ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
8 ore

Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’

Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
9 ore

Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’

Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
11 ore

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
11 ore

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
Ticino
11 ore

Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà

Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
11 ore

Marco Valli cittadino onorario di Comano

La proclamazione con il voto unanime del Consiglio comunale per il suo impegno: 40 anni dedicati alla collettività
Luganese
12 ore

Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole

Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
12 ore

Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps

A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Locarnese
13 ore

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
Ticino
14 ore

Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’

Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Mendrisiotto
14 ore

Chiasso, l’English Film Club torna con quattro pellicole

La nuova stagione debutta il 6 ottobre al Cinema Excelsior. Cambia il giorno delle proiezioni, previste il giovedì alle 18.15
Luganese
14 ore

Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace

Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
15 ore

Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio

I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
16 ore

Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio

Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
Grigioni
18 ore

San Vittore, 2 votanti su 3 approvano il credito per la scuola

Passa alle urne l’investimento di 7,1 milioni. A Mesocco ratificata la pianificazione di Pian Doss. A Poschiavo confermato podestà Giovanni Jochum
Luganese
1 gior

Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni

L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
1 gior

Origlio, l’avventura di un negozietto di paese

Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
1 gior

Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’

Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
01.02.2021 - 19:48
Aggiornamento: 02.02.2021 - 08:01

Locarno, a processo con l’accusa di stupro su una 70enne

La difesa si è battuta per l’assoluzione: ‘Falsa denuncia forse per soldi’. L'accusa chiede 4 anni e 9 mesi e l‘espulsione per il cittadino marocchino

locarno-a-processo-con-l-accusa-di-stupro-su-una-70enne
(Foto Ti-Press)

È un ritorno in aula per il 34enne di nazionalità marocchina accusato di violenza carnale e molestie sessuali su una donna 70enne – persona fisicamente debilitata – a cui faceva da autista in qualità di volontario sia per l’organizzazione che l‘assisteva, sia su chiamata per esigenze private. L‘accusa mossa nei suoi confronti è di avere violentato la donna in un’occasione, verificatasi nel 2019, dopo essere entrato in casa sua sfruttando il contatto che si era venuto a creare nell’ambito dei precedenti trasporti. 

Nell’agosto scorso l’uomo si era già trovato davanti alla Corte delle assise criminali di Locarno in Lugano, allora presieduta da Mauro Ermani. In quella circostanza, durante la fase dibattimentale, il giudice aveva però deciso di rimandare l’incarto al Ministero pubblico per ulteriori accertamenti. A distanza di cinque mesi ecco dunque l’uomo ricomparire nella stessa sede per il processo indiziario a suo carico svolto a porte chiuse. A presiedere la Corte, stavolta, il giudice Marco Villa, con i giudici a latere Aurelio Facchi e Monica Sartori-Lombardi. 

Il 34enne, assistito dall’avvocata Sandra Xavier, ha contestato sia i fatti che le imputazioni. Durante la fase dibattimentale il giudice Marco Villa lo ha interrogato, ripercorrendo la sua versione degli eventi per valutarne la coerenza e stabilirne la veridicità. L’imputato ha dichiarato di aver consumato tre rapporti sessuali completi con la donna e uno a metà, sempre su iniziativa di lei e con il suo pieno consenso. Atti sessuali che, stando alla versione dell’uomo, sono avvenuti dopo espliciti inviti a casa da parte della donna – con cui si era instaurata una relazione di amicizia – e a cui egli stesso avrebbe messo fine nonostante altri approcci da lei tentati.

Le richieste dell’accusa pubblica e privata

In fase requisitoria il procuratore pubblico Roberto Ruggeri ha ripercorso la difficile vita della donna e i suoi problemi di salute. Ha poi definito quelle dell’imputato «dichiarazioni strategiche e strumentali, un cocktail di ‘non ricordo’ e incoerenze». In seguito si è soffermato anche sulle incoerenze e le contraddizioni evidenti nelle versioni rilasciate dalla presunta vittima, riconducendole allo stress e alla sofferenza emotiva di una persona oggetto di violenza. Secondo il procuratore pubblico, l’imputato ha cercato di ricostruire e adattare una propria realtà che cozza con le condizioni di salute della donna (affetta da una malattia degenerativa che provoca limitazioni alla deambulazione, oltre che da altre patologie). «Non è una ‘femme fatale’, ma una vittima che chiede solo di essere creduta – ha detto Ruggeri –. Oltretutto non aveva nessuna ragione di denunciare falsamente l’imputato».

Ruggeri, definendolo l’accusato un predatore sessuale che ha tradito la fiducia di una persona della quale si doveva occupare, ha chiesto 4 anni e 9 mesi di carcere da scontare, dedotto il periodo di reclusione già sofferto (l’uomo si trova in prigione dallo scorso febbraio), più l’espulsione dalla Svizzera per 10 anni.

Presa la parola, il patrocinatore dell’accustrice privata, Marco Masoni, ha pure lui sottolineato come l’imputato si sia approfittato di una donna sola e vulnerabile. A titolo di risarcimento per torto morale ha avanzato la richiesta di 15’000 franchi.

L’arringa pronunciata dalla difesa

Di tutt’altro avviso la difesa che ha chiesto la completa assoluzione del 34enne. Sandra Xavier ha iniziato la sua arringa sostenendo la fragilità della tesi del procuratore pubblico. I risultati degli accertamenti richiesti ad agosto – ha detto – non hanno minimamente intaccato le argomentazioni difensive, anzi hanno screditato quelle accusatorie. In primo luogo, «i problemi fisici della donna non le precludevano la possibilità di compiere le azioni raccontate dall’imputato». Passando in rassegna in modo dettagliato le diverse audizioni, l’avvocata si è in seguito soffermata su svariate dichiarazioni della donna mettendo in luce le incoerenze, i cambiamenti di versione e le inverosimiglianze: «La signora ha mentito a più riprese – ha cercato di dimostrare Xavier –. Inoltre non esistono riscontri su tutto quanto da lei detto, al contrario di quelli che attestano l’attendibilità di ciò che ha sempre sostenuto il mio assistito». Ha poi evidenziato la confusione generale nei racconti della donna e in particolar modo nel situare l’episodio del presunto stupro – prima a luglio, poi a ottobre 2019 (la denuncia è avvenuta nel febbraio 2020) –, così come i comportamenti difficili da ricondurre a una vittima di abusi sessuali – far nuovamente entrare in casa l’imputato di cui non ha mai detto di aver avuto paura e andare a bere il caffè con lui al bar –, e altre reazioni ritenute spiazzanti. Le comprovate difficoltà economiche della donna, ha sostenuto la difesa, potrebbero essere alla base della falsa denuncia e della conseguente pretesa di risarcimento economico.

La sentenza della Corte è prevista nella giornata di martedì.

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved