ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 ore

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
6 ore

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
7 ore

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
7 ore

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
8 ore

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
8 ore

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
8 ore

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
8 ore

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
9 ore

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
Luganese
9 ore

Radioastronomia, all’Usi la conferenza ‘Swiss Ska Days’

L’incontro avrà luogo il 3 e il 4 ottobre. Lo Ska è un progetto internazionale che ha l’obiettivo di costruire il più grande radiotelescopio al mondo
laR
 
13.01.2021 - 06:00

Scuole al Burio, riuscito il doppio referendum

Lega-Udc e Alternativa Gordola, che sono contro il risanamento, chiedono la chiamata al voto il 7 marzo, con le federali

scuole-al-burio-riuscito-il-doppio-referendum
Ti-Press
Le scuole elementari al Burio

È formalmente riuscita, la doppia domanda di referendum lanciata a Gordola dai gruppi Lega-Udc e Alternativa Gordola contro i crediti per il risanamento della scuole comunali al Burio. La popolazione sarà quindi chiamata ad esprimersi alle urne e lo farà riguardo i 3,8 milioni di franchi concessi dal Consiglio comunale per la prima tappa di risanamento della palestra (563 le firme raccolte contro le 482 necessarie) e i 195mila franchi per un ulteriore finanziamento dei costi di progettazione (542 firme).

Il risultato, come considera il presidente del gruppo Lega-Udc, Alessandro Gnesa, «è andato ben oltre le più rosee aspettative. Su questa base guardiamo con fiducia al voto popolare sulla scuola e ci chiediamo, vista l’urgenza e il degrado da sempre sbandierata dai sostenitori del risanamento, come mai si è tergiversato ancora nell’ufficializzare la riuscita del referendum».

Lega e Udc chiedono che «la data della votazione sia il prima possibile. Ottimale sarebbe in concomitanza con le votazioni federali del 7 marzo 2021. Questo con lo scopo di non perdere ulteriore tempo, a dimostrazione che Lega-Udc, contrariamente a quanto vogliono far credere Plr e Ppd, vuole contribuire in modo deciso a risolvere una situazione che è ormai diventata imbarazzante; altro che gioco dell’oca».

‘Risanare non accontenterebbe nessuno’

Dal numero di firme raccolto «è lampante che risanare il Burio crea molte, troppe perplessità e non farà contento nessuno». Ppd e Plr, secondo Gnesa, «hanno cercato di camuffare le loro diverse visioni sul risanamento per non far perdere la faccia a nessuno, ma se in 12 anni non hanno nemmeno trovato un’intesa per risanare la piscina, possiamo credere che riescano a risanare la scuola per la modica cifra di 20 milioni, e il tutto in soli 3 o 4 anni? Mettere un cappotto da 20 milioni di franchi senza risolvere il problema dell’accessibilità, dei posteggi, degli spazi esterni e dei costi di gestione altissimi che una scuola come il Burio genera a livello di manutenzione (pensiamo solo alla pulizia delle innumerevoli scale e corridoi come pure alla manutenzione delle infinite aiuole) ha un senso?». E ancora: «La logistica del cantiere, la presenza molto probabile di amianto, il rumore, gli inevitabili imprevisti e i conseguenti ritardi quali conseguenze avranno sull’insegnamento e i costi?».

L'accusa, nota Gnesa, è che «l'alternativa al risanamento è un foglio bianco ancora completamente da scrivere. Certo, ciò però permetterà di partire da un nuovo concetto, che vede al centro una struttura a misura di bambino, realizzata secondo i nuovi standard, con preventivi senza sorprese ed economicamente sostenibile sul lungo termine».

 

Nel dettaglio tecnico di una nuova costruzione, «una Scuola elementare per Gordola con 2 sezioni per la scuola dell’infanzia, mensa, palestra eccetera richiede circa 5'500 metri quadrati di superficie complessiva, che se messa su due piani corrispondono a circa 2'750 metri quadrati per piano e 3'500 di spazio verde. Il nuovo quartiere Santa Maria prevede una superficie di edificato (Sul) di circa 50mila metri quadrati e 15mila metri quadrati di spazio verde pubblico. Non potrebbe essere un affare anche per i futuri promotori immobiliari, una collaborazione con il Comune considerando lo sfitto che gira oggigiorno e il plusvalore che avrebbe sull’intero quartiere?». Questa, conclude il gruppo Lega-Udc, «è una delle tante riflessioni da considerare, ma per questo occorre ammettere di aver toppato e che oggi, gennaio 2021, il risanamento del Burio non è più sostenibile».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved