chiappini-modi-e-il-balletto-dei-falsi-d-arte
Ti-Press
Rudy Chiappini
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Alpe Cedullo, giornata di pulizia dei pascoli

Organizzata dal Gruppo di lavoro dei Patriziati del Gambarogno e dalla Società cacciatori Locarnese e Valli
gallery
Mendrisiotto
2 ore

Furgone prende fuoco a Rancate

Il veicolo si trovava sul piazzale di una carrozzeria. Le fiamme hanno intaccato anche un’auto posteggiata a lato.
Ticino
3 ore

Dopo qualche ora di tregua tornano le code al San Gottardo

In occasione del fine settimana dell’Ascensione anche le Ffs non escludono difficoltà per i viaggiatori
Bellinzonese
17 ore

Nell’ex Arsenale di Biasca un maxi deposito d’arte

Il Municipio conferma le valutazioni fatte con gli specialisti e chiede al Cc il credito di progettazione per un Centro di competenza pubblico-privato
Grigioni
19 ore

Ferme alcuni giorni le due teleferiche della Calanca

Lavori di manutenzione a inizio luglio per gli impianti Selma-Landarenca e Arvigo-Braggio
Mendrisiotto
19 ore

Un Centro di competenze per reagire ai cambiamenti climatici

La Supsi dà vita a una unità di lavoro che farà leva sulle conoscenze della Scuola e l’intesa con enti pubblici e privati
Bellinzonese
19 ore

Serata mondana per la classe 1962 di Bellinzona

Il 15 giugno alla capanna dei canoisti si mangia, si beve e si danza
Luganese
19 ore

‘Troppi indizi’, due rapinatori condannati alle Criminali

Gli imputati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere sul tentato colpo alla Raiffeisen di Monteggio del 2016 e sulla rapina a un distributore
Grigioni
19 ore

Altri tagli alla casa anziani Mater Christi di Grono

Personale: dopo i 5 del gennaio 2021, se ne aggiungono ora 4 e mezzo. I letti occupati rimangono 35 su 50. Parla il nuovo presidente Mantovani
Mendrisiotto
19 ore

Mountain bike sul San Giorgio? Stan e Pro Natura pedalano contro

Le due associazioni hanno deciso di ricorrere contro l’autorizzazione municipale alla trasformazione di 36 km di sentieri in piste per Mtb
Luganese
20 ore

Rissa in centro Lugano, 22enne autore e vittima: condannato

Il giovane, accoltellato da un coetaneo tre anni fa, ha chiesto l’assoluzione. La Corte ha confermato il decreto d’accusa, pur dimezzando la pena
Bellinzonese
21 ore

Tassa rifiuti più salata a Bellinzona: ‘La legge è legge’

Il Municipio risponde alle critiche della Lega che in un’interpellanza chiedeva se fosse il momento giusto per applicare il balzello
Bellinzonese
22 ore

In colonna di buon mattino per il ponte dell’Ascensione

Ancora prima di mezzogiorno la colonna al portale nord della galleria del San Gottardo ha toccato i 9 km. Controesodo da domenica pomeriggio
Luganese
22 ore

Carona, si rovescia con la ruspa e finisce in una scarpata

Il 45enne alla guida del mezzo ha riportato ferite serie. Non sono chiare le cause dell’incidente.
Bellinzonese
23 ore

Due appuntamenti con l’Atte Leventina

Tombola ad Ambrì e ballo liscio a Pollegio
Bellinzonese
1 gior

Utoe Bellinzona in assemblea

Sabato 28 maggio nella sala del Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Officine Ffs a Castione: da Amica opposizione cautelativa

Le obiezioni dell’Associazione per il miglioramento ambientale. Contrari Municipio di Losone, Mancini&Marti, Pro Natura, Wwf, Ficedula e Unione contadini
Ticino
1 gior

Coronavirus, calano contagi e ospedalizzati in Ticino

Segnalati 50 nuovi casi nelle ultime 24 ore e 37 persone ricoverate. Era da novembre che non si registravano dati così bassi
Ticino
1 gior

Che cosa ci dice il lavoro? Risponde Marazzi

La lectio magistralis dell’economista Supsi è un’occasione per fare il punto con lui su senso e cambiamenti della realtà locale e globale
Mendrisiotto
1 gior

‘Mettiamo un tetto alle auto sulle strade trafficate’

L’Ata dice ‘no’ a PoLuMe e corsia per i Tir e rilancia proponendo di trasferire i pendolari sul trasporto pubblico. Come si è fatto con i camion
Luganese
1 gior

Archibugieri ticinesi agli onori in Italia

Importanti risultati anche per i ticinesi Denys Gianora di Pregassona e Giordano Rossi di Brusino Arsizio
Mendrisiotto
1 gior

Il Camping Monte Generoso di Melano amico dei cani

Riconosciuto come ‘the best campsite for your dog’ di tutta la Svizzera da parte dell’Acsi, il maggior specialista europeo dei campeggi
Bellinzonese
1 gior

Depurazione a Giubiasco, nel Ticino acqua sei volte più pulita

È il risultato del nuovo sistema di filtrazione attivo da otto mesi presso l’impianto dell’Azienda multiservizi Bellinzona
Mendrisiotto
1 gior

Presenza insolita fuori scuola ad Arzo: ‘Situazione monitorata’

Istituto e Polizia sono al corrente e restano vigili. Aperto dialogo con gli alunni. L’invito è a non creare allarmismo
Ticino
1 gior

Torna la Giornata mondiale senza tabacco, #maforselosaigià

Lo slogan della campagna vuol stuzzicare l’attenzione del pubblico e farlo riflettere sui molteplici danni che l’industria del tabacco arreca all’ambiente
Mendrisiotto
1 gior

Balerna festeggia il suo concittadino Mattia (Crus) Croci-Torti

Incontro con la popolazione giovedì 2 giugno alle 18.30 per celebrare il successo di Coppa dell’allenatore del Lugano
Luganese
1 gior

Corsi di italiano per stranieri: iscrizioni aperte a Lugano

Li organizza nell’ambito delle proprie attività in favore dell’integrazione l’Associazione Il Centro
Locarnese
1 gior

Pestaggio in rotonda, ‘tentato omicidio intenzionale’

Promossa l’accusa per i due fratelli, in carcere da cinque mesi, che lo scorso dicembre a Locarno picchiarono un 18enne
Luganese
1 gior

I modi di dire: origini, significati e curiosità

Incontro alla Biblioteca cantonale di Lugano con il linguista Ottavio Lurati e Luca Saltini
Ticino
1 gior

Riduzione tasso di conversione Ipct, ‘mobiliteremo il personale’

Il passaggio dal 6,3 al 5 comunicato dalla Cassa pensioni cantonale non piace affatto al sindacato Vpod, che annuncia battaglia
laR
 
30.01.2021 - 06:00

Chiappini, Modì e il balletto dei falsi d'arte

L'inchiesta di Falò sullo scandalo della grande mostra di Genova. La replica: “Esposte solo opere con una precisa storia a livello di pubblicazioni”

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Accreditare come vere delle opere sul mercato d'arte internazionale, sapendo, o dovendo presumere, che sono dei falsi. L'obiettivo finale: commercializzarle, e se possibile monetizzare.

È la trama che emerge dall'inchiesta di Gianni Gaggini che Falò, sulla Rsi, ha mandato in onda giovedì sera. Protagonista principale è Rudy Chiappini, già direttore del Museo d'arte moderna di Lugano e dei Servizi culturali della Città di Locarno, ma oggi imputato (assente) al processo attualmente in corso a Genova per la grande mostra di Modigliani allestita nel marzo del 2017 a Palazzo Ducale di Genova. Chiappini vi figurava con il ruolo chiave di curatore prima e membro del comitato direttivo poi. Lo aveva chiamato MondoMostre Skira, colosso del mondo dell'arte che con Chiappini lavora dagli anni '90 e che anche in quella circostanza aveva riconosciuto in lui la persona giusta al posto giusto.

Almeno fino al momento in cui sarebbe emerso che della sessantina di opere esposte – in gran parte di Modigliani – una ventina erano dei clamorosi falsi, e neppure ben fatti.

Il “Ritratto di Chaim Soutine”

Dalla vicenda ripercorsa da Falò affiora anche la figura di Pedro Pedrazzini, anch'egli imputato a processo. Noto artista di Minusio, Pedrazzini è proprietario di un dipinto, il “Ritratto di Chaim Soutine”, che pure era in catalogo e sulle pareti dell'appartamento del Doge a Palazzo Ducale. Il quadro vi era giunto dopo essere stato esposto, in anni precedenti, anche a Torino, Pisa, Parigi e Seul. Questo, malgrado già nel '99, in occasione di una mostra a Villa Malpensata di Lugano, il quadro venne rifiutato, poiché riconosciuto come falso, da uno fra i più grandi esperti del Modigliani al mondo: Marc Restellini, critico d'arte e fondatore della Pinacoteca di Parigi. A Restellini, 22 anni fa, il dipinto era stato proposto da Chiappini, curatore dell'esposizione, con cui all'epoca collaborava.

L'allarme dei critici

I dubbi sull'autenticità di alcuni dei Modigliani esposti a Genova nel 2017 erano affiorati già a febbraio e poi deflagrati ad aprile. Li aveva espressi Carlo Pepi, 80enne toscano, cacciatore di falsi d'arte e grande esperto del maestro ligure (ha tra l'altro fondato e diretto la Casa Natale Modigliani). Pepi aveva gridato allo scandalo e la sua voce si era fatta coro con gli interventi di alcuni fra i critici più prestigiosi in circolazione, fra i quali lo stesso Restellini, secondo cui i falsi erano «dei bidoni totali». Erano seguite le sdegnate reazioni degli organizzatori della mostra, ma anche diverse perizie. Il risultato: 19 opere sono sicuramente dei falsi e 2 i casi dubbi.

Il 13 giugno 2017 era giunto il blocco della mostra con il sequestro delle 21 tele incriminate da parte della Procura di Genova. Con Chiappini erano finiti indagati Massimo Vitta Zelman (presidente di MondoMostre Skira) e il collezionista d'arte newyorkese Joseph Guttmann, che per la mostra aveva messo a disposizione 11 tele, tutte quante finite sotto sequestro. I reati ipotizzati: truffa, falso in opera d'arte e ricettazione.

L'inchiesta di Gaggini si concentra in particolare sul “Ritratto di Chaim Soutine” e lo fa dando voce anche alla difesa, che per Chiappini è assunta dall'avvocato Mario Venco e per Pedrazzini dal perito Paolo Blendinger. Secondo quest'ultimo, i dubbi sul dipinto «non sono una certezza». Ma sono tuttavia tanto pesanti da aver spinto Pepi a dire che «Modigliani si rivolterebbe nella tomba: il falsario si è sforzato ad avvicinarsi, ma l'ha solo impattumato di vernice». Venco sostiene invece che le responsabilità riguardanti l'attribuzione di un'opera sono del proprietario, che al curatore di una mostra – in questo caso Chiappini – deve fornire tutta la documentazione disponibile. Bisognerebbe pertanto chiedere a Pedrazzini, ha aggiunto Venco, perché non ha dato conto a Chiappini di una perizia con cui Restellini, nel 2005, liquidava il ritratto come un falso. Un'affermazione netta, quella di Restellini, che era poi stata confermata dallo stesso critico poco prima della mostra di Genova, quando nuovamente era stato chiamato in causa da Pedrazzini per una verifica del dipinto, e con una seconda perizia di 50 pagine aveva ribadito la sua posizione, rincarando se possibile la dose.

Rimane la grande domanda: prima della mostra di Genova e al netto dei grandi dubbi che circolavano da anni, Chiappini era stato o no informato da Pedrazzini della nuova perizia Restellini? Una possibile risposta Falò l'ha rintracciata nel promemoria scritto dopo un incontro tenuto a Como, prima della mostra di Genova, fra Venco, Pedrazzini e il suo avvocato. Vi risulta che Pedrazzini avrebbe “subito” avvertito Chiappini delle risultanze della perizia. Ma quel “subito”, per l'avvocato Venco, significa in realtà «qualche mese dopo», quando la mostra era già in corso. Nel 2018, interrogato per rogatoria, Pedrazzini aveva in parte ritrattato, ma emergeva che al più tardi in aprile – quindi a mostra iniziata – Chiappini sapeva che il ritratto era un falso.

Il tentativo di vendita

Ci sono poi le dichiarazioni di Alessandro Pernecco, a complicare ulteriormente le cose per Chiappini: il mercante d'arte di Genova racconta di aver visitato la mostra il giorno dell'inaugurazione assieme a Chiappini, il quale osservando il “Ritratto di Chaim Soutine”, e tacendo i dubbi che aleggiavano attorno all'opera, lo aveva informato che era in vendita qualora ci fossero degli interessati. In pratica, ha notato Pernecco, Chiappini glie la stava offrendo. Infatti, secondo Pernecco, era poi stata aperta una trattativa sulla base di un prezzo presumibile variante fra i 2,5 e i 4 milioni di franchi, considerato allora dal mercante d'arte «un buon prezzo, per un Modigliani». Pedrazzini ha però sempre negato l'intenzione di vendere il suo quadro. Quanto al ruolo di Chiappini nel filone “Ritratto”, a Falò il suo avvocato ha ammesso che il suo assistito, come curatore, non aveva il diritto di fare delle mediazioni «in senso tradizionale» per la vendita, anche se è automatico che un collezionista interessato a un'opera si rivolga al curatore per entrare in contatto con il proprietario.

Non è tutto. Dall'inchiesta emerge un altro fatto interessante: nell'ottobre del 2016, pochi mesi prima dell'apertura della mostra di Genova, Chiappini aveva comunicato a Skira di non voler più figurare come curatore. Per Skira non era un tentativo di Chiappini di non compromettersi: l'allora direttore dei Servizi culturali di Locarno aveva addotto “problemi di carattere personale”. Comunque, ha rivelato Falò pubblicando uno scambio di e-mail fra Skira e Chiappini, per giustificare il passo indietro occorreva trovare “un escamotage formalmente corretto e difendibile”. Detto fatto: era stato creato un comitato direttivo in cui, con Chiappini, figuravano anche Stefano Zuffi (storico dell'arte e co-curatore) e Dominique Viéville. La retribuzione di Chiappini si sgonfiava così da 50mila euro più bonus (in base al numero di visitatori) a circa 10mila 500 euro. In realtà, Chiappini avrebbe continuato a fungere da curatore unico a compenso pieno, ma, secondo Skira, aveva chiesto che la differenza di onorario gli fosse riconosciuta l'anno successivo, legandola ad altri aspetti della mostra che non riguardassero la curatela. L'ipotesi è che lo abbia fatto per motivi fiscali.

Chiappini: “Il mio agire assolutamente corretto”

«Per quanto attiene la mostra di Genova, ribadisco la totale correttezza del mio operato e la scelta conservativa di esporre opere già più volte pubblicate e esposte in mostre internazionali». È quanto Rudy Chiappini ha dichiarato alla “Regione”, riguardo al suo operato per la mostra di Genova, dove, sottolinea, «sono state esposte solo opere con una precisa storia a livello di pubblicazioni ed esposizioni. Nessuna nuova attribuzione è stata fatta da parte mia».

L'ex direttore dei Servizi culturali di Locarno di più non aggiunge nel merito della vicenda per cui è sotto processo, ma critica «il modo sfacciato con cui la Rsi ha sposato le tesi dell'accusa». Questo poiché «le controparti sono al momento impossibilitate, per ovvi motivi di riservatezza, a rivelare tutte le proprie carte e i propri documenti, che verranno presentati soltanto nella sede opportuna: la partita non è quindi stata giocata ad armi pari. In ogni caso i dibattimenti avvengono nelle aule, dove esiste il contradditorio, e non in tv». È per altro vero, facciamo notare a Chiappini, che Falò ha correttamente dato spazio anche a più voci in difesa sua e di Pedrazzini.

Comunque, parlando della necessità di equità e neutralità, Chiappini rileva che «se si fa riferimento ad una perizia negativa su un’opera occorre, per dare un’informazione corretta, dar conto anche delle perizie positive e presentare anche l’importante storico dell’opera. Questo non è stato fatto. E se si mostrano documenti occorre presentarli nella loro integralità, e non soltanto attraverso uno stralcio, soprattutto se questo viene poi interpretato in modo assolutamente errato e fuorviante».

Pedrazzini: “Il solito scontro fra expertises”

Sulla stessa falsariga è la reazione di Pedro Pedrazzini. Al nostro giornale, dapprima con toni formali, l'artista premette che «dal servizio di Falò emergono diverse inesattezze, che verranno contestate dai miei legali in sede processuale». Poi però entra nel merito di un tema assolutamente centrale della vicenda: quello delle autentiche, ovverosia delle expertises effettuate sulle opere. «Non ci sono soltanto quelle di Restellini, cui viene attribuita una sorta di patente di infallibilità. Ce ne sono anche altre, altrettanto autorevoli, che dicono cose molto diverse. Il problema sta sempre in quali versioni si vogliamo prendere per buone. Spesso nell'arte si generano lotte fra esperti di diverse correnti, e per i non addetti è facile cadere nella confusione».

Pedrazzini parla del lavoro di tre esperti che si sono chinati sul “Ritratto di Chaim Soutine”; fra essi, «quello che è stato il maestro di Restellini, ovverosia Christian Parisot, un esperto di Modigliani di caratura internazionale come lo è Restellini. I due non vanno più d'accordo e quel che dice uno viene facilmente confutato dall'altro. Io mi ci sono purtroppo ritrovato in mezzo».

Lo scultore e pittore di Minusio garantisce che «non avrei mai messo in circolazione un quadro se avessi avuto dei dubbi sull'opera. Inoltre, non è assolutamente vero che lo volevo vendere. In qualche modo in questa storia sono stato trascinato – spero che chi ha guardato Falò lo abbia capito – e adesso voglio soltanto uscirne. Non ho mai imbrogliato nessuno in vita mia e non arrivo certo a 70 anni con l'intenzione di iniziare».

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
arte falsi genova modigliani mostra pedro pedrazzini processo rudy chiappini
Ti-Press
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved