effettuato a luglio all'altezza del Giardino Lago (ex Navegna): dal 14 al 25 in direzione di Locarno erano transitate 8'565 bici, mentre dal 3 al 14, in direzione di Tenero, erano stati censiti 12mila 599 transiti.

Per quanto riguarda l'autunno, continuiamo a parlare di cifre ragguardevoli: circa 7'000 transiti fra il 15 e il 24 settembre (altezza Cà di Ferro) in direzione di Locarno; e quasi 12mila transiti dal 10 novembre al 1. dicembre (altezza Villa San Quirico) ma con una velocità media decisamente preoccupante – 28 km/h – se consideriamo che la zona è primariamente pedonale. Infine, abbiamo le cifre dei transiti rilevati all'imbocco della nuova pista ciclabile da via Simen, limitatamente all'ultima settimana di novembre: in direzione di Locarno vi sono stati 535 passaggi e in direzione di Tenero 779. Pertanto, in 6 giorni i ciclisti che hanno scelto la nuova ciclopista sono stati 1'314.

In attesa degli interventi su via Rinaldo Simen

Cifre e statistiche che Tommasini considera «emblematiche del gradimento della nuova ciclopista, alla quale si accompagna la nuova cartellonistica a Mappo e altre misure di moderazione fino all'ex Navegna». Tuttavia, rileva Tommasini, «il discorso riguardante l'effetto della ciclopista sui transiti lungo via alla Riva rimane condizionato dagli interventi che dovranno essere effettuati su via Rinaldo Simen. Da una parte abbiamo i lavori sui due ponti, per i quali il Comune è attualmente in fase di progettazione; dall'altra, c'è il grande tema dell'arredo e della moderazione, che continua ad essere bloccato da ricorsi attualmente al Tribunale amministrativo. È noto che l'obiettivo del Comune è migliorare la sicurezza e la percorribilità anche in bicicletta di tutta via Rinaldo Simen. Questo, in primo luogo a beneficio dei ragazzi che vanno e vengono dalle Medie della Vignascia».

Ma ciò che maggiormente preoccupa Tommasini e il suo Municipio non è tanto via Simen e la sua necessaria sistemazione, quanto la soluzione adottata dal Cantone per la nuova ciclopista Mappo-via Simen: «Abbiamo molto apprezzato l'investimento sul raccordo, che in effetti, come detto, alleggerisce non poco via alla Riva e mette ordine nel transito di bici lente e veloci e nella convivenza con i pedoni. Tuttavia, la mancanza di una separazione fisica fra la ciclopista e la corsia auto in direzione della A13 desta una certa apprensione. La sistemazione attuale è chiaramente provvisoria. Ci aspettiamo che il Cantone intervenga quanto prima per mettere le cose definitivamente a posto».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved