gambarogno-treni-e-sicurezza-c-e-un-piano-d-azione
I convogli attraversano i nuclei residenziali (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
5 ore

Nell’ex Arsenale di Biasca un maxi deposito d’arte

Il Municipio conferma le valutazioni fatte con gli specialisti e chiede al Cc il credito di progettazione per un Centro di competenza pubblico-privato
Grigioni
7 ore

Ferme alcuni giorni le due teleferiche della Calanca

Lavori di manutenzione a inizio luglio per gli impianti Selma-Landarenca e Arvigo-Braggio
Mendrisiotto
7 ore

Un Centro di competenze per reagire ai cambiamenti climatici

La Supsi dà vita a una unità di lavoro che farà leva sulle conoscenze della Scuola e l’intesa con enti pubblici e privati
Bellinzonese
7 ore

Serata mondana per la classe 1962 di Bellinzona

Il 15 giugno alla capanna dei canoisti si mangia, si beve e si danza
Luganese
7 ore

‘Troppi indizi’, due rapinatori condannati alle Criminali

Gli imputati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere sul tentato colpo alla Raiffeisen di Monteggio del 2016 e sulla rapina a un distributore
Grigioni
8 ore

Altri tagli alla casa anziani Mater Christi di Grono

Personale: dopo i 5 del gennaio 2021, se ne aggiungono ora 4 e mezzo. I letti occupati rimangono 35 su 50. Parla il nuovo presidente Mantovani
Mendrisiotto
8 ore

Mountain bike sul San Giorgio? Stan e Pro Natura pedalano contro

Le due associazioni hanno deciso di ricorrere contro l’autorizzazione municipale alla trasformazione di 36 km di sentieri in piste per Mtb
Luganese
9 ore

Rissa in centro Lugano, 22enne autore e vittima: condannato

Il giovane, accoltellato da un coetaneo tre anni fa, ha chiesto l’assoluzione. La Corte ha confermato il decreto d’accusa, pur dimezzando la pena
Bellinzonese
10 ore

Tassa rifiuti più salata a Bellinzona: ‘La legge è legge’

Il Municipio risponde alle critiche della Lega che in un’interpellanza chiedeva se fosse il momento giusto per applicare il balzello
Bellinzonese
10 ore

In colonna di buon mattino per il ponte dell’Ascensione

Ancora prima di mezzogiorno la colonna al portale nord della galleria del San Gottardo ha toccato i 9 km. Controesodo da domenica pomeriggio
laR
 
12.02.2021 - 06:00
Aggiornamento : 15:10

Gambarogno, treni e sicurezza: c’è un piano d'azione

Dal 2023 lavori per evitare franamenti sulla linea ferroviaria. Spesa prevista: sette milioni di franchi

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

La frana di Maccagno, scesa lo scorso 31 gennaio, ha messo nuovamente in evidenza la fragilità della montagna sulla sponda sinistra del Lago Maggiore. Da oltre confine sono partiti appelli per la messa in sicurezza della linea ferroviaria, sulla quale viaggiano i treni merci di AlpTransit: convogli che trasportano anche merci pericolose verso e da il terminale di Gallarate-Busto Arsizio.

Preoccupazioni condivise dal Comune di Gambarogno, dove la strada ferrata attraversa le aree abitate. «Comprendiamo le proteste dei nostri vicini e siamo solidali con loro – afferma il sindaco Tiziano Ponti –. Il tema tocca anche la nostra regione. La questione della sicurezza, assieme a quelle relative ai rumori, alle vibrazioni e all'inquinamento elettromagnetico, è stata sollevata dal nostro Comune già al momento della richiesta della licenza per il potenziamento del servizio. Dopo tanta insistenza, l'Ufficio federale dei trasporti ha allestito un rapporto e sono stati eseguiti alcuni interventi puntuali: a San Nazzaro, ad esempio, sono state adottate delle misure per scongiurare inquinamenti e riversamento di sostanze pericolose in un riale in caso d'incidente. Le opere urgenti sono state realizzate».

Ma resta molto altro da fare: «Abbiamo sempre ribadito che la morfologia del nostro territorio è particolare e, come dimostrano vari eventi del passato, possono verificarsi frane o scoscendimenti anche sulla linea ferroviaria – prosegue Ponti –. Quindi con il rischio d'incidenti e, nella peggiore delle ipotesi, disastri. Nel rilascio della licenza edilizia era quindi stato posto un vincolo: le Ffs hanno dovuto far eseguire uno studio su tutto il nostro territorio per identificare i punti più delicate». Lo studio è stato portato a termine, in coordinamento con il Cantone e il Comune per quanto riguarda il catasto delle zone pericolose, e ha evidenziato la necessita di eseguire una serie d'interventi, per un investimento complessivo di oltre sette milioni di franchi. Dopo la fase di affinamento, che è in corso, nel 2023 dovrebbero iniziare i lavori di messa in sicurezza. «Per noi è già un passo avanti. Fermo restando che, a nostro avviso il Gambarogno meriterebbe ben altro. Penso in particolare alla messa in galleria dei binari per i treni merci, che eliminerebbe i pericoli nelle aree abitate. Un discorso che dobbiamo portare avanti, anche se l'arco temporale è ampio. Magari nel 2050...».

I timori manifestati oltre confine per un disastro ambientale nel caso una frana dovesse investire un treno merci con vagoni-cisterna colmi di sostanze chimiche è condiviso in toto in Gambarogno. I veleni non rispettano i confini di Stato e il caso della contaminazione da Ddt del Verbano ne è una prova. «Il lago è uno solo e pure l'aria è la medesima. Per questo condividiamo le preoccupazioni dei nostri vicini. C'è poi il discorso dell'infrastruttura: in Svizzera i treni sono controllati durante il loro viaggio con diversi “check-point” che misurano ad esempio la stabilità del carico o la temperatura dei freni. Per i convogli verso sud, l'ultimo è a Cadenazzo e se vengono rilevati problemi tecnici il convoglio viene fermato. Ma per i merci che viaggiano nella direzione opposta, dopo i controlli alla partenza di Gallarate cosa succede? Mi risulta che qualche tempo fa l'impianto di Luino fosse fuori servizio. Sarei felice se qualcuno mi desse delle garanzie sull’affidabilità di questi sistemi oltre confine».

Leggi anche:

Luinese: ‘La montagna si sbriciola, bloccate AlpTransit’

Luinese, nuovo appello per mettere in sicurezza Alptransit

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gambarogno linea ferroviaria sicurezza
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved