Losanna
0
Young Boys
3
2. tempo
(0-2)
SC Kriens
0
Yverdon-sport Fc
1
2. tempo
(0-1)
Salernitana
1
Verona
2
1. tempo
(1-2)
Spezia
1
Juventus
1
1. tempo
(1-1)
JANVIER M. (FRA)
0
STRICKER D. (SUI)
0
1 set
(1-1)
chiappini-modi-e-il-balletto-dei-falsi-d-arte
Ti-Press
Rudy Chiappini
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
8 min

Finissage della mostra Calanca Biennale ad Arvigo

L’appuntamento è per domenica 26 settembre dalle 16 al B&B Ai Cav con caldarroste e musica
Ticino
13 min

Antenne 5G, né moratoria su nuove installazioni né accelerata

Il Gran Consiglio conferma lo status quo. Gaffuri (Plr): ‘Abbiamo studiato molta documentazione, la politica dei piccoli passi è la migliore da seguire’
Ticino
25 min

La filantropia strategica si dà appuntamento a Lugano

È il primo evento del genere per cercare di mettere in contatto chi raccoglie ed eroga fondi a scopo benefico
Grigioni
40 min

Film, degustazione e dibattito sulla caccia ad Augio

Appuntamento per sabato 9 ottobre dalle 17 al ristorante La cascata. Sarà proiettato il documentario di Mario Theus ‘Wild- Cacciatore & raccoglitore’
Luganese
1 ora

Lugano, fece perdere tanti soldi a un’amica: condannato

Dieci mesi di prigione sospesi per due anni a un 78enne ritenuto colpevole di truffa. In fumo 340’000 euro versati a una società nel frattempo fallita
Bellinzonese
1 ora

Quartiere Officine, è la Città ad aver chiesto i terreni

Insieme al Cantone ha sollecitato le Ffs affinché riconosca un diritto di prelazione per eventuali bisogni scolastici, o di ricerca, d’ordine terziario
Bellinzonese
1 ora

Case di vacanza, puntare sui rustici per soddisfare la domanda

Con un marchio distinto, una piattaforma rinnovata e un contributo finanziario l’Otr-Bat vuole incentivare la messa in affitto di questo tipo di abitazioni
Mendrisiotto
1 ora

Cambia la viabilità nel cuore di Chiasso

In vista del nuovo assetto viario, il 4 ottobre inizierà un importante cantiere legato alle sottostrutture nel comparto di via Livio
Luganese
1 ora

‘Non conoscevo bene i leasing’, condannato venditore di auto

A un cittadino svizzero sono invece stati inflitti 3 anni, di cui 6 mesi da scontare, per aver collaborato in una truffa di oltre 1 milione e mezzo di euro
Ticino
1 ora

Scuola, ‘i livelli creano più problemi che soluzioni’

Bertoli si esprime sulla proposta, posta oggi in consultazione, di sostituire in terza media i corsi A e B con laboratori a classi dimezzate
Ticino
2 ore

Permessi di soggiorno, una prassi più lasca

Il criterio del centro di interessi non è prevalente. Per il Tribunale federale conta la presenza continuativa dello straniero Ue sul territorio
Mendrisiotto
2 ore

Colonne di Tir sull’A2, il tema rimbalza a Berna

A sollevare la questione davanti al Consiglio federale è il deputato Ppd Marco Romano nel solco di due interrogazioni Plr a Chiasso e Mendrisio
Ticino
2 ore

Ricerca con l’Eoc su anticorpi anomali nei decessi per Covid-19

Lo studio chiarisce le cause che portano alcuni pazienti a presentare decorsi molto gravi o letali
Locarnese
2 ore

Brissago, ultimo tiro obbligatorio

Allo stand di Piodina sabato si spara dalle 14 alle 17. Organizzano i Tiratori delle Isole
Locarnese
3 ore

Dal Consiglio nazionale ‘ok’ al credito per il Cst Tenero

Tra i progetti della Confederazione a favore dello sport anche quello da 91,8 milioni per il Centro sportivo di nuoto nel Locarnese
Luganese
3 ore

Gran Consiglio: sì al nuovo Istituto Vanoni, con polemica

Accolti i 5,1 milioni di franchi a larga maggioranza, ma non senza una breve polemica sul coinvolgimento della Fondazione nella demolizione dell’ex Macello
Luganese
3 ore

Luce verde del Gran Consiglio alle passerelle ciclopedonali

Si tratta di due ‘ponti’, Spada e Sarone, che verranno realizzati nel tratto fra Lugaggia e Sonvico, nei Comuni di Capriasca e Lugano
Bellinzonese
3 ore

Sì agli 11 milioni per il Centro per richiedenti l’asilo a Camorino

Sarà costruito sopra il criticato ‘bunker’ che sarà ristrutturato e integrato nella nuova struttura la quale tuttavia non ospiterà più i cosiddetti Nem
Ticino
4 ore

Un ufficiale della Cecal a capo del Reparto giudiziario RG4

Il tenente Alessio Lo Cicero dirigerà il neocostituito settore della Polizia giudiziaria con il grado di capitano
Locarnese
5 ore

Festa del Quartiere Locarno-Campagna

Prevista venerdì la proposta conviviale dell’omonima Associazione cittadina, che mira ad avvicinare gli abitanti della zona
Bellinzonese
6 ore

Il Comune di Lumino ha incontrato i 18enni

All’appuntamento erano presenti la presidente del legislativo comunale e rappresentanti delle società locali, della Parrocchia e del Patriziato
Luganese
6 ore

Un’esposizione virtuale per la ‘digital transformation’

Presentata la prima edizione di Swiss Virtual Expo, un’iniziativa promossa da ated-Ict Ticino in collaborazione con il partner tecnologico Advepa
Bellinzonese
6 ore

Dongio, porte aperte del coro Voce del Brenno

L’appuntamento rivolto in particolare a chi vuole avvicinarsi al canto è previsto sabato 25 settembre dalle 16 nella sala multiuso
Ticino
6 ore

Superare il sistema scolastico ‘a livelli’, inizia la consultazione

Il Decs ha avviato la raccolta di proposte volte a modificare i curriculum della III media abbandonando la differenziazione fra corsi attitudinali e di base
Locarnese
7 ore

Caso ‘La Palma’, la difesa: ‘Omicidio colposo e rimessa in libertà’

Yasar Ravi e Luisa Polli ridimensionano le responsabilità del 32enne accusato della morte della 22enne all’albergo La Palma di Muralto
Bellinzonese
7 ore

Mercatino dell’artigianato e dell’antiquariato a Cadenazzo

L’evento si terrà sabato 25 settembre dalle 8.30 alle 17, con anche un angolo dedicato a un sondaggio sul dialetto ticinese
Ticino
7 ore

Il futuro del Ticino oltre la piazza finanziaria

La prima edizione Lugano Forum 2030 si interrogherà su come trovare alternative all’arretramento del settore bancario
Luganese
7 ore

La nuova Delegazione del Consorzio depurazione di Lugano

Durante la seduta costitutiva è stato riconfermato alla carica di presidente della Delegazione consortile Francesco Gandolla
Luganese
7 ore

Concerto della Filarmonica Medio Vedeggio a Lamone

L’appuntamento musicale si terrà in piazza degli Emigranti con inizio alle 20 venerdì 24 settembre
Luganese
7 ore

In un libro ‘La pandemia dei dati. Ecco il vaccino’

Il volume verrà presentato giovedì 23 settembre alle 18 alla Biblioteca cantonale di Lugano
Locarnese
 
30.01.2021 - 06:000

Chiappini, Modì e il balletto dei falsi d'arte

L'inchiesta di Falò sullo scandalo della grande mostra di Genova. La replica: “Esposte solo opere con una precisa storia a livello di pubblicazioni”

Accreditare come vere delle opere sul mercato d'arte internazionale, sapendo, o dovendo presumere, che sono dei falsi. L'obiettivo finale: commercializzarle, e se possibile monetizzare.

È la trama che emerge dall'inchiesta di Gianni Gaggini che Falò, sulla Rsi, ha mandato in onda giovedì sera. Protagonista principale è Rudy Chiappini, già direttore del Museo d'arte moderna di Lugano e dei Servizi culturali della Città di Locarno, ma oggi imputato (assente) al processo attualmente in corso a Genova per la grande mostra di Modigliani allestita nel marzo del 2017 a Palazzo Ducale di Genova. Chiappini vi figurava con il ruolo chiave di curatore prima e membro del comitato direttivo poi. Lo aveva chiamato MondoMostre Skira, colosso del mondo dell'arte che con Chiappini lavora dagli anni '90 e che anche in quella circostanza aveva riconosciuto in lui la persona giusta al posto giusto.

Almeno fino al momento in cui sarebbe emerso che della sessantina di opere esposte – in gran parte di Modigliani – una ventina erano dei clamorosi falsi, e neppure ben fatti.

Il “Ritratto di Chaim Soutine”

Dalla vicenda ripercorsa da Falò affiora anche la figura di Pedro Pedrazzini, anch'egli imputato a processo. Noto artista di Minusio, Pedrazzini è proprietario di un dipinto, il “Ritratto di Chaim Soutine”, che pure era in catalogo e sulle pareti dell'appartamento del Doge a Palazzo Ducale. Il quadro vi era giunto dopo essere stato esposto, in anni precedenti, anche a Torino, Pisa, Parigi e Seul. Questo, malgrado già nel '99, in occasione di una mostra a Villa Malpensata di Lugano, il quadro venne rifiutato, poiché riconosciuto come falso, da uno fra i più grandi esperti del Modigliani al mondo: Marc Restellini, critico d'arte e fondatore della Pinacoteca di Parigi. A Restellini, 22 anni fa, il dipinto era stato proposto da Chiappini, curatore dell'esposizione, con cui all'epoca collaborava.

L'allarme dei critici

I dubbi sull'autenticità di alcuni dei Modigliani esposti a Genova nel 2017 erano affiorati già a febbraio e poi deflagrati ad aprile. Li aveva espressi Carlo Pepi, 80enne toscano, cacciatore di falsi d'arte e grande esperto del maestro ligure (ha tra l'altro fondato e diretto la Casa Natale Modigliani). Pepi aveva gridato allo scandalo e la sua voce si era fatta coro con gli interventi di alcuni fra i critici più prestigiosi in circolazione, fra i quali lo stesso Restellini, secondo cui i falsi erano «dei bidoni totali». Erano seguite le sdegnate reazioni degli organizzatori della mostra, ma anche diverse perizie. Il risultato: 19 opere sono sicuramente dei falsi e 2 i casi dubbi.

Il 13 giugno 2017 era giunto il blocco della mostra con il sequestro delle 21 tele incriminate da parte della Procura di Genova. Con Chiappini erano finiti indagati Massimo Vitta Zelman (presidente di MondoMostre Skira) e il collezionista d'arte newyorkese Joseph Guttmann, che per la mostra aveva messo a disposizione 11 tele, tutte quante finite sotto sequestro. I reati ipotizzati: truffa, falso in opera d'arte e ricettazione.

L'inchiesta di Gaggini si concentra in particolare sul “Ritratto di Chaim Soutine” e lo fa dando voce anche alla difesa, che per Chiappini è assunta dall'avvocato Mario Venco e per Pedrazzini dal perito Paolo Blendinger. Secondo quest'ultimo, i dubbi sul dipinto «non sono una certezza». Ma sono tuttavia tanto pesanti da aver spinto Pepi a dire che «Modigliani si rivolterebbe nella tomba: il falsario si è sforzato ad avvicinarsi, ma l'ha solo impattumato di vernice». Venco sostiene invece che le responsabilità riguardanti l'attribuzione di un'opera sono del proprietario, che al curatore di una mostra – in questo caso Chiappini – deve fornire tutta la documentazione disponibile. Bisognerebbe pertanto chiedere a Pedrazzini, ha aggiunto Venco, perché non ha dato conto a Chiappini di una perizia con cui Restellini, nel 2005, liquidava il ritratto come un falso. Un'affermazione netta, quella di Restellini, che era poi stata confermata dallo stesso critico poco prima della mostra di Genova, quando nuovamente era stato chiamato in causa da Pedrazzini per una verifica del dipinto, e con una seconda perizia di 50 pagine aveva ribadito la sua posizione, rincarando se possibile la dose.

Rimane la grande domanda: prima della mostra di Genova e al netto dei grandi dubbi che circolavano da anni, Chiappini era stato o no informato da Pedrazzini della nuova perizia Restellini? Una possibile risposta Falò l'ha rintracciata nel promemoria scritto dopo un incontro tenuto a Como, prima della mostra di Genova, fra Venco, Pedrazzini e il suo avvocato. Vi risulta che Pedrazzini avrebbe “subito” avvertito Chiappini delle risultanze della perizia. Ma quel “subito”, per l'avvocato Venco, significa in realtà «qualche mese dopo», quando la mostra era già in corso. Nel 2018, interrogato per rogatoria, Pedrazzini aveva in parte ritrattato, ma emergeva che al più tardi in aprile – quindi a mostra iniziata – Chiappini sapeva che il ritratto era un falso.

Il tentativo di vendita

Ci sono poi le dichiarazioni di Alessandro Pernecco, a complicare ulteriormente le cose per Chiappini: il mercante d'arte di Genova racconta di aver visitato la mostra il giorno dell'inaugurazione assieme a Chiappini, il quale osservando il “Ritratto di Chaim Soutine”, e tacendo i dubbi che aleggiavano attorno all'opera, lo aveva informato che era in vendita qualora ci fossero degli interessati. In pratica, ha notato Pernecco, Chiappini glie la stava offrendo. Infatti, secondo Pernecco, era poi stata aperta una trattativa sulla base di un prezzo presumibile variante fra i 2,5 e i 4 milioni di franchi, considerato allora dal mercante d'arte «un buon prezzo, per un Modigliani». Pedrazzini ha però sempre negato l'intenzione di vendere il suo quadro. Quanto al ruolo di Chiappini nel filone “Ritratto”, a Falò il suo avvocato ha ammesso che il suo assistito, come curatore, non aveva il diritto di fare delle mediazioni «in senso tradizionale» per la vendita, anche se è automatico che un collezionista interessato a un'opera si rivolga al curatore per entrare in contatto con il proprietario.

Non è tutto. Dall'inchiesta emerge un altro fatto interessante: nell'ottobre del 2016, pochi mesi prima dell'apertura della mostra di Genova, Chiappini aveva comunicato a Skira di non voler più figurare come curatore. Per Skira non era un tentativo di Chiappini di non compromettersi: l'allora direttore dei Servizi culturali di Locarno aveva addotto “problemi di carattere personale”. Comunque, ha rivelato Falò pubblicando uno scambio di e-mail fra Skira e Chiappini, per giustificare il passo indietro occorreva trovare “un escamotage formalmente corretto e difendibile”. Detto fatto: era stato creato un comitato direttivo in cui, con Chiappini, figuravano anche Stefano Zuffi (storico dell'arte e co-curatore) e Dominique Viéville. La retribuzione di Chiappini si sgonfiava così da 50mila euro più bonus (in base al numero di visitatori) a circa 10mila 500 euro. In realtà, Chiappini avrebbe continuato a fungere da curatore unico a compenso pieno, ma, secondo Skira, aveva chiesto che la differenza di onorario gli fosse riconosciuta l'anno successivo, legandola ad altri aspetti della mostra che non riguardassero la curatela. L'ipotesi è che lo abbia fatto per motivi fiscali.

Chiappini: “Il mio agire assolutamente corretto”

«Per quanto attiene la mostra di Genova, ribadisco la totale correttezza del mio operato e la scelta conservativa di esporre opere già più volte pubblicate e esposte in mostre internazionali». È quanto Rudy Chiappini ha dichiarato alla “Regione”, riguardo al suo operato per la mostra di Genova, dove, sottolinea, «sono state esposte solo opere con una precisa storia a livello di pubblicazioni ed esposizioni. Nessuna nuova attribuzione è stata fatta da parte mia».

L'ex direttore dei Servizi culturali di Locarno di più non aggiunge nel merito della vicenda per cui è sotto processo, ma critica «il modo sfacciato con cui la Rsi ha sposato le tesi dell'accusa». Questo poiché «le controparti sono al momento impossibilitate, per ovvi motivi di riservatezza, a rivelare tutte le proprie carte e i propri documenti, che verranno presentati soltanto nella sede opportuna: la partita non è quindi stata giocata ad armi pari. In ogni caso i dibattimenti avvengono nelle aule, dove esiste il contradditorio, e non in tv». È per altro vero, facciamo notare a Chiappini, che Falò ha correttamente dato spazio anche a più voci in difesa sua e di Pedrazzini.

Comunque, parlando della necessità di equità e neutralità, Chiappini rileva che «se si fa riferimento ad una perizia negativa su un’opera occorre, per dare un’informazione corretta, dar conto anche delle perizie positive e presentare anche l’importante storico dell’opera. Questo non è stato fatto. E se si mostrano documenti occorre presentarli nella loro integralità, e non soltanto attraverso uno stralcio, soprattutto se questo viene poi interpretato in modo assolutamente errato e fuorviante».

Pedrazzini: “Il solito scontro fra expertises”

Sulla stessa falsariga è la reazione di Pedro Pedrazzini. Al nostro giornale, dapprima con toni formali, l'artista premette che «dal servizio di Falò emergono diverse inesattezze, che verranno contestate dai miei legali in sede processuale». Poi però entra nel merito di un tema assolutamente centrale della vicenda: quello delle autentiche, ovverosia delle expertises effettuate sulle opere. «Non ci sono soltanto quelle di Restellini, cui viene attribuita una sorta di patente di infallibilità. Ce ne sono anche altre, altrettanto autorevoli, che dicono cose molto diverse. Il problema sta sempre in quali versioni si vogliamo prendere per buone. Spesso nell'arte si generano lotte fra esperti di diverse correnti, e per i non addetti è facile cadere nella confusione».

Pedrazzini parla del lavoro di tre esperti che si sono chinati sul “Ritratto di Chaim Soutine”; fra essi, «quello che è stato il maestro di Restellini, ovverosia Christian Parisot, un esperto di Modigliani di caratura internazionale come lo è Restellini. I due non vanno più d'accordo e quel che dice uno viene facilmente confutato dall'altro. Io mi ci sono purtroppo ritrovato in mezzo».

Lo scultore e pittore di Minusio garantisce che «non avrei mai messo in circolazione un quadro se avessi avuto dei dubbi sull'opera. Inoltre, non è assolutamente vero che lo volevo vendere. In qualche modo in questa storia sono stato trascinato – spero che chi ha guardato Falò lo abbia capito – e adesso voglio soltanto uscirne. Non ho mai imbrogliato nessuno in vita mia e non arrivo certo a 70 anni con l'intenzione di iniziare».

 

Ti-Press
Guarda le 3 immagini
© Regiopress, All rights reserved