ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
3 ore

Affittacamere, nei Comuni la verifica è diventata una ‘gimcana’

La Città risponde ad Angelini Piva e cofirmatari sull’introduzione della nuova procedura per gli alloggi ad uso turistico messi sulle piattaforme online
Ticino
5 ore

‘L’uso dell’automobile privata per i frontalieri va agevolato’

A chiederlo è la Commissione dell’economia e tributi. La misura riguarda l’uso per lavoro: ‘Non si deve per forza dover usare quella aziendale’
Mendrisiotto
5 ore

Monte Generoso, si chiude un capitolo lungo 130 anni

Con la posa degli ultimi elementi delle rotaie e della cremagliera si è concluso oggi il risanamento del binario, risalente al 1890
Bellinzonese
5 ore

Bellinzona: chiesto un progetto sociale nell’ex vivaio comunale

Lorenza Röhrenbach, Ronald David e Giulia Petralli chiedono al Municipio se intende valutare di realizzare un orto comunale sul sedime in via San Biagio
gallery
Mendrisiotto
5 ore

Il Nebiopoli incontra i bambini delle Elementari di Chiasso

L’obiettivo è trasmettere il vero spirito del Carnevale e mostrarne l’organizzazione. Un modo, anche, per prevenire atti di violenza futuri
Luganese
5 ore

Sottopasso Genzana, luce verde unanime dalla Gestione

Firmato il rapporto per la realizzazione di un’opera che rappresenta un tassello del riordino di tutto il comparto della stazione
Luganese
6 ore

Caslano, ciclista colto da malore sulla cantonale: è grave

L’uomo, un 54enne svizzero domiciliato nel Luganese, si è accasciato a terra ed è stato soccorso dalla Croce Verde di Lugano. Traffico molto perturbato
Luganese
6 ore

Un ‘Incontro’ per la nuova casa anziani a Melano

La giuria ha premiato il progetto dell’architetto Lorenzo Orsi per la realizzazione della struttura geriatrica che sorgerà al posto del vecchio posteggio
12.01.2021 - 15:09
Aggiornamento: 16:52

Bosco Gurin, bravata con il gatto delle nevi

Rovinate le piste da sci con una scorribanda vandalica in piena notte. Forse già individuato il responsabile

bosco-gurin-bravata-con-il-gatto-delle-nevi
foto Facebook Bosco Gurin

Bravata notturna nel piccolo villaggio walser di Bosco Gurin. Qualcuno, senza averne le capacità, si è messo alla guida di un gatto delle nevi, che ieri sera era stato posteggiato nella zona di partenza dello skilift in paese. Risultato della scorribanda notturna: piste da sci deturpate, danni ad alberi e manufatti, ammaccature al mezzo. Per cercare di rintracciare il vandalo, i responsabili della stazione invernale hanno visionato i filmati delle videocamere, poste in alcuni luoghi chiave del comprensorio. Ed è già stata sporta denuncia contro ignoti.

La notizia è stata diffusa tramite il profilo Facebook ufficiale di Bosco Gurin. Ecco quanto viene riferito: ”Tra le 17 di ieri e le 8 di questa mattina un gatto delle nevi (Pistenbully modello 200) che era normalmente parcheggiato all’ex partenza dello skilift in paese (Casa Pindu), è stato preso ‘in affitto abusivo’ per un’avventura notturna. I vandali hanno pensato bene di salire (e scendere) fino a Rossboda, rovinando fra l'altro le piste e alzando molta terra, non avendo abbassato la fresa. Prova ne è che oltre a essere degli incoscienti, non erano in grado di mettersi alla guida del mezzo. Piste disastrate! Non solo: strada facendo hanno abbattuto alberi, piegato ringhiere e pali e ammaccato il mezzo. Le tracce lasciate dai cingoli parlano chiaro. La Polizia si trova già sul posto per i rilievi del caso. Stiamo passando al setaccio le varie webcam poste in punti strategici, in attesa di scoprire gli autori di questa triste e vergognosa bravata”.

La direzione degli impianti di risalita ha condannato fermamente questo tipo di comportamento.

Rifaremo le piste

“Non solo è una stagione molto complicata – si legge infine sul comunicato in Facebook –. Ora dobbiamo pure affrontare spiacevoli situazioni come queste e correre ai ripari. Fa solo male al cuore constatare tale incoscienza e leggerezza da parte di certe persone. Domani provvederemo a rifare tutte le piste danneggiate, a testa alta, come sempre... E sì, tutto ciò è a dir poco inquietante. Grazie a tutti sin d’ora per la solidarietà”.

Sarebbe già stato individuato il responsabile

Poche ore dopo, sullo stesso profilo Facebook, è stato pubblicato un aggiornamento: “Abbiamo individuato al 99,9 per cento la persona responsabile, grazie a segnalazioni ricevute. La Polizia sta facendo il suo lavoro, in attesa della confessione. Non solo il malcapitato ha provato l’ebbrezza del gatto, prima anche quella del quod (moto da neve). Il tutto sotto l’influsso di alcol e lasciando tracce. Possiamo solo dire che verosimilmente si tratta di una persona a noi molto nota e conosciuta, vicina agli impianti di risalita fino a una settimana fa (licenziata poi in tronco per gravi motivi). Non serve commentare ulteriormente. Ci sentiamo sollevati”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved