Zugo Academy
GCK Lions
19:00
 
gordola-referendum-al-burio-al-voto-il-7-marzo
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
12 min

Imposizione dei frontalieri, altro passo avanti per l’accordo

La Commissione economia e tributi del Nazionale ha detto sì con un solo voto contrario all’intesa con l’Italia. A dicembre il via libera degli Stati
Ticino
15 min

Gli allievi della Commercio presentano le loro mini imprese

La Fiera regionale Ticino avrà luogo il 18 e 19 febbraio al Mercato Resega di Canobbio
Mendrisiotto
37 min

All’Obv il progetto di ospedale di giorno diventa realtà

Dopo la nuova ala, l’Ente ospedaliero fa un passo avanti in vista delle altre ristrutturazioni e strutture. Pubblicata la domanda di costruzione
Locarnese
41 min

‘No ai nostri bimbi salvagente del mondo economico!’

Mascherine alle Elementari: sono già più di 600 le firme, partite da Locarno, della ‘contestazione collettiva’ che andrà al Consiglio di Stato
Locarnese
48 min

Locarno, chiusura momentanea di Via delle Vigne

Giovedì 27 gennaio all’altezza del numero civico 31 si procederà allo smontaggio di una gru da cantiere
Locarnese
58 min

Scuola Svizzera di Sci Bosco Gurin, uscite giornaliere

In febbraio tre date da agendare per i bambini desiderosi di divertirsi e imparare sulla neve. Iscrizioni aperte da subito
Locarnese
1 ora

Locarno, ‘ti lascio perché ho finito l’ossitocina’

Lo spettacolo di e con Giulia Pont sarà di scena sabato 29 gennaio alle 20.30 alla Cambusateatro
Mendrisiotto
1 ora

Tre Quartieri, altrettanti cantieri a Mendrisio

In vista opere di pavimentazione stradale a Capolago, Arzo e nel Borgo a partire dalla fine del mese
27.01.2021 - 14:590
Aggiornamento : 17:16

Gordola: referendum al Burio, al voto il 7 marzo

Popolazione alle urne per i crediti di ristrutturazione della scuola comunale nel giorno dello scrutinio federale

a cura de laRegione

La votazione popolare sul doppio referendum contro i due crediti legati alla ristrutturazione del centro scolastico comunale al Burio si terrà il 7 marzo prossimo, in occasione delle votazioni federali già in programma. Sono quindi stati accolti gli auspici del gruppo Lega-Udc e di Alternativa Gordola, che le due domande di referendum le avevano lanciate. Per questo motivo il gruppo Lega-Udc ringrazia l'amministrazione comunale, “che grazie allo sforzo profuso riesce a far risparmiare preziose risorse economiche al nostro Paese”. 

In una nota il gruppo Lega-Udc riferisce di un'analisi tecnica, realizzata da un ingegnere, “che bene spiega lo stato di degrado delle scuole al Burio, ovvero il fatto che le costruzioni in cemento armato degli anni 60-70 abbiano una durata di vita finita e non hanno nulla a che vedere con gli edifici antichi e storici che possono essere recuperati sempre, anche se con costi esosi”.

Scrive infatti il perito: “Considerando che le norme costruttive (ad esempio sismiche) hanno cominciato ad essere ‘serie’ dagli anni '80 in poi, è evidente che ci troviamo di fronte ad una struttura che se progettata oggi avrebbe delle sezioni non diciamo doppie di calcestruzzo, ma quantomeno nettamente più generose. Ma il problema non è solo nel sottodimensionamento strutturale: dagli anni 70 ad oggi i materiali (tra cui l’amianto) e le tecnologie impiegate per gli impianti hanno fatto passi da gigante, tanto che gli elementi impiantistici di un fabbricato con 50 anni e oltre di età appare oggi assolutamente inadeguato agli standard”.

Altro tema considerato cruciale, quello della dispersione termica: “Gli edifici di quegli anni sono costruiti senza badare minimamente all'aspetto energetico, e quindi sono dei veri e propri colabrodi termici: fanno ‘acqua’ da tutte le parti; se poi consideriamo che il complesso è tutt’altro che ‘compatto’, dove quasi metà del volume riscaldato sono scale e corridoi, capirete perché energeticamente questa struttura anche se ben coibentata (isolata) consumerà sempre fino a tre-quattro volte di più di una analoga, costruita con i requisiti minimi di legge attuali.”

Per Lega-Udc “il problema quindi è semplicemente capire quanto si possa ancora sfruttare questa scuola (10-15 anni ?), con una manutenzione adeguata e la sostituzione puntuale di parti tecniche, in modo da garantirne agibilità e un minimo di comfort, prima del suo inevitabile destino”. Bisogna infine “considerare i costi di risanamento, quelli di manutenzione, l’accessibilità e la fruibilità per gli allievi, i pochi spazi esterni verdi e i disagi enormi per bambini e docenti durante il risanamento (4-5 anni di lavori!)”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved